Alfonso Maruccia

Modchip DS, Nintendo perde a Catania

A sorpresa, una importante sconfitta della corporation nipponica nei tribunali italiani: modchip come R4 non possono essere ritenuti illegali se permettono di far girare software homebrew sulla console

Roma - Dal Tribunale di Catania arriva una sentenza che non piacerà a Nintendo, società da tempo attiva nella difesa delle sue proprietà intellettuali nelle aule giudiziarie italiane e non: le cartucce R4 importate da un imprenditore della città siciliana non infrangono la legge, hanno stabilito i giudici, così come non è illegale far girare il software "alternativo" non approvato da Nintendo sulle console portatili della linea DS.

Le cartucce importate dall'imprenditore catanese non costituiscono una violazione "a prescindere" delle protezioni anticopia degli handheld DS, hanno stabilito i giudici, perché il connettore R4 non è di per sé "idoneo a bypassare i sistemi di protezione della console", limitandosi piuttosto a fare da intermediario fra la console e una scheda di memoria SD esterna.

A occuparsi della vicenda è stato lo Studio Legale Franzone, che ha difeso gli interessi dell'imprenditore suddetto e ora sottolinea l'importanza di una sentenza che, per la prima volta in Italia, dà torto alla corporation di Zelda e Super Mario nell'ambito dei modchip usati per bypassare le DRM delle console.
La sentenza del tribunale siciliano ha riconosciuto l'impiego "alternativo" delle cartucce R4 come la fruizione di giochi freeware e software homebrew, fatto in casa, ricorda lo studio legale Franzone in una nota fatta pervenire a Punto Informatico, uno scenario che è stato del resto già contemplato e sostenuto in ambito comunitario dalla Corte di Giustizia Europea. "Le misure tecnologiche di protezione installate dal produttore - sottolinea dunque l'avvocato Franzone - non consentono di limitare l'uso di software alternativo a quello ufficiale se si tratta di opere che non hanno la finalità prevalente di violare le predette misure tecniche di protezione".

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • Diritto & InternetModchip, Nintendo vince a MilanoIl Tribunale ha stabilito che le modifiche alla console commercializzate dalla fiorentina PCBox siano orientate principalmente alla pirateria e ha legittimato i sistemi DRM di Nintendo, ritenuti proporzionati allo scopo
  • Diritto & InternetModchip, Firenze tifa DRMIl rivolo fiorentino del tortuoso contenzioso che vede contrapposti Nintendo e PCBox giunge ad una condanna per l'azienda dei modchip: i DRM di Wii e DS sono adeguati, scavalcarli č reato
  • Diritto & InternetModchip e DRM, l'uso fa l'abusoI lucchetti anticontraffazione hanno l'effetto collaterale di depotenziare le console, i modchip le affrancano dalle limitazioni imposte dall'industria. Se i modchip scardinassero sistemi DRM mirati al solo contrasto della pirateria, la situazione cambierebbe? Dopo il parere della Corte di Giustizia dell'Unione Europea, ora tocca all'Italia
  • AttualitàLa Cassazione non scagiona i modchipLa Corte ha annullato la sentenza di un tribunale del riesame che legittimava le modifiche per console. Gli editori di videogiochi esultano, ma le motivazioni della decisione non sono ancora state rese note
33 Commenti alla Notizia Modchip DS, Nintendo perde a Catania
Ordina
  • Stanno discutendo della legalità dei coltelli che possono sia tagliare il salame che uccidere?
    Se i costruttori vogliono veramente fermare la pirateria con cose tipo R4 (quella della Renault non può essere fermata), allora basta che si impegnino.
    Un aifòn capisce se hai collegato un cavetto, un caricatore o anche solo un auricolare non originale.
    Figuriamoci se uno handheld!
    A meno che la pirateria non ti faccia comodo per la vendita dei dispositivi e le cause le fai per non fare incazzare le software house.
    Nel qual caso ...
  • Guarda che software homebrew significa appunto fatto in casa.
    Non c'è pirateria in questo caso.
    E' come se la casa costruttrice del coltello ti obbligasse a tagliarci solo gli alimenti forniti da lei e ti facesse causa se tu tagliassi altre cose.
    Quanto alla R4 è chiaro che si tratta di una storia legalese, e sappiamo quanto la legge sia autoriferita e molte volte lontana dal mondo reale.
    non+autenticato
  • Esattamente quello che dico anche io.
    Perché discutere se l'R4 sia legale o meno? La decisione sta nelle mani di Nintendo, non del giudice.
    Se Nintendo volesse permettere homebrew ma evitare la pirateria, potrebbe farlo. Stesso vale se non volesse né l'uno né l'altra.
    R4 e tecnologie simili esistono da non meno di 7 o 8 anni! E Nintendo lo sa.
    Mi sembra chiaro, invece, che Nintendo non vuole scontentare le software house (che portano utenti) e nemmeno gli utenti (che portano soldi).

    Non ho le prove, ma credo che il 99.99% delle R4 non serva per far girare homebrew!
  • - Scritto da: Uqbar


    > R4 e tecnologie simili esistono da non meno di 7
    > o 8 anni! E Nintendo lo
    > sa.

    Sono 12 per la R4 revolution e 18 anni per la ezflash. Le 160 milioni di console DS/DSi le hanno vendute grazie a questo ipo di schede. Adesso sputano nel piatto dove hanno mangiato per anni. Come le putt*ne che si fanno schiarire l'an*.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Joop
    > Guarda che software homebrew significa appunto
    > fatto in
    > casa.
    > Non c'è pirateria in questo caso.

    Tutto giusto e tutto bello, peccato che per uno che scriva SW homebrew ce ne sono 1000 che ci fanno girare i giochini piratati coperti da copyright.

    Quindi é NORMALISSIMO che Nintendo non veda la R4 di buon occhio.

    PS : Se dicessi che della gente che c'é qui dentro e che possiede una R4 solo uno , e solo per vedere l'effetto che fa leggere "Hello World", ha scritto sw homebrew starei esagerando.
  • allora se uno fa una rapina con una automobile cosa fai? proibisci tutte le automobili?
    non+autenticato
  • Se per 1000 auto vendute 999 vengono usate per fare rapine in banca mi aspetto blocchi stradali ogni 100 metri.
  • - Scritto da: aphex_twin
    > Se per 1000 auto vendute 999 vengono usate per
    > fare rapine in banca mi aspetto blocchi stradali
    > ogni 100
    > metri.

    Arrampicata di specchi leggendaria.
    Quindi tu incolpi il mezzo ma non l'utilizzo. Allora aboliamo le mura domestiche perché la maggioranza dei crimini avvengono li.
  • - Scritto da: aphex_twin
    >
    > Tutto giusto e tutto bello, peccato che per uno
    > che scriva SW homebrew ce ne sono 1000 che ci
    > fanno girare i giochini piratati coperti da
    > copyright.
    >

    Vero.

    > Quindi é NORMALISSIMO che Nintendo non veda la R4
    > di buon occhio.
    >

    Vero anche questo, ma la legge non dovrebbe tutelare la Nintendo a scapito di tutti gli altri. Se proibisci la vendita di qualcosa che prevede un utilizzo legale oltre a quello illegale, limiti la libertà di qualcuno. In uno stato di diritto non vieteresti a priori la vendita dello strumento, ma andresti a colpire chi lo utilizza in maniera illegale.
    Impossibile farlo con le console, i piratacci rimarrebbero impuniti? Cara Nintendo, benvenuta in Italia, dove qualcosa come il 90 e rotti percento dei reati (cosa che l'utilizzo di R4 non è) rimane del tutto impunito. Nessuno mi ha rimborsato quando mi hanno aperto il box, nessuno è stato arrestato, e una violazione di domicilio è un po' peggio del copiarsi un giochino. Il fatto che i grandi industriali ottengano leggi speciali che li tutelano più di un comune cittadino, è veramente una schifezza fuori da ogni logica degna di uno stato di diritto.
    Izio01
    4061
  • un pedofilo potrebbe adescare bambini con una console nintendo originale e sw nintendo originale.
    Quindi vietiamo le console nintendo?
    non+autenticato
  • - Scritto da: prova123
    > un pedofilo potrebbe adescare bambini con una
    > console nintendo originale e sw nintendo
    > originale.
    > Quindi vietiamo le console nintendo?

    Non sarebbe meglio vietare la pedofilia? Newbie, inesperto
  • RICORDA: LA TUA VITA VALE DI MENO SE HAI UN PENE IN MEZZO ALLE GAMBE.

    FATTI CHE LO DIMOSTRANO: http://it.avoiceformen.com/dati-discriminazione/
  • - Scritto da: bubba
    > [img]http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons
    >
    > non e' niente male, no?A bocca aperta

    non le costruiscono piu' cosi le macchine ormai tra spessore lamiera e plastica le puoi accartocciare come la stagnola che ricopre un panino
    non+autenticato
  • - Scritto da: tritone

    > non le costruiscono piu' cosi le macchine

    E meno male
    non+autenticato
  • - Scritto da: tritato
    > - Scritto da: tritone
    >
    > > non le costruiscono piu' cosi le macchine
    >
    > E meno male

    mica tanto basta un piccolo incidente e ti rivrovi un cartoccio pronto per la fonderia
    non+autenticato
  • - Scritto da: tritone
    > - Scritto da: tritato
    > > - Scritto da: tritone
    > >
    > > > non le costruiscono piu' cosi le
    > macchine
    > >
    > > E meno male
    >
    > mica tanto basta un piccolo incidente e ti
    > rivrovi un cartoccio pronto per la
    > fonderia

    La R4 sarà anche stata robusta (non lo so, mai avuta) ma era orrenda.

    E non mi vorrai mica dire che le macchine di una volta erano tutte solide? Guarda che ho avuto una Panda (vecchio modello) e ti posso dire che era di gran lunga la macchina meno sicura che abbia mai guidato in vita mia... un vero aborto che non avrebbe dovuto manco passare i test di sicurezza se fossero stati fatti seriamente.
    non+autenticato
  • OT
    lo so con la nintendo non ha nulla a che fare

    Il cambiamento di automobili ben carrozzate con quelle plastica e utilizzo di lamiere piu' fini e' stato costante ma e' accellerato tra la fine degli anni 70 e l'inizio degli anni 80 ed in piu' i paraurti sono diventati esclusivamente estetici a parare l'urto adesso e' il motore o il baule
    non+autenticato
  • - Scritto da: tritone
    > - Scritto da: tritato
    > > - Scritto da: tritone
    > >
    > > > non le costruiscono piu' cosi le
    > macchine
    > >
    > > E meno male
    >
    > mica tanto basta un piccolo incidente e ti
    > rivrovi un cartoccio pronto per la
    > fonderia

    Quelle vecchie non si ammaccavano nemmeno se ti schiantavi contro un muro, in compenso tu ti ritrovavi sparato attraverso il parabrezza e spalmato sul muro visto che non si usavano nemmeno le cinture...
    Funz
    12979
  • E' con immensa soddisfazione che accogliamo questa sentenza di illuminismo e democrazia, che riporta modernita' in quella becera concezione medievale del processo alle intenzioni.

    Lo strumento e' neutro. Sempre e comunque neutro.

    Il maligno (o meglio, l'intermediario parassita che vede nello strumento un attentato ai suoi redditi di immeritata nullafacenza) deve mettersi il cuore in pace.

    Lo strumento e' neutro.

    Al massimo e' l'uso improprio ad essere condannabile, ma dopo, mai prima!
  • Sono sopreso pure io che proprio in italia sia prevalso il buonsenso sopra il denaro, da applauso.


    - Scritto da: panda rossa
    > E' con immensa soddisfazione che accogliamo
    > questa sentenza di illuminismo e democrazia, che
    > riporta modernita' in quella becera concezione
    > medievale del processo alle
    > intenzioni.
    >
    > Lo strumento e' neutro. Sempre e comunque neutro.
    >
    > Il maligno (o meglio, l'intermediario parassita
    > che vede nello strumento un attentato ai suoi
    > redditi di immeritata nullafacenza) deve mettersi
    > il cuore in
    > pace.
    >
    > Lo strumento e' neutro.
    >
    > Al massimo e' l'uso improprio ad essere
    > condannabile, ma dopo, mai
    > prima!
    non+autenticato
  • - Scritto da: panda rossa

    > Lo strumento e' neutro. Sempre e comunque neutro.


    Purtroppo NON è vero. Lo strumento, al contrario, NON è mai neutro.

    Ti faccio un esempio banale: possedere un coltello non è lo stesso che possedere un candelotto di dinamite... certo, puoi entrambi usarli in modo positivo, per tagliare il pane o scavare la roccia, e puoi usarli entrambi puoi uccidere... ma l'effetto del loro uso per uccidere NON è lo stesso... e non è lo stesso il "potere" che deriva dal loro semplice possesso...

    Una tecnologia quanto più avanzata, costosa, potente, pervasiva non è intrinsecamente neutra, fosse anche solo perché non tutti la possono avere, e il solo fatto che questa tecnologia esista produce delle conseguenze affatto neutre (basta solo pensare alle relazioni di potere che innesca solo perché esiste...).

    La presunta neutralità delle tecnologie è una BALLA colossale che, guarda caso, viene propugnata e spacciata da chi (stati, militari, multinazionali ecc.) detiene o controlla proprio quelle tecnologie il cui impatto intrinseco (e di per sè quindi non neutro) in termini di potere politico ed economico è maggiore...
    non+autenticato
  • - Scritto da: x neutral
    > - Scritto da: panda rossa
    >
    > > Lo strumento e' neutro. Sempre e comunque
    > neutro.
    >
    >
    > Purtroppo NON è vero. Lo strumento, al contrario,
    > NON è mai
    > neutro.

    Figuriamoci!
    Lo strumento e' neutro per definizione.
    Se ne sta buono buono chiuso in un cassetto finche' qualcuno non decide di usarlo.

    > Ti faccio un esempio banale: possedere un
    > coltello non è lo stesso che possedere un
    > candelotto di dinamite... certo, puoi entrambi
    > usarli in modo positivo, per tagliare il pane o
    > scavare la roccia, e puoi usarli entrambi puoi
    > uccidere... ma l'effetto del loro uso per
    > uccidere NON è lo stesso... e non è lo stesso il
    > "potere" che deriva dal loro semplice possesso...

    Ok, ti concedo l'uccidere. Non ho voglia di scendere in discussioni filosofiche, e gli strumenti che possono nuocere alla vita umana possiamo trattarli in modo preferenziale.

    Ma qui stiamo parlando di una R4.

    > Una tecnologia quanto più avanzata, costosa,
    > potente, pervasiva non è intrinsecamente neutra,
    > fosse anche solo perché non tutti la possono
    > avere, e il solo fatto che questa tecnologia
    > esista produce delle conseguenze affatto neutre
    > (basta solo pensare alle relazioni di potere che
    > innesca solo perché
    > esiste...).

    E invece sta succedendo proprio il contrario: la tecnologia col suo progredire, mette nelle mani di chiunque cose che fino a pochi anni fa erano solo prerogativa dei governi delle nazioni piu' avanzate.

    > La presunta neutralità delle tecnologie è una
    > BALLA colossale che, guarda caso, viene
    > propugnata e spacciata da chi (stati, militari,
    > multinazionali ecc.) detiene o controlla proprio
    > quelle tecnologie il cui impatto intrinseco (e di
    > per sè quindi non neutro) in termini di potere
    > politico ed economico è
    > maggiore...

    Ma qui stiamo parlando di una R4, che finalmente, dopo questa sentenza, potremmo vedere in commercio o magari venduta in offerta assieme al nintendo, in confezione regalo.
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: x neutral
    > > - Scritto da: panda rossa
    > >
    > > > Lo strumento e' neutro. Sempre e > comunque
    > > neutro.
    > >
    > > Purtroppo NON è vero. Lo strumento, al contrario,
    > > NON è mai neutro.
    >
    > Figuriamoci!
    > Lo strumento e' neutro per definizione.
    > Se ne sta buono buono chiuso in un cassetto
    > finche' qualcuno non decide di usarlo.

    Se -per risponderti con tuo esempio per quanto limitato/ivo- lo strumento rchiede di per sè un cassetto "speciale" che solo alcuni possono avere o gestire, allora lo strumento NON è neutro...

    > > Ti faccio un esempio banale: possedere un
    > > coltello non è lo stesso che possedere un
    > > candelotto di dinamite... [...]

    > Ok, ti concedo l'uccidere. Non ho voglia di
    > scendere in discussioni filosofiche, e gli
    > strumenti che possono nuocere alla vita umana
    > possiamo trattarli in modo preferenziale.

    non si tratta (solo) di filosofia

    > Ma qui stiamo parlando di una R4.

    potrebbe essere un software crittografico, o una bomba nucleare, o la tecnologia per un virus, o un farmaco per l'aids o per l'epatite c....

    il discorso non cambia di una virgola

    > > Una tecnologia quanto più avanzata, costosa,
    > > potente, pervasiva non è intrinsecamente neutra,
    > > fosse anche solo perché non tutti la possono
    > > avere, e il solo fatto che questa tecnologia
    > > esista produce delle conseguenze affatto neutre
    > > (basta solo pensare alle relazioni di potere che
    > > innesca solo perché esiste...).
    >
    > E invece sta succedendo proprio il contrario: la
    > tecnologia col suo progredire, mette nelle mani
    > di chiunque cose che fino a pochi anni fa erano
    > solo prerogativa dei governi delle nazioni piu'
    > avanzate.

    lo credi davvero? governi e multinazionali hanno tecnologie che neanche sappiamo esistere o che vengono date alle persone comuni solo dopo molti anni e adeguatamente "depotenziate"...

    prendi le stampanti 3d... sai da quanto esistono? e cosa ci si può davvero fare? credi davvero che le persone comuni possano disporre delle conoscenze, dei soldi ecc. ecc. necessarie per "avere tra le mani" le stesse tecnologie di stampa 3d che hanno i governi (e i militari in primis)???

    > > La presunta neutralità delle tecnologie è una
    > > BALLA colossale che, guarda caso, viene
    > > propugnata e spacciata da chi (stati, militari,
    > > multinazionali ecc.) detiene o controlla proprio
    > > quelle tecnologie il cui impatto intrinseco (e di
    > > per sè quindi non neutro) in termini di potere
    > > politico ed economico è
    > > maggiore...
    >
    > Ma qui stiamo parlando di una R4, che finalmente,
    > dopo questa sentenza, potremmo vedere in
    > commercio o magari venduta in offerta assieme al
    > nintendo, in confezione regalo.

    Certo e la cosa mi fa solo piacere (al rogo i DRM!!!)...

    Ma il discorso sulla NON neutralità degli strumenti che vale per una R4 vale pari pari per tutto il resto...

    E valeva pure 10.000 anni fa, solo che le potenzilità di potere e controllo INSITE (= NON neutrale) nelle tecnologie attuali sono ben altre rispetto al passato (ieri chiunque poteva replicare e usare la tecnologia "fuoco" o "ruota", oggi molto molto molto difficilmente chiunque può avere la tecnologia "bomba H" o "drone bombardiere intercontinentale" o "google-che-so-tutto-di-te"...)
    non+autenticato
  • Potere e controllo dipendono da intelligenza e/o stupidità, uno strumento non ha nessun potere e/o controllo a meno che non abbia coscienza di se stesso. E' sempre la "mano" che utilizza lo strumento che ne determina il potere ed il controllo che può operare.
    La neutralità è addirittura insita nell'uomo, che poi la perde appena prende in mano un qualsiasi strumento ed inizia ad usarlo.
    non+autenticato
  • Lo strumento in quanto strumento e' neutro , e questa e' una tautologia ,
    perche' si perda la neutralita' dello strumento lo stesso deve essere in grado di agire in autonomia su pensiero proprio , ovviamente il fatto di possederlo ( lo strumento ) non e' neutro finche' non e' a disposizione di tutti ( sempre lo strumento )
    non+autenticato
  • - Scritto da: panda rossa
    > E' con immensa soddisfazione che accogliamo
    > questa sentenza di illuminismo e democrazia, che
    > riporta modernita' in quella becera concezione
    > medievale del processo alle
    > intenzioni.
    >
    > Lo strumento e' neutro. Sempre e comunque neutro.

    Ma io direi che è più che neutro, è neutro Roberts! Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere

    A bocca storta
    non+autenticato