Claudio Tamburrino

Facebook, blitzkrieg contro l'odio

Il social network estende a tutta l'Europa l'impegno ad intervenire contro i contenuti d'odio assunto con la Germania

Roma - Facebook ha dato il via ad una campagna europea contro i post ed i contenuti d'odio condivisi dai propri utenti.

Come raccontato con un post su Facebook dal COO Sheryl Sandberg, Internet ed i social network sono stati "utilizzati per supportare i rifugiati o esprimere solidarietà con le vittime di attacchi terroristici". Ma, sottolinea, al contempo "è cresciuto il volume delle voci d'odio. E con l'estremismo diventato una minaccia per le vite e le società di tutto il mondo, combattere tali voci non è mai stato così importante".

Per questo, il social network ha deciso di costituire una partnership con l'Institute for Strategic Dialogue e l'associazione Stiftung per lanciare la "Online Civil Courage Initiative" che avrà l'obiettivo di incoraggiare i netizen a contrapporsi ai discorsi d'odio.
Il progetto ha fatto il suo esordio in Germania, paese nel quale Facebook ha già dato il via alla collaborazione con le autorità e con il reclutamento di collaboratori che operino da filtro per intervenire velocemente nei confronti dei contenuti d'odio condivisi online. Nell'evento di presentazione a Berlino ha annunciato la stanziamento di un milione di dollari a favore organizzazioni non governative interessate ad intervenire contro i post razzisti e xenofobi.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàGermania, alleanza contro l'odio onlineGoogle, Twitter e Facebook accettano di rimuovere contenuti d'odio dalle loro piattaforme entro 24 ore. E per farlo organizzano dei team specializzati e studiano le leggi tedesche
  • AttualitàAntiterrorismo, Obama cerca supporto in ReteCome Parigi, anche Washington cerca la collaborazione dei giganti dell'ICT per tentare di contrastare la propaganda terroristica in Rete. Alla Casa Bianca sono stati convocati Twitter, Apple, Facebook, Google, Linkedin, Microsoft e Dropbox
7 Commenti alla Notizia Facebook, blitzkrieg contro l'odio
Ordina
  • Hanno già bannato i vari Trump e affini?

    Se non l'hanno fatto sono solo degli ipocriti.
  • verrà usato a comodato d'uso per censurare opinioni anticapitaliste antieuropee, quindi si ipocrisia ma sopratutto un'arma in più per censurare. da terrorismo si è passato a semplice odio, poi chissà cos'altro, basterà esprimere un'opinione contraria, è una escalation che poco per volta ci portano ad accettare sempre più restrizioni rendendoci sempre più schiavi in nome di una sicurezza falsa.

    - Scritto da: AIlibito
    > Hanno già bannato i vari Trump e affini?
    >
    > Se non l'hanno fatto sono solo degli ipocriti.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Thepassenge r
    > verrà usato a comodato d'uso per censurare
    > opinioni anticapitaliste antieuropee, quindi si
    > ipocrisia ma sopratutto un'arma in più per
    > censurare.
    Censurare cosa? Fessbuk?
    Ma tu prendi ancora sul serio quello che leggi li?
    ROTFL ROTFL ROTFL
    non+autenticato
  • non so se essere d'accordo con facebook o no, è vero che da una parte certi commenti da leone da tastiera pieno d'odio andrebbero tolti per il bene di chi legge, ma dall'altra ritengo che qualunque post una volta che viene pubblicato, ha tutto il diritto di rimanere, non importa cosa contenga cose razziste o offensive (o anche dei link a degli streaming online, il discorso è lo stesso)
    non+autenticato
  • - Scritto da: bejelit
    > ma dall'altra ritengo che
    > qualunque post una volta che viene pubblicato, ha
    > tutto il diritto di rimanere

    basta che lo pubblichi su qualcosa che non sia controllata da terzi come per esempio un tuo server.
    In questo modo l'unico che può rimuoverlo, com'è giusto che sia, è l'autorità giudiziaria.

    Quanto a Facebook, contiene solo pecore, quindi è giusto che vengano tosate e macellate dal pastore.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pianeta Feisbuc
    > - Scritto da: bejelit
    > > ma dall'altra ritengo che
    > > qualunque post una volta che viene
    > pubblicato,
    > ha
    > > tutto il diritto di rimanere
    >
    > basta che lo pubblichi su qualcosa che non sia
    > controllata da terzi come per esempio un tuo
    > server.
    > In questo modo l'unico che può rimuoverlo, com'è
    > giusto che sia, è l'autorità
    > giudiziaria.
    >
    > Quanto a Facebook, contiene solo pecore, quindi è
    > giusto che vengano tosate e macellate dal
    > pastore.

    Concordo, condordo! Tosate e poi macellate. Cosi sarà la volta buona che da vegetariano, passo a mangiare carne!

    Io sono il fuddaro io fuddo :^()
    non+autenticato
  • in verità è un pensiero in linea con il progetto neoliberista dell'europa unita voluta dai ciminali capitalisti.
    l'immigrazione genera odio, basta vedere cosa è successo a capodanno in Germania, ma l'odio contro questi delinquenti immigrati non fa bene al processo di invasione che genera manodopera a basso costo e allo stesso tempo indebolisce lo strato sociale fomentando una guerra fra poveri, quindi cercano di censurare il più possibile per continuare questo processo e tenere buona l'opinione pubblica locale.
    c'è anche un altro scopo, mera censura di post antieuropeisti, basta postare odio contro altre razze che l'account dell' utente può essere oscurato da un giorno all'altro.


    - Scritto da: bejelit
    > non so se essere d'accordo con facebook o no, è
    > vero che da una parte certi commenti da leone da
    > tastiera pieno d'odio andrebbero tolti per il
    > bene di chi legge, ma dall'altra ritengo che
    > qualunque post una volta che viene pubblicato, ha
    > tutto il diritto di rimanere, non importa cosa
    > contenga cose razziste o offensive (o anche dei
    > link a degli streaming online, il discorso è lo
    > stesso)
    non+autenticato