Alfonso Maruccia

Symantec, un bug nella sicurezza

Un noto cacciatore di bug dà il tormento al software della corporation americana identificando una vulnerabilità molto pericolosa, un problema multi-piattaforma per cui è già in via di distribuzione una patch

Roma - Tavis Ormandy ha individuato una pericolosa vulnerabilità nell'engine antivirale alla base della gran parte del software di sicurezza commercializzato da Symantec, un problema che coinvolge tutte le piattaforme informatiche con vari livelli di gravità e per cui già sono in arrivo i primi "cerotti" virtuali.

Ormandy, attuale membro del Project Zero di Google e noto cacciatore di bug nei software di sicurezza, ha scovato la nuova falla nel modo in cui l'engine Symantec gestisce i file eseguibili compressi con certe versioni del tool Aspack.

Se l'engine viene in contatto con una sezione di dati troncata, ha spiegato l'hacker white hat, il corrispondente software antivirale genera un errore di buffer overflow; quel che è peggio, ha detto ancora Ormandy, è che Symantec usa un driver-filtro per intercettare tutte le operazioni di I/O del sistema: basta inviare una mail o un link per compromettere il PC della vittima e aprire le porte all'esecuzione di codice malevolo da remoto.


Il bug scoperto da Ormandy riguarda i software Symantec per sistemi Windows, Linux e OS X, ma il rischio non è lo stesso: sugli OS del Pinguino il peggio è la conquista dell'accesso root al PC, mentre su Windows l'engine antivirale viene caricato direttamente nel kernel dell'OS e può quindi generare errori da "kernel panic" con tanto di possibile BSOD o peggio.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • SicurezzaSymantec: l'antivirus è mortoInizia una nuova era per il produttore di Norton. Le protezioni anti-malware non bastano più. Per tenere testa alle minacce moderne occorre prevedere un approccio che ha quasi del fantascientifico (ma è già realtà)
5 Commenti alla Notizia Symantec, un bug nella sicurezza
Ordina