Pierluigi Sandonnini

Pornhub racconta il porno ai ciechi

Il celebre portale lancia una sezione composta da cinquanta filmati con audio-descrizione delle imprese sullo schermo. Ci sono milioni di potenziali clienti da guadagnare

Roma - Domandereste mai a un cieco se ama guardare il porno? Certamente sarebbe una domanda di cattivo gusto, anche se posta per scherzo. Eppure i ciechi o ipovedenti seguono correntemente i programmi televisivi, ascoltandone l'audio e, ove disponibile, l'audio descrizione. Una voce descrive ciò che gli attori fanno sullo schermo e ciò che non è possibile capire dalle voci, aiutando la comprensione soprattutto laddove la sceneggiatura non prevede dialoghi. La notizia che sta facendo il giro del web è che il colosso del video-sharing porno, Pornhub, ha lanciato l'audio descrizione di alcuni filmati a luci rosse, rendendo in qualche modo "accessibili" i contenuti hard anche a chi non può vederli.

La sezione conta per ora cinquanta filmati dei più popolari siti porno. Ce n'è un po' per tutti gusti e generi: gay, amicizia tra donne, bi e tran-sessuali e altro ancora. Ma è possibile rendere il clima di eccitamento di un video porno a parole, anziché con le immagini? Quelli di Pornhub ci provano, accompagnando l'audio originale (già di per sé piuttosto esplicito) con descrizioni riguardo le posizioni degli attori, il loro aspetto fisico, quello che indossano (o non indossano).

"Il nostro obiettivo è assecondare ogni desiderio degli utenti" ha dichiarato Corey Price, vicepresidente di Pornhub. "Selezioniamo i video che possono essere meglio di altri narrati e descritti nei dettagli. Cerchiamo di descrivere tutto ciò che può dare all'utente la migliore esperienza e che non può essere tratto dall'audio originale".
L'iniziativa è stata accolta con favore dall'American Council of the Blind, l'organismo nazionale per i ciechi. "Le persone cieche hanno diritto ad accedere al porno così come alle commedie di Shakespeare o a qualsiasi altro genere di video" ha affermato Joel Snyder, direttore del progetto di audio-descrizione. Pur approvando la mossa, Snyder non nasconde che le motivazioni che hanno spinto Pornhub a mettere in atto questa iniziativa non siano del tutto altruistiche: "In America ci sono oltre 21 milioni di persone cieche o con gravi problemi di vista. Una comunità grande e con un discreto potere di acquisto". Senza contare che, in tutto il mondo, le persone che non riescono a vedere sono 285 milioni.

Strano, ma vero, l'iniziativa sull'accessibilità è stata portata avanti dalla divisione filantropica di Pornhub, chiamata Pornhub Cares, la stessa che ha lanciato una linea di abbigliamento per denunciare le violenze domestiche e una campagna contro il cancro al seno, chiamata "Save the Boobs", in cui il servizio web dedicato al porno donava 1 centesimo per ogni trenta video appartenenti alle categorie "big tit" e "small tit" visionati dagli utenti.

Pornhub è la prima organizzazione a rendere il porno accessibile alle categorie affette da problemi alla vista. Un assaggio delle audio descrizioni di film per adulti, senza scene esplicite, è possibile averlo qui .
Già dal 2006, comunque, il sito web Pornfortheblind.org recluta volontari per registrare descrizioni di video per adulti, rese disponibili come file MP3, attraendo oltre 150mila visitatori al mese.

Pierluigi Sandonnini
25 Commenti alla Notizia Pornhub racconta il porno ai ciechi
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)