Alfonso Maruccia

Crittografia, una sicurezza per tutti

Una coalizione mondiale di attivisti scrive ai governi per chiedere il rispetto del diritto alle comunicazioni sicure, e la salvaguardia di una tecnologia fondamentale senza l'implementazione di backdoor di sorta

Roma - Quasi duecento organizzazioni, attivisti, esperti e luminari della crittografia da 40 diversi paesi del mondo hanno firmato una lettera aperta indirizzata ai governi del mondo, una missiva digitale in cui si incoraggiano politici e politicanti a non manomettere le tecnologie crittografiche con backdoor o leggi in grado di comprometterne l'utilizzo.

La lettera, citando il parere delle Nazioni Unite e un recente rapporto stilato dai più autorevoli esperti di cifratura, invoca "sicurezza per tutti", facendo espressamente appello alla protezione dei cittadini, delle economie e delle stesse autorità governative che dallo sviluppo e dalla preservazione delle comunicazioni sicure può scaturire.

I tool e le tecnologie crittografiche sono infatti "essenziali" per la difesa dell'infrastruttura digitale e le comunicazioni personali, dice la lettera, visto che l'assenza di cifratura - o la manomissione degli algoritmi - facilita l'abuso, le frodi e più in generale le azioni di criminali e altri soggetti malevoli.
Al bando le limitazioni all'uso della cifratura e le backdoor, la collaborazione forzata o la fornitura "a comando" delle chiavi crittografiche usate dagli utenti di Internet, da una parte all'altra del mondo (Australia, Brasile, Mongolia, Myanmar, Turchia, Zimbabwe) 195 diversi "attori" hanno provato a unire le loro voci contro le iniziative di legge pensate per minare l'efficacia delle comunicazioni cifrate.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • AttualitàBlackBerry e cifratura, sorprese olandesiLe autoritÓ del Paesi Bassi avrebbero la capacitÓ di recuperare e decriptare i messaggi scambiati su dispositivi BlackBerry, mentre dal governo arriva la rassicurazione sulla volontÓ di supportare la crittografia e mettere al bando le backdoor
  • AttualitàUK, guerra di parole sulla sorveglianzaI colossi tecnologici statunitensi lanciano un allarme corale sui rischi connessi alla nuova proposta di legge sul tecnocontrollo britannica. Una legge obsoleta in pochi anni, dice la difesa, mentre i cittadini non si fidano degli ISP
  • AttualitàScreenOS, Juniper rimuove le backdoor di NSALa societÓ americana dice di aver completato l'indagine interna sul codice dei suoi sistemi di rete. Nessuna nuova backdoor, mentre gli algoritmi crittografici vulnerabili verranno eliminati nei prossimi mesi
8 Commenti alla Notizia Crittografia, una sicurezza per tutti
Ordina
  • Chi gli dice che se indeboliscono la crittografia devono anche indebolire i DRM che tanto amano? A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: Andreabont
    > Chi gli dice che se indeboliscono la crittografia
    > devono anche indebolire i DRM che tanto amano?
    > A bocca aperta

    E non glie lo diciamo, tanto noi continueremo ad usare la steanografia.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Andreabont
    > Chi gli dice che se indeboliscono la crittografia
    > devono anche indebolire i DRM che tanto amano?


    non devono indebolire nulla: i DRM sono basati su chiave.
    Quindi all'uopo forniranno la chiave del contenuto che l'inquirente vuole visionare.
    non+autenticato
  • - Scritto da: .....
    > - Scritto da: Andreabont
    > > Chi gli dice che se indeboliscono la
    > crittografia
    > > devono anche indebolire i DRM che tanto
    > amano?
    >
    > non devono indebolire nulla: i DRM sono basati su
    > chiave.
    > Quindi all'uopo forniranno la chiave del
    > contenuto che l'inquirente vuole visionare.

    Sempre che l'inquirente non creda che i dati randomici siano una semplice partizione di swap, poi ci sono gli hidden volume.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Lame rotanti

    > Sempre che l'inquirente non creda che i dati
    > randomici siano una semplice partizione di swap,
    > poi ci sono gli hidden
    > volume.

    nel caso dei contenuti audiovisivi ogni singolo bit è usato per la decodifica, quindi non c'è spazio per altri dati, crittografati o meno.
    Se proprio devi inventarti qualcosa per cercare di dipingere le cose come non stanno, puoi dire che li accuseranno di steganografia.
    A livello di scenario è altrettanto assurdo della tua sparata, ma almeno è tecnicamente realistico.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ....
    > - Scritto da: Lame rotanti

    > > Sempre che l'inquirente non creda che i dati
    > > randomici siano una semplice partizione di
    > > swap, poi ci sono gli hidden volume.

    > nel caso dei contenuti audiovisivi ogni singolo
    > bit è usato per la decodifica, quindi non c'è
    > spazio per altri dati, crittografati o meno.

    Infatti ho parlato di swap, dove ti sei inventato i contenuti audiovisivi ?

    > Se proprio devi inventarti qualcosa per cercare
    > di dipingere le cose come non stanno, puoi dire
    > che li accuseranno di steganografia.

    Devono avere le prove per farlo.

    > A livello di scenario è altrettanto assurdo della
    > tua sparata, ma almeno è tecnicamente realistico.

    Ma che c'entrano i contenuti audiovisivi ?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Passante

    > Infatti ho parlato di swap

    nessuno ha risposto al tuo intervento: impara a leggere l'albero della discussione.
    non+autenticato
  • - Scritto da: .....
    > - Scritto da: Passante

    > > Infatti ho parlato di swap

    > nessuno ha risposto al tuo intervento: impara a
    > leggere l'albero della discussione.

    Hai ragione errore mio, ho sbagliato a battere:

    Infatti ha parlato di swap
    non+autenticato