Mirko Zago

AGCM, Wind e Tim multate per le tariffe a 28 giorni

L'Antitrust accoglie le proteste dei consumatori e sanziona Tim per 410mila euro e Wind per 455mila euro. L'indice è puntato contro i rinnovi tariffari che scattano ogni 4 settimane anziché ogni mese

Roma - La lente dell'Autorità italiana Garante della Concorrenza e del Mercato è puntata sugli operatori telefonici, accusati ancora una volta di condurre pratiche commerciali aggressive e scorrette in violazione delle normedel settore. Tra rimodulazioni selvagge e tariffazioni roaming giudicate fuori legge, gli operatori telefonici sembrano garantire scarsa trasparenza e rispetto dei diritti dei consumatori. L'ultimo caso riguarda Wind e Tim.

Dopo le numerose segnalazioni dei clienti e la richiesta di intervento in particolar modo dell'Aduc, l'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha provveduto ad aprire un'istruttoria che ha accertato l'effettivo comportamento scorretto dei due operatori che a partire dal 2 agosto dello scorso anno hanno modificato unilateralmente i termini di tariffazione delle offerte ricaricabili con rinnovo automatico. Il costo fisso di quelle offerte flat che includono traffico dati, sms e chiamate è stato da allora calcolato non più sulla mensilità ma sulle 4 settimane. Ciò si è tradotto, come fa notare la stessa Authority, in una penalizzazione per l'utente.

Per questo motivo sono stati effettuati approfondimenti fin dall'introduzione di questo meccanismo. "La riduzione del periodo di rinnovo da 30 a 28 giorni comporta l'addebito su base annua dell'equivalente di circa una mensilità in più, ovvero, a parità di costo e traffico disponibile per ciascun periodo di rinnovo, essendosi quest'ultimo ridotto, un aumento del costo giornaliero rispetto a quello precedente", si legge nei provvedimenti a carico di Tim e di Wind.
Inoltre è anche il meccanismo di recesso ad aver destato dubbi presso l'autorità. La modifica del periodo di tariffazione ha riguardato infatti anche le opzioni voce abbinate alla vendita a rate di smartphone e tablet rendendo difficile esercitare la facoltà di recedere dal contratto secondo l'art. 70, comma 4, del Codice del Commercio Elettronico.
Chi ha sottoscritto questo tipo di offerta, e a seguito della modifica unilaterale avesse voluto recedere, si è trovato a dover sostenere un addebito in un'unica soluzione del saldo delle rate residue. Per Wind la cessazione anticipata avrebbe comportato (per alcune offerte) anche alla richiesta di restituzione degli sconti riconosciuti in fase di adesione. Nel caso di Tim erano richiesti pagamenti extra nel caso si optasse per il passaggio ad altro operatore.

Questi motivi hanno contribuito a far giudicare le pratiche adottate dagli operatori come "idonee a limitare la libertà di scelta del consumatore e il conseguente esercizio del diritto di recesso". La modifica è stata peraltro realizzata "in un contesto di mercato e secondo tempistiche che, considerati nel loro complesso, contribuivano a incidere sulla decisione dei clienti relativa all'esercizio o meno del suddetto recesso", sottolinea l'Authority.

Le violazioni al codice del consumo oltre ad essere state accertate sono state anche palesemente ripetute nel tempo e correlate a diverse offerte. Un'aggravante che ha partecipato ad elevare le sanzioni pecuniarie fino a 455 e 410mila euro rispettivamente per Wind e Tim, che ora avranno 30 giorni di tempo per pagare.

Mirko Zago
Notizie collegate
20 Commenti alla Notizia AGCM, Wind e Tim multate per le tariffe a 28 giorni
Ordina
  • Noi consumatori vogliamo il controllo dei ripetitori.

    Un mese in più all'anno, facciamo su 5 milioni di clienti, per un importo mensile di 10 euro, fanno 50 milioni. Ho messo solo 5 milioni di clienti! E questi gli fanno una multa da mezzo milione?

    Noi vogliamo il controllo dei ripetitori, così come sbagliano, glieli spegnamo, così vedremo se, come é successo a fine luglio ai clienti che non si sono ritrovati più il credito residuo sulla propria sim, continueranno con simili abusi.
    non+autenticato
  • Multe.. va bene (bassine).. ma poi che succede? Li faranno tornare sui propri passi o ci teniamo le scadenze a 28gg ?
    non+autenticato
  • 28gg che domandeA bocca aperta
    non+autenticato
  • Mi sto preparando all'abbandono di Infostrada dopo che passerà a 28 giorni anche la bolletta della sua fibra 50/10 che era tra le più convenienti.

    Con la mia vicina, siamo entrambi proprietari dell'appartamento ci condividiamo un contratto Fastweb 100/30. Basta tirare 3 metri di cavo Cat.6 e mettere a muro due prese RJ45. Lei mette un cavo Ethernet dal router alla presa ed io in casa mi gestisco come voglio il tutto, con uno switch ed un access point.

    Fanculo alle Telco, noi ci dimezziamo il canone... Tanto di banda ce n'è a sufficienza per entrambi.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 08 agosto 2016 23.25
    -----------------------------------------------------------
    iRoby
    8343
  • - Scritto da: iRoby
    > Mi sto preparando all'abbandono di Infostrada
    > dopo che passerà a 28 giorni anche la bolletta
    > della sua fibra 50/10 che era tra le più
    > convenienti.

    Questa cosa è veramente assurda,lo è ancora di più per una linea telefonica, l'anno prossimo s'nventeranno il mese da 2 settimane.
    Con questo trucchetto alla fine è come se pagassi una mensilitù in più durante l'anno, chi doveva vigilare ha dormito come al solito.

    > Con la mia vicina, siamo entrambi proprietari
    > dell'appartamento ci condividiamo un contratto
    > Fastweb 100/30. Basta tirare 3 metri di cavo
    > Cat.6 e mettere a muro due prese RJ45. Lei mette
    > un cavo Ethernet dal router alla presa ed io in
    > casa mi gestisco come voglio il tutto, con uno
    > switch ed un access
    > point.

    Buon per te,anche se non è legale dal loro punto di vista.
    non+autenticato
  • - Scritto da: iRoby
    > Mi sto preparando all'abbandono di Infostrada
    > dopo che passerà a 28 giorni anche la bolletta
    > della sua fibra 50/10 che era tra le più
    > convenienti.
    >
    > Con la mia vicina, siamo entrambi proprietari
    > dell'appartamento ci condividiamo un contratto
    > Fastweb 100/30. Basta tirare 3 metri di cavo
    > Cat.6 e mettere a muro due prese RJ45. Lei mette
    > un cavo Ethernet dal router alla presa ed io in
    > casa mi gestisco come voglio il tutto, con uno
    > switch ed un access
    > point.
    e il mangling che fara' la tua vicina (sul tuo traffico)?
    non+autenticato
  • Alla mia vicina basta guardare filmati di gattini con l'iPad e a suo marito collegarsi con il sito della scuola dove insegna lettere. E il classico uso di internet da intellettuale.

    Poi con l'opzione Sky di fastweb si guardano la TV via internet senza parabola.
    iRoby
    8343
  • - Scritto da: iRoby
    > Alla mia vicina basta guardare filmati di gattini
    > con l'iPad e a suo marito collegarsi con il sito
    > della scuola dove insegna lettere. E il classico
    > uso di internet da intellettuale.
    >

    Sono proprio quelli che poi alla sera si scaricano i filmazzi sadomaso con persone dalla sessualità improbabile, maschere di cuoio e criceti idrofobici!
    Scherzo, eh Con la lingua fuori
    Izio01
    4149
  • Meno di mezzo milione sarebbe la multa ? Ma è uno scherzo ? O_O

    Ma con tutti i clienti che hanno entrambe gli è convenuto comunque fare questa manovra,ci credo che con il passare del tempo ne fanno altre, è come se ad un miliardario facessero una multa da 10 Euro,si mette a ridere.

    Fagli una multa del doppio di quello hanno guadagnato con questa manovrina con l'obbligo di ritornare alla tariffa precedente per il cliente,se non lo fai ti faccio una multa ancora più pesante ogni 2 settimane se non provvedi.
    Queste compagnie le devi multare pesantemente altrimenti dopo un pò lo rifaranno di nuovo,alla fine ci guadagnano comunque.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Etype

    > Queste compagnie le devi multare pesantemente
    > altrimenti dopo un pò lo rifaranno di nuovo,alla
    > fine ci guadagnano comunque.

    Vero. Ma il problema delle multe stratosferiche, o che superano abbondantemente i loro guadagni, è che possono essere facilmente contestate e ritorte contro l'ente stesso che le ha emesse.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...

    > Vero. Ma il problema delle multe stratosferiche,
    > o che superano abbondantemente i loro guadagni, è
    > che possono essere facilmente contestate e
    > ritorte contro l'ente stesso che le ha
    > emesse.

    Purtroppo chi dovrebbe vigilare su queste cose da pacche sulla spalla anzichè dire "questa è una manovrà scorretta verso i clienti,non la puoi fare,se procedi avrai grosse conseguenze".
    In pratica le compagnie si trovano a fare il bello e il cattivo tempo,inoltre fanno anche cartello tra di loro perchè basta che uno propone queste assurdità e nel giro qualche mese le altre si adeguano,quindi comunque la giri il clinete ci rimane fregato.
    Si deve far valere il contratto tra gestore e cliente, nessuna rimodulazione peggiorativa andrebbe ammessa,non puoi stare sempre alla mercè del fornitore dei servizi.
    Questi si svegliano un giorno e pensano "come facciamo oggi a guadagnare soldi extra senza fare nulla ? Ah mettiamo in atto questo trucchetto!"
    Con i comportamenti di uno stato che dorme non fai che incentivare cete furbate.
    non+autenticato
  • Si stanno facendo addosso. E come se a me facessero una multa da un euro.
    Al circo ho visto spettacoli dove sono molto più professionali ed almeno fanno ridere i bambini.
    non+autenticato
  • Solo in Italia succededono queste cose, multe da pochi spiccioli (vedi anche
    Volkswagen con 5 milioni di multa quando negli altri stati sono miliardi)
    è una vergogna totale l'antitrast italiano!!!
    In più non si riesce a capire perchè non annullino quello che hanno combinato e ridiano i soldi indietro ai consumatori (basta offerte per indennizzo, ma il rientro dell'estorto!!!).
    L'ideale è che si propongano contratti telefonici a tempo (esempio 2 anni)in cui si stabilisca a priori la tariffa fissa e a scadenza propongono un nuovo contratto (non con silenzio assenso), altrimenti cambi gestore (anche qui però problemi di controllo di tariffe manipolate e di incroci tra dati da gestori per emettere contratti peggiorativi).
  • Ma tanto anche se cambi gestore è uguale, dopo qualche mese anche lui fa modifiche quindi non hai scampo.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 9 discussioni)