Mirko Zago

Germania: quello di Tesla non è un pilota automatico

Alla casa automobilistica Tesla è stato vietato l'utilizzo nelle pubblicità del termine pilota automatico. Secondo il governo tedesco indurrebbe a credere che il guidatore possa prestare meno attenzione alla guida

Roma - Il Governo tedesco ha diffidato la casa automobilistica Tesla ad utilizzare Autopilot nel materiale informativo e pubblicità. A renderlo noto è l'agenzia stampa Reuters. La richiesta sarebbe avvenuta per mezzo di una lettera che recita "Al fine di prevenire incomprensioni ed aspettative non corrette dei clienti, chiediamo che il termine ambiguo Autopilot non sia più usato nelle pubblicità".


Quello che finora Tesla ha chiamato Autopilot e che da domani potrebbe acquisire un nome differente, descrive un sistema che opera in maniera congiunta con l'autista umano fornendo assistenza alla guida. "L'azienda ha sempre reso chiaro ai clienti che il sistema di assistenza richiede che il guidatore presti sempre la massima attenzione" - ha risposto una portavoce dell'azienda.

Tesla è in competizione con altri grandi nomi (tra i quali spicca anche Google) nella corsa alla produzione di auto sempre più autonome. Il CEO dell'azienda, Elon Musk, lo scorso anno ha annunciato che entro il 2018 saranno perfezionate le auto che si guidano da sole. L'impegno da parte di Tesla è stato profuso in questi anni anche se nessuno sa a che punto sia giunto il perfezionamento dello strumento di guida intelligente.
Ha invece fatto molto più rumore il caso di un incidente mortaleavvenuto nelle strade della Florida il 7 maggio. Il conducente della Tesla Model S è deceduto nell'impatto, in quell'occasione la guida era affidata al sistema "Autopilot". Tra le nuove misure di sicurezza è previsto un sistema di verifica dell'attenzione del guidatore. Se alla richiesta di "riprendere" la guida manuale il pilota non risponde, l'auto provvederà ad accostare e fermarsi ma tra le novità vi è anche una "sensibilità" maggiore agli ostacoli (recentemente alcuni ricercatori cinesi erano riusciti a nascondere degli ostacoli dai radar e ultrasuoni dei un'auto Tesla). Forse qualora l'auto fosse già stata dotata del recente update, al pilota non sarebbe spettata la stessa sorte. Ma l'incolumità delle persone può essere affidata totalmente ad un software?

Mirko Zago
Notizie collegate
  • SicurezzaTesla, come ti confondo l'AutoPilotRicercatori cinesi sono riusciti a nascondere degli ostacoli ai sensori radar e ultrasuoni di una Tesla Model S, rendendo inaffidabile la funzione di guida autonoma. Tesla: nessun pericolo di attacchi reali
  • AttualitàTesla, incidente mortale in guida assistitaLa casa automobilistica di Elon Musk ha ammesso la "tragica perdita", la morte di un proprietario di Model S avvenuta con l'auto in modalità di guida assistita. Le polemiche fioccano, le autorità USA indagano
19 Commenti alla Notizia Germania: quello di Tesla non è un pilota automatico
Ordina