Parental Control, guida pratica

Come configurare Windows, Android e iOS per proteggere i nostri bambini figli da contenuti inappropriati e pericoli che circolano su Internet

Navigando su Internet un bambino può facilmente imbattersi in siti violenti o in contenuti non adatti alla sua tenera età, ma per un genitore che lavora (o che non vuole inculcare ai suoi figli insicurezza e mancanza di fiducia) è difficile mantenere una sorveglianza costante. Se il PC è dotato di Windows 10 ci si può aiutare con l'efficiente strumento di Parental Control integrato. Con esso si può configurare un "account bambino" e impostare una serie di restrizioni per impedirne un uso non appropriato. Si può, ad esempio, impostare il numero di ore quotidiane in cui è possibile usarlo, i siti Web navigabili, filtrare i risultati delle ricerche e bloccare l'installazione di app e giochi. Configurato il tutto, si può lasciare il bambino libero di usare il computer in tutta sicurezza, senza l'obbligo di una pressante sorveglianza. Il genitore può inoltre controllare le attività svolte da un'apposita pagina Web utilizzando un qualsiasi PC connesso a Internet e scegliere di ricevere via e-mail un report settimanale.
Le funzionalità per la famiglia progettate da Microsoft offrono ai genitori la possibilità di avere un controllo completo su ciò che i figli possono fare o non fare con il computer o Internet. Non occorre installare software aggiuntivi, ma solo creare un account Microsoft per ogni membro della famiglia: i genitori avranno un account Amministratore, mentre ai figli sarà associato un account limitato.

Colleghiamoci all'apposita pagina web ed effettuiamo l'accesso col nostro account Microsoft. Nel caso non ne avessimo uno, sarà necessario crearlo cliccando Crea un account e seguendo la procedura guidata mostrata sullo schermo. Saranno necessari solo pochi minuti.


Clicchiamo poi su Aggiungi un bambino, inseriamo l'indirizzo e-mail di nostro figlio e selezioniamo Invia invito. Se il bambino non possiede un indirizzo e-mail clicchiamo Crea un nuovo indirizzo email per il bambino e seguiamo le istruzioni. Il bambino dovrà infine accettare l'invito mediante l'e-mail che riceverà.

In Windows 10 andiamo in Impostazioni/Account, effettuiamo l'accesso col nostro account Microsoft e spostiamoci in Famiglia e altri utenti. Clicchiamo Aggiungi membro della famiglia e seguiamo le istruzioni per aggiungere l'account del bambino al computer in uso. Dovrà accettare l'invito per e-mail.


Da buoni genitori dobbiamo dare le giuste regole al bambino affinché faccia un uso lecito e salutare del computer, impedendogli di entrare in contatto con contenuti non adatti alla sua età. Per configurare le restrizioni colleghiamoci nuovamente alla pagina web allestita da Microsoft ed effettuiamo l'accesso col nostro account. Clicchiamo sulla voce Tempo davanti allo schermo e in Imposta limiti per l'uso dei dispositivi da parte del bambino commutiamo il cursore da Disattivato ad Attivato.


Ora sarà possibile impostare per ogni giorno della settimana gli orari in cui il bambino potrà usare i dispositivi. Dal menu a tendina Limite al giorno, in questo dispositivo è poi possibile specificare il numero di ore totali. Selezioniamo Illimitato se non vogliamo impostare un tempo massimo.


Clicchiamo sul pulsante Esplorazione Web e impostiamo su Attivato l'opzione Blocca siti Web inappropriati. Mediante questa opzione possiamo bloccare tutti i contenuti per adulti e allo stesso tempo attiviamo la ricerca sicura che filtra i risultati del motore di ricerca eliminando i link a contenuti non appropriati.


Nella parte bassa della schermata possiamo specificare i siti che potranno essere visualizzati e quelli che invece dovranno essere bloccati sempre. Spuntando poi la voce Visualizza solo siti Web nell'elenco dei consentiti facciamo in modo che il bambino possa visualizzare solo i siti Web consentiti in modo esplicito.


Per impedire che il bambino utilizzi applicazioni on-line o giochi con titoli non adatti alla sua età, clicchiamo App, giochi ed elementi multimediali e cambiamo l'impostazione di Blocca app e giochi inappropriati in Attivato. In Limita app e giochi selezioniamo la fascia di età appropriata.


A questo punto possiamo affidare il computer a nostro figlio. Nel caso in cui provi a installare un gioco dal Windows Store non adatto alla sua età, gli verrà automaticamente impedito di farlo. La stessa cosa capiterà con le applicazioni o con i siti Web che tenterà di visitare.


Questo sistema ci consente di monitorare da remoto le attività quotidiane di nostro figlio, verificare i siti che naviga, i suoi acquisti sul Windows Store e il tempo che trascorre davanti al computer.
Se il bambino vuole scaricare un nuovo gioco o visitare siti che non gli sono consentiti, può inviarci tramite e-mail le richieste per avere il permesso di farlo (utile se non siamo a casa). Potrebbe infatti averne la necessità per una ricerca scolastica.


Grazie al sistema di controllo genitori di Windows 10, non dobbiamo per forza essere fisicamente davanti al PC di nostro figlio per dargli il permesso. Possiamo farlo direttamente dall'e-mail ricevuta o collegandoci alla solita pagina web dove per ogni bambino saranno elencate le richieste di permesso.


Sempre rimanendo collegati al sito Microsoft dedicato alla famiglia possiamo controllare le attività dei nostri figli ed essere sicuri che non stiano abusando dell'uso del computer. Per farlo basta cliccare su Controlla le attività recenti, accanto al nome.


Per avere i rapporti sulle attività dobbiamo mettere su Attiva l'opzione I rapporti attività sono. Inoltre spuntando la voce Invia rapporti settimanali a me tramite e-mail ogni settimana ci verrà inviato per e-mail un rapporto sulle attività settimanali svolte dal bambino che potremo consultare velocemente senza collegarci sul sito.


Diversi contenuti presenti sul Windows Store sono a pagamento. Per consentire al bambino di acquistarli, dobbiamo concedergli un po' di credito. Per farlo, da Acquisti e spese clicchiamo Aggiungi denaro al tuo account Microsoft e seguiamo le istruzioni per scegliere l'importo. Da qui è possibile controllare anche lo storico degli acquisti.


Se il bambino è uscito con gli amici e usa un dispositivo Windows 10 Mobile è possibile controllare dove si trova per stare più tranquilli. Basta loggarsi sempre sul sito Microsoft dedicato alla famiglia, cliccare su Trova il tuo bambino e mettere su Attiva l'opzione Mostra la posizione del dispositivo del tuo bambino.


Volendo, è possibile accedere alle impostazioni della famiglia anche dal proprio PC. Basta andare in Impostazioni/Account e spostarsi nella sezione Famiglia e altri utenti. Per gestire le impostazioni della famiglia e quindi anche quelle del bambino basta cliccare Gestisci le impostazioni della famiglia online. Da qui è possibile aggiungere altri membri alla famiglia e scegliere a chi consentire o bloccare l'uso del PC.

Oltre ai membri della famiglia, Windows 10 consente di creare utenti standard a cui dare l'Accesso assegnato, un'impostazione che li limita ad usare solo determinate app del Windows Store. Per farlo si deve innanzitutto accedere al PC con un account amministratore e aggiungere un altro utente. Andare quindi in Impostazioni/Account/Famiglia e altri utentie cliccare su Configura l'accesso assegnato per scegliere l'utente e l'applicazione che può utilizzare.

Se non abbiamo Windows 10 o cerchiamo una valida alternativa, possiamo rivolgerci a Qustodio. Usarlo è altrettanto semplice: occorre creare un account sul sito, installare il software sul PC del bambino e impostare tutte le restrizioni come i filtri per Internet, gli orari in cui consentire l'uso del PC e altro. Sarà poi possibile controllare le attività del bambino dall'apposita pagina del sito Qustodio. La versione gratuita consente di configurare un solo utente e un solo dispositivo, la versione Premium consente di estendere a 5 utenti e 5 dispositivi il controllo genitore pagando un abbonamento di 38,95 euro all'anno. Qustodio è compatibile con Windows, Mac, iOS e Android.
Notizie collegate
63 Commenti alla Notizia Parental Control, guida pratica
Ordina
  • puoi anche chi vuol monitorare un collaboratore o la moglie.
    Senza contare i piratonzoli che possono sfruttare delle vulnerabilità
    per telecontrollarti.
  • "si può lasciare il bambino libero di usare il computer in tutta sicurezza, senza l'obbligo di una pressante sorveglianza."

    Invece di una "discreta" sorveglianza, passando ogni tanto a vedere dove naviga, interagendo con lui per capire cosa sta facendo,
    - controlliamo le attività dei nostri figli da remote
    - ci facciamo inviare un rapporto sulle attività settimanali svolte
    - se è uscito con gli amici possiamo controllare dove si trova

    Alla faccia del senza PRESSANTE sorveglianza!

    Come minimo mi denuncia per violazione dello Statuto dei Lavoratori per Telecontrollo! Sorride

    E se invece mette una chiavetta con Linux e avvia dalla chiavetta, funziona sempre questo Parental Control? E se mentre non ci sono arriva un amico con il tablet, si agganciano alla Wifi e navigano dal tablet dell'amico, funziona ancora?

    ...fare i Genitori significa Educare i figli a saper usare la propria libertà ed ad essere responsabili delle proprie azioni. Non telecontrollarli.

    Mestiere durissimo, difficile, ma bellissimo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Skywalker

    > ...fare i Genitori significa Educare i figli a
    > saper usare la propria libertà ed ad essere
    > responsabili delle proprie azioni. Non
    > telecontrollarli.

    Boh. Io ai miei figli insegno come aggirare ogni forma di telecontrollo, come aprire i lucchetti digitali, e cose del genere.
    L'ultima cosa che vorrei e' avere figli passivi di fronte alla tecnologia.

    Non escono mai di casa senza una chiavetta usb con linux bootabile, in tasca.

    > Mestiere durissimo, difficile, ma bellissimo.

    E che da' molte soddisfazioni.
  • - Scritto da: panda rossa

    > Non escono mai di casa senza una chiavetta usb
    > con linux bootabile, in tasca.

    che infanzia infelice... vedrai che appena hanno un lavoro faranno la fila davanti all'apple store...
    non+autenticato
  • - Scritto da: panda rotta
    > - Scritto da: panda rossa
    >
    > > Non escono mai di casa senza una chiavetta
    > usb
    > > con linux bootabile, in tasca.
    >
    > che infanzia infelice... vedrai che appena hanno
    > un lavoro faranno la fila davanti all'apple
    > store...

    Si, a filmare quelli come te in fila, e poi mettere il filmato su youtube.
  • ne riparliamo quando tutti i loro coetanei avranno l'iphone e loro il 3310.
    non+autenticato
  • - Scritto da: panda rotta
    > ne riparliamo quando tutti i loro coetanei
    > avranno l'iphone e loro il
    > 3310.

    Oppure uno spartphone con la Cyano, del quale hanno TOTALE CONTROLLO e possono fare cose che gli applecorinati con iPhone manco si sognano!
  • così verranno derisi ed emarginati dai compagni solo perchè il loro babbo ha delle idee integraliste.
    non+autenticato
  • - Scritto da: panda rotta
    > così verranno derisi ed emarginati dai compagni
    > solo perchè il loro babbo ha delle idee
    > integraliste.

    O presi come esempio da imitare perche' non hanno bisogno di iGingilli per omologarsi al gregge.
  • si certo, ma dove vivi? pronto? siamo sul pianeta terra!
    non+autenticato
  • - Scritto da: panda rotta
    > si certo, ma dove vivi? pronto? siamo sul pianeta
    > terra!

    Ecco da dove inizia la demenza infantile, dalla propria casa, e poi i fantomatici genitori pretendono pure di incolpare la società!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Il fuddaro
    > Ecco da dove inizia la demenza infantile, dalla
    > propria casa

    Concordo pienamente, non ha senso incolpare scuola e società, dato che i figli apprendono per la maggiore dai genitori. Una mia amica è psicologa, ha aiutato molti adolescenti a risolvere i loro problemi, e mi ha garantito che il 90% (se non di più) dei loro problemi deriva da un cattivo/mancato insegnamento in famiglia (per negligenza o per ignoranza).
    non+autenticato
  • sta roba M$ e' straordinaria....... ma cosa impedisce al bambino (che e' abbastanza abile da andare sullo store per installarsi i game) di crearsi un account come 40enne fumatore e pornografo?Sorride c'e' una verifica dell'impronta digitale presso la questura prima di questo parental control? c'e' anche un blocco perituro al 'safe mode'?
    non+autenticato
  • Miiiiii bubba! Con questa notizia i genitori in delega stavano tranquilli con il computer da balia ed invece adesso devono uscire in pizzeria con gli amici con il pensiero che forse il pargolo si spacci per adulto.
    Sei proprio bravo a rovinare le serate altrui !Con la lingua fuoriA bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: prova123
    > Miiiiii bubba! Con questa notizia i genitori in
    > delega stavano tranquilli con il computer da
    > balia ed invece adesso devono uscire in pizzeria
    > con gli amici con il pensiero che forse il
    > pargolo si spacci per
    > adulto.
    > Sei proprio bravo a rovinare le serate altrui !
    >Con la lingua fuori
    >A bocca aperta
    beeeeeeeehh... potrebbero metterlo davanti ad una cornice digitale.... si guarda il loop di immagini di peppa, gattini e mulinobianco fino ad addormentarsi...Con la lingua fuori
    non+autenticato
  • Infatti è puro marketing, roba completamente inutile, anche perché basterebbe avviare il PC con una distro-live da USB e tutto sarebbe aggirato.

    Il problema è che i genitori non sanno più educare i figli o non ne hanno voglia, preferiscono scrivere stronzate su Facebook o giocare a Candy Crush piuttosto che passare tempo coi figli.

    Così come si deve spiegare ad un bambino ad attraversare una strada, lo si deve responsabilizzare nell'uso della tecnologia. Non ha senso mettergli divieti (altrimenti cresce schiavo), ma bisogna insegnargli a gestire la sua libertà.
    non+autenticato
  • Come genitore concordo pienamente!!!
    non+autenticato
  • "Il genitore può inoltre controllare le attività svolte da un'apposita pagina Web utilizzando un qualsiasi PC connesso a Internet e scegliere di ricevere via e-mail un report settimanale. "

    Significa che il sistema operativo memorizza tutte le attivita' svolte (fino alle pagine web visitate), e salva tutto da qualche parte (cloud?) in modo tale che CANI E PORCI sfruttando le immancabili vulnerabilita' possano sapere che cosa fa chiunque a casa sua, consultando una pagina web o ricevendo un comodo report via mail.

    E si paga pure per farsi spiare! Deluso
  • Questo è un servizio riservato solo ai genitori moderni!A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: panda rossa
    > "Il genitore può inoltre controllare le
    > attività svolte da un'apposita pagina Web
    > utilizzando un qualsiasi PC connesso a Internet e
    > scegliere di ricevere via e-mail un report
    > settimanale.
    > "

    >
    > Significa che il sistema operativo memorizza
    > tutte le attivita' svolte (fino alle pagine web
    > visitate), e salva tutto da qualche parte
    > (cloud?) in modo tale che CANI E PORCI sfruttando
    > le immancabili vulnerabilita' possano sapere che
    > cosa fa chiunque a casa sua, consultando una
    > pagina web o ricevendo un comodo report via
    > mail.
    >
    > E si paga pure per farsi spiare! Deluso

    Dio bono ma leggile e capiscile 'ste notizie una volta ogni tanto.

    Dove sta scritto che "possano sapere che cosa fa chiunque a casa tua" ?

    E' puro FUD dato da totale ignoranza della materia.
  • - Scritto da: aphex_twin
    > - Scritto da: panda rossa
    > > "Il genitore può inoltre
    > controllare
    > le
    > > attività svolte da un'apposita pagina Web
    > > utilizzando un qualsiasi PC connesso a
    > Internet
    > e
    > > scegliere di ricevere via e-mail un report
    > > settimanale.
    > > "

    > >
    > > Significa che il sistema operativo memorizza
    > > tutte le attivita' svolte (fino alle pagine
    > web
    > > visitate), e salva tutto da qualche parte
    > > (cloud?) in modo tale che CANI E PORCI
    > sfruttando
    > > le immancabili vulnerabilita' possano sapere
    > che
    > > cosa fa chiunque a casa sua, consultando una
    > > pagina web o ricevendo un comodo report via
    > > mail.
    > >
    > > E si paga pure per farsi spiare! Deluso
    >
    > Dio bono ma leggile e capiscile 'ste notizie una
    > volta ogni
    > tanto.
    >
    > Dove sta scritto che "possano sapere che cosa fa
    > chiunque a casa tua"
    > ?

    Nella frase che ho quotato.

    > E' puro FUD dato da totale ignoranza della
    > materia.

    Se e' fud, e' l'articolo che fudda.
    Rispondi a me: winsozz, per poter dire al genitore che pagine ha visitato il figlio, le deve memorizzare da qualche parte? [SI][NO]

    Per consentore al genitore di interrogare queste informazioni via web, le informazioni stanno in un cloud? [SI][NO]

    Le informazioni in un cloud vulnerabile possono essere acquisite da cani e porci? [SI][NO]

    Winsozz, come la sua lunga tradizione dimostra, e' un sistema vulnerabile? [SI][NO]

    Se hai risposto NO a tutte le domande sei un idiota.
  • - Scritto da: panda rossa
    > Se hai risposto NO a tutte le domande sei un
    > idiota.

    se rispondi a queste domande sei idiota come chi ha scritto il questionario.
    non+autenticato
  • Le vicende di Apple iCloud non ti hanno insegnato che quello che finisce nella nuvola è, prima o poi, di dominio pubblico?
    non+autenticato
  • se l'utente è un'incapace e usa "123456" come password non puoi dare la colpa ad icloud.
    non+autenticato
  • 1) Informati, era stato sfruttato un bug che permetteva di fare un brute force della password senza che l'account venisse bloccato dopo N tentativi sbagliati. E' un controllo basilare che è presente anche nell'area riservata dell'oratorio per prenotare il campo da calcetto, ma Apple se l'era dimenticato...

    2) Un servizio serio ti impedisce di usare password semplici. Apple questo non può farlo perché altrimenti taglierebbe fuori gran parte dei suoi utenti.
    non+autenticato
  • - Scritto da: mela marcia
    > 1) Informati, era stato sfruttato un bug che
    > permetteva di fare un brute force della password
    > senza che l'account venisse bloccato dopo N
    > tentativi sbagliati. E' un controllo basilare che
    > è presente anche nell'area riservata
    > dell'oratorio per prenotare il campo da calcetto,
    > ma Apple se l'era
    > dimenticato...
    i bug ci sono ovunque, apple li fixa gli altri no.

    > 2) Un servizio serio ti impedisce di usare
    > password semplici. Apple questo non può farlo
    > perché altrimenti taglierebbe fuori gran parte
    > dei suoi utenti.
    la password me la scelgo io e la imposto complessa a prescindere dai requisiti minimi imposti da apple.
    non+autenticato
  • - Scritto da: panda rotta
    > i bug ci sono ovunque, apple li fixa gli altri no.
    Dall'Azienda più ricca del mondo posso aspettarmi bug in punti più critici, ma salvarsi il numero di tentativi sbagliati è una cosa che insegnano nel corso "My first PHP web site".


    > la password me la scelgo io e la imposto
    > complessa a prescindere dai requisiti minimi
    > imposti da apple.
    Fammi capire, Apple non mi da la libertà di usare le cuffie col jack standard e mi lascia impostare "123456" come password?
    non+autenticato
  • - Scritto da: mela marcia

    > Fammi capire, Apple non mi da la libertà di usare
    > le cuffie col jack standard e mi lascia impostare
    > "123456" come
    > password?

    Le cuffie jack standard sono da pezzenti.
    Se vuoi essere figo devi ostentare cuffie wireless da 100 euro l'una.
  • Al bambino ci si compra il telefono con le musichette, e che magari parli anche! Non si regala uno smartphone ad un bambino!

    IMPARINO a fare i GENITORI la Madre e il Padre, ha fare figli siamo buoni tutti anche i dodicenni!!

    EDUCHIAMO i Padri e le Madri ad essere Genitori, e non solo ad avere la prole, poi vedi che i risultati sono migliori di quelli che si ottengono oggi!
    non+autenticato
  • non hai figli, vero?
    non+autenticato
  • - Scritto da: genitore
    > non hai figli, vero?

    si una pletora!! Ma adesso ho rotto il tuo lo sapevo.

    Le scuse non reggono più. Tutti lavorano o hanno lavorato, la differenza stà tutta nel cosa sono i figli per alcuni genitori, e quanti genitori li usano come scusante, delle loro e SOLO loro mancanze, che credono di riempire conprando immondizia richiesta dai loro pargoli con la speranza che si tolgano dai piedi e vi lasciano continuare a non fare i genitori.

    Quella frase mi è stata rivolta un milione di volte, ma su di un forum non posso dimostrarti niente purtroppo, mi sarebbe piaciuto dimostrare che le tue scusanti sono nella realtà scuse perché vengono prima i vostri vizi e quant'altro, poi magari cinque minuti nella giornata li trovate pure per i vostri figli, quando vi danno del coglione direttamente in faccia.

    Buona serata.
    non+autenticato
  • Il problema non è l' acquisto, ma l' educazione che devi dare a tuo figlio per un uso responsabile, coerentemente con la sua età!
    Per molti genitori è più facile spendere 800 euro per un regalo, piuttosto che investire ore e ore nei week-end, per conoscere le cose che i figli vogliono usare, e ragionare con loro per fargli capire i rischi che comporta l' uso di certi strumenti.
    E nonostante tutto faranno delle stupidate come le abbiamo fatte tutti.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Padre
    > Il problema non è l' acquisto, ma l' educazione
    > che devi dare a tuo figlio per un uso
    > responsabile, coerentemente con la sua
    > età!
    > Per molti genitori è più facile spendere 800 euro
    > per un regalo, piuttosto che investire ore e ore
    > nei week-end, per conoscere le cose che i figli
    > vogliono usare, e ragionare con loro per fargli
    > capire i rischi che comporta l' uso di certi
    > strumenti.
    > E nonostante tutto faranno delle stupidate come
    > le abbiamo fatte
    > tutti.

    Il motivo e' semplice: quel genitore e' un ignorante informatico totale (che per brevita' chiameremo applefan) e di conseguenza il suo concetto di educazione tecnologica e' quello di SPENDERE.
  • il tuo è qualunquismo, solo perchè c'è qualche applefan pirla, che si fa notare, non è detto che tutti siano ignoranti, anzi non lo sono perchè sanno scegliere il meglio e fare un investimento che dura nel tempo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: panda rotta
    > il tuo è qualunquismo, solo perchè c'è qualche
    > applefan pirla,

    Indicami un solo applefan NON PIRLA e ritiro tutto quanto.

    > che si fa notare, non è detto che
    > tutti siano ignoranti, anzi non lo sono perchè
    > sanno scegliere il meglio e fare un investimento
    > che dura nel
    > tempo.

    Ma quale "dura nel tempo"? Un iphone dura fino al modello successivo, dopodiche' l'applefan si vergogna a far vedere che possiede ancora il penultimo modello. Fa solo la figura del pezzente nei confronti degli altri applefan.
  • io ho un iphone 6 (prima un 3gs), gran bel terminale, non lo cambio finche va. io non sono un pirla, mi godo il mio acquisto e sono al sicuro dato che apple i bug li corregge.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)