Alfonso Maruccia

UK, guerra di parole sulla sorveglianza

I colossi tecnologici statunitensi lanciano un allarme corale sui rischi connessi alla nuova proposta di legge sul tecnocontrollo britannica. Una legge obsoleta in pochi anni, dice la difesa, mentre i cittadini non si fidano degli ISP

Roma - Dopo la levata di scudi di Apple nei confronti della proposta di legge britannica nota come Investigatory Powers Bill (IPB), ora tocca a una coalizione di pesi massimi del settore tecnologico fornire le motivazioni per cui il nuovo tecnocontrollo in salsa UK sia un'idea a dir poco disastrosa.

Il parere scritto fatto pervenire alle autorità inglesi è firmato da Facebook, Google, Microsoft, Twitter e Yahoo!, ed è perfettamente in linea con l'allarme lanciato in precedenza da Apple: una proposta come Investigatory Powers Bill attenta alla privacy e alla sicurezza dei cittadini, e inviterà altri paesi a istituire sistemi analoghi mettendo a rischio l'industria tecnologia nel suo complesso.

Le parole del testo sono vaghe e potrebbero costringere i colossi di rete a ridurre l'efficacia delle protezioni crittografiche per i dati degli utenti, visto che la proposta di legge mette per iscritto l'obbligo, per i fornitori di servizi di comunicazione, di collaborare per rendere disponibili i dati "in chiaro" nel caso in cui le autorità o le forze dell'ordine lo richiedessero.
L'industria hi-tech americana - che di fatto detiene il controllo della maggioranza del mercato mondiale delle comunicazioni - si è schierata in blocco contro la proposta britannica, ma anche dalle aziende impegnate nel settore della difesa fanno sapere di non apprezzare la legge: le nuove norme verranno rese obsolete dal progresso tecnologico in cinque anni, dicono.

Qual è il parere dei cittadini britannici sull'aumento dei poteri di tecnocontrollo da parte delle autorità? Secondo uno studio di Broadband Genie, il 63 per cento della popolazione sarebbe favorevole alla proposta ma una percentuale altrettanto maggioritaria (67 per cento) non si fida dei provider per l'archiviazione a lungo termine dei dati di rete.

In attesa di ulteriori opinioni e della votazione finale sulle nuove norme, dai membri della Camera dei Lord britannica arriva un autentico rimbrotto a Google, Facebook e compagnia, e agli allarmi che hanno lanciato: le aziende di rete statunitensi vorrebbero avere a disposizione un mercato in cui le forze dell'ordine non possono arrivare, ha scritto il Lord Jeff Rooker sul Guardian, e una simile richiesta non va accolta.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • AttualitàUK, il tecnocontrollo scontenta tuttiLe autorità britanniche raccolgono i pareri delle parti interessate sulle nuove norme in materia di data retention e cyber-sicurezza. E si tratta di pareri negativi nella totalità dei casi. Comincia Apple, che prospetta la morte della privacy
  • Diritto & InternetUK, il futuro del tecnocontrolloLe aziende dovranno collaborare a decifrare i contenuti a cui le autorità chiederanno accesso, gli operatori dovranno conservare cronologie delle attività online degli utenti, mentre si consolidano le basi legali delle attività dell'intelligence. Lo prevede l'Investigatory Powers Bill
  • Diritto & InternetUK: la data retention è illegaleLe legge d'emergenza che riconfermava la necessità di conservare i dati delle comunicazioni dei cittadini è da riscrivere: la Direttiva UE su cui si poggia non esiste più
16 Commenti alla Notizia UK, guerra di parole sulla sorveglianza
Ordina
  • I cittadini britannici hanno senza dubbio il governo che meritano.
    E' assolutamente demenziale essere d'accordo con una legge che restringe la propria libertà in maniera così vistosa.
    Orwell in effetti non è vissuto molto nel suo Paese, e si vede.
    non+autenticato
  • ... possono essere costretti a forzare l'aggiornamento del client con uno dotato di modalità spiona (sempre che non siano già tutti così)

    A differenza del caso della crittografia end-to-end, non possono dire di non essere in grado di farlo.

    Quindi il problema si sposta e la nuova domanda è: la modalità spiona andrà installata caso per caso, o sarà presente di fabbrica e dovrà solo essere abilitata da remoto?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pianetta Frottole
    > ... possono essere costretti a forzare
    > l'aggiornamento del client con uno dotato di
    > modalità spiona (sempre che non siano già tutti
    > così)
    >
    > A differenza del caso della crittografia
    > end-to-end, non possono dire di non essere in
    > grado di farlo.
    >
    > Quindi il problema si sposta e la nuova domanda
    > è: la modalità spiona andrà installata caso per
    > caso, o sarà presente di fabbrica e dovrà solo
    > essere abilitata da remoto?

    Usare sempre cose open serve a sapere quello !
    non+autenticato
  • - Scritto da: Passante

    > Usare sempre cose open serve a sapere quello !


    I driver grafici e di altre periferiche non sono quasi mai open.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pianeta Plop
    > - Scritto da: Passante

    > > Usare sempre cose open serve a sapere quello !

    > I driver grafici e di altre periferiche non sono
    > quasi mai open.

    E usi solo qui pochi open, non compri prodotti finchè non li aprono.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Passante

    > E usi solo qui pochi open, non compri prodotti
    > finchè non li
    > aprono.

    sisi certo...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pianeta Vivo In Una Grotta
    > - Scritto da: Passante
    >
    > > E usi solo qui pochi open, non compri
    > > prodotti finchè non li aprono.

    > sisi certo...

    Eccone un'un'altro che si è comprato 600E di sk video per andare su facciabucoA bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: Un altro

    > Eccone un'un'altro che si è comprato 600E di sk
    > video per andare su facciabuco
    >A bocca aperta


    eccone uno che cerca di screditare l'interlocutore (sbagliando clamorosamente mira, peraltro, un altro Nostradamus fallito) ma non sa che basta un firmware di un HD (li controlli tutti i firmware, vero? Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere ) per prendere possesso anche della macchina Linux meglio configurata.


    Le frottolette che "basta usare tutto open" valle a raccontare a qualche credulone che non conosce le cose.
    Non esiste un device utilizzabile almeno per il 90% delle cose e che sia completamente open, firmware compresi, e lo sa BENISSIMO chi nell'open ci lavora e ci crede.
    Solo qualche astroturfer asserisce il contrario (fischiano le orecchie?) e con questa chiudo: continua pure da solo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pianeta Annoiato
    > - Scritto da: Un altro


    > Le frottolette che "basta usare tutto open" valle
    > a raccontare a qualche credulone che non conosce
    > le cose.
    > Non esiste un device utilizzabile almeno per il
    > 90% delle cose e che sia completamente open,
    > firmware compresi, e lo sa BENISSIMO chi
    > nell'open ci lavora e ci crede.

    Esatto: ma l'open consente a chi lo sa fare di farsi il device per fare il 90% delle cose che deve fare, il tuo errore è pensare che debbano esserci device generici che facciano tutto e che vadano bene per tutti.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pianeta Annoiato
    > - Scritto da: Un altro
    >
    > > Eccone un'un'altro che si è comprato 600E di
    > sk
    > > video per andare su facciabuco
    > >A bocca aperta
    >
    >
    > eccone uno che cerca di screditare
    > l'interlocutore (sbagliando clamorosamente mira,
    > peraltro, un altro Nostradamus fallito) ma non
    > sa che basta un firmware di un HD (li controlli
    > tutti i firmware, vero? Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere )
    > per prendere possesso anche della macchina Linux
    > meglio
    > configurata.
    >
    >
    > Le frottolette che "basta usare tutto open" valle
    > a raccontare a qualche credulone che non conosce
    > le
    > cose.
    > Non esiste un device utilizzabile almeno per il
    > 90% delle cose e che sia completamente open,
    > firmware compresi, e lo sa BENISSIMO chi
    > nell'open ci lavora e ci
    > crede.
    > Solo qualche astroturfer asserisce il contrario
    > (fischiano le orecchie?) e con questa chiudo:
    > continua pure da
    > solo.

    che ne dici di una distro live che parte su un PC senza disco fisso?
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...

    > che ne dici di una distro live che parte su un PC
    > senza disco
    > fisso?

    Sì è una situazione di partenza buona, rimangono:
    -UEFI (se supportato dalla MB): ad oggi non esiste un UEFI open source funzionante. E UEFI è uno strato potenzialmente molto spione (che tra l'altro può riconoscere la scheda di rete per i fatti suoi, indipendentemente dall'OS, oltre a fare scherzetti all'OS facendogli credere che c'è una periferica quando invece non c'è - ovviamente può emularla e loggare tutto ciò che scambia con l'os).
    -Scheda di rete e driver: i driver se usi una distro veramente open, sono già quelli buoni (ma magari non ci sono proprio...).
    L'hardware/firmware della scheda di rete se non è open e si vuole essere sicuri, deve passare da router (open sia HW che SW) che prima di tutto natti (per evitare connessioni da remoto), e poi filtri e logghi ogni pacchetto anomalo (per evitare 'chiamate a casa').
    -Scheda video e discorso complicato... di fatto può fare quello che gli pare con i dati che l'OS passa nella sua memoria... ma il punto è come può salvarseli e/o spedirli (non è facile)

    Come detto, non è impossibile avere praticamente tutto open, ma quello che impossibile è avere un PC/device come lo conosciamo oggi (ovvero multifunzione, comodo da usare, immediato) completamente open.


    Poi vabbè ci sono gli astroturfer da quattro soldi che appena gli tocchi il giocattolino cominciano ad accusarti alla cieca di usare Facebook e di aver comprato schede 3d da 600 euro: questi ultimi fanno più danni che altro alla causa open.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pianetta Frottole
    > ... possono essere costretti a forzare
    > l'aggiornamento del client con uno dotato di
    > modalità spiona (sempre che non siano già tutti
    > così)
    >
    > A differenza del caso della crittografia
    > end-to-end, non possono dire di non essere in
    > grado di
    > farlo.
    >
    > Quindi il problema si sposta e la nuova domanda
    > è: la modalità spiona andrà installata caso per
    > caso, o sarà presente di fabbrica e dovrà solo
    > essere abilitata da
    > remoto?

    Yes cumpàre. Ma non gli bastano i telefoni moderni? Tanto per ricordare, una tipica app(escluso il telefono stesso) chiede: accesso alla camera, di cui scatta foto a insaputa dell' utente.

    Pieno accesso alla rubrica e contatti.
    Pieno accesso alla sd-card.
    Pieno accesso messaggi e-mail e testo.
    Pieno accesso a tutte le telefonate, ric-inv, alle chat, testuali e video.
    Pieno accesso alla cronologia, siti visitati, download, preferiti e cache.
    Pieno accesso all'uso della batteria, tempo accensione, tempo uso fatto dal telefono.
    Devo continuare?

    Quindi mi chiedo perhè i governi non regalano uno smartphones di ultimo modello ad ogni cittadino? e tutto a loro vantagio!
    Altro che indebolire il cip & ciop!

    Io sono il fuddaro io fuddo ;^()
    non+autenticato
  • quando chiedono accesso alle comunicazioni gli viene negato dagli USA ...
    non+autenticato