Alfonso Maruccia

Microsoft rivoluziona le patch

L'ultimo Patch Tuesday coincide con l'entrata in vigore del nuovo regime di distribuzione degli aggiornamenti Microsoft, e le polemiche giÓ fioccano copiose: sarÓ un disastro, prevede qualcuno

Roma - Microsoft ha avviato la tradizionale distribuzione mensile di patch per sistemi operativi Windows e software correlati, un pacchetto che a ottobre include dieci bollettini per chiudere 45 diverse vulnerabilità. Il peso specifico degli aggiornamenti non è eccessivo, ma le criticità non mancano.

Il nuovo martedì di patch comprende dunque cinque bollettini per vulnerabilità critiche, quattro "importanti" e una moderata, e coinvolge i soliti sospetti del buco di sicurezza nei browser Internet Explorer e Microsoft Edge, i componenti di Windows, Office, Skype per Business e la piattaforma di comunicazione Lync.

Di particolare interesse è il fatto che a questo giro gli update servono a chiudere alcune vulnerabilità 0-day, falle già attivamente sfruttate dai cyber-criminali e individuate in numero insolitamente alto sui browser di Redmond, Office e altrove; nel peggiore dei casi, il rischio include l'esecuzione di codice malevolo da remoto.
Anche Flash Player è ovviamente parte delle patch distribuite da Microsoft, con Adobe impegnata a chiudere 12 diverse vulnerabilità su tutti i sistemi supportati e ad aggiungerci di suo ulteriori aggiornamenti per Reader e Acrobat.

Come già anticipato da mesi, infine, il Patch Tuesday di ottobre coincide con il debutto del nuovo regime di distribuzione degli aggiornamenti imposto da Microsoft: i sistemi operativi meno recenti (Windows 7, Windows 8.1, Windows 2008 e Windows 2012) verranno allineati a Windows 10, "OS come servizio" che viene aggiornato ogni mese con un pacchetto di update cumulativo tutto compreso.

In sostanza sparisce la possibilità di selezionare i singoli aggiornamenti da installare sui succitati sistemi operativi "senza servizio", con Microsoft impegnata eventualmente a rilasciare due pacchetti di patch ogni mese: uno inclusivo di tutti gli update, l'altro comprendente solo gli aggiornamenti di sicurezza.

Nelle intenzioni della corporation si tratta di una novità pensata per semplificare la gestione dell'enorme parco di macchine Windows e l'aggiornamento dei vari OS con una singola installazione, nella pratica l'ennesima forzatura da parte di Microsoft potrebbe portare a un disastro di proporzioni incalcolabili. I rischi degli update/upgrade cumulativi e obbligatori non sono affatto teorici, visto che anche l'ultimo aggiornamento cumulativo di Windows 10 (KB3194496) ha portato alla comparsa di problemi per un certo numero di utenti e ha costretto Redmond a rilasciare il solito fix di ordinanza.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • AttualitàMicrosoft, l'ultimo Patch TuesdayRedmond avvia la distribuzione del corposo martedý di patch settembrino, mentre per il prossimo futuro si prospettano cambiamenti importanti per le modalitÓ di somministrazione degli update. Gli admin giÓ fanno salti di gioia
126 Commenti alla Notizia Microsoft rivoluziona le patch
Ordina
  • Dopo gli ultimi update, il mio computer dell'ufficio non riesce più a svegliarsi dall'ibernazione. Cioè, svegliarsi si sveglia, ma i monitor rimangono neri.
    Grazie Micro$oft.
    non+autenticato
  • Con un prodotto bello bellissimo, tramite un aggiornamento windows che di fatto andava a segare roba, il suddetto prodotto non partiva più.

    Non c'era verso. Nemmeno reinstallandolo.

    L'unica cosa: impedire l'aggiornamento (bloccandolo).

    Ora dopo questa figata avremo CENTINAIA di macchine ferme.

    A tutti i cazzoni che stanno per sparare una boiata avverto:

    1) No, non si poteva sapere prima
    2) Sì, esiste la versione del prodotto, ma occorrono ORE per installarlo bloccando magari intere aziende
    3) no, non sviluppo io nè uno nè l'altro
  • al solito le licenze enterprise hanno la possibilità di bloccare gli aggiornamenti. Quindi le aziende con licenze home subiscono le conseguenze delle loro scelte
    non+autenticato
  • - Scritto da: jjletho
    > al solito le licenze enterprise hanno la
    > possibilità di bloccare gli aggiornamenti. Quindi
    > le aziende con licenze home subiscono le
    > conseguenze delle loro
    > scelte

    Gli utenti normali invece subiscono gli aggiornamenti a natiche larghe!
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: jjletho
    > > al solito le licenze enterprise hanno la
    > > possibilità di bloccare gli aggiornamenti.
    > Quindi
    > > le aziende con licenze home subiscono le
    > > conseguenze delle loro
    > > scelte
    >
    > Gli utenti normali invece subiscono gli
    > aggiornamenti a natiche
    > larghe!

    Gli utenti "normali" prima manco li facevano gli aggiornamenti.
  • - Scritto da: aphex_twin
    > - Scritto da: panda rossa
    > > - Scritto da: jjletho
    > > > al solito le licenze enterprise hanno la
    > > > possibilità di bloccare gli
    > aggiornamenti.
    > > Quindi
    > > > le aziende con licenze home subiscono le
    > > > conseguenze delle loro
    > > > scelte
    > >
    > > Gli utenti normali invece subiscono gli
    > > aggiornamenti a natiche
    > > larghe!
    >
    > Gli utenti "normali" prima manco li facevano gli
    > aggiornamenti.

    E quindi quei milioni di pagine di cui e' piena la rete che parlano di problemi che il sistema operativo ha avuto dopo l'aggiornamento, chi le avra' scritte?
  • Sono gli utenti quando , dopo 3 anni di utilizzo del PC , sentono parlare di Windows Update e corrono a casa a "provare".

    Poi vedono che ci mette troppo , pensano sia "bloccato" e staccano la spina.
  • Quindi devo prendere un'altra licenza per via di gente che non sa quello che sta facendo e quali sono le reali problematiche in una azienda?

    Dai, non diciamo cazzate.
  • Ora il cerchio è quasi completo.
    La filosofia di win è sempre stata "L'utente lavora per me e non il contrario", a differenza di L*.
    Ora tutto nell'"inculud", così non dobbiamo neppure sforacchiare il discone a forza di lettura a vanvera.
    Oh, abbiamo tutto ciò che ci server sotto le chiappe e così "bacetto e pace fatta, la casa è ripulita ..."
    non+autenticato
  • anche oggi pc ultralento guardo, svchost al 50% e cioè al 100% di un core, avendo una CPU dual core: e si, è l'aggiornamento di windows update!!!11

    Sarebbe stato un brutto colpo se questa settimana non fosse accaduto, amo la routine.

    Vorrei avere questa feature anche su linux ma non so come fare.

    Aiutatemi!!!1uno
    non+autenticato
  • - Scritto da: cofondami
    > anche oggi pc ultralento guardo, svchost al 50% e
    > cioè al 100% di un core, avendo una CPU dual
    > core: e si, è l'aggiornamento di windows
    > update!!!11
    >
    > Sarebbe stato un brutto colpo se questa settimana
    > non fosse accaduto, amo la
    > routine.
    >
    > Vorrei avere questa feature anche su linux ma non
    > so come
    > fare.
    beh, hai systemd. puoi mandarlo in 100% cpu o in kernel panic in vari modi, con quella meravigliaSorride
    non+autenticato
  • - Scritto da: cofondami
    > anche oggi pc ultralento guardo, svchost al 50% e
    > cioè al 100% di un core, avendo una CPU dual
    > core: e si, è l'aggiornamento di windows
    > update!!!11
    >
    > Sarebbe stato un brutto colpo se questa settimana
    > non fosse accaduto, amo la
    > routine.
    >
    > Vorrei avere questa feature anche su linux ma non
    > so come
    > fare.
    >
    > Aiutatemi!!!1uno

    tanato il bertuccia Ficoso
    non+autenticato
  • Ho una versione regolare acquistata e non in VM.

    Da due mesi Windows Update di Windows 10 mi vede gli aggiornamenti ma non li scarica dicendo: errore 0x800706d9.
    Neanche il Windows Update Catalog funziona all'interno di Internet Explorer 11 di Windows 10! E devo prelevare gli aggiornamenti di W10 con IE11 di Windows 7, il quale funziona sempre meglio!
    Ho provato varie soluzioni suggerite ma Windows 10 si è rivelato il peggiore sistema operativo di Microsoft.

    Non intendo piallare il disco rigido e reinstallare tutto!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Vinacciolo
    > Ho una versione regolare acquistata e non in VM.
    >
    > Da due mesi Windows Update di Windows 10 mi vede
    > gli aggiornamenti ma non li scarica dicendo:
    > errore
    > 0x800706d9.
    > Neanche il Windows Update Catalog funziona
    > all'interno di Internet Explorer 11 di Windows
    > 10! E devo prelevare gli aggiornamenti di W10 con
    > IE11 di Windows 7, il quale funziona sempre
    > meglio!
    > Ho provato varie soluzioni suggerite ma Windows
    > 10 si è rivelato il peggiore sistema operativo di
    > Microsoft.
    >
    > Non intendo piallare il disco rigido e
    > reinstallare
    > tutto!

    Sei un evidente hater troll sparafud.

    Perche' questo forum e' frequentato da gente che amministra le reti aziendali di dozzine di multinazionali, e ha installato centinaia e centinaia di postazioni con win10 giurando sulla testa del suo gatto che ha avuto PROBLEMI ZERO.

    Quindi non e' proprio possibile che il tuo sistema abbia dei problemi.
    Se fa quello che fa e' perche' e' cosi' che deve fare.
  • infatti è quello che sostengo anche io. il problema, a prescindere dal sistema utilizzato, è dato dalla massa organica che pigia i tasti sulla tastiera e clicca col mouse e ha capacità informatiche pari a zero.
    non+autenticato
  • Capisco l'ironia però è tutto vero quello che mi accade, non ho fatto uno screenshot in futuro potrei pubblicarlo qui. Adesso con gli aggiornamenti prelevati con Windows 7, WU mi dice che è tutto a posto.
    non+autenticato
  • Anzi ho usato wu10.diagcab e ora WU mostra i n cronologia aggiornamenti:

    https://snag.gy/QCesk1.jpg
    non+autenticato
  • La soluzione potrebbe essere questa
    Cerca servizi nella barra di ricerca di windows(icona con l'ingranaggio)
    Cerca il servizio windows Update e ARRESTA il servizio Rinomina o cancella la cartella C:\Windows\SoftwareDistribution
    Riavvia Il servizio windows Update.

    Se dovesse darti altri problemi cerca direttamente un fix microsoft

    Spero di esserti stato/a utile
    non+autenticato
  • - Scritto da: Vinacciolo
    > Windows
    > 10 si è rivelato il peggiore sistema operativo di
    > Microsoft.
    il peggior problema risiede sempre tra schienale della sedia e tastiera, gente come te sarebbe in grado di incasinare anche la più solida debian. io ho usato sia windows che linux e non ho mai dovuto formattare: installati e tenuti fino al cambio del pc, superando anche gli aggiornamenti da una versione all'altra. mi dispiace ma è la tua incapacità a generare problemi.
    non+autenticato
  • - Scritto da: rock n troll
    > - Scritto da: Vinacciolo
    > > Windows
    > > 10 si è rivelato il peggiore sistema
    > operativo
    > di
    > > Microsoft.
    > il peggior problema risiede sempre tra schienale
    > della sedia e tastiera, gente come te sarebbe in
    > grado di incasinare anche la più solida debian.
    > io ho usato sia windows che linux e non ho mai
    > dovuto formattare: installati e tenuti fino al
    > cambio del pc, superando anche gli aggiornamenti
    > da una versione all'altra. mi dispiace ma è la
    > tua incapacità a generare
    > problemi.

    Invece di lodare le tue basse capacità con velati insulti perchè non lo aiuti?
    maxsix
    9660
  • - Scritto da: maxsix
    > Invece di lodare le tue basse capacità con velati
    > insulti perchè non lo
    > aiuti?
    1) esiste google
    2) chi parla di formattare è un incapace e si merita di dover formattare
    3) con gli incapaci non ha senso farsi spiegare il problema perchè non ne sono capaci
    4) non capendo il problema non posso intervenire
    non+autenticato
  • Sai, google rimanda poi a forum come questi per certe soluzioni -_-
  • - Scritto da: maxsix
    > Invece di lodare le tue basse capacità con velati
    > insulti perchè non lo aiuti?
    Perché non saprebbe cosa fare se non scrivere cavolate qui, come hanno fatto tanti altri commentatori come lui.
    La risposta tipica di chi parla ma non sa: cerca su Google.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 11 discussioni)