Alfonso Maruccia

FBI: l'automotive Ŕ a rischio di hacking

Le autoritÓ USA lanciano l'allarme sul rischio crescente di "exploit da remoto" per i veicoli ad alto contenuto tecnologico, ambito nel quale i casi da manuale giÓ abbondano. Ormai per le auto occorre fare l'upgrade software come al PC

Roma - FBI e National Highway Traffic Safety Administration (NHTSA) pubblicano l'ennesimo annuncio di pubblico servizio riguardante i rischi alla cyber-sicurezza dei veicoli hi-tech, un mercato sempre più costretto a fronteggiare gli stessi problemi che angustiano gli utenti di PC da anni.

Le tecnologie connesse integrate nell'automotive più moderno aumentano la superficie di attacco, avvertono e autorità statunitensi, il pericolo può essere teorico ma anche molto pratico, come le cronache degli ultimi mesi stanno a dimostrare.

Non è passato un anno, infatti, da quando il gruppo FCA è stato costretto a richiamare milioni di vetture per installare una "patch" sul sistema di infotainment vulnerabile alla compromissione da remoto, per non parlare dei casi in cui i rischi per la vettura passano per le app dei gadget mobile come nel caso dei veicoli General Motors e del sistema OnStar RemoteLink.
La casistica delle vulnerabilità, dei richiami e degli studi che prendono di mira l'automotive cresce di continuo, e l'FBI si appella ai clienti finali affinché contribuiscano a "sanare" la piaga delle vetture vulnerabili informandosi e partecipando alle eventuali campagne di richiamo avviate dai produttori.

NHTSA mette a disposizione le proprie risorse online per tenere sempre aggiornati i clienti sulle suddette campagne di richiamo; inoltre, le autorità federali consigliano attenzione quando si apportano modifiche al software di bordo e nella valutazione di chiunque abbia la possibilità di accedere fisicamente all'auto.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • AttualitàChrysler, tra multe e aggiornamenti di massaIl problema evidenziato sulle Jeep Cherokee dai ricercatori Charlie Miller e Chris Valasek costringe Chrysler a richiamare le automobili che necessitano della patch. Le autoritÓ statunitensi puniscono l'azienda con una multa da 105 milioni
  • SicurezzaAutomobili GM, hacking a mezzo appAutomotive ancora sulla graticola con un nuovo caso di attacco a mezzo gadget "intelligenti", con le vittima che questa volta sono General Motors e i proprietari di autovetture controllate tramite smartphone
  • SicurezzaAuto robotiche, sensori laser a rischio hackingBasta una spesa di poche decine di euro per compromettere i costosi sensori a bordo delle auto che si guidano da sole. Nessuno appare immune al rischio, mentre la tecnologia avanza
10 Commenti alla Notizia FBI: l'automotive Ŕ a rischio di hacking
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)