Alfonso Maruccia

AMD, ancora polemiche sui benchmark

Sunnyvale se la prende con un consorzio non profit e si lamenta per un tool di misurazione delle performance troppo favorevole nei confronti di Intel. La potenza bruta della CPU non è tutto, dice AMD. Con un benchmark

Roma - Ad AMD i comuni benchmark sulle performance dei processori x86 non sono mai andati molto a genio, soprattutto negli anni successivi all'exploit della piattaforma Athlon e alla concorrenza di Intel che ha portato la corporation al ridotto market share di oggi. E proprio contro Intel parte ora un nuovo assalto di Sunnyvale, convinta di essere ancora una volta vittima di una macchinazione capace di mettere in cattiva luce i suoi processori per computer.


L'obiettivo delle accuse di AMD è questa volta il consorzio BAPCo, un'organizzazione non profit con dentro il gotha delle corporation tecnologiche informatiche (incluse Intel, Microsoft, Acer, Dell, HP, Lenovo, Western Digital e via elencando) e che ha come ragione di vita la realizzazione di tool di misurazione delle prestazioni "obiettivi" e a prova di manomissione.

E invece, stando a quanto sostiene Sunnyvale, il benchmark SYSmark di BAPCo è "inaffidabile" ed è stato espressamente ottimizzato per favorire le CPU Core di Intel: nei test prestazionali di AMD, una CPU Core i5 e un processore FX "comparabile" raggiungono punteggi rispettivamente di 987 e 659, una differenza che per Sunnyvale è "incredibile" e non rispecchia in maniera realistica le performance che l'utente sperimenta durante l'utilizzo reale.
AMD confronta i risultati di SYSmark con PCMark 8, e in quest'ultimo caso la differenza nelle performance si riduce a un delta del 7 per cento (sempre a vantaggio di Intel). A ulteriore riprova della validità della sua tesi, Sunnyvale ha realizzato una serie di script mettendo a confronto i suoi chip con quelli di Santa Clara in scenari di utilizzo reali, ottenendo ad esempio una differenza di soli 3 secondi (61 contro 64) durante il completamento di task basati su Microsoft Office.

Il problema principale di SYSmark è che si concentra eccessivamente sulla sola componente CPU tralasciando il resto, spiega AMD, mentre oggi i processori centrali di un PC tendono a integrare una notevole quantità di logica secondaria e soprattutto una GPU che dovrebbe pesare di più nei test.
Negli anni scorsi AMD era parte integrante del consorzio BAPCo.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
10 Commenti alla Notizia AMD, ancora polemiche sui benchmark
Ordina
  • Beh, AMD ha ragione ad avere il dente avvelenato con Intel, viste le porcate che quest'ultima le ha fatto sul piano della commercializzazione (e per cui Intel ha pagato una bella penale).
    Ed ha ragione anche sulla forza bruta e sui benchmark opinabili.
    Per quanto mi riguarda ritengo che non ci sia abbastanza concorrenza nel mercato dei processori e ancora oggi, nel 2016, grazie al cartello CPU/GPU siamo ancora al silicio con tutti i suoi limiti.
    E ancora ci prendono per il naso con i core, i thread e i GHz che per di più richiedono dissipatori costosi (chiaro segno di inefficienza energetica) e mangiano così tanta corrente da richiedere alimentatori generosi (e costosi), alla faccia dell'inquinamento e della carenza di energia elettrica rinnovabile.
    Ed anche alla faccia dei nostri portafogli.
    non+autenticato
  • probabilmente questo ente no profit ha ricevuto GENEROSE donazioni da parte di intel
    non+autenticato
  • intel chi, quella dei nanometri "li misuro a partire da dove dico io cosi' posso dire che i miei transistor sono piu' piccoli"? quella intel li'?
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...
    > intel chi, quella dei nanometri "li misuro a
    > partire da dove dico io cosi' posso dire che i
    > miei transistor sono piu' piccoli"? quella intel
    > li'?

    In effetti ho letto di tanti casi (senza contare la mia personale esperienza), in cui le sensibili differenze prestazionali Intel/AMD millantate da certi benchmark non si riscontravano assolutamente all'atto pratico.

    Personalmente credo di più alle prove live "su strada".
  • - Scritto da: rockroll
    > - Scritto da: ...
    > > intel chi, quella dei nanometri "li misuro a
    > > partire da dove dico io cosi' posso dire che i
    > > miei transistor sono piu' piccoli"? quella intel
    > > li'?
    >
    > In effetti ho letto di tanti casi (senza contare
    > la mia personale esperienza), in cui le sensibili
    > differenze prestazionali Intel/AMD millantate da
    > certi benchmark non si riscontravano
    > assolutamente all'atto
    > pratico.
    >
    > Personalmente credo di più alle prove live "su
    > strada".

    vero. e non e' solo storia recente ma si va indietro di un bel 15 anni.
    sarebbe ora di smetterla di dar cosi' tanto peso ai benchmark e settare standards piu' consoni per la comparazione di performance.
    non+autenticato
  • - Scritto da: marcione
    > - Scritto da: rockroll
    > > - Scritto da: ...
    > > > intel chi, quella dei nanometri "li misuro a
    > > > partire da dove dico io cosi' posso dire che i
    > > > miei transistor sono piu' piccoli"? quella
    > intel
    > > > li'?
    > >
    > > In effetti ho letto di tanti casi (senza contare
    > > la mia personale esperienza), in cui le
    > sensibili
    > > differenze prestazionali Intel/AMD millantate da
    > > certi benchmark non si riscontravano
    > > assolutamente all'atto
    > > pratico.
    > >
    > > Personalmente credo di più alle prove live "su
    > > strada".
    >
    > vero. e non e' solo storia recente ma si va
    > indietro di un bel 15
    > anni.
    > sarebbe ora di smetterla di dar cosi' tanto peso
    > ai benchmark e settare standards piu' consoni per
    > la comparazione di
    > performance.

    I benchmark sono specchietti per i polli che hanno tanti dindini da spendere. Come glieli fai spendere?
    Semplice, alzando le performance(farlocche) in confronto alle precedenti!

    Io sono il fuddaro io fuddo :^()
    non+autenticato
  • - Scritto da: rockroll
    >
    > In effetti ho letto di tanti casi (senza contare
    > la mia personale esperienza), in cui le sensibili
    > differenze prestazionali Intel/AMD millantate da
    > certi benchmark non si riscontravano
    > assolutamente all'atto pratico.
    >
    > Personalmente credo di più alle prove live "su
    > strada".

    Bè, insomma... leggendo l'articolo, AMD confronta i test di utilizzo di MS Office, dove la CPU ha un peso nettamente inferiore rispetto ad esempio al disco. Se vuoi fare un benchmark per la CPU, metti sotto carico la CPU e basta, e Intel vince. Se vuoi testare le prestazioni di una Ferrari rispetto a una Panda, vai in pista oppure sul raccordo anulare in ora di punta? Ovvio che nel secondo caso risulterà che la Ferrari non va poi tanto più veloce della Panda.
    Se il messaggio è che una CPU attuale di basso livello è perfetta per quasi tutti gli scenari di utilizzo, siamo d'accordo, però non è un benchmark.
    Izio01
    4027
  • - Scritto da: Izio01
    > - Scritto da: rockroll
    > >
    > > In effetti ho letto di tanti casi (senza
    > contare
    > > la mia personale esperienza), in cui le
    > sensibili
    > > differenze prestazionali Intel/AMD
    > millantate
    > da
    > > certi benchmark non si riscontravano
    > > assolutamente all'atto pratico.
    > >
    > > Personalmente credo di più alle prove live
    > "su
    > > strada".
    >
    > Bè, insomma... leggendo l'articolo, AMD confronta
    > i test di utilizzo di MS Office, dove la CPU ha
    > un peso nettamente inferiore rispetto ad esempio
    > al disco. Se vuoi fare un benchmark per la CPU,
    > metti sotto carico la CPU e basta, e Intel vince.
    > Se vuoi testare le prestazioni di una Ferrari
    > rispetto a una Panda, vai in pista oppure sul
    > raccordo anulare in ora di punta? Ovvio che nel
    > secondo caso risulterà che la Ferrari non va poi
    > tanto più veloce della
    > Panda.
    > Se il messaggio è che una CPU attuale di basso
    > livello è perfetta per quasi tutti gli scenari di
    > utilizzo, siamo d'accordo, però non è un
    > benchmark.

    amd stessa riconosce la superiorita' delle cpu intel: quello che viene contestato e' che la differenza e' del -50% mentre amd riscontra solo, nei suoi test, una differenza del -7%.

    il fatto e' che mancando un meccanismo univoco di valutazione, ognuno tira l'acqua al proprio mulino, col risultato che chi ci perde sono gli utenti finali che vengono "truffati" da valutazioni non oggettive.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...
    >
    > amd stessa riconosce la superiorita' delle cpu
    > intel: quello che viene contestato e' che la
    > differenza e' del -50% mentre amd riscontra solo,
    > nei suoi test, una differenza del -7%.
    >
    > il fatto e' che mancando un meccanismo univoco di
    > valutazione, ognuno tira l'acqua al proprio
    > mulino, col risultato che chi ci perde sono gli
    > utenti finali che vengono "truffati" da
    > valutazioni non oggettive.

    Mah, leggendo l'articolo, mi sembra che AMD punti sul discorso: "La CPU è solo uno degli elementi di un PC", tirando in ballo la GPU o i test con Office.
    Nell'utilizzo giornaliero, sicuramente i tempi di risposta di Office contano più degli zippaflops della CPU, ma un benchmark per uno specifico componente deve ovviamente concentrarsi solo su quello.
    Poi certo: chi decide quale peso debbano avere determinate tipologie di elaborazione piuttosto che altre? Questo può intervenire significativamente sui risultati. Però, per quanto un ente terzo possa essere di parte, difficile che i suoi benchmark siano più partigiani di quelli propri di un produttore come AMD o IntelSorride
    Izio01
    4027
  • - Scritto da: rockroll
    > - Scritto da: ...

    >
    > Personalmente credo di più alle prove live "su
    > strada".

    E fai bene!
    non+autenticato