Alfonso Maruccia

OpenOffice, Apache ne discute il pensionamento

Si profilano tempi duri per la prima suite open. A quanto pare non dispone di programmatori sufficienti ad andare avanti. Polemiche in seno alla community

Roma - Si avvicina la fine del progetto OpenOffice.org? Stando alla discussione avviata da Dennis Hamilton sulla mailing list della fondazione Apache, l'ipotesi che la storica suite di produttività si trovi presto senza un "padrino" eccellente è tutto fuorché improbabile. Mancano le "braccia" da codice necessarie a supportare il progetto, denuncia Hamilton, e gli utenti ci rimettono (troppo) in sicurezza.

Qualora l'ipotesi evocata da Hamilton - vice-presidente di OOo ma anche consigliere della board di Apache - si concretizzasse, la fondazione dell'open source si unirebbe alla oramai lunga lista di gestori che hanno accompagnato, lentamente ma inesorabilmente, quella che una volta era la principale alternativa FOSS a Microsoft Office verso il pensionamento forzato.

Originariamente sviluppata da Sun, acquisita da Oracle che se ne è successivamente lavata le mani, OpenOffice è stata in questi anni superata dal progetto LibreOffice nato come fork di OOo ma poi impostosi come suite in grado di tenere il passo sia della concorrenza - il solito Microsoft Office di cui sopra - che delle nuove tendenze di mercato come cloud, mobile eccetera.
Oggi su OOo ci lavorano pochissimi sviluppatori e le vulnerabilità si accumulano, ha denunciato Hamilton, un problema ben evidenziato da un bug nella gestione di un file di presentazione (CVE-2016-1513) sfruttabile per eseguire codice malevolo e già noto da ottobre scorso, corretto a marzo ma con il fix che ancora attende di essere integrato nel codice sorgente della suite.

OOo merita quindi di finire nel dimenticatoio del FOSS? Hamilton apre alla discussione e ipotizza "piani di pensionamento" per far scivolare la suite in "modalità archivio", con il codice a disposizione di sviluppatori e utenti ma senza alcuno sviluppo corrente gestito da Apache. La situazione sembra in realtà più complicata di quella descritta da Hamilton, visto che alcuni sviluppatori hanno reagito male all'ipotesi di pensionamento e hanno parlato di un progetto ancora vivo nonostante tutto; è vero, le cose procedono molto lentamente, dice uno di questi programmatori, ma aprire una discussione sul ritiro di OOo per "fornire ai nemici di OpenOffice nuove munizioni" non aiuta di certo.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • TecnologiaLibreOffice è 5.1Rilasciata una nuova versione della suite di produttività open source, un pacchetto che offre migliorie su tutti i fronti incluse le performance, l'interfaccia e l'organizzazione dei menù
58 Commenti alla Notizia OpenOffice, Apache ne discute il pensionamento
Ordina
  • Beh, nessuno può competere con microsoft questi programmi da nerd che funzionano male alla fine soccombono con la professionalità di microsoft. LibreOffice sarà il prossimo e poi toccherà a Linux e tutta quell'accozzaglia di distro che si porta dietro
    non+autenticato
  • Si si, se usi Linux arrivano i pretoriani di Redmond e ti rompono il PC.

    E i parrucconi masterizzati del marketing di Microsoft sono sempre al lavoro per indottrinare i dementi che ogni nuovo Windows è il migliore Windows di sempre, e non che ogni tanto tirano fuori schifezze del livello di Win ME, Vista, e la famiglia 8.
    iRoby
    8811
  • :) bella ironia non c'e' maleSorride

    Dovresti provare ad andare ad una trasmissione TV per comici dilettanti
    non+autenticato
  • Ha mai pensato di andare a "la sai l'ultima"? come barzellettiere non sei male !!!
    non+autenticato
  • tra poco MS porterà MS office pure su Linux.
    Ci vuol poco, la versione UNIX per OSX c'è già, basta ricompilare.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pietro
    > tra poco MS porterà MS office pure su Linux.
    > Ci vuol poco, la versione UNIX per OSX c'è già,
    > basta
    > ricompilare.

    Tu si che hai capito tutto dalla vita.
    non+autenticato
  • "fornire ai nemici di OpenOffice nuove munizioni".
    E, di grazia, chi sarebbero I "nemici" di OpenOffice.org?

    Perché la soluzione è a portata di mano ed è quella della prima ora: richiudere il fork, portando in dote a The Document Foundation il nome storico "OpenOffice.org", abbandonando quello scelto di fretta e furia anni fa ("LibreOffice"), rimuovendo una duplicazione volute solo da Oracle e che, questa si, ha dato "munizioni" ai "nemici" delle Suite Free di Office.

    Ma temo non lo faranno mai.
    non+autenticato
  • Forum in mano a dei troll a dei falliti psicopatici che non hanno costriuto niente nella loro vita e vengono qua a sfogarsi

    Non sono i classici scemi del villaggio quelli paura di metterci la faccia non ne hanno, sono persone completamente traumatizzate dai loro fallimenti ed errori e non riescono piu' a rialzarsi, il loro orgoglio e la loro superbia non gli da questa possibilita', sono completamente in preda alle loro paure

    Dimostrano un comportamente tipicamente infantile sono dei grandi bambini e non persone adulte con tendenza all'isolamento


    Da soli non sono in grado di aiutarsi hanno bisogno di un sostegno esterno una persona cara che non li giudichi ma li accetti per quel che sono, passare poi ad un sostegno professionale sedute dallo psicologo e psicoterapia di gruppo
    non+autenticato
  • Eh no, qua le diagnosi le faccio io, sono io che studio scienze psicologiche ad indirizzo neuroscienze cognitive...
    iRoby
    8811
  • Hai già un caso da studiare a casa tua, perché vieni qui a stressare?
    non+autenticato
  • - Scritto da: pioggia di merda
    > Hai già un caso da studiare a casa tua, perché
    > vieni qui a
    > stressare?

    Good point
    maxsix
    9882
  • - Scritto da: iRoby
    > Eh no, qua le diagnosi le faccio io, sono io che
    > studio scienze psicologiche ad indirizzo
    > neuroscienze
    > cognitive...

    Eppure tu ti occupi solo di quelli che buttano via i soldi in aggeggi inutili e costosi (vedi Harley) che non fanno evolvere il proprio intelletto e la propria pace e felicità interiore.

    E come avere una laurea in ingegneria meccanica ed occuparsi delle ruote sgonfie delle biciclette.
  • Io ho anche una laurea in ingegneria meccanica.
    Ma non ho quasi mai lavorato nel settore della meccanica, e in quel settore ci faccio solo cose per hobby.

    La questione sulla crescita personale è non considerare gli oggetti come bisogni per lo più falsi e indotti artificialmente, ma solo come strumenti per facilitare la vita e lasciare tempo libero per quello che rende realmente felici, i rapporti umani armonici e la manifestazione dell'ubuntu, che non è la distro Linux, ma la parola bantu che indica il vivere con e per gli altri, e accrescersi in una grande comunità umana.

    Le Harley per me sono giocattoli come lo sono per un bambino cresciuto, adoro la sensazione del ferro e del vento sul viso.
    Non la posseggo per vantarla davanti agli altri quando faccio lo spritz in piazza.
    Anzi non li frequento neppure i motociclisti, e mi da pure noia uscirci insieme, tra quelli che ad ogni frase al bar ce l'hanno più grossa la moto, chi si deve fermare ogni 15 minuti per la prostata che perde, chi si deve fermare per la sigaretta sennò diventa nervoso, quello che non sa guidare e accusa me o altri di correre troppo, ecc.
    iRoby
    8811
  • - Scritto da: iRoby
    > Io ho anche una laurea in ingegneria meccanica.
    > Ma non ho quasi mai lavorato nel settore della
    > meccanica, e in quel settore ci faccio solo cose
    > per
    > hobby.
    >
    > La questione sulla crescita personale è non
    > considerare gli oggetti come bisogni per lo più
    > falsi e indotti artificialmente, ma solo come
    > strumenti per facilitare la vita e lasciare tempo
    > libero per quello che rende realmente felici,

    E allora prenditela con chi considera gli oggetti come un bisogno e non come uno strumento invece di fare di tutta un'erba un fascio solo perché ha in tasca un iPhone piuttosto che un S6.

    > i
    > rapporti umani armonici e la manifestazione
    > dell'ubuntu, che non è la distro Linux, ma la
    > parola bantu che indica il vivere con e per gli
    > altri, e accrescersi in una grande comunità
    > umana.
    >

    Non é certo qui dentro , come neanche tu fai , che devo "armonizzare e manifestare l'ubuntu".

    >
    > Le Harley per me sono giocattoli come lo sono per
    > un bambino cresciuto, adoro la sensazione del
    > ferro e del vento sul viso.
    >

    Tu hai i tuoi giocattoli , altri hanno i loro. E tu non sei nessuno per giudicare il prossimo come fai sempre.

    > Non la posseggo per vantarla davanti agli altri
    > quando faccio lo spritz in
    > piazza.

    Vuoi dire che chi ha un iPhone e lo appoggia sul bancone del bar lo fa per "vantarlo" ?

    O forse lo fa per comodità esattamente come chi parcheggia la moto davanti al bar invece che nel vicolo a fianco ?
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 06 settembre 2016 12.24
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: aphex_twin
    > - Scritto da: iRoby
    > > Io ho anche una laurea in ingegneria
    > meccanica.
    >
    > > Ma non ho quasi mai lavorato nel settore
    > della
    > > meccanica, e in quel settore ci faccio solo
    > cose
    > > per
    > > hobby.
    > >
    > > La questione sulla crescita personale è non
    > > considerare gli oggetti come bisogni per lo
    > più
    > > falsi e indotti artificialmente, ma solo come
    > > strumenti per facilitare la vita e lasciare
    > tempo
    > > libero per quello che rende realmente
    > felici,
    >
    >
    > E allora prenditela con chi considera gli oggetti
    > come un bisogno e non come uno strumento invece
    > di fare di tutta un'erba un fascio solo perché ha
    > in tasca un iPhone piuttosto che un
    > S6.
    >
    > > i
    > > rapporti umani armonici e la manifestazione
    > > dell'ubuntu, che non è la distro Linux, ma la
    > > parola bantu che indica il vivere con e per
    > gli
    > > altri, e accrescersi in una grande comunità
    > > umana.
    > >
    >
    > Non certo qui dentro , come neanche tu fai , che
    > devo "armonizzare e manifestare
    > l'ubuntu".
    >
    > >
    > > Le Harley per me sono giocattoli come lo
    > sono
    > per
    > > un bambino cresciuto, adoro la sensazione del
    > > ferro e del vento sul viso.
    > >
    >
    > Tu hai i tuoi giocattoli , altri hanno i loro. E
    > tu non sei nessuno per giudicare il prossimo come
    > fai
    > sempre.
    >
    > > Non la posseggo per vantarla davanti agli
    > altri
    > > quando faccio lo spritz in
    > > piazza.
    >
    > Vuoi dire che chi ha un iPhone e lo appoggia sul
    > bancone del bar lo fa per "vantarlo"
    > ?
    >
    > O forse lo fa per comodità esattamente come chi
    > parcheggia la moto davanti al bar invece che nel
    > vicolo a fianco
    > ?
    gli iPhone? ma per favore, ormai li hanno anche i migranti appena sbarcati.
    non+autenticato
  • - Scritto da: iRoby
    > Io ho anche una laurea in ingegneria meccanica.
    > Ma non ho quasi mai lavorato nel settore della
    > meccanica, e in quel settore ci faccio solo cose
    > per
    > hobby.
    >
    > La questione sulla crescita personale è non
    > considerare gli oggetti come bisogni per lo più
    > falsi e indotti artificialmente, ma solo come
    > strumenti per facilitare la vita e lasciare tempo
    > libero per quello che rende realmente felici, i
    > rapporti umani armonici e la manifestazione
    > dell'ubuntu, che non è la distro Linux, ma la
    > parola bantu che indica il vivere con e per gli
    > altri, e accrescersi in una grande comunità
    > umana.
    >
    >
    > Le Harley per me sono giocattoli come lo sono per
    > un bambino cresciuto, adoro la sensazione del
    > ferro e del vento sul viso.
    >
    > Non la posseggo per vantarla davanti agli altri
    > quando faccio lo spritz in
    > piazza.
    > Anzi non li frequento neppure i motociclisti, e
    > mi da pure noia uscirci insieme, tra quelli che
    > ad ogni frase al bar ce l'hanno più grossa la
    > moto, chi si deve fermare ogni 15 minuti per la
    > prostata che perde, chi si deve fermare per la
    > sigaretta sennò diventa nervoso, quello che non
    > sa guidare e accusa me o altri di correre troppo,
    > ecc.

    Abbiamo appena trasmesso "un motard bisognoso d'affetto parte 1"
    non+autenticato
  • Mi fa venire in mente i samurai e il buschido "la via del guerriero" il codice di condotta che doveno tenere, veniva insegnato loro a non aver paura dei propi errori ma di farne tesoro per perfezionarsi sia spiritualmente che fisicamente, oltre naturalmete all'onore e alla fedelta' spina dorsale di tutto il Giappone
    non+autenticato
  • Mi fa venire in mente i samurai e il buschido "la via del guerriero" il codice di condotta che doveno tenere, veniva insegnato loro a non aver paura dei propi errori ma di farne tesoro per perfezionarsi sia spiritualmente che fisicamente, oltre naturalmete all'onore e alla fedelta' spina dorsale di tutto il Giappone
    non+autenticato
  • a volte fa un cavolo di refresh e si perde cosa si stava scrivendo, altre volte dice "impossibile inserire commenti" poi dopo un pò va.

    sistemate please, sarebbe un peccato perdere le perle di saggezza degli utenti.
    non+autenticato
  • - Scritto da: pig god
    > a volte fa un cavolo di refresh e si perde cosa
    > si stava scrivendo, altre volte dice "impossibile
    > inserire commenti" poi dopo un pò
    > va.
    >
    > sistemate please, sarebbe un peccato perdere le
    > perle di saggezza degli utenti.

    il refresh forzato e' imposto dalla redazione, e' un trucchetto per sbolognarti periodicamente nuovi banner (=soldi per punto informatico): una politica comprensibile nello scopo ma odiosa nel metodo, che indica quanto poco rispetto la redazione nutra nei confronti dei lettori (anche perche se navighi "a consumo" e inavvertitamente lasci aperta una loro pagina, ti bruciano centinaia di mega come niente).

    SOLUZIONE: se usi firefox, digita nella barra dell'indirizzo about:config, conferma che farai attenzione, poi cerca "accessibility.blockautorefresh" e impostalo a "true". E tanti saluti all'odiato autorefresh
    non+autenticato
  • quando dice "impossibile inserire i commenti" li inserisce lo stesso.
    Se scrivi da "versione classica" non fa il refresh
    non+autenticato
  • > a volte fa un cavolo di refresh e si perde cosa
    > si stava scrivendo, altre volte dice "impossibile

    A ecco... pensavo di essere l'unico ad avere il probema
    non+autenticato
  • - Scritto da: pig god
    > Quella cosa lì che dice!!

    Io uso TextEdit prima di fare il posterello su PI. Tipo carta sasso forbice;)
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 10 discussioni)