Alfonso Maruccia

Antitrust UE, Intel non vuol pagare la multa

Ennesimo tentativo di Chipzilla per smarcarsi dalla pesante sanzione comminata da Bruxelles contro gli sconti "anticompetitivi" sui chip usati dagli OEM. L'indagine comunitaria non è stata equa, dice la corporation

Roma - Intel torna a dar battaglia alle autorità europee nel tentativo di evitare il pagamento della multa da un miliardo di euro e spicci comminata dalla UE, una sanzione imposta negli anni passati a causa del comportamento anti-competitivo della corporation statunitense e i successivi danni economici provocati alla concorrenza.

Le autorità antitrust hanno già stabilito da tempo che Santa Clara si è oggettivamente servita di sconti significativi per far propendere i produttori OEM per l'utilizzo delle sue CPU al posto di quelle di AMD, un procedimento che ha fatto a suo modo la storia e che presto potrebbe finalmente raggiungere la sua conclusione.

Nel 2012 Intel aveva già provato a disinnescare la mina da 1 miliardo di euro appellandosi alla corte del Lussemburgo, ma il tentativo era stato infruttuoso perché le istanze di Santa Clara erano state completamente respinte.
Ora Intel si è rivolta ancora una volta alla Corte di Giustizia del Lussemburgo, dove l'avvocato Daniel Beard ha descritto l'indagine europea come "ingiusta" perché non avrebbe in considerazione tutte le "circostanze" riguardanti il presunto comportamento anticompetitivo nei confronti di AMD.

L'arrivo della decisione della Corte europea non ha al momento una data prestabilita, mentre ad attendere il pronunciamento dei giudici con maggior trepidazione ci sarà sicuramente Intel: una nuova bocciatura delle istanze di Santa Clara potrebbe sancire la conclusione definitiva del caso.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • AttualitàIntel, multa da 1 miliardo di euroPratiche anticompetitive reiterate: con questa accusa, il chipmaker di Santa Clara stabilisce il nuovo record negativo in fatto di sanzioni del Vecchio Continente. Soddisfazione della concorrenza, ma il ricorso è già stato annunciato
  • AttualitàIntel ricorre contro la multa europeaIl chipmaker ricorre in Lussemburgo contro la sanzione antitrust. La UE sostiene abbia praticato sconti per convincere gli OEM a usare le sue CPU. Non avete prove, rispondono da Santa Clara
42 Commenti alla Notizia Antitrust UE, Intel non vuol pagare la multa
Ordina
  • Fare un diamine di processore QUI in questo letamaio sociale e amministrativo chiamato Europa no???? Una CPU con le potenzialità di quindici anni fa va bene lo stesso.

    Niente compatibilità con x86? Pazienza, col tempo ci facciamo pure i programmi, la migrazione la si fa solo quando possibile o quando conveniente, pian piano senza traumi.

    E invece no! Si resta lì immobili tutti i maledetti giorni ad assistere mentre ci frollano, ogni tanto puntando il ditino contro la slealtà del padrone nel goffo tentativo di mascherare la totale assenza di sovranità dei cosiddetti organi di governo UE... e poi... e poi come sempre avviene quel provvedimento, quella sanzione pecuniaria, ce la infilano su per il **** per vie traverse.

    Mi domando: cosa ci manca? La conoscenza? I soldi? Le armi? Le °°? Le risorse?

    P.S.: ARM non é una alternativa politicamente accettabile (UK=USA).
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...
    > P.S.: ARM non é una alternativa politicamente
    > accettabile (UK=USA).

    E invece si ARM lo è ma soprattutto per l'apertura. Tu compri la licenza per un'architettura aperta poi te la sviluppi e produci in loco o la commissioni alla Foxconn di turno.
    Come sta facendo la Russia dopo che Snowden gli ha detto cose interessanti sulle CPU Intel.

    O come la Cina che ultimamente i supercomputer se li fa in casa con CPU Alpha-inspired.
    iRoby
    8343
  • - Scritto da: ...
    > Fare un diamine di processore QUI in questo letamaio
    > sociale e amministrativo chiamato Europa no??
    > Una CPU con le potenzialità di quindici
    > venti anni fa va bene lo stesso.
    >

    I brevetti devono scadere.
    non+autenticato
  • - Scritto da: dfgh
    > - Scritto da: ...
    > > Fare un diamine di processore QUI in questo
    > letamaio
    > > sociale e amministrativo chiamato Europa no??
    > > Una CPU con le potenzialità di
    > quindici

    >
    > > venti anni fa va bene lo stesso.
    > >
    >
    > I brevetti devono scadere.

    E pensare che a quei cogli*** ritenevano la CPU un' idea fallimentare:

    http://startupitalia.eu/58663-20160615-grove-faggi...
    non+autenticato
  • - Scritto da: FF...
    > - Scritto da: dfgh
    > > - Scritto da: ...
    > > > Fare un diamine di processore QUI in questo
    > > letamaio
    > > > sociale e amministrativo chiamato Europa
    > no??
    > > > Una CPU con le potenzialità di
    > > quindici

    > >
    > > > venti anni fa va bene lo stesso.
    > > >
    > >
    > > I brevetti devono scadere.
    >
    > E pensare che a quei cogli*** ritenevano la CPU
    > un' idea
    > fallimentare:
    >
    > http://startupitalia.eu/58663-20160615-grove-faggi

    Niente che non sapessi già. Niente che risponda al mio post.
    non+autenticato
  • Tutte le multinazionali sono delle iene, e Intel non fa certo eccezione.
    Se era già approvato TTIP avrebbe potuto fare causa all'europa e magari pretendere i danni, presso un tribunale costituito da privati corrotti il giusto.
    Tanto comunque le sue multe le paghiamo noi utenti, visti i prezzi che questi ladri internazionali fanno pagare per i loro chip.
    non+autenticato
  • - Scritto da: tiritip
    > Tutte le multinazionali sono delle iene, e Intel
    > non fa certo
    > eccezione.
    > Se era già approvato TTIP avrebbe potuto fare
    > causa all'europa e magari pretendere i danni,
    > presso un tribunale costituito da privati
    > corrotti il
    > giusto.
    > Tanto comunque le sue multe le paghiamo noi
    > utenti, visti i prezzi che questi ladri
    > internazionali fanno pagare per i loro
    > chip.

    Nessuno ci obbliga a fare acquisti dai ladroni, se non pretendiamo di avere piattaforme molto al di sopra delle normali esigenze per poi vantarcene parlando al bar dei nostri risultati di benchmark.
  • lo so il problema qual e'

    la massa pensa come un gregge di pecore e segue le mode, per cui occorre tempo e tanta propaganda per farle cambiare idea

    nel frattempo questi qui incassano miliardi, potendosi cosi' permettere di comprare la stampa, i politici e pure l'anima della gente

    nel mio piccolo faccio quello che posso, come ad esempio comprare una workstation Talos appena saranno disponibili
    non+autenticato
  • - Scritto da: collione
    > nel mio piccolo faccio quello che posso, come ad
    > esempio comprare una workstation Talos appena
    > saranno
    > disponibili

    Quindi , in concreto , oggi, tu non stai facendo un razzo , né in piccolo né in grande.
  • Io compero AMD da molti anni e ne sono soddisfatto.
    Lo faccio per spendere meno e anche perché non voglio monopoli o oligopoli ristretti, questi ultimi che si trasformano sempre in cartelli.
    Certo che l'italia, o comunque l'europa, non produce niente e parassita la tecnologia statunitense da un secolo.
    E ci credo, con i formidabili freni burocratici che abbiamo, costruire qualcosa richiede molto più tempo e molti più soldi che negli USA.
    E tempo e soldi fanno la differenza, come vediamo ogni giorno da un secolo, senza capire.
    non+autenticato
  • E se non hai soldi te ne stai a casa a fare il disoccupato, se hai più di trent'anni (e spesso anche meno).
    Questo è l'effetto visibilissimo ma inspiegabilmente occulto alle masse, a cui porta il garantismo e la normazione di ogni cosa: irrigidimento burocratico e specialmente punto di entrata per fare un lavoro autonomo sempre più alto e quindi sempre più irraggiungibile per i più.
    non+autenticato
  • - Scritto da: tiritip
    > Tutte le multinazionali sono delle iene, e Intel
    > non fa certo
    > eccezione.
    > Se era già approvato TTIP avrebbe potuto fare
    > causa all'europa e magari pretendere i danni,
    > presso un tribunale costituito da privati
    > corrotti il
    > giusto.
    > Tanto comunque le sue multe le paghiamo noi
    > utenti, visti i prezzi che questi ladri
    > internazionali fanno pagare per i loro
    > chip.

    Un sistema l'UE lo avrebbe per mettere con le spalle al muro i ladroni internazionali: embargo dei loro prodotti finchè non pagano. Nessuna potenza straniera, anche se si chiama USA, può obbligare all'importazione di prodotti non desiderati.
    Poi se qualche azienda interna all'UE riesce per assurdo a dimostrare che ha per forza bisogna di prodotti Intel, potrebbe essere concessa una deroga a caro prezzo decisa caso per caso.
  • Voglio vedere arrivare sul mercato laptops con chip ARM che non siano chromebooks.
    non+autenticato
  • Comunque sia, a me i chip AMD hanno sempre fatto schifo.
    Fin dai tempi dei 486... sono sempre stati due spanne indietro oltre a funzionare per miracolo.
    Occhiolino
    non+autenticato
  • I primi Athlon64 furono un passo avanti, a quel tempo Intel arrancava con quei Prescott che scaldavano in modo allucinante per poi riprendersi con l'architettura Core.
    In campo mobile invece non c'è mai stata competizione.
    non+autenticato
  • Ma di che parli, persino ai tempi dei Pentium 4 erano più efficaci gli Athlon, non parliamo poi con gli Athlon 64 fino ad arrivare alle prime CPU con GPU integrata.
    non+autenticato
  • Per non parlare della robustezza e della resistenza al calore delle CPU AMD oltre che della maggiore longevità sui PC su cui erano montate,Intel invece ogni volta cambiava socket.
    non+autenticato
  • Guarda sono buono oggi,rileggi vaA bocca aperta

    Con la fretta di fare lo splendido fai certe figuracceA bocca aperta
    non+autenticato
  • Giá fatto, sono buoni solo per il gaming. Infatti tu da buon bimbominkia li prediligi usando il pc solo per giocare.
  • - Scritto da: aphex_twin
    > Giá fatto

    Rileggi ,buona la 5aA bocca aperta

    > sono buoni solo per il gaming.

    Ma che diamine c'entra il gaming ora ?A bocca aperta
    Ho scritto una serie di cose per cui,a suo tempo, AMD era meglio di Intel.
    Quando comparvero i primi Pentium 4 questi erano inferiori e più lenti della controparte AMD.
    Da li in poi Intel incominciò a pompare sui Mhz, AMD dichiarava contemporaneamente che i Mhz nno erano tutto, lei pompava su IPC.
    Infatti all'epoca i processori AMD pur avendo frequenza inferiori erano alla pari con quelli della stessa categoria di Intel con Mhz superiori.
    Ti ricorda nulla PR-rating ?
    Per non parlare che gli AMD avevano punto di fusione ben più alto rispoetto alla controparte Intel, oltre ad essere più facilmente sbloccabili verso l'alto e volendo anche verso il basso per l'underclocking

    > Infatti tu da buon bimbominkia li prediligi
    > usando il pc solo per
    > giocare.

    Altre cose da inventare ?A bocca aperta
    non+autenticato
  • Bene vedo che ora , giustamente , visto il link , parli solo riferendoti al passato.
  • - Scritto da: aphex_twin
    > Bene vedo che ora , giustamente , visto il link ,
    > parli solo riferendoti al
    > passato.

    Oddio,ahahaha, ti prego non insistere,ahahah, me la sto facendo sotto Rotola dal ridere

    Pentium 4, Athlon, Athlon 64 ,2016 ?A bocca aperta

    Va bene che l'applefan non sa un fico secco della materia su cui tanto si vanta, ma che cavolo,almeno un pò di storia no ?

    Ah giusto,voi non avevate X86,quindi per voi è un mondo nuovo Rotola dal ridere

    Ma quanto siete ridicoli puffettini fuffosi ?A bocca aperta
    non+autenticato
  • "persino ai tempi dei Pentium 4 erano più efficaci gli Athlon"

    quel tuo "persino" fai intendere che ancora oggi sia così.

    Se non intendevi quello dovresti rivedere il tuo italiano.
  • E' lecito ipotizzare che se già fosse in vigore il TTIP, che io considero una sciagura, non ci sarebbe nessuna causa dell'antitrust UE verso INTEL?
  • Ci sono molte clausole in discussione che non mi piacciono. L'autorizzazione della carne agli ormoni, la rimozione dell'obbligo di segnalare ingredienti ogm nelle etichette, l'abolizione delle etichette dop, doc (il copyright vale solo per loro).

    Ma per le clausole a cui ti riferisci la risposta è NO.
    non+autenticato
  • - Scritto da: drtr
    > Ci sono molte clausole in discussione che non mi
    > piacciono. L'autorizzazione della carne agli
    > ormoni, la rimozione dell'obbligo di segnalare
    > ingredienti ogm nelle etichette, l'abolizione
    > delle etichette dop, doc (il copyright vale solo
    > per
    > loro).
    >
    > Ma per le clausole a cui ti riferisci la risposta
    > è
    > NO.

    Basterebbe dhe tutte le dop, doc e docg eliminate, diventassero automaticamente marchi registrati, brevettati e coperti da copyright per tutte le nazioni aderenti al TTIP.
    Dopo vedi che americani e cinesi cambiano subito idea.
    non+autenticato
  • >
    > Basterebbe dhe tutte le dop, doc e docg
    > eliminate, diventassero automaticamente marchi
    > registrati, brevettati e coperti da copyright per
    > tutte le nazioni aderenti al
    > TTIP.
    > Dopo vedi che americani e cinesi cambiano subito
    > idea.

    Come fai a condividere il marchio "parmigiano reggiano" tra decine di aziende?
    Tecnicamente è possibile, il consorzio registra il marchio e lo concede in uso alle aziende locali, ma poi sui grandi numeri i problemi saltano sempre fuori.
    Le aziende di qualche prodotto non riescono ad organizzarsi e perdono l'etichetta, oppure alcuni consorzi diventano delle mafie escludendo determinate aziende locali, etc.
    non+autenticato
  • cazzo e' praticamente un trattato di resa incondizionata da parte dell'UE
    non+autenticato
  • - Scritto da: collione
    > cazzo e' praticamente un trattato di resa
    > incondizionata da parte
    > dell'UE

    Infatti la UE ha detto no.
    non+autenticato
  • - Scritto da: plkp
    > - Scritto da: collione
    > > cazzo e' praticamente un trattato di resa
    > > incondizionata da parte
    > > dell'UE
    >
    > Infatti la UE ha detto no.

    considerando le notevoli pressioni che provengono da molti gruppi di base, mi pare il minimo

    ma sul fatto che l'UE possa dire no nel lungo periodo, la vedo davvero dura

    magari con la vittoria del Brexit questo carrozzone si sfaldera' e gli americani perderanno il loro luogotenente in territorio europeo
    non+autenticato
  • - Scritto da: collione
    > - Scritto da: plkp
    > > - Scritto da: collione
    > > > cazzo e' praticamente un trattato di
    > resa
    > > > incondizionata da parte
    > > > dell'UE
    > >
    > > Infatti la UE ha detto no.
    >
    > considerando le notevoli pressioni che provengono
    > da molti gruppi di base, mi pare il
    > minimo
    >
    > ma sul fatto che l'UE possa dire no nel lungo
    > periodo, la vedo davvero
    > dura
    >
    > magari con la vittoria del Brexit questo
    > carrozzone si sfaldera' e gli americani
    > perderanno il loro luogotenente in territorio
    > europeo


    Lodate quei 4-5 leccaculo delle multinazionali che bazzicano su PI.
    non+autenticato
  • Quei quattro oltre ad essere leccaculi sonoanche coglioni, non sono capaci di intendere.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...
    > Quei quattro oltre ad essere leccaculi sonoanche
    > coglioni, non sono capaci di
    > intendere.

    Questo lo si era capito!Occhiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: plkp
    > - Scritto da: collione
    > > cazzo e' praticamente un trattato di resa
    > > incondizionata da parte
    > > dell'UE
    >
    > Infatti la UE ha detto no.

    Palle. La UE è favorevolissima agli arbitrati tra Stati e aziende nel TTIP, anche se ha presentato lievi proposte di modifica per abbindolare i polli come te. Non esiste nulla di favorevole alle multinazionali a cui la UE si opponga.

    Comunque tempo pochi anni e il problema si risolverà da se, col referendum di giovedì è partito un meraviglioso effetto domino, tempo 4-5 anni e non esisterà nè la UE, nè il TTIP.

    P.S.: Allora piddino, ti son piaciute le manganellate elettorali? Se ci dai l'indirizzo, passiamo a quelle fisiche.
    non+autenticato