Luca Annunziata

Cosa va, e cosa non va, nella trimestrale di Microsoft

Bene Surface, bene Azure. Male gli smartphone. E alcuni analisti non sono del tutto convinti del ritmo di crescita del cloud

Roma - Sono numeri positivi, ma inferiori alle attese, quelli comunicati da Microsoft per il suo ultimo trimestre (il terzo dell'anno fiscale 2016): Wall Street non sembra sia rimasta particolarmente ben impressionata dalle cifre snocciolate da Satya Nadella e compagni, e ha punito il titolo nelle contrattazioni after-hours. I numeri di Redmond sono positivi, come detto, ma in Borsa si attendeva un performance ancora superiore: e il cloud, da tutti considerato il futuro dell'azienda fondata da Bill Gates, mostra un leggero appannamento che da qualcuno viene giudicato preoccupante.

In totale i numeri dicono che Microsoft è riuscita a concludere un trimestre con un fatturato di 22,1 miliardi di dollari (in calo rispetto allo stesso periodo del 2015), sul limite superiore della stima comunicata in precedenza, e con un guadagno per azione pari a 0,62 centesimi di dollaro. Le aspettative degli analisti non erano poi di molto superiori, visto che si attendeva 0,64 centesimi per azione, e Microsoft ha giustificato questa defaillance con la necessità di pagare più tasse sugli introiti del previsto e con la debolezza del dollaro rispetto ad altre valute. Fattori che hanno contribuito a limitare la performance complessiva, che altrimenti avrebbe raggiunto e superato le aspettative di Wall Street.

Bene il cloud, che cresce dell'8 per cento con un fatturato di 6,1 miliardi di dollari: in questa divisione rientrano anche le attività di Office 365, così come Azure, ma è soprattutto il primo a dimostrare un buon appeal presso gli utenti visto che ha raddoppiato gli abbonati da 12 a 22 milioni in un anno. Microsoft resta inoltre un concorrente credibile per Amazon, che resta il numero 1 del settore, nel campo della fornitura di servizi IAAS e PAAS: su questo particolare business qualcuno avrebbe voluto vedere un progresso più significativo, ma il managment nella consueta call per commentare i numeri con gli analisti si è detto comunque soddisfatto (citando nuovamente la debolezza del dollaro come fattore che incide sulla crescita totale dei guadagni).
Venendo al settore consumer più tradizionale, c'è da registrare ancora un leggero calo di Windows che comunque riesce a venire fuori dignitosamente da un quadro generale per il mercato PC decisamente debole: perdere solo il 2 per cento in questa fase è una sorta di vittoria, poiché Microsoft non è la sola a doversi confrontare con un mercato desktop che attraversa una profonda trasformazione. Molto bene, invece, le vendite del 2in1 Surface che hanno fatto un balzo in avanti piuttosto significativo (più 61 per cento), mentre per gli smartphone Lumia è un mezzo tracollo (-48 per cento) che segna probabilmente la definitiva collocazione di questo prodotto a un terzo posto molto minoritario nel settore mobile. Bene, invece, Xbox: fresca la notizia della fine della produzione della 360, la One vende bene anche se i margini sono stati ridotti dalla recente nuova politica aggressiva sui prezzi.

Luca Annunziata
34 Commenti alla Notizia Cosa va, e cosa non va, nella trimestrale di Microsoft
Ordina
  • "..a un quadro generale per il mercato PC decisamente debole: perdere solo il 2 per cento in questa fase è una sorta di vittoria, poiché Microsoft.."

    Vorrei ricordare che il calo dei PC non è dovuto solo alla concorrenza, nell'uso light, dei tablet e compagnia, ma anche al fatto che Windows ha largamente disatteso le aspettative degli utenti privati e specialmente di una larghissima parte di utenti aziendali; senza regalie, super-sconti, e super-promozioni, questi utenti avrebbero già salutato Microsoft.

    L'aumento dei clienti cloud è l'effetto delle promozioni di cui sopra e di amministratori cortimiranti che non decidono bene per i loro utenti, oltre al fatto che OneDrive è invasivo quanto basta..

    Quanto ai Lumia, gli sviluppatori sviluppano poco, Google guerreggia con M$ boicottandola, le vendite sono stagnanti e l'update mancato a Win10 per molti Lumia ha fatto arrabbiare un casino di gente.

    Sembra che Nutella sia un farlocco peggio di quel pallone gonfiato di Ballmer; la sua è la "strategia" di un pirata privo di scrupoli.
    non+autenticato
  • > Vorrei ricordare che il calo dei PC non è dovuto
    > solo alla concorrenza, nell'uso light, dei tablet
    > e compagnia, ma anche al fatto che Windows ha
    > largamente disatteso le aspettative degli utenti
    > privati e specialmente di una larghissima parte
    > di utenti aziendali; senza regalie, super-sconti,
    > e super-promozioni, questi utenti avrebbero già
    > salutato
    > Microsoft.

    Infatti il bello verrà da Agosto, quando molti utenti/utonti inizieranno a dover pagare per essere spiati. L'ultimo trimestre dell'anno ci darà la vera misura dell'efficacia della nuova politica M$ a regime.


    > amministratori cortimiranti che non decidono bene per i loro
    > utenti

    Beh le mazzette potrebbero essere scelte sagge anche nel lungo periodo. Sta agli utenti e agli eventuali azionisti imporre le priorità aziendali al posto di quelle personali.


    > Quanto ai Lumia, gli sviluppatori sviluppano
    > poco, Google guerreggia con M$ boicottandola, le
    > vendite sono stagnanti e l'update mancato a Win10
    > per molti Lumia ha fatto arrabbiare un casino di
    > gente.

    Ormai la M$ ha mollato il mobile: bisogna prenderne atto e andare avanti.

    Ci si potrebbe chiedere per quale motivo abbiano adattato il SO per farlo andare anche su smartphone, quando lo smartphone per la M$ è ormai un mercato morto.

    Ma cosa vuoi...sono i misteri Padelleschi.


    > Sembra che Nutella sia un farlocco peggio di quel
    > pallone gonfiato di Ballmer; la sua è la
    > "strategia" di un pirata privo di
    > scrupoli.

    Verrebbe anche da chiedersi come si coniuga il comportamento da coppola&lupara con il passaggio ai servizi Cloud, dove l'utente dovrebbe affidarti o farti mettere le zampe sui suoi dati.

    In pratica la M$ ha deciso di vivere sulla gestione dei dati che gli utenti dovrebbe affidarle, mentre li sta platealmente fo**endo con infimi trucchetti markettari.

    Come ho sempre sostenuto: la M$ arriverà a rimpiangere Ballmer(d).
    non+autenticato
  • - Scritto da: xx tt
    > > Vorrei ricordare che il calo dei PC non è dovuto
    > > solo alla concorrenza, nell'uso light, dei
    > tablet
    > > e compagnia, ma anche al fatto che Windows ha
    > > largamente disatteso le aspettative degli utenti
    > > privati e specialmente di una larghissima parte
    > > di utenti aziendali; senza regalie,
    > super-sconti,
    > > e super-promozioni, questi utenti avrebbero già
    > > salutato
    > > Microsoft.

    E senza le pressioni del governo amerikeno per non perdere i dati degli utenti dovresti dire.
    >


    > Infatti il bello verrà da Agosto, quando molti
    > utenti/utonti inizieranno a dover pagare per
    > essere spiati. L'ultimo trimestre dell'anno ci
    > darà la vera misura dell'efficacia della nuova
    > politica M$ a
    > regime.

    Su questo non ci contare, gli user(tontoloni) windoziani hanno dimostrato più volte e in più modi di essere contenti di farsi sodomizare!
    >
    >
    > > amministratori cortimiranti che non decidono
    > bene per i
    > loro
    > > utenti


    E quanti amministratori conosci che decidono di fare il bene per gli altri? Io conosco solo quelli che il 'bene' lo fanno solo a loro stessi.


    >
    > Beh le mazzette potrebbero essere scelte sagge
    > anche nel lungo periodo. Sta agli utenti e agli
    > eventuali azionisti imporre le priorità aziendali
    > al posto di quelle
    > personali.

    Anche in questo frangente la politica farà il suo corso per fa si che gli azionisti risultino tutti felici e contenti.
    >
    >
    > > Quanto ai Lumia, gli sviluppatori sviluppano
    > > poco, Google guerreggia con M$ boicottandola, le
    > > vendite sono stagnanti e l'update mancato a
    > Win10
    > > per molti Lumia ha fatto arrabbiare un casino di
    > > gente.


    Questo è ininfluente per la cerchia di zucche altolocate a redmond, e quindi non fa una piega.


    >
    > Ormai la M$ ha mollato il mobile: bisogna
    > prenderne atto e andare avanti.

    Non ce ne può fregare de meno!



    >
    >
    > Ci si potrebbe chiedere per quale motivo abbiano
    > adattato il SO per farlo andare anche su
    > smartphone, quando lo smartphone per la M$ è
    > ormai un mercato
    > morto.
    >
    > Ma cosa vuoi...sono i misteri Padelleschi.


    No! Erano le direttive del governo fatte tramite pressioni delle agenzie a tre lettere, NSA in testa.

    In più terminali ci si entra meglio è. E poi vuoi mettere che con la spy ediction possono ravanare i terminali direttamente seduti dalla loro scrivania?

    Quindi più sono meglio è. Peccato che almeno in questo caso si attaccano... ai pochi.

    Si rifaranno con qualcos'altro!


    >
    >
    > > Sembra che Nutella sia un farlocco peggio di
    > quel
    > > pallone gonfiato di Ballmer; la sua è la
    > > "strategia" di un pirata privo di
    > > scrupoli.

    No la sua è una semplicemente una testa di CAZZO! E pure di forma strana.


    >
    > Verrebbe anche da chiedersi come si coniuga il
    > comportamento da coppola&lupara con il passaggio
    > ai servizi Cloud, dove l'utente dovrebbe
    > affidarti o farti mettere le zampe sui suoi dati.

    Con il solito sorriso sulle labbra, tanto le greggi percorrono la strada ad occhi chiusi.


    >
    >
    > In pratica la M$ ha deciso di vivere sulla
    > gestione dei dati che gli utenti dovrebbe
    > affidarle, mentre li sta platealmente fo**endo
    > con infimi trucchetti markettari.

    Così facendo sono tutti contenti. La microsoft e contenta di continuare a ciulare il loro gregge. Il governo amerekano di ficcanasare in ogni sorta di bit di dati, e l'immancabile pecora obbediente continua felice e contento di porgere l'altra pacca di culo e continuare ad usare il più colorato sistema esistente anche a voce(cortana) come un imbecille!


    >
    >
    > Come ho sempre sostenuto: la M$ arriverà a
    > rimpiangere
    > Ballmer(d).

    Io invece penso che pianga(già oggi) il giorno in cui i 'cantinari' si sono messi sulla loro strada, e si sono accorti di aver trovato un genere di animale che non lo si può fottere con dei lustrini.
    non+autenticato
  • MS spiega com'e' realizzato in pratica https://blogs.msdn.microsoft.com/wsl/2016/04/22/wi.../

    come supponevo si tratta di emulare le syscall Linux ( piu' o meno quella che fa Wine con Windows ) e far girare l'userland Ubuntu in uno o piu' container ( simili a quello che fanno Docker, LXC, LXD e compagnia )
    non+autenticato
  • C'è però una "leggera" differenza: Wine lavora su Linux (user), Ubuntu subsystem lavora su NT (kernel). Ovvero Ubuntu subsystem lavora allo stesso livello di Windows, non sopra Windows. Se per voi è lo stesso...
  • - Scritto da: Zucca Vuota
    > C'è però una "leggera" differenza: Wine lavora su
    > Linux (user), Ubuntu subsystem lavora su NT
    > (kernel).

    Il solito vizio di M$ che cosi' tutte le vulnerabilita' permettono a cani&porci di escalare privilegi, e un crash a livello applicativo tira giu' tutta la macchina.

    Sono passati 30 anni e siamo ancora al livello di sicurezza di ms-dos.

    > Ovvero Ubuntu subsystem lavora allo
    > stesso livello di Windows, non sopra Windows. Se
    > per voi è lo
    > stesso...

    Fai un po' tu.
  • Uno dei tuoi interventi più a sproposito! Semplicemente sublime nel dimostrare la tua scarsa conoscenza!

    Se non ci fossi bisognerebbe inventarti.
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: Zucca Vuota
    > > C'è però una "leggera" differenza: Wine
    > lavora
    > su
    > > Linux (user), Ubuntu subsystem lavora su NT
    > > (kernel).
    >
    > Il solito vizio di M$ che cosi' tutte le
    > vulnerabilita' permettono a cani&porci di
    > escalare privilegi, e un crash a livello
    > applicativo tira giu' tutta la
    > macchina.
    >
    > Sono passati 30 anni e siamo ancora al livello di
    > sicurezza di
    > ms-dos.
    >
    > > Ovvero Ubuntu subsystem lavora allo
    > > stesso livello di Windows, non sopra
    > Windows.
    > Se
    > > per voi è lo
    > > stesso...
    >
    > Fai un po' tu.

    Per loro questo e un qualcosa a is.
    non+autenticato
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: Zucca Vuota
    > > Linux (user), Ubuntu subsystem lavora su NT
    > > (kernel).
    >
    > Il solito vizio di M$ che cosi' tutte le
    > vulnerabilita' permettono a cani&porci di
    > escalare privilegi, e un crash a livello
    > applicativo tira giu' tutta la
    > macchina.

    Probabilmente non hanno avuto scelta. Le architetture dei due kernel (linux e nt) sono abbastanza differenti. Forse a Microsoft hanno visto che implementare alcune syscall in userland o era troppo difficile o ci voleva troppo tempo (quindi troppo costose).
    Avendo a disposizione la storia e l'esperienza di mingw si saranno fatti due conti. Considera che la loro soluzione fa girare su nt i binari non ricompilati di un'altra piattaforma. Non è uno scherzetto.
    Evidentemente, e qui ti do ragione, le ragioni commerciali hanno predominato sulle ragioni tecniche e di sicurezza.
    In ogni caso MS dichiara che il loro ambiente è destinato SOLO all'utilizzo in sviluppo e NON in produzione.
    Se poi qualche fesso (e ce ne saranno a centinaia) si fa trapanare il server in produzione.... c***i suoi...

    > Sono passati 30 anni e siamo ancora al livello di
    > sicurezza di
    > ms-dos.

    direi di no. ti ricordi i TSR?
    non+autenticato
  • Ma guarda un po'...
    La documentazione ufficiale riporta ESATTAMENTE ciò che ti dissi io: traduzione di syscall ed un wrapper Bash.exe che fa da loader per i binari ELF, in quanto il kernel non è tecnicamente in grado di riconoscerli, visto che non fa uso di magic number.

    Cos'è che dicevi? Non c'è nessun wrapper, Bash.exe è solo un cmd adattato... Rotola dal ridere

    Tra l'altro, guarda un po' di cosa si parla nella documentazione:
    All applications were PE/COFF executables, a set of libraries and services to implement the subsystem API and NTDLL to perform the NT system call.

    Toh, ma guarda. Si parla di formati binari e ti dice che il vecchio subsystem POSIX era praticamente come CygWin.

    Non c'è bisogno che vada a ripescare i post della nostra allegra discussione, vero?
    Che fai? Ti eclissi da solo o intendi fare ancora brutte figure?
    non+autenticato
  • Io e te non parliamo la stessa lingua.

    Sul fatto che Bash.exe attivi il processo di loading ti do ragione. Non so perché MS non abbia implementato il meccanismo in automatico visto che non vedo particolare problema a farlo (cosa c'entra il magic number nell'impedire la cosa non lo capisco). In realtà una idea ce l'ho ed è una considerazione puramente commerciale.

    Però tu sostenevi che c'era una versione di Bash particolare. Bash Linux non c'entra niente. Bash.exe è un'altra cosa. Si poteva anche chiamare pippo.exe. In questo caso serve solo a lanciare il programma attivando il linking/loading del sottosistema WSL.

    Oltre al vecchio subsystem POSIX (che non somiglia per niente a Cygwin - della serie continui a non capire) ho citato anche quello OS/2 per spiegare la natura a personalità multiple. Il fatto che tu dovessi ricompilare non è molto differente dal fatto di utilizzare un differente flavor di UNIX. Nel caso di OS/2 (1.0) non dovevi ricompilare nulla.

    Per caso eri tu che dicevi che il linker loader non era in grado di caricare i programmi? Guarda un po': questo WSL è in grado di eseguire eseguibili Linux. Non è un traduttore. I riferimenti a NTDLL lo rendono ancora più evidente perché NTDLL non è un pezzo di Win32 (ma tu probabilmente questo non lo sai).

    La traduzione delle syscall avviene sopra il kernel (e non su Windows) esattamente allo stesso livello di Win32. Cosa di questo non ti è ancora chiaro?
  • http://punto-informatico.it/b.aspx?i=4309620&m=431...

    Te lo ripeto di nuovo: ti eclissi da solo o vuoi davvero fare un'altra brutta figura?

    Sei proprio senza vergogna.
    non+autenticato
  • E tu continui a non sapere di cosa parli. Ma, come ho detto, io e te non parliamo la stessa lingua.

    Wine non è fatto così perché il kernel Linux non supporta questo tipo di approccio. NT invece è stato progettato in questo modo. Wine è un oggetto che gira sopra Linux (user mode), WSL è un oggetto che gira allo stesso livello di Windows.

    Tanto per fare un esempio, se nel codice di Wine trovo riferimenti alle funzioni di stdio.h, vuol dire che lavoro ad almeno 3 livelli dal kernel. Niente a che vedere con WSL.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 24 aprile 2016 08.57
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: Zucca Vuota
    > E tu continui a non sapere di cosa parli.
    Considerando che persino la documentazione di Microsoft mi dà ragione hai ben poco da contestare.
    Devi studiare e basta.

    > Wine non è fatto così perché il kernel Linux non
    > supporta questo tipo di approccio.
    E di nuovo a parlare di ca**ate.
    WINE opera in userspace perché non è un software per Linux.
    WINE è un software per sistemi POSIX/UNIX. Deve girare su una moltitudine di kernel completamente differenti tra loro: OSX, Linux, FreeBSD, OpenBSD, NetBSD, DragonFly BSD, Solaris, AIX, HP-UX e altri.

    Implementarlo in maniera mista (kernel+userspace) come il WSL vorrebbe dire creare n-driver per n-OS differenti, senza quindi condividere alcuna porzione di codice. Cosa che non è fattibile, data la dimensione del progetto.
    Senza contare che ti ho già spiegato che essendo il kernel NT closed source e non essendo quindi quella di WINE un'implementazione stabile, rischi di buttare giù i sistemi operativi in caso di crash, in quanto i loro kernel sono per lo più monolitici, a parte eccezioni come OSX e DF BSD.
    Per questo lo si è implementato come server.
    Non c'entra nulla con la capacità del kernel perché TUTTI gli OS di questo mondo possono fare traduzione delle syscall, vedasi FreeBSD e OpenBSD.
    Ma vedasi anche OpenSolaris e la branded zone lx64, da poco re-integrata su illumos.

    Stai facendo una brutta figura. Di nuovo.
    non+autenticato
  • certo che è divertente google che cresce a doppia cifra (16&) va così c0sì.. ma in fondo Apple papple e Microsoft che hanno assai più problemi non vanno poi tanto male....
    Rotola dal ridereRotola dal ridere
    Qui su PI tutto è veramente fantastico!
    Ragazzi
    Vi adoro...
    Siete molto meglio di Zelig!
    non+autenticato
  • > Qui su PI tutto è veramente fantastico!
    > Ragazzi
    > Vi adoro...
    > Siete molto meglio di Zelig!

    Ma più che altro, nell'improbabilissimo e remotissimo caso in cui ci siano marhette arrivate come per magia,
    non si potrebbero condividere anche con gli affezionatissimi lettori?

    Che diventerebbero ancora più affezionatissimi, tra l'altroSorride
    non+autenticato
  • - Scritto da: xx tt
    > > Qui su PI tutto è veramente fantastico!
    > > Ragazzi
    > > Vi adoro...
    > > Siete molto meglio di Zelig!
    >
    > Ma più che altro, nell'improbabilissimo e
    > remotissimo caso in cui ci siano marhette
    > arrivate come per magia,
    >
    > non si potrebbero condividere anche con gli
    > affezionatissimi
    > lettori?
    >
    > Che diventerebbero ancora più affezionatissimi,
    > tra l'altro
    >Sorride


    Le markette sono già previste all'atto della stipula della publicità.Pirata
    non+autenticato
  • Il cloud non esiste.
    Esiste solo il computer di qualcun altro. [cit]

    E buona inc*lata a tutti! A bocca aperta
    non+autenticato
  • il cloud senza office come sarebbe?Occhiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: Bandai
    > il cloud senza office come sarebbe?Occhiolino
    + o - come il marciapiedi se i padroni dei cani fossero educati... più pulito.
    A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: er canaro
    > - Scritto da: Bandai
    > > il cloud senza office come sarebbe?Occhiolino
    > + o - come il marciapiedi se i padroni dei cani
    > fossero educati... più
    > pulito.
    > A bocca aperta

    Non ce credo. Lo sporco non viene facilmente via! Occhiolino
    non+autenticato