Alfonso Maruccia

Microsoft, Adobe e le patch di aprile

Redmond ha rilasciato i bollettini di sicurezza per il mese corrente, tredici update per vulnerabilitÓ con severitÓ variabile e qualche "special guest". Aggiorna anche Adobe, con Flash giÓ rappezzato nei giorni scorsi

Roma - L'ultima lista degli aggiornamenti di sicurezza mensili per prodotti Microsoft include 13 diversi bollettini di sicurezza, sei dei quali classificati con livello di pericolosità "critico" e il resto solo "importanti". Inclusa come al solito buona parte del software commercializzato dalla corporation.

Tra i bollettini critici si segnala quello indirizzato alla chiusura di una serie di vulnerabilità (MS16-039) potenzialmente sfruttabili per installare software da remoto, visualizzare dati e creare nuovi account con pieni diritti di accesso tramite l'utilizzo di un file multimediale appositamente malformato.

Un altro bollettino chiude la vulnerabilità classificata come Badlock, problema emerso in queste settimane in Samba e Windows e pubblicato in anticipo sulla disponibilità di eventuali aggiornamenti. Non mancano ovviamente le solite patch cumulative per i browser Internet Explorer (MS16-037) e Microsoft Edge su Windows 10 (MS16-038).
I bollettini Microsoft includono poi anche una patch critica contro i rischi di esecuzione di codice malevolo da remoto in Flash Player, aggiornamento che Adobe aveva già provveduto a distribuire in anticipo sui tempi.

Sempre riguardo Adobe, infine, gli update sincronizzati con l'ex-Patch Tuesday di Redmond sono questa volta dedicati all'applicazione desktop Creative Cloud e chiudono una vulnerabilità "importante" utilizzabile per leggere e scrivere file sul sistema locale da remoto.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • SicurezzaMicrosoft, le patch e i buchi di Windows 10Nuovo appuntamento con il fu Patch Tuesday, a base di bollettini critici per vulnerabilitÓ potenzialmente molto pericolose. Anche su Windows 10, soprattutto per Edge
  • TecnologiaAdobe Flash, presto in pausa su EdgeMicrosoft annuncia l'ennesima novitÓ del prossimo upgrade di Windows 10, un diverso modo di trattare i contenuti Flash che riprende quanto giÓ fatto da Chrome, da Firefox e da Safari. Flash resta un rischio per la sicurezza