Gaia Bottà

WhatsApp isola Telegram

L'app di messaggistica tratta i link alla piattaforma concorrente come fossero pericolosi: impossibile selezionarli o copiarli. Facebook, per il momento, non commenta

Roma - Il testo è visibile nelle conversazioni fra gli utenti di WhatsApp, ma non viene trattato come se fosse un link: l'applicazione di messaggistica di Facebook gestisce gli URL che puntano ai domini dell'applicazione rivale come se fossero spam.



A rilevare per primi l'anomalia, sono alcuni utenti su Reddit: la condivisione di URL afferenti a diversi TLD per "telegram" risulta in una stringa non linkata, impossibile da copiare, così da scoraggiare l'interazione, come se si trattasse di un URL non sicuro. WhatsApp filtra i domini Telegram.me e Telegram.org, punto di riferimento dall'app di messaggistica, ma anche Telegram.com, sito di informazione locale del Massachusetts.

I responsabili di Telegram, consultati da The Verge, si sono detti informati del problema: i filtri sembrano essere stati implementati con un aggiornamento non notificato alla versione 2.12.367 per dispositivi Android, che deve ancora raggiungere tutti gli utenti, e al momento non risultano attivi per la versione iOS e desktop dell'app. "Di solito, dopo la sollevazione dei media, FB fa marcia indietro e incolpa il proprio sistema di filtri intelligenti - ha commentato un portavoce dell'app bloccata - Ci aspettiamo che succeda anche questa volta".
Non è per ora dato sapere se i mancati link a Telegram siano frutto di una scelta o siano da attribuire ad un bug. Certo Facebook ha spesso mostrato una certa discrezionalità nel selezionare quali contenuti esterni siano condivisibili e linkabili: è recente il caso del blocco degli URL del social network Tsu, il cui sistema di spartizione dei guadagni sulla base della popolarità è ritenuto da Facebook un incentivo allo spam, mentre risale al 2010 il controverso blocco di social network parodistici e di URL che puntavano a The Pirate Bay.

Gaia Bottà
Notizie collegate
  • AttualitàFacebook, Tsu non c'è piùBloccati i link sia sul social network in blu che su Instagram: a non piacere a Menlo Park, il sistema di condivisione dei guadagni abbracciato dal concorrente
  • AttualitàFacebook, oscurati gli emuli e i piratiLamebook come The Pirate Bay, per qualche ora, sul social network non esistono. Poi sparisce il blocco (per il primo, non per il secondo), ma restano le polemiche
  • AttualitàMicrosoft e la Baia del malwareSpiegato il blocco dei link al nuovo indirizzo web di The Pirate Bay. Il client di messaggistica Live Messenger avrebbe riscontrato la presenza di elementi virali nel dominio .se dell'ex-tracker. Nessuna campagna anti-pirateria
  • SicurezzaMessenger, in nome della sicurezzaCome anticipato, Punto Informatico ha approfondito assieme a Microsoft Italia la questione delle URL bloccate da Windows Live Messenger. Il punto chiave per il big di Redmond è la certezza dei processi, ergo la tutela degli utenti
17 Commenti alla Notizia WhatsApp isola Telegram
Ordina