Gaia Bottà

Firefox OS si rintana negli oggetti connessi

L'abbandono del versante mobile del sistema operativo ha una data, il mese di maggio, e una versione, la 2.6. Ma il codice servirà per alimentare nuovi progetti IoT, dalle smartTV alla VR

Firefox OS si rintana negli oggetti connessiRoma - Firefox OS non verrà sviluppato oltre alla versione 2.6, non sopravviverà nella sua forma attuale oltre al mese di maggio, quando il supporto verrà revocato, lo smantellamento del marketplace di app sarà in corso e gli sviluppatori assegnati al codice verranno direzionati su altri progetti. Mozilla, dopo l'annuncio diramato a dicembre, ha offerto nuovi dettagli sulla deposizione del proprio sistema operativo pensato per il mobile e sul nuovo percorso orientato alla IoT.

Il sistema operativo di Mozilla era stato per la prima volta distribuito sotto forma di nightly build nel 2012 e aveva fatto il proprio debutto ufficiale nel 2013: le partnership non sono mancate, soprattutto in ambito mobile, nei paesi emergenti e non solo, con smartphone e tablet di ogni fascia. Il mercato e l'ambiente mobile non hanno evidentemente saputo garantire a Mozilla abbastanza risultati per alimentare il proprio sistema operativo, e i vertici della Fondazione hanno scelto di cambiare strada, coltivando piuttosto la vocazione alla connettività degli oggetti, di cui Firefox OS ha già dato prova con gadget dedicati allo streaming di contenuti e smart TV.

"Ci vogliamo assicurare di concentrare le nostre energie e le nostre risorse nel portare alla IoT la forza del Web - spiega Mozilla - E ricordiamo perché lo stiamo facendo: stiamo entrando in questo eccitante spazio frammentato per assicurare agli utenti libertà di scelta attraverso soluzioni interoperabili e open, e per permetterci di agire a difesa della loro privacy e della loro sicurezza".
È così che Mozilla ha lavorato a quello che definisce Product Innovation Process, volto a individuare e selezionare sulla base di prospettive tecnologiche e di mercato i progetti candidati al nuovo corso di sviluppo incentrato sulla Internet delle Cose: questo canale verrà aperto al pubblico entro la prima metà del 2016 e dopo il primo stadio dell'approvazione si sono già stagliati tre filoni, fra cui SmartTV, MoxVR per coltivare l'idea di innestare la realtà virtuale nel Web e FlyWeb, per l'interazione tra smartphone e dispositivi connessi senza passare dal cloud, come mostra Vaani.


Il codice di Firefox OS verrà sfruttato per alimentare le nuove derive dei progetti di Mozilla: pur privato del versante della produzione hardware e concludendo lo sviluppo e il supporto ufficiale con la versione 2.6, sarà naturalmente a disposizione dei membri della community che vorranno continuare a svilupparlo.

Gaia Bottà
Notizie collegate
  • BusinessFirefox OS, addio al mobileMozilla Foundation, intenta a razionalizzare le proprie risorse, dichiara chiuso il capitolo smartphone per il proprio OS: continuerà a vivere nella IoT. Gli obiettivi restano Firefox e il Web, come dimostra il nuovo content blocker per Safari
  • TecnologiaMozilla: Persona non grataIl sistema di autenticazione che avrebbe voluto fare delle email una chiave d'accesso universale verrà definitivamente accantonato: l'interesse della Rete si è dimostrato troppo scarso per valere l'impegno del supporto
  • TecnologiaMozilla: Thunderbird non si volatilizzeràIl progetto dedicato al client di posta elettronica non verrà abbandonato: l'obiettivo è semplicemente quello di sbrogliarlo dai vincoli con Firefox. Non è dato sapere dove si andrà a posare