Gaia Bottà

Google e Facebook, investimenti per la fibra sottomarina

I due colossi della Rete si spendono per l'infrastruttura globale: collaboreranno alla realizzazione di Pacific Light Cable Network, che entro il 2018 collegherà USA e Hong Kong

Roma - 12800 chilometri di fibra e una capacità stimata di trasferire dati a 120 Tbps da una sponda all'altra dell'Oceano Pacifico: Google e Facebook hanno annunciato la propria partecipazione alla costruzione di Pacific Light Cable Network (PLCN), cavo sottomarino che collegherà Los Angeles e Hong Kong e di cui i due colossi di rete si accaparreranno una porzione dedicata ai propri servizi.

PLCN

Il progetto era stato annunciato a novembre del 2015 da Pacific Light Data Communication, parte di un fondo di investimenti di Hong Kong, e da TE SubCom, da tempo operativa nell'ambito della realizzazione di infrastrutture dedicate alla connettività e già coinvolta nella realizzazione di MAREA, il cavo sottomarino che attraverserà l'Oceano Atlantico annunciato nello scorso maggio con il supporto di Microsoft e della stessa Facebook.

Facebook si è dunque già dimostrata interessata a partecipare al consolidamento dell'infrastruttura globale di rete, così come Google, che da tempo investe nella fibra sottomarina, a partire da Unity, backbone che collega USA e Asia, passando per progetti per il collegamento tra Nordamerica e Sudamerica, per arrivare a FASTER, che da pochi mesi connette l'Oregon e il Giappone con una capacità di 60 Tbps, di cui 10 Tbps sono riservati esclusivamente alla Grande G e ai suoi servizi.
È proprio FASTER l'elemento di confronto per Google, che sottolinea come Pacific Light Cable Network batta ogni record, sia in termini di estensione dell'infrastruttura, con i suoi 12800 chilometri, sia in termini di ampiezza di banda, con i suoi 120 Tbps. PLCN, inoltre, come MAREA è progettato per garantire la massima flessibilità per le aziende che se ne serviranno, la massima interoperabilità con le apparecchiature di rete e la massima capacità di aggiornamento: "nel momento in cui le apparecchiature possono essere sostituite con tecnologie più aggiornate ad un ritmo maggiore - sottolinea Najam Ahmad, che sovrintende alla infrastruttura di connettività di Facebook - i costi dovrebbero abbattersi e la banda dovrebbe aumentare in maniera più rapida".

Le operazioni di posa di PLCN dovrebbero essere avviate entro la fine del 2016, per concludersi nel 2018.

Gaia Bottà

fonte immagine
Notizie collegate