Alfonso Maruccia

GPU NVIDIA, un bug pruriginoso

Uno smanettone identifica un bug potenzialmente pericoloso per la privacy dell'utente e avverte sia NVIDIA che Google del fatto che le navigazioni in incognito su Chrome non risultino tali. Dopo due anni il problema Ŕ ancora lý

Roma - Due anni fa Evan Andersen ha individuato un bug nei driver di Windows per le GPU NVIDIA, un problema potenzialmente "serio" per la riservatezza degli utenti ma che le aziende coinvolte non sembrano considerare tanto importante da rilasciare una patch risolutiva.

Lo smanettone canadese si è accorto dell'esistenza della falla al momento del lancio di Diablo III, e dal fatto che prima di accedere al gioco vero e proprio sul suo schermo venivano riproposti i contenuti di un video pornografico precedentemente visualizzato su Google Chrome.

Andersen aveva visitato YouPorn in modalità "incognito", quindi la sessione di navigazione non avrebbe teoricamente dovuto lasciare alcuna traccia. Invece, stando a quanto ha scoperto in seguito, i driver NVIDIA non eliminano il contenuto del frame buffer (cioè la memoria della scheda video) e quest'ultimo può essere letto da un'applicazione lanciata in seguito.
I potenziali rischi per la privacy dell'utente (al di là del video a luci rosse che lo ha spinto a indagare) sono evidenti ad Andersen, molto meno prioritaria è invece la gravità del problema per NVIDIA e Google: entrambe le società conoscono la falla sin dal 2014, ma a tutt'oggi il baco non è stato ancora corretto.
Google dice di non voler chiudere la falla perché la modalità incognito di Chrome non sarebbe pensata per difendere la privacy dell'utente da un potenziale accesso esterno sullo stesso computer, mentre la casa delle GeForce non ha mai risposto alle richieste di Andersen.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • TecnologiaFirefox 42, utenti meno tracciatiMozilla ha annunciato la disponibilitÓ di una nuova versione del suo browser open source, con novitÓ soprattutto sul fronte della privacy durante la navigazione anonima, adblocker compreso. Anche gli sviluppatori avranno di che divertirsi
  • TecnologiaMozilla e la navigazione che non tracciaLa beta di Firefox 42 completa la funzione della navigazione anonima con una funzione anti-tracciamento che impedisce il caricamento di componenti che vogliono sapere troppo. Chrome su mobile, invece, Ŕ meno Incognito del previsto
4 Commenti alla Notizia GPU NVIDIA, un bug pruriginoso
Ordina