Claudio Tamburrino

USA, multa per il tracciamento degli smartphone

950mila dollari dovrà pagare InMobi per aver raccolto senza permesso i dati di centinaia di milioni di utenti. Compresi i bambini

Roma - InMobi, agenzia di advertising mobile con base a Singapore, è stata multata dalla Federal Trade Commission (FTC) per 950mila dollari per aver raccolto e utilizzato i dati sugli spostamenti dei consumatori.

La decisione è frutto di un accordo raggiunto dalle autorità con l'azienda che con la sua rete di advertising mobile, con servizi di geolocalizzazione delle inserzioni, raggiunge oltre un miliardo di dispositivi in tutto il mondo. Secondo quanto riferisce il direttore alla protezione dei consumatori di FTC Jessica Rich: "InMobi ha tracciato la localizzazione di centinaia di milioni di utenti, inclusi bambini, senza il loro consenso e in molti casi ignorando completamente le preferenze di privacy impostate".

Secondo FCT, innanzitutto, l'azienda di Singapore non avrebbe offerto una corretta informazione: pur avendo fatto intendere di tracciare i movimenti dei consumatori solo nel momento in cui avessero fatto opt-in in tali servizi ovvero nelle impostazioni di privacy dei relativi device, il suo servizio di geolocalizzazione seguiva i movimenti degli utenti anche nel caso l'app con installato il software InMobi non avesse ottenuto i necessari permessi e anche nei casi in cui il consumatore avesse esplicitamente negato l'accesso ai dati di localizzazione.
FTC riferisce inoltre che l'azienda sarebbe riuscita - grazie alla registrazione dei profili dei dispositivi degli utenti - a tracciarne gli spostamenti anche quando i relativi GPS erano spenti, grazie al coordinamento dei dati relativi alle reti wireless a loro prossime. Riferisce inoltre che InMobi avrebbe conservato un database dei dati così raccolti e che avrebbe violato la normativa a tutela della privacy dei minori, ed in particolare il Children's Online Privacy Protection Act (COPPA), raccogliendo in questo modo dati anche da quelle app evidentemente indirizzate a bambini.

Oltre alla multa pecuniaria, stabilita in base allo status finanziario dell'azienda che rischiava di dover pagare danni civili per 4 milioni di dollari, InMobi dovrà innanzitutto cancellare tutti i dati finora raccolti e stabilire "un completo programma di protezione della privacy" ed in particolare impegnandosi a non raccogliere dati dagli utenti se non dopo aver avuto il loro consenso esplicito.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • TecnologiaTracciamento online, il porno è meno sporco delle newsUn nuovo studio evidenzia le ultime tendenze in fatto di tracking degli utenti, una pratica particolarmente (ab)usata dai siti editoriali ed equipaggiata con tecniche sempre nuove. Incluso l'utilizzo dell'impronta sonora del sistema
  • TecnologiaFirefox, browser con personalità multipleMozilla lavora a una funzionalità pensata per "compartimentare" le varie identità telematiche dell'utente, un meccanismo utile sia in chiave anti-tracciamento che per una gestione più intelligente di account multipli su uno stesso servizio
  • SicurezzaTor, tracciamento a mezzo mouseUn ricercatore sviluppa un metodo per tracciare l'utente anche quando è attivo su Tor. Gli sviluppatori della darknet ringraziano e gongolano: i metodi di tracking più comuni non servono più a niente
4 Commenti alla Notizia USA, multa per il tracciamento degli smartphone
Ordina
  • In effetti la multa è ridicola paragonato a quello che hanno fatto (milioni di utenti?), ma i dati ora se li prendono gli USA? E poi continueranno Loro il lavoro? hehe
    non+autenticato
  • Quando un azienda industriale reca danno a dieci utenti è ormai costretta a chiudere, visti i risarcimenti e le ritorsioni.
    Quando un azienda come iMobi reca danno a migliaia di utenti gli si dà una multa che non risarcisce nessuno.
    non+autenticato
  • l'azienda sarebbe riuscita ... a tracciarne gli spostamenti anche quando i relativi GPS erano spenti, grazie al coordinamento dei dati relativi alle reti wireless a loro prossime

    A una possibilità del genere non ci avevo pensato. Ora che lo so mi fa venire in mente un'altra cosa. Vi ricordate quando Google fu multata per aver raccolto tutti gli id wireless rilevati dalle google cars?
    non+autenticato
  • Il vero problema che si sta profilando è l'esiguità delle multe rispetto all'infrazione o al crimine commessi.
    Si, prché addirittura le aziende (cioè il loro management con il silenzio-assenso della forza lavoro che sa di non rischiare, tanto sono responsabili solo i dirigenti) possono commettere crimini e pagare solo una multa irrisoria (un esempio permanente è Monsanto).
    Ovviamente capisco che è una cosa voluta, le lobby premono e la forma è importante per dare al popolino l'impressione di essere tutelato e 'vendicato', senza per questo danneggiare le aziende.
    Tuttavia è un problema in fortissima crescita, direttamente proporzionale alla perdita di etica in tutti i campi.
    non+autenticato