Claudio Tamburrino

La Francia ha un piano per sorvegliare il mondo

Una nuova proposta di legge attualmente in discussione all'Assemblée Nationale mira ad estendere i poteri di tecnocontrollo delle autorità francesi sui cittadini stranieri

La Francia ha un piano per sorvegliare il mondoRoma - La Francia sta discutendo un progetto di legge che punta ad introdurre sistemi di sorveglianza di massa destinati a monitorare le comunicazioni elettroniche internazionali: la nuova misura è stata approvata in Commissione Difesa dell'Assemblée national a metà settembre ed adesso attende il suo passaggio in Parlamento.

Già a luglio, in realtà, le autorità francesi erano riuscite ad estendere i propri poteri di sorveglianza: è ora entrata in vigore la proposta articolata su tre projet de loi relatif au renseignement che, sull'onda della paura e dell'indignazione scatenata dalla strage nella redazione del giornale satirico Charlie Hedbo, introduceva la possibilità da parte delle autorità di effettuare operazioni di sorveglianza di massa e gli conferiva nuovi poteri nella lotta al terrorismo. Aveva passato il vaglio di costituzionalità, anche se le polemiche non si sono esaurite, e i ricorsi si moltiplicano tuttora.
Tuttavia proprio in quella sede il Consiglio di Stato aveva bloccato la parte della legge relativa alla sorveglianza internazionale, individuandone fattispecie contrarie alla legge fondamentale della Francia.

Come già gli Stati Uniti, che più che l'incompetenza giurisdizionale fuori dai loro confini trovano nell'azione all'estero il conforto di non aver a che fare con i diritti costituzionali inviolabili dei propri cittadini, dunque, le autorità francesi vorrebbero far valere ancora una volta la giustificazione delle indagini e delle minacce internazionali per estendere i propri poteri di vigilanza. Un'impostazione che per motivi diversi, ma obiettivi simili è sostenuta a Parigi anche riguardo al cosiddetto diritto all'oblio, al momento limitato ai confini europei e di conseguenza alle declinazioni locali di Google.
Come già per il progetto di legge di Patriot Act alla francese, contro l'estensione dei poteri dell'anti-terrorismo all'estero si stanno levando le proteste e le contestazioni di diverse istituzioni come l'Autorità garante per la privacy e diversi osservatori, tra cui La Quadrature Du Net che alla legge contesta la tempistica, in quanto scritta immediatamente dopo la bocciatura costituzionale e quindi d'istinto, nonché i modi: come nella precedente impostazione nel nuovo disegno di legge sono ampi e generici i poteri concessi alle autorità, soprattutto perché si parla di sistemi di sorveglianza di massa, oltretutto con autorizzazioni territoriali (intere regioni o Paesi), legati non solo alla lotta al terrorismo, ma anche alla tutela "degli interessi essenziali della politica internazionale" ed agli "interessi essenziali economici e scientifici della Francia". Insomma, la proposta di legge sembra aprire ufficialmente allo spionaggio industriale internazionale minacciando sia le relazioni con gli altri Stati che le organizzazioni internazionali.

Come nel caso degli Stati Uniti, poi, il fatto che le intercettazioni avvengano all'estero - soprattutto da momento che si tratta di sistemi di sorveglianza di massa - non significa che non vi siano tra gli intercettati anche cittadini francesi, che sarebbero in via costituzionale protetti da ingerenze indebite da parte delle autorità.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàFrancia, il tecnocontrollo è costituzionaleNuovo e definitivo via libera per il pacchetto di leggi anti-terrorismo portate avanti dopo i fatti di Charlie Hebdo. Superato il vaglio di costituzionalità, l'ONU si interroga sulla loro proporzionalità
  • AttualitàFrancia, anche i Senatori per il tecnocontrolloNuovo sì per le nuove leggi anti-terrorismo che fanno parlare di nuovo Patriot Act alla francese. Ora si attende il pronunciamento del Consiglio di Stato, che ne valuterà la compatibilità con la Costituzione
  • AttualitàFrancia: anno nuovo, nuova sorveglianzaCon la legge di programmazione militare sono stati estesi i poteri di ingerenza nelle conversazioni private da parte delle autorità. I dati dei cittadini saranno accessibili e conservati in barba alle disposizioni europee in materia di data retention
7 Commenti alla Notizia La Francia ha un piano per sorvegliare il mondo
Ordina
  • come la polizia quando entrò nel negozio di parigi co, terrorista con le armi spianate dentro: aprendo pian piano la serranda con le chiavi del negozio.
    non+autenticato
  • i nostri amati americani continuano a insegnare al mondo quel che si deve fare, e che noi apprendiamo con piacere...

    Prima hanno improntato l'operato di RIAA e MPAA alle migliori pratiche della Stasi... e l'europa (e oltre) ha introitato con piacere questa lezione
    Poi con i pruriti del pedoporno scandagliano le email di tutti (ncmec,photodna) e ci e' piaciuto anche a noi
    Infine l'NSA si e' messa a giocare con la semantica e spiare tutti esclusi gli americani (che poi verranno fatti spiare lo stesso dal GHCQ o dagli inevitabili effetti collaterali) e' diventato fatto buono e positivo.... e anche questo ci sta piacendo parecchio...

    Siamo sempre in ritardo. Fortuna che ci sono i merigani che ci insegnanoSorride
    non+autenticato
  • se lo fanno gli USA, perche' non dovrebbero poterlo fare Francia, Libia Corea del nord, Inghilterra, Citta' Del Vaticano, Togo, Olanda e cosi' via? non e' che "l'asse del Male" e' composto solo dai cattivi, ma da tutti coloro che rompono le scatole a prossimo.
    non+autenticato
  • ma se a "mssiè le presidant" hanno messo le bombe in casa senza che ne sapesse niente ovviamente non ha nemmeno lontanamente idea come pensa di controllare il mondo...
    non+autenticato
  • Charlie Hedbo se la sono cercata più di una volta, cosa del tutto prevedibile tranne che per i politici che vivono nel loro bel mondo fatato.

    Smettiamola di dire scemenze che questo genere di cose si fanno per il bene del Paese, per tutelare il proprio popolo,ecc son solo falsità messe li affichè gli stessi popoli accettino di vivere come topi in gabbia.

    Inoltre più nazioni adotteranno questo stupido principio che non serve assolutamente a nulla più e facile che entrerai in conflitto con altri stati e in alcuni casi anche in guerra.

    La realtà è che l'occidente dovrebbe farsi più gli affari suoi con le sue manine e non intromettersi in cose che non lo riguardano, quando lo fa la situazione peggiora sempre.

    Del terrorismo devo dire che hanno trovato una modo intelligente per farlo, può essere chiunque ,in qualunque momento , non potrai mai combattere un nemico così...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Etype
    > Charlie Hedbo se la sono cercata più di una
    > volta, cosa del tutto prevedibile tranne che per
    > i politici che vivono nel loro bel mondo
    > fatato.

    Gente conosciuta e sospettata dalle forze dell'ordine di mezza Europa , si è procurata senza problemi armi e munizioni in un paese europeo dove l'acquisto ed il possesso sono fortemente controllati.

    Evidentemente le hanno scaricate da internet queste armi Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    O magari le vende direttamente Amazon.com Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere

    Nel mentre le forze dell'ordine se ne stavano in ufficio con la ciambella in bocca davanti al PC. Sì, a spiare mogli ed amanti, come fanno tutti coloro che hanno il potere dello spionaggio.
    non+autenticato