Thomas Zaffino

Ford porta in fabbrica il robot amico

Braccia meccaniche che aiutano gli operai a svolgere i compiti più gravosi e pericolosi. Senza sostituirsi all'uomo

Roma -Ad oltre 100 anni dall'adozione della prima catena di montaggio,all'interno di una fabbrica, Ford ha ancora voglia di scommettere sull'innovazione che, di questi tempi, non può non coinvolgere robot ed intelligenza artificiale. La nuova iniziativa dell'azienda statunitense ha lo scopo di dimostrare l'utilità della robotica e delle soluzioni smart in ambito industriale:
Ford ha infatti annunciato l'impiego di co-bo, ovvero robot collaborativi, nella fabbrica di Colonia, all'interno del reparto dedicato al montaggio degli ammortizzatori sulle Fiesta.

In pratica, co-bot aiutano il personale umano nei compiti particolarmente difficili con un elevato grado di sicurezza, garantita da appositi sensori capaci di rilevare la presenza di mani e dita, interrompendo ogni attività all'istante.


I test dei co-bot, realizzati dalla tedesca KUKA Roboter, fanno parte del piano Industry 4.0, avente l'obiettivo di sfruttare l'automazione e l'alta tecnologia all'interno dei processi produttivi. In seguito al test di Colonia, per il quale Ford ha persino pubblicato un video su Youtube, nel quale si può visionare l'amichevole sinergia tra uomo e macchina, l'azienda potrebbe decidere d impiegarli in altri stabilimenti.
Quello impiegato nei test, infatti, è un braccio robotico capace di assolvere a qualsiasi compito, se opportunamente programmato, "persino per fare il caffè o per elargire strette di mano" asserisce il costruttore americano. Come si vede nel filmato lavora fianco a fianco con il personale, facendosi carico dei compiti più gravosi come il sollevamento delle componenti più pesanti da collocare sotto la scocca dei veicoli.

I sensori e gli algoritmi gli consentono di gestire ogni movimento nella massima sicurezza. L'unità, tecnologicamente molto avanzata, è stata progettata come detto in collaborazione con il team tedesco KUKA Roboter. Il direttore della divisione europea Vehicle Operations di Ford, Karl Anton, ha dichiarato che l'adozione di questo tipo di sistema è tale da permettere anche importanti novità in termini di design delle auto, anche se non si è sbilanciato in esempi.

Diversamente da quanto operato da altri soggetti, come nel recente caso Foxconn, l'introduzione della robotica nella linea di produzione di Ford non ha apparentemente l'obiettivo di sostituire la mano d'opera umana, al fine di abbassare i costi di produzione, quanto piuttosto di affiancare robot collaborativi per l'espletamento di compiti particolarmente gravosi e pericolosi. Di fatto quindi, almeno in questo caso, le macchine non puntano a sostituire l'uomo ma solo ad aiutarlo e migliorare le condizioni di lavoro in fabbrica.

Thomas Zaffino
Notizie collegate
  • Digital LifeUE verso la regolamentazione dei robotI robot più avanzati, dotati di intelligenza artificiale e capacità di apprendimento, rappresentano un'importante opportunità. Ma celano anche rischi da prevenire. Secondo il Parlamento Europeo servono nuove regole
  • Digital LifeTecnologia di Neanderthal?di D. Giorio - Robot servizievoli e prostrati per assolvere ai bisogni umani, anche quello dell'autostima. Da Asimov alla ricerca robotica cinese, passando per il marketing
  • BusinessFoxconn e l'invasione dei robotIl produttore cinese ha sostituito decine di migliaia di operai con il loro corrispettivo robotico, una tendenza in crescita in Oriente come altrove. Nessuna prospettiva di automazione completa, assicura il management: l'umano resta necessario
3 Commenti alla Notizia Ford porta in fabbrica il robot amico
Ordina
  • "Di fatto quindi, almeno in questo caso, le macchine non puntano a sostituire l'uomo ma solo ad aiutarlo e migliorare le condizioni di lavoro in fabbrica."

    E no! Se l'obiettivo è fare a meno dell'uomo il più possibile, così non vale.

    Noi vogliamo la fine del lavoro, e il riguadagnare la dignità di esseri umani e non di schiavi per produzione e padroni che incamerano il surplus.

    Solo che se elimini il lavoro, che ne fai delle persone che non lavorano?

    Soluzione del capitalismo, mercatista, neoliberista, neofeudale: il genocidio. Li gasi, li sterilizzi, riduci la popolazione ai soli che possono pagare le merci.

    Soluzione radicale, si cambia tipo di società da quella capitalista neoliberista a quella basata sulle risorse.
    Ossia le nazioni si dividono le risorse del pianeta in parti eque e nel rispetto della rigenerabilità, e i robot producono i beni che poi vengono distribuiti alla gente che non necessita di lavorare.

    Tutti hanno all'incirca ciò che gli serve per vivere, e non necessitano di accumulare denaro e surplus sfruttando nessuno.
    iRoby
    8339
  • sono sempre esistiti ma questi utilizzano un antropomorfo e li rende piu' versatili

    se vogliono automatizzare lo fanno ma non e' lo scopo di queste macchine inquadrali come supporto extra al lavoratore in questo caso degli avvitatori servoassistiti
    non+autenticato
  • lo userebbero probabilmente così:

    Clicca per vedere le dimensioni originali
    non+autenticato