Alfonso Maruccia

Safari alla guerra dei plug-in Web

Gli sviluppatori del browser per Mac annunciano un'importante novità in arrivo assieme a macOS Sierra, con i plug-in esterni che verranno trattati come componenti opzionali, da scaricare a parte in ogni caso

Roma - I programmatori di Safari hanno intenzione di pensionare i plug-in Web a partire dalla prossima versione del browser della Mela, un'evoluzione del browser standard per sistemi Mac pensata per ridurre ulteriormente l'uso di componenti quali Flash e Silverlight da parte di sviluppatori e designer di siti Web.

Il cambiamento verrà introdotto a partire da Safari 10, in arrivo con la nuova versione del sistema operativo che poterà il nome di macOS Sierra, e sarà "semi-permanente": al layout engine WebKit verrà impedito di far girare i succitati Adobe Flash, Microsoft Silverlight ma anche Oracle Java a meno che l'utente non decida di installare i componenti di sua spontanea volontà.

I siti Web interessati alla compatibilità assoluta con i Mac dovranno quindi fare uso esclusivo di HTML5 e di altre tecnologie "sostitutive" dei plug-in multimediali, uno sviluppo che ben si sposa con la guerra contro Flash avviata in quel di Cupertino quando Steve Jobs era ancora vivo.
Ovviamente Safari non è solo, in questo tentativo di ridurre al minimo indispensabile l'impiego di Flash sul Web "moderno", anche se altrove si procede ancora per gradi: Google Chrome tratterà ad esempio Flash come un componente opzionale ma continuerà a fornirne una versione aggiornata e a prevedere una whitelist di siti su cui il plug-in verrà caricato in ogni caso.

Il mantra delle grandi corporation di rete - che vogliono sostituire i file binari a codice chiuso di Flash con i blob binari a codice blindato delle DRM - è che i plug-in esterni rappresentino un problema per la stabilità e la sicurezza dei browser per computer: le cronache informatiche quotidiane danno ovviamente ragione a questa versione, visto che l'immancabile Flash è al momento affetto dalla solita vulnerabilità 0-day già attivamente sfruttata dai cyber-criminali.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • TecnologiaWWDC 2016, Apple aggiorna l'ecosistemadi D. Galimberti - MacOS Sierra e iOS10, ma anche watchOS e tvOS: Cupertino anticipa le novità software dei prossimi mesi, all'insegna dell'apertura alle app di terze parti
  • TecnologiaFlash su Chrome sarà opzionaleGli sviluppatori di Google lavorano a una nuova modalità di gestione del plug-in Adobe, un meccanismo pensato per ridurre ulteriormente l'uso della tecnologia multimediale da parte di sviluppatori e utenti
  • TecnologiaFirefox 47, più DRM per tuttiMozilla rilascia la nuova versione del suo browser Web, un progetto sempre più incentrato sulle esigenze dei colossi di rete. Firefox 48 promette invece l'integrazione di Electrolysis
2 Commenti alla Notizia Safari alla guerra dei plug-in Web
Ordina