Marco Calamari

Quiz di Cassandra/ Otto lettere, inizia per O

di M. Calamari - La storia dei pionieri che hanno animato la rivoluzione industriale italiana negli anni Sessanta è una premessa spesso ignorata. Indispensabile a gettare le basi per l'avvento della Rete nello Stivale

Roma - L'ultima esternazione di Cassandra riguardo l'albero genealogico di internet in Italia si è amplificata nell'infosfera, ma contrariamente alle amplificazioni che distorcono il tema, provocano flame e quant'altro, il dibattito si è mantenuto su livelli qualitativi alti.

Gli instancabili 23 lettori potranno approfondire: punti di vista e posizioni molto distanti si sono affrontati, ed i ricordi diversi di persone probabilmente in perfetta buonafede hanno manifestato le loro assonanze e dissonanze.
Volendo riassumere un dibattito ed i commenti che ha suscitato, a Cassandra viene da concludere che tra tutti gli attori (alcuni intellettualmente poco onesti) ci sia una maggioranza che altrettanto onestamente ignora la storia della rivoluzione industriale italiana del dopoguerra ed in particolare degli anni '60.

All'inizio degli anni '60 in italia c'erano "eretici" degni dei celebratissimi eroi dell'industria americana. Ed erano anche arrivati prima. Jobs, Wozniak, Gates, Hewlett e Packard non erano ancora intenti a spippolare nei loro garage.
Francamente la questione della paternità di Internet in Italia non merita nemmeno una seconda Cassandra, visto che si tratta di una squallida operazione mediatica. Vale magari la pena ripetere, perché qualche distorsione si è ben manifestata, che Cassandra, come aveva già detto, non rivendica nessuna paternità o "nonnità", visto che il 7 gennaio 1986 Internet se l'è già trovata bella pronta nel suo primo giorno di lavoro in Olivetti.

E da quest'ultima parola di otto lettere nasce il tema di oggi. Già, Olivetti. Sgravandosi della fascinazione che i suoi ricordi esercitano ancora in maniera possente su Cassandra, c'è una cosa che il summenzionato dibattito fa rilevare, e cioè la mancanza di informazione storica su Olivetti, che è fatta non solo di terribili vuoti ma anche di altrettanto sorprendenti banalizzazioni.
Da dove cominciare?

Parlare di Adriano Olivetti o di una generazione di italiani che celebra la tecnologia dimenticando casa propria ed i fatti di un piccolo mondo industriale mai passati alla storia?

Di teorie del complotto? Nel 1960 c'erano Enrico Mattei, Adriano Olivetti, Felice Ippolito e Mario Tchou; nel 1965 erano tutti morti o in galera.

Di grandi conquiste o di grandi occasioni perdute? Dove era allora lo Stato che oggi spende soldi per celebrare l'inesistente?

Parlare dei giovani marziani che oggi vanno al liceo o della cultura a "macchia di leopardo" dei giovani che si affacciano sul mondo, lavoro, famiglia o politica che sia? Perlopiù non è colpa loro: sono frutti, o piuttosto vittime dell'information overload e della pochezza e disonestà intellettuale che albergano così abbondanti nel Belpaese.

No, non serve parlare ancora. "Coloro che non conoscono la Storia..."

Marco Calamari
Lo Slog (Static Blog) di Marco Calamari
L'archivio di Cassandra/ Scuola formazione e pensiero
Notizie collegate
22 Commenti alla Notizia Quiz di Cassandra/ Otto lettere, inizia per O
Ordina
  • Ah, ancora con questa menata atroce della storia Pollivetti (suona meglio!). Che du palle.

    Quello che si sa per certo é che OGGI olivetti non conta un cazzo e non conterà mai un cazzo anche in futuro.

    In un paese normale dalla storia si impara come costruire il futuro imparando dai propri errori, in Italia non va un cazzo perché la gente dalla storia al massimo impara ad autocommiserarsi.

    Hp, apple, microsoft? Non puoi metterli sullo stesso piano di chi ha fallito prima ancora di diventare grande davvero.

    E il linguaggio é quello che é perché le stronzate che leggo sono sempre le stesse.
    non+autenticato
  • Non dire così, oggi possiamo vantare gente del calibro di PERACOT TEAM.
    non+autenticato
  • azzo che fumo quello tra Somma e Lenzini...Sorride la polemica me l'ero persa.....   veramente mi ero perso (bit-rot? ) anche il nome di 'Somma'... ma mi e' tornato potente quando ho letto 'rivista Login'... ahem uhmh ci scrivevo anch'io li' sopraCon la lingua fuori Rotola dal ridere (ma il mio 'referente' era Mobily ) [si e' OTCon la lingua fuori ]

    Cmq il documentario sui 30 anni non l'ho visto... ma se prendiamo per buona la 'lettura' di Somma (aka non si parla di chi internet l'ha masticata sul campo, nonostante il contesto non aiutasse) immagino non ci sara' niente neanche del semi-amatoriale ma utilissimo Sunlink network (eh c'era Olivetti anche quiCon la lingua fuori Cala? ) e di altri gtw per umani (tipo mc-link o energy bbs ...ecc)
    non+autenticato
  • Leggendo, mi riemerge un bel ricordino;)

    Nel 2003 frequentavo il primo anno in una scuola di grafica e design (CH).
    C' era una lezione chiamata Storia della tipografia e c' era un tale Proff (I).

    Rammento l' individuo; Uomo anziano, calmo e distinto, uno che sapeva.
    Ci spiegava tra un esercizio e l' altro la sua esperienza in seno a l' Olivetti.
    Ancora vividi oggi gli esercizi: Scrittura in libertà, creare un font, ecc ecc.

    Di O, sapevo solo delle macchine da scrivere, LE MACCHINE DA SCRIVERE!!
    Oggi penso di O, che sia mancata in qualche maniera [Il salto della quaglia]. IMHO.

    Però dalle basi, tutti ci devono passare, o no?
    non+autenticato
  • O come la chiami tu é stata strozzata dai merregani che vogliono tenersi per se un settore strategico importantissimo.

    A te il tessile e il manufatturiero e a loro l' informatica e l' industria del software.

    Tutto regolare, hanno vinto la guerra e sono i nostri colonizzatori.

    L' itagliano medio queste cose le ignora perché "alla televisione non le ha viste".
    non+autenticato
  • l'italia dei "salotti buoni" si poteva permettere politicamente parlando una sola grande industria e non si chiamava olivetti e non era a Ivrea si chiamava FIAT e era a Torino.
    Il prezzo di tutte le scelte sbagliate di quel periodo lo paghiamo ancora oggi.
    non+autenticato
  • - Scritto da: No non ci pare
    > l'italia dei "salotti buoni" si poteva permettere
    > politicamente parlando una sola grande industria
    > e non si chiamava olivetti e non era a Ivrea si
    > chiamava FIAT e era a
    > Torino.
    > Il prezzo di tutte le scelte sbagliate di quel
    > periodo lo paghiamo ancora
    > oggi.

    Non vedo la contraddizione con quanto dice Calamari (guardando lo speudonimo, deduco che tu non sia d'accordo con l'autore). L'errore dei "salotti buoni" fu proprio il fatto di tenere in piedi aziende come Fiat invece di Olivetti. Il risultato è che oggi ci ritroviamo un'azienda straniera a tutti gli effetti (legali, fiscali, e in gran parte produttivi), che produce catorci a basso valore aggiunto, che per farlo ha bisogno di contratti e salari da europa dell'est importati anche in Italia, invece di un gigante tecnologico che competeva sulla qualità dei prodotti invece del costo del lavoro, che offriva condizioni lavorative invidiabili ai lavoratori, e che neanche si sarebbe sognato di spostare la sede all'estero.

    Il problema dell'Italia è proprio che gli imprenditori somigliano a marchionne invece che ad Adriano Olivetti.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Ci pare eccome

    > Il problema dell'Italia è proprio che gli
    > imprenditori somigliano a marchionne invece che
    > ad Adriano
    > Olivetti.

    Due righe perfette che sintetizzano la natura cancerogena dell'imprenditoria italiana, e il perchè tanti giovani emigrino.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Ci pare eccome
    > - Scritto da: No non ci pare
    > > l'italia dei "salotti buoni" si poteva
    > permettere
    > > politicamente parlando una sola grande industria
    > > e non si chiamava olivetti e non era a Ivrea si
    > > chiamava FIAT e era a
    > > Torino.
    > > Il prezzo di tutte le scelte sbagliate di quel
    > > periodo lo paghiamo ancora
    > > oggi.
    >
    > Non vedo la contraddizione con quanto dice
    > Calamari (guardando lo speudonimo, deduco che tu
    > non sia d'accordo con l'autore). L'errore dei
    > "salotti buoni" fu proprio il fatto di tenere in
    > piedi aziende come Fiat invece di Olivetti. Il
    > risultato è che oggi ci ritroviamo un'azienda
    > straniera a tutti gli effetti (legali, fiscali, e
    > in gran parte produttivi), che produce catorci a
    > basso valore aggiunto, che per farlo ha bisogno
    > di contratti e salari da europa dell'est
    > importati anche in Italia, invece di un gigante
    > tecnologico che competeva sulla qualità dei
    > prodotti invece del costo del lavoro, che offriva
    > condizioni lavorative invidiabili ai lavoratori,
    > e che neanche si sarebbe sognato di spostare la
    > sede
    > all'estero.
    >
    > Il problema dell'Italia è proprio che gli
    > imprenditori somigliano a marchionne invece che
    > ad Adriano
    > Olivetti.

    Ed io ci aggiungerei che anche il popolino somiglia sempre più hai leccaculo di marchionne.

    >Di teorie del complotto? Nel 1960 c'erano Enrico Mattei, Adriano Olivetti, Felice Ippolito e Mario Tchou; nel 1965 erano tutti morti o in galera.

    Ecco i più giovincelli di questo forum, usano SARCASTICAMENTE, una parola
    GOMBLOTTO!

    Ecco io aggiungerei date un'occhiata a quei nomi che di complotti ne escono quanti ne volete, e imparate qualcosa di reale, cioè che i complotti ci sono è sono tra noi!
    non+autenticato
  • Ecco in questo caso se deduci dal nick...
    Non hai tutti i torti
    A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: tre nick unn solo imbecille
    > Ecco in questo caso se deduci dal nick...
    > Non hai tutti i torti
    > A bocca aperta

    Si deduce che l'imbecille sei tu.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Un nick un imbecille

    > Si deduce che l'imbecille sei tu.
    Bravo hai capito tutto!
    Rotola dal ridereRotola dal ridere
    non+autenticato
  • - Scritto da: No non ci pare
    > - Scritto da: Un nick un imbecille
    >
    > > Si deduce che l'imbecille sei tu.
    > Bravo hai capito tutto!
    > Rotola dal ridereRotola dal ridere


    Caro leghista tua madre è stata fecondata da un negro, e sei venuto fuori tu cioccolatino sbiangato.

    FORA' dai ball i figli delle cagne sedotte dai negri! Rotola dal ridere
    non+autenticato
  • - Scritto da: il fuddaro

    > Caro leghista
    Il legaiolo (aka tre puntini aka nome e cognome aka dragon lord) sei tu o è uno come te il che per l'appunto non fa nessuna differenza a prescindere dal nick perchè mai dovrei sprecare tempo a distinguervi invece che darvi degli imbecilli tutti assieme?
    Ammetterai che è più semplice no?
    Ficoso
    non+autenticato
  • - Scritto da: Ci pare eccome
    > - Scritto da: No non ci pare
    > > l'italia dei "salotti buoni" si poteva
    > permettere
    > > politicamente parlando una sola grande industria
    > > e non si chiamava olivetti e non era a Ivrea si
    > > chiamava FIAT e era a
    > > Torino.
    > > Il prezzo di tutte le scelte sbagliate di quel
    > > periodo lo paghiamo ancora
    > > oggi.
    >
    > Non vedo la contraddizione con quanto dice
    > Calamari
    Neanche io..
    A bocca aperta
    > (guardando lo speudonimo, deduco che tu
    Cioè tu deduci dallo "pseudonimo" ciò che leggi invece che dal contenuto?
    Figo!
    Un po come scambiare un puntatore con ciò a cui il puntatore stesso punta!
    Prosegui così farai strada!
    Rotola dal ridereRotola dal ridere
    non+autenticato
  • - Scritto da: Nonon ci pare
    > - Scritto da: Ci pare eccome
    > > - Scritto da: No non ci pare
    > > > l'italia dei "salotti buoni" si poteva
    > > permettere
    > > > politicamente parlando una sola grande
    > industria
    > > > e non si chiamava olivetti e non era a Ivrea
    > si
    > > > chiamava FIAT e era a
    > > > Torino.
    > > > Il prezzo di tutte le scelte sbagliate di quel
    > > > periodo lo paghiamo ancora
    > > > oggi.
    > >
    > > Non vedo la contraddizione con quanto dice
    > > Calamari
    > Neanche io..
    > A bocca aperta
    > > (guardando lo speudonimo, deduco che tu
    > Cioè tu deduci dallo "pseudonimo" ciò che leggi
    > invece che dal
    > contenuto?
    > Figo!
    > Un po come scambiare un puntatore con ciò a cui
    > il puntatore stesso
    > punta!
    > Prosegui così farai strada!
    > Rotola dal ridereRotola dal ridere


    Non si capisce bene, dove vuole arrivare lo scemotto, che insiste con sto fatto dei nick. Io una qualche idea me la sono fatta pero.
    non+autenticato