Alfonso Maruccia

Firefox 44, notifiche push e non solo

Mozilla rilascia la nuova versione stabile del suo browser con novità di un certo peso sia per gli utenti finali che per gli sviluppatori Web. Il piano, oramai dichiarato, è quello di inseguire Google Chrome

Roma - Nuova release stabile per Mozilla Firefox, il browser che contrastare il calo di popolarità si ritrova ad inseguire Google Chrome: la release 44 prevedibilmente implementa - tra le altre cose - funzionalità "sperimentali" già introdotte da Mountain View poco tempo addietro.

Uno dei punti salienti di Firefox 44 è infatti costituito dalle notifiche push, una tecnologia presente su Chrome dalla versione 42 (aprile 2015) e che permette ai siti Web di inviare notifiche agli utenti anche quando la pagina corrispondente non è caricata nel browser. Mozilla sottolinea la necessità di abilitare volontariamente l'apposita opzione e di voler seguire i dettagli dello standard Web Push del W3C.

Rimandata a un paio di release future l'imposizione degli add-on (tutti gli add-on) firmati digitalmente, Firefox 44 per desktop acquisisce la capacità di processare i video codificati con algoritmo H.264 (accanto a WebM e VP9), elimina il protocollo crittografico insicuro RC4, migliora i messaggi di errore per i certificati insicuri e aggiunge il supporto per il nuovo algoritmo di compressione made in Mountian View Brotli.
Firefox 44 contiene novità anche per gli sviluppatori, che ora hanno a disposizione una API di debugging WebSocket, strumenti per lavorare con le animazioni - inclusa la possibilità di modificare le regole per i frame chiave in CSS - per ispezionare la memoria e altro ancora.

Sul fronte delle build mobile, infine, Firefox 44 per Android include un comando per stampare una pagina Web con una stampante abilitata all'accesso cloud, la selezione di una homepage specifica, l'accesso al servizio Firefox Accounts, miglioramenti alla funzionalità di ricerca e la visualizzazione di un avvertimento al lancio di una app esterna quando si naviga in modalità anonima.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • TecnologiaFirefox OS, la nuova ondataAggiornamento per non essere da meno rispetto alla concorrenza e nuovi mercati da conquistare: la marcia dell'OS mobile del Panda Rosso continua
  • TecnologiaGoogle Brotli, il figlio di Zopfli per un Web più compressoMountain View presenta un nuovo algoritmo di compressione, una tecnologia molto più efficiente di quelle usate attualmente. Sarebbe l'ideale per un Web a prova di gadget mobile
  • SicurezzaSHA-1, messa al bando con problemiLa decisione di Mozilla di eliminare lo storico algoritmo da Firefox porta a spiacevoli conseguenze sul fronte della sicurezza. La Fondazione è costretta a reimplementare la tecnologia, almeno in via temporanea
  • TecnologiaMozilla: Persona non grataIl sistema di autenticazione che avrebbe voluto fare delle email una chiave d'accesso universale verrà definitivamente accantonato: l'interesse della Rete si è dimostrato troppo scarso per valere l'impegno del supporto
8 Commenti alla Notizia Firefox 44, notifiche push e non solo
Ordina
  • Finalmente, se mettono H264 nativo in Firefox, FLASH non esiste proprio più.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Crash
    > Finalmente, se mettono H264 nativo in Firefox,
    > FLASH non esiste proprio
    > più.


    H264 c'è da tempo in sotto forma di plug-in di Cisco (automaticamente installato insieme a FF).

    Credo che la differenza stia nel fatto che adesso, non si appoggia più al plug-in ma alla capacità di decodifica dell'OS (in modo da evitare di pagare per i brevetti di H264)
    non+autenticato
  • - Scritto da: onimo h264
    > - Scritto da: Crash
    > > Finalmente, se mettono H264 nativo in
    > Firefox,
    > > FLASH non esiste proprio
    > > più.
    >
    >
    > H264 c'è da tempo in sotto forma di plug-in di
    > Cisco (automaticamente installato insieme a
    > FF).

    E no, purtroppo per motivi di "licenza" il plugin di CISCO non serve per vedere i video ma solo per le chat !

    https://gigaom.com/2014/10/14/h-264-support-arrive.../



    >
    > Credo che la differenza stia nel fatto che
    > adesso, non si appoggia più al plug-in ma alla
    > capacità di decodifica dell'OS (in modo da
    > evitare di pagare per i brevetti di
    > H264)

    Mah ! Su Linux per esempio Firefox si aggancia a gstreamer. Peccato che i browser standard ( compreso il TOR browser ) sono compilati con supporto del vecchio gstreamer che per altro ha il codec che non funziona.
    Sui vecchi Windows invece il codec H264 non c'era ma solo il WM (non so in windows 10).
    Quindi se si affidano a quelli siamo rovinati.
    non+autenticato
  • La cosa bella è che chiedono pure donazioni per inseguire Chrome. Come se Torvalds dicesse "finanziateci, così copieremo quello che fanno Apple e Microsoft"...
    non+autenticato
  • Almeno ti danno un minimo di libertà. (E con FF con degli accorgimenti navighi veramente liberamente senza sottostare al cybercontrollo di google, che si guarda bene dal darti un about:config libero, chissà perchè...).
    non+autenticato
  • > FF
    > con degli accorgimenti

    Si, anche Firefox è uno Spyware di Google by default, ma disattivabile.
    Le search suggestions, la presunta protezione anti-phishing che spiffera tutto a google, la barra degli indirizzi che è come la search box.... bello. Bello schifo.
    Mozilla Firefox è diventato da tempo un bloatware di merda, e basta tirare fuori scuse.
    non+autenticato
  • Appunto di default: ma è disattivabile. Chrome no.
    non+autenticato
  • - Scritto da: AxAx
    > Appunto di default: ma è disattivabile.


    E' il valore di default che determina se un prodotto è uno spyware oppure no.
    Google pagava un miliardo di dollari all'anno ad Apple per essere il motore di default di IOS, tu ti credi più furbo di loro solo perché sai (o credi di sapere) come cambiare le impostazioni?

    comunque digita about:config e poi inserisci http come ricerca e vedrai quante URL nascoste all'utente medio ci sono.
    non+autenticato