Alfonso Maruccia

Xeon Phi, Intel libera l'HPC dal bus PCIe

Santa Clara presenta la nuova linea di unità computazionali per il calcolo ad alte prestazioni. Vantando risultati di ottimizzazione superiori a quelli dei concorrenti

« Indietro
Foto 1 di 3

Roma - A non poca distanza dalla prima presentazione ufficiale di "Knights Landing", Intel ha ora annunciato la disponibilità delle nuove unità di calcolo HPC (High Performance Computing) per i consumatori finali. I chip Xeon Phi di nuova generazione non necessitano di bus esterno e forniscono vantaggi sensibili in tutti gli scenari operativi, sostiene Chipzilla.

La linea di chip Knights Landing è infatti caratterizzata dal fatto di essere basata sulla tradizionale tecnologia x86 e di essere avviabile, al pari di una qualsiasi CPU consumer: Xeon Phi non è più vincolato al bus PCI-Express come le GPU, dice Intel, fatto che in definitiva "offre una maggiore scalabilità" e permette di "gestire una più ampia varietà di carichi di lavoro e di configurazioni rispetto agli acceleratori."

Xeon Phi offre una performance di picco da 3 teraflops in doppia precisione e 8 teraflops in singola precisione, e integra 16 gigabyte di memoria MCDRAM ad altissima banda (500GB/s) che può essere utilizzata sia come cache ad alta velocità che come spazio di memoria aggiuntivo rispetto alla RAM di sistema.
I chip Xeon Phi supportano un indirizzamento massimo di 384 gigabyte di RAM DDR4, sono disponibili in quattro diversi modelli (7290, 7250, 7230, 7210) con numero di core computazionali variabile da 72 a 64, frequenza variabile da 1,5GHz a 1,3GHz e prezzo compreso tra 6.254 e 2.438 dollari. Un altro vantaggio del prodotto è la possibilità di lavorare con gli stessi linguaggi e ambienti di sviluppo supportati dalle tradizionali CPU x86 della linea Xeon.

Intel parla infine di vantaggi velocistici importanti rispetto alla concorrenza, sottolineando l'interesse dei clienti che hanno già acquistato "decine di migliaia" di Xeon Phi di precedente generazione (nome in codice "Knight's Corner") e pronosticando l'incremento delle vendite fino a oltre 100.000 unità entro l'anno. La concorrenza, nel frattempo, non sta certo a guardare.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • HardwareIl futuro prossimo di IntelInformazioni sfuggite al controllo delle PR svelano le prossime uscite per SoC Atom, dischi a stato solido e Xeon Phi da oltre 1 teraflops di potenza
  • HardwareNVIDIA, antipasto di PascalNella sua conferenza a tema GPU, la corporation californiana presenta la nuova architettura e i prodotti "professionali" che ne traggono beneficio. Per il momento, NVIDIA Pascal è tutta per la VR, la IA e il deep learning
16 Commenti alla Notizia Xeon Phi, Intel libera l'HPC dal bus PCIe
Ordina
  • Dunque vediamo :

    Uno switch omnipath edge 100 a 24 porte (100Gbps a porta) fa 13980 dollaroni (prezzo ufficiale Intel) aggiungiamo 24 x 2483 = 59592 dollaroni per il "piccolo" 64 core e otteniamo 1536 core.

    Scialiamo pure altri 10000 dollaroni tra rack cable system ecc.
    totale 59592+13980+10000 = 83572 dollaroni mettiamoci pure l'iva (altrimenti non lo sdogani) 16700 dollaroni quindi 83572+16700 che con un cambio ipotetico 1 euro per un dollaro fa poco più di centomila euri....e arriviamo a valori compresi tra un minimo di 72 teraflops (double precision) e un massimo di 192 teraflops (single precision).

    Certo non si arriva alla lista "top 500" con 192 teraflops mi pare ovvio.
    Ma il più "sfigato" (cioè il numero 500 della lista) non è tanto distante (286 teraflops).

    Perchè dico questo ?

    Perchè una cifra compresa nel range cento-duecento mila eurucci è un investimento abbordabile da una PMI HI-tech che operi anche nel settore dei servizi di calcolo a alte prestazioni (HPC) potrebbe
    essere una opportunità di rilancio.

    Certo vanno aggiunti i costi di personale con competenze adeguate (mica bruscolini) ma non è che in italia queste competenze non si trovano.
    ...
    Vabbè forse sto solo sognando....

    In Italia nessuno "rischia" sghei per robe del genere mica siamo in USA!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Sognatore PMI
    > Dunque vediamo :
    >
    > Uno switch omnipath edge 100 a 24 porte (100Gbps
    > a porta) fa 13980 dollaroni (prezzo ufficiale
    > Intel) aggiungiamo 24 x 2483 = 59592 dollaroni
    > per il "piccolo" 64 core e otteniamo 1536
    > core.
    >
    > Scialiamo pure altri 10000 dollaroni tra rack
    > cable system
    > ecc.
    > totale 59592+13980+10000 = 83572 dollaroni
    > mettiamoci pure l'iva (altrimenti non lo sdogani)
    > 16700 dollaroni quindi 83572+16700 che con un
    > cambio ipotetico 1 euro per un dollaro fa poco
    > più di centomila euri....e arriviamo a valori
    > compresi tra un minimo di 72 teraflops (double
    > precision) e un massimo di 192 teraflops (single
    > precision).
    >
    > Certo non si arriva alla lista "top 500" con 192
    > teraflops mi pare
    > ovvio.
    > Ma il più "sfigato" (cioè il numero 500 della
    > lista) non è tanto distante (286
    > teraflops).
    >
    > Perchè dico questo ?
    >
    > Perchè una cifra compresa nel range
    > cento-duecento mila eurucci è un investimento
    > abbordabile da una PMI HI-tech che operi anche
    > nel settore dei servizi di calcolo a alte
    > prestazioni (HPC)
    > potrebbe
    > essere una opportunità di rilancio.
    >
    > Certo vanno aggiunti i costi di personale con
    > competenze adeguate (mica bruscolini) ma non è
    > che in italia queste competenze non si
    > trovano.
    > ...
    > Vabbè forse sto solo sognando....
    >
    > In Italia nessuno "rischia" sghei per robe del
    > genere mica siamo in
    > USA!

    Manco in Università farebbero una caXXata del genere!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Ciccio Ricercator e

    > Manco in Università farebbero una caXXata del
    > genere!
    Cosa c'entra l'Università?
    L'università ha già accesso a risorse ben più potenti (CINECA CASPUR ecc.)
    Ma tu hai capito di che si parla?
    PMI ti dice nulla?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Sognatore PMI
    > - Scritto da: Ciccio Ricercator e
    >
    > > Manco in Università farebbero una caXXata del
    > > genere!
    > Cosa c'entra l'Università?
    > L'università ha già accesso a risorse ben più
    > potenti (CINECA CASPUR
    > ecc.)
    > Ma tu hai capito di che si parla?
    > PMI ti dice nulla?

    sai come vengono bene le bolle e le fatture con un chip del genere?
    non+autenticato
  • - Scritto da: signor bamba

    > sai come vengono bene le bolle e le fatture con
    > un chip del
    > genere?
    E tu sai quanto costa un ora di render farm? (solo per dirne una)
    Sai quante aziende fanno produzione nel campo VFX?
    Sai che si affittano ore di calcolo per elaborare i profili idrodinamici in un cantiere che fa barche?
    Posso farti un mare di esempi di aziende PMI che hanno bisogno di servizi di quel tipo.
    È proprio la gente come te che crede che PMI=bolle e fatture e che manco sa cosa sia l'innovazione che continuerà a fare l'informatica delle "bolle e fatture" (che puoi trovare a 2 lire in service senza alcuna fatica) e a chiudere e a fallire senza neppure capire perchè.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Fotografo
    > - Scritto da: signor bamba
    >
    > > sai come vengono bene le bolle e le fatture
    > con
    > > un chip del
    > > genere?
    > E tu sai quanto costa un ora di render farm?
    > (solo per dirne
    > una)
    > Sai quante aziende fanno produzione nel campo VFX?
    > Sai che si affittano ore di calcolo per elaborare
    > i profili idrodinamici in un cantiere che fa
    > barche?
    > Posso farti un mare di esempi di aziende PMI che
    > hanno bisogno di servizi di quel
    > tipo.
    > È proprio la gente come te che crede che
    > PMI=bolle e fatture e che manco sa cosa sia
    > l'innovazione che continuerà a fare l'informatica
    > delle "bolle e fatture" (che puoi trovare a 2
    > lire in service senza alcuna fatica) e a chiudere
    > e a fallire senza neppure capire
    > perchè.

    wow che reazione, punto nel vivo?A bocca storta
    non+autenticato
  • - Scritto da: Fotografo
    > - Scritto da: signor bamba
    >
    > > sai come vengono bene le bolle e le fatture
    > con
    > > un chip del
    > > genere?
    > E tu sai quanto costa un ora di render farm?
    > (solo per dirne
    > una)
    > Sai quante aziende fanno produzione nel campo VFX?

    Pochissime.

    > Sai che si affittano ore di calcolo per elaborare
    > i profili idrodinamici in un cantiere che fa
    > barche?

    I cantieri di barche forse sono addirittura meno delle aziende che producono VFX.

    E comunque se per chi produce VFX, il computer e' imprescindibile, per le barche non lo vedo cosi' necessario.
    Una workstation un po' meno potente arriva lo stesso al risultato ma con un po' piu' di tempo.

    E non dimentichiamoci che sono state costruite navi per secoli senza bisogno di alcun computer.

    > Posso farti un mare di esempi di aziende PMI che
    > hanno bisogno di servizi di quel
    > tipo.

    E falli, perche' i primi due non mi hanno convinto.

    > È proprio la gente come te che crede che
    > PMI=bolle e fatture e che manco sa cosa sia
    > l'innovazione che continuerà a fare l'informatica
    > delle "bolle e fatture" (che puoi trovare a 2
    > lire in service senza alcuna fatica) e a chiudere
    > e a fallire senza neppure capire
    > perchè.

    Io ho una concezione ben diversa dell'informatica che va in direzione decisamente opposta dalle bolle&fatture, ma anche da quella che hai indicato tu.
    Questa necessita' di monetizzare per forza tutto la lascio volentieri a te.
  • - Scritto da: panda rossa

    > > Sai quante aziende fanno produzione nel
    > campo
    > VFX?
    >
    > Pochissime.

    In italia poche In inghilterra e negli states tante e con fatturati altissimi.
    E tanti clienti italiani.
    Secondo te c'è un motivo?
    A bocca aperta


    > I cantieri di barche forse sono addirittura meno
    > delle aziende che producono
    > VFX.
    Be sai bisogna vedere cosa intendi per "barche" ad esempio fincantieri spente diversi milioni l'anno in supercomputing ma meno della metà dei cantieri cinesi che gli stanno soffiando diversi contratti.
    che poi all'epoca delle triremi non si usasse il computer per disegnare le "onerarie" ci sta ma per disegnare e testare una trasporto (oneraria moderna) di container di quasi 400 metri (397 se vuoi essere pignolo) come la Emma Maersk è bene che ti fai una botta di conti se non vuoi che si spezzi in due già al varo (per non dire in mezzo a un tifone nel pacifico).
    Hai idea di cosa sia calcolare anche solo dimensioni e passo delle eliche di un mostro simile?
    Certo possiamo farlo fare ai Danesi (come è stato fatto) o ai cinesi invece che a fincantieri come diceva nino manfredi.... "echeccefrega a noi della barca?"
    Anzi chiudiamo e via andare e poi lamentiamoci della "globalizzazione" credi davvero che sia basata solo sul costo della mano d'opera o per certe cose sulle competenze?
    E secondo te un operaio della "odense steel shipyard" prende di meno o di più di quello della fincantieri?
    A bocca aperta

    >
    > E comunque se per chi produce VFX, il computer e'
    > imprescindibile, per le barche non lo vedo cosi'
    > necessario.
    Certo

    > Una workstation un po' meno potente arriva lo
    > stesso al risultato ma con un po' piu' di
    > tempo.
    Un po?
    ma hai una idea di cosa sono 192 teraflops?
    Rotola dal ridereRotola dal ridere

    >
    > E non dimentichiamoci che sono state costruite
    > navi per secoli senza bisogno di alcun
    > computer.
    Certo come ho detto ma purtroppo questa è l'epoca della Emma Maersk non delle triremi.
    A bocca aperta
    > E falli, perche' i primi due non mi hanno
    > convinto.
    Beh ad esempio tutte le aziende di automotive maggiori usano il supercomputing e quasi tutte in service.

    Mica solo la ferrarari.

    Lo stesso dicasi per aziende che si occupano di recupero ambientale ad esempio ci sono modelli "digital life" che mostrano tempi quantità e superfici di decomposizione degli idrocarburi da parte delle culture batteriche utilizzate sia nel terreno che in bacini chiusi.

    Insomma ci sono una quantità di attività (certo tecnologicamente avanzate non basati sul basso costo del lavoro... appunto) che fanno uso di supercomputing e molte sono a portata solo di grandi aziende mentre anche la PMI potrebbe beneficiarne se i servizi fossero a costi ragionevoli.

    Gli esempi (potrei andare avanti per un pezzo) sono innumerevoli e è impossibile fare elenchi esaustivi.

    Tieni presente (così forse capisci meglio) che in Italia il totale delle risorse disponibili di supercomputing (sopra i "miseri" 50 teraflops) sono 5 contro 22 della francia 25 della germania 23 degli inglesi 38 dei giapponesi e lasciamo stare i 264 degli USA e i 63 dei cinesi.
    Ti basti sapere che con 5 siamo a livello della svizzera un paese che ha una rilevanza industriale neppure lontanamente paragonabile alla nostra.
    il totale "area UE" è comunque 89 e naturalmente noi siamo "importatori netti" di risorse supercomputing (manco a dirlo e come al solito).
    Hai capito ora?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Fotografo
    > - Scritto da: panda rossa

    > > Una workstation un po' meno potente arriva lo
    > > stesso al risultato ma con un po' piu' di
    > > tempo.
    > Un po?
    > ma hai una idea di cosa sono 192 teraflops?
    > Rotola dal ridereRotola dal ridere
    >

    Un po' meno potente che impiega un po' più di tempo, come concetto è ineccepibile, di cosa ti scandalizzi? Mica esiste solo Intel Xeon Top Model.

    Per te 192 teraflops saranno l'entry point per fare 2+2, per noi 2+2 e molto di più lo puoi fare anche con qualcosa meno di 192 teraflops, del cui livello di potenza sembra tu non abbia idea.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 24 giugno 2016 06.47
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: rockroll

    > Per te 192 teraflops saranno l'entry point per
    > fare 2+2, per noi 2+2 e molto di più lo puoi fare
    > anche con qualcosa meno di 192 teraflops, del cui
    > livello di potenza sembra tu non abbia
    > idea.
    Allora per fare 2+2 ti bastano le dita.
    Per fare certi calcoli da render farm ti vogliono potenze dell'ordine dei Gflops (workstations evolute.. notare il plurale) e per fare certi film ti ci vogliono i teraflops perchè c'è un fattore 1000 tra giga e tera in altri termini per fare una cosa che in tera fai in un giorno ti ci vogliono tre anni!
    Che non è una differenza da poco ci arrivi o no?
    non+autenticato
  • - Scritto da: panda rossa
    > Io ho una concezione ben diversa dell'informatica
    > che va in direzione decisamente opposta dalle
    > bolle&fatture, ma anche da quella che hai
    > indicato
    > tu.
    > Questa necessita' di monetizzare per forza tutto
    > la lascio volentieri a
    > te.

    Quindi ora non mi chiedi più soldi per il tuo script come avevi fatto ?

    Ottimo, passamelo che converto tutto verso OO in un click. Ficoso
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 24 giugno 2016 16.27
    -----------------------------------------------------------