Alfonso Maruccia

LibreOffice è 5.1

Rilasciata una nuova versione della suite di produttività open source, un pacchetto che offre migliorie su tutti i fronti incluse le performance, l'interfaccia e l'organizzazione dei menù

« Indietro
Foto 1 di 6

Roma - A poco più di sei mesi dall'uscita della versione 5.0, LibreOffice fa un nuovo passo avanti con la distribuzione della release 5.1. Una release che risulta migliorata - e per molti aspetti "diversa" - su tutti i fronti, avverte il team di The Document Foundation (TDF), ma che rappresenta un cambio significativo dalla più matura versione 5.0.x ed è quindi destinata prima di tutti agli entusiasti, ai power user e agli early adopter delle novità tecnologiche.

Tra le novità che saltano subito all'occhio, LibreOffice 5.1 può vantare un'interfaccia utente completamente riorganizzata in tutti gli applicativi contenuti nella suite - un modo per rendere più facile e veloce l'accesso alle funzionalità più usate e che ha portato all'aggiunta di nuovi menù individuali su Writer (Stile), Calc (Foglio), Impress e Draw (Slide).

Cambiamenti significativi sono stati apportati sul fronte dell'interoperabilità, dice ancora TDF, la compatibilità con i formati proprietari è stata migliorata, nuovi filtri sono stati aggiunti per i documenti di Apple Keynote 6, Microsoft Writer e Gnumeric; l'engine delle formule di Calc ha guadagnato nuove funzionalità, mentre l'accesso ai file di documenti presenti sui server remoti (Sharepoint, Google Drive, Alfresco) è stato integrato direttamente nel menù File.

LibreOffice 5.1 è più veloce nelle fasi di avvio e non solo, mentre il lavoro "sotto il cofano" effettuato da centinaia di sviluppatori ha contributo a rendere la suite FOSS più facile da modificare, mantenere e analizzare tramite debugger: un miglioramento estremamente importante sul fronte delle installazioni nel settore enterprise, dice TDF.

Nel salutare un altro passo avanti verso la realizzazione di una suite cucita su misura delle necessità e delle preferenze degli utenti, il management di TDF sottolinea il gran lavoro di pulizia del codice fatto dal 2010 a oggi e la popolarità crescente della suite. Il numero di organizzazioni che passano a LibreOffice non fa che aumentare, e a margine viene citata anche l'adozione su centinaia di migliaia di PC appartenenti al Ministero della Difesa in Italia.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
50 Commenti alla Notizia LibreOffice è 5.1
Ordina
  • Da semplice utente io uso l'accoppiata MAC + MS office e mi trovo bene e in piu' ha un TCO piu' basso all'inizio paghi di piu' ma poi risparmi
    non+autenticato
  • Io li uso tutti e due...l'ultimo Office di MS è decisamente migliore dei precedenti, ma anche Libre Office ha fatto grossi passi avanti. Non amo l'interfaccia di Libre Office, un po' più rozza di quella MS, ma ricordo anche che quando misero la Ribbon fu una quasi rivoluzione per chi era abituato al classico sistema con i menù e le barre di icone.
    Ok, ora pronti con 1,2 e 3 winarilinarimacachiinsultifrasifatte
    non+autenticato
  • E' un bel progetto per studenti universitari alle prime armi, ma diciamolo...
    Fa ridere! Non ha neanche il ribbon (io non potrei più farne a meno) e presenta interfacce degli anni '70.
    Molto, ma MOLTO, meglio Microsoft Office, della Microsoft Corporation (TM), ora a solo 149 euro nella versione home and student e 69 euro nell'edizione 365! Personalmente ritengo che la versione 365 sia un vero affare, dato che consente di avere l'intera (e potentissima) suite sempre aggiornata e pronta all'uso.
    LibreOffice va bene per linux, che non ha la versione per professionisti, e cioé quella della Microsoft. Io LibreOffice non lo consiglierei a dei clienti, è un prodotto per smanettoni, ma le persone normali incontrano inevitabilemnte delle difficoltà essendo open source (e quindi di bassa qualità).

    Parola di Winaro!Occhiolino
    non+autenticato
  • bravo Winaro un vero professionista come sempre un otto non te lo toglie nessuno 8/10
    non+autenticato
  • Grazie, anche se un professionista non ha bisogno di questi riconoscimenti, fanno sempre piacere. Piuttosto, sei passato a windows 10 della Microsoft Corporation (TM)? Affrettati, perché il tempo per l'upgrade gratuito dai sistemi Windows 7 e Windows 8.1 sta per scadere!

    Parola di Winaro!Occhiolino
    non+autenticato
  • Standing ovation!

    Parola di Winaro!Occhiolino
    non+autenticato
  • Ma dai per i veri Winari c'è la versione Ut0nt.
    Cercala e la troverai a costo zero.

    - Scritto da: Winaro
    > E' un bel progetto per studenti universitari alle
    > prime armi, ma
    > diciamolo...
    > Fa ridere! Non ha neanche il ribbon (io non
    > potrei più farne a meno) e presenta interfacce
    > degli anni
    > '70.
    > Molto, ma MOLTO, meglio Microsoft Office, della
    > Microsoft Corporation (TM), ora a solo 149 euro
    > nella versione home and student e 69 euro
    > nell'edizione 365! Personalmente ritengo che la
    > versione 365 sia un vero affare, dato che
    > consente di avere l'intera (e potentissima) suite
    > sempre aggiornata e pronta
    > all'uso.
    > LibreOffice va bene per linux, che non ha la
    > versione per professionisti, e cioé quella della
    > Microsoft. Io LibreOffice non lo consiglierei a
    > dei clienti, è un prodotto per smanettoni, ma le
    > persone normali incontrano inevitabilemnte delle
    > difficoltà essendo open source (e quindi di bassa
    > qualità).
    >
    > Parola di Winaro!Occhiolino
  • La prima dose è sempre gratuita.

    Parola di Winaro!Occhiolino
    non+autenticato
  • > persone normali incontrano inevitabilemnte delle
    > difficoltà essendo open source (e quindi di bassa
    > qualità).
    >
    > Parola di Winaro!Occhiolino
    Due osservazioni sulla bassa qualità del codice Open:
    Internet si basa su servers, routers che utilizzano linux
    Il sistema LHC (http://home.cern/topics/large-hadron-collider) utilizza Linux per tutti i calcoli, dal momento che il codice è manipolabile e più affidabile.
    Certo bassa qualità.
    Non ho prove, ma credo che anche i centri dove hanno trovato le onde gravitazionali utilizzino linux in modo pesante.
    Saluti
  • oppure http://www.postgresql.org/ .

    Comunque winaro è rupolo sotto falso nome...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Il tecnocrate ben informato
    > oppure http://www.postgresql.org/ .
    >
    > Comunque winaro è rupolo sotto falso nome...

    ruppolo? ma non era morto?
    non+autenticato
  • Non sono Ruppolo.
    Sono Winaro!Occhiolino
    non+autenticato
  • OT
    So io io uso wordperfect? al confronto libreoffice e MS office sembrano indietro anni luce
    non+autenticato
  • - Scritto da: Saggista
    > OT
    > So io io uso wordperfect? al confronto
    > libreoffice e MS office sembrano indietro anni
    > luce

    *Solo io
    non+autenticato
  • - Scritto da: Saggista
    > OT
    > So io io uso wordperfect? al confronto
    > libreoffice e MS office sembrano indietro anni
    > luce

    Io uso lotus, è anni Luca avanti anche a wordperfect
    non+autenticato
  • - Scritto da: omino stalkerato
    > - Scritto da: Saggista
    > > OT
    > > So io io uso wordperfect? al confronto
    > > libreoffice e MS office sembrano indietro
    > anni
    > > luce
    >
    > Io uso lotus, è anni Luca avanti anche a
    > wordperfect

    Che forum di cavernicoli!

    Esiste solo un text processor, LaTeX.
    Il fatto che non lo sappiate usare e' irrilevante.
  • - Scritto da: panda rossa

    > Esiste solo un text processor, LaTeX.
    > Il fatto che non lo sappiate usare e' irrilevante.
    Latex si ma rigorosamente nero e con frustino....
    Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    non+autenticato
  • - Scritto da: sito porno
    > - Scritto da: panda rossa
    >
    > > Esiste solo un text processor, LaTeX.
    > > Il fatto che non lo sappiate usare e'
    > irrilevante.
    > Latex si ma rigorosamente nero e con frustino....
    > Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere

    E' la stessa cosa, sono entrambi attrezzi per masochisti e amanti del dolore.
    non+autenticato
  • - Scritto da: sito porno
    > - Scritto da: panda rossa
    >
    > > Esiste solo un text processor, LaTeX.
    > > Il fatto che non lo sappiate usare e'
    > irrilevante.
    > Latex si ma rigorosamente nero e con frustino....
    > Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere

    Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereArrabbiatoIdea!ArrabbiatoRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    Rotola dal ridereFan LinuxFan LinuxFan LinuxIdea!Fan LinuxFan LinuxFan LinuxRotola dal ridere
    Rotola dal ridereFan LinuxDisinnamoratoDisinnamoratoDisinnamoratoDisinnamoratoDisinnamoratoFan LinuxRotola dal ridere
    ArrabbiatoFan LinuxDisinnamoratoFan WindowsFan WindowsFan WindowsDisinnamoratoFan LinuxArrabbiato
    Idea!Idea!DisinnamoratoFan WindowsAnnoiatoFan WindowsDisinnamoratoIdea!Idea!
    ArrabbiatoFan LinuxDisinnamoratoFan WindowsFan WindowsFan WindowsDisinnamoratoFan LinuxArrabbiato
    Rotola dal ridereFan LinuxDisinnamoratoDisinnamoratoDisinnamoratoDisinnamoratoDisinnamoratoFan LinuxRotola dal ridere
    Rotola dal ridereFan LinuxFan LinuxFan LinuxIdea!Fan LinuxFan LinuxFan LinuxRotola dal ridere
    Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereArrabbiatoIdea!ArrabbiatoRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    non+autenticato
  • perché Newbie, inesperto
    non+autenticato
  • Non era male ma non c'è per Linux. La versione Linux è stata abbandonata nel 2005.
    iRoby
    6253
  • La maggior parte dei difetti riscontrati in OpenOffice/LibreOffice è dovuta solamente all'utilizzo dei formati microsoft (specialmente i vecchi doc,xls,ppt...)

    A mio avviso non ha alcun senso utilizzare LibreOffice/OpenOffice per poi salvare e inviare i documenti in formato proprietario o "semi-proprietario" (se pur standardizzato a suon di mazzette) come OOXML, solo perché "tutti usano MS Office".

    È proprio sui formati aperti (come ODF) che bisogna insistere per garantire l'accesso ai contenuti a chiunque, indipendentemente dal software o dalla piattaforma che utilizzano. Se poi qualcuno vuole a tutti i costi pagare decine o centinaia di €uri una licenza per poter utilizzare un software malfunzionante perché non implementa gli standard in modo corretto sono c***i suoi.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 10 discussioni)