Gaia Bottà

ONU, l'iPhone e il vaso di Pandora

L'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Diritti Umani prende parte al dibattito incentrato sull'iPhone del killer di San Bernardino: accondiscendere alle richieste dell'FBI potrebbe aprire la strada agli abusi di governi autoritari e cybercriminali

ONU, l'iPhone e il vaso di PandoraRoma - "Con l'obiettivo di risolvere un problema di sicurezza correlato alla cifratura in un singolo caso, le autorità rischiano di scoperchiare un vaso di Pandora, con implicazioni estremamente dannose per i diritti umani di molti milioni di persone, inclusa la loro sicurezza fisica e personale": anche Zeid Ràad Al Hussein, a capo dell'Alto commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani, si è espresso nell'ambito del dibattito incentrato sull'iPhone del killer di San Bernardino, che fa emergere le difficoltà di bilanciare le esigenze delle autorità con quelle degli utenti, e che mostra con chiarezza come la sicurezza dei cittadini non sia solo quella garantita dalle operazioni e dalle indagini antiterrorismo.

Dopo essersi conquistata il supporto di una nutrita schiera di aziende di settore e di associazioni che si battono per i diritti umani, Apple può ora vantare anche il pronunciamento dell'Alto commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani, che invita le autorità statunitensi a "procedere con cautela nel corso del processo che coinvolge Apple e l'FBI". Dall'evolvere del contenzioso potrebbero dipendere le sorti dei diritti umani dei cittadini del mondo: per questo motivo la giustizia statunitense è investita della grande responsabilità di "fissare un limite necessario per proteggere tutti noi dai criminali", poiché se il caso si concludesse a favore delle richieste di accesso dell'FBI "renderebbe impossibile ad Apple o ad altre aziende IT globali di tutelare la privacy dei loro utenti in ogni posto del mondo".

Le soluzioni di cifratura sono ampiamente adottate dal mercato per gestire transazioni e dati personali, e sono indispensabili fra i membri della società civile per tutelare l'anonimato e la riservatezza, determinanti per esercitare la libertà di espressione: mettere a disposizione dell'FBI del codice per agevolare i tentativi di accesso al dispositivo del killer di San Bernardino, afferma Zeid, rappresenterebbe dunque "un regalo per i regimi autoritari e per i cybercriminali".
Come già sottolineato dalle Nazioni Unite in un report dedicato alla cifratura pubblicato lo scorso anno, la chiave della soluzione del caso risiede nella proporzionalità: "Il dibattito intorno alla cifratura e alla sicurezza è troppo concentrato sul lato della medaglia del suo potenziale uso criminale in tempi di terrorismo - avverte Zaid - Ma, dall'altro lato della medaglia, indebolendo le protezioni della cifratura si potrebbero esporre la sicurezza nazionale e internazionale a rischi ancora maggiori".

Gaia Bottà
Notizie collegate
  • AttualitàUSA, alleanza contro l'FBICon Apple si schierano come amicus brief EFF, EPIC, ACLU e una frotta di aziende ITC. Tra cui Amazon, che però revoca il sistema di cifratura a Fire OS 5
  • AttualitàFrancia: o lo sblocco o la multaUn parlamentare francese propone pene per le aziende ICT che non collaborino con le indagini delle autorità. Sullo sfondo, il dibattito a stelle e strisce sull'accesso all'iPhone del cecchino di San Bernardino
  • AttualitàTecnocontrollo, Nazioni Unite per la cifraturaL'ONU redige un rapporto in difesa delle tecnologie per la cifratura dei dati e dell'anonimato, con un'apertura in corner sull'intervento circostanziato delle autorità governative. USA e UK vogliono le backdoor