Thomas Zaffino

Google Project Bloks, imparare a programmare giocando

Mountain View lancia un progetto per lo sviluppo di giocatoli per aiutare i bambini ad acquisire i rudimenti della logica. Con mattoni come i Lego, da assemblare

Roma - Imparare a programmare non è semplice, in particolare per i più giovani, per i quali trascorrere il proprio tempo davanti ad un monitor, con in mano un corposo manuale per memorizzare comandi, regole, sintassi e ad eseguire il debug del codice può risultare ostico e a dir poco noioso. Per questo motivo, Research at Google, Google Creative Lab, Ideo e un gruppo di ricercatori della Stanford University e Chiang Mai University hanno collaborato nell'iniziativa denominata Project Bloks, ovvero una piattaforma per lo sviluppo di kit di blocchi funzionali (tipo LEGO) che possono essere composti dai bambini allo scopo di creare o controllare altri giocattoli, imparando al contempo i fondamenti della programmazione.

Google Project Bloks

Lo scopo di Bloks è di insegnare la logica insita nella programmazione, in modo che i più piccoli possano appropriarsi dei concetti di base per riutilizzarli in un secondo momento, trasformandoli in conoscenze e competenze. Nelle intenzioni di Google non c'è la volontà di costruire giocattoli, bensì di realizzare Bloks come piattaforma: ovvero realizzando la tecnologia ed il codice alla base del progetto, lasciando che della produzione dei giocatoli si occupino altri partner. In sostanza, si tratta del modello che Google usa già per Android, consentendo una realizzazione più semplice e veloce di prodotti finiti, oltre ad una più ampia varietà di giocattoli sul mercato.

Iniziato nel 2013 e ora svelato per stimolare l'interesse degli sviluppatori e il reperimento di partner che vogliano lavorare su giocattoli, Project Bloks è ancora in fase di sviluppo e lontano dal giungere sul mercato. Non è infatti prevista una data né un arco temporale per la sua commercializzazione.

Thomas Zaffino

Fonte immagine
Notizie collegate
  • TecnologiaLavorare con Android, con Google e UdacityLe due società hanno realizzato un corso di base per permettere anche ai principianti di sviluppare un'app. Un modo per entrare nel fiorente mercato Android e magari trovare un lavoro ben retribuito
  • BusinessAndroid, al lavoroMountain View vorrebbe spingere Android nel mercato dei software aziendali. Rendendolo più sicuro e compatibile con le esigenze degli amministratori IT, così da potersi integrare fra gli strumenti utilizzati a lavoro
  • BusinessGoogle pensa ai bambiniBig G al lavoro su una versione di YouTube che consentirebbe di eliminare il limite di età per gli iscritti. Facebook si muove nella stessa direzione. Ma le leggi Usa sono un duro scoglio da superare