Mirko Zago

Batterie difettose, nuovi grattacapi per Apple

Dopo l'ammissione di colpa per una partita di iPhone difettosi, Apple ha avviato un programma di sostituzione. Ma non tutti sono convinti che la situazione sia così circoscritta

Roma - Apple torna sul recente problema di spegnimento improvviso di alcuni iPhone 6 a causa probabilmente di batterie difettose. Lo fa nel suo sito cinese confermando che "è stato trovato un piccolo numero di dispositivi iPhone 6 assemblati tra settembre e ottobre 2015 contenenti un componente delle batterie che è stato esposto troppo a lungo all'aria prima di essere utilizzato nell'assemblaggio delle batterie. Il risultato è che queste batterie hanno una vita più breve delle batterie normali e causano spegnimenti inaspettati. È importante notare che non ci sono rischi per la sicurezza".

apple

Apple sottolinea inoltre che lo spegnimento casuale non è dovuto ad un bug quanto piuttosto ad una specifica funzione degli iPhone. Gli smartphone infatti sono dotati di un sistema di sicurezza che induce lo spegnimento nel momento in cui si verifichino rischi di natura elettronica. "iPhone è progettato per spegnersi automaticamente in certe condizioni, come temperature estremamente fredde. Ad un utilizzatore iPhone, alcuni spegnimenti potrebbero sembrare inattesi, ma sono voluti per proteggere i dispositivi elettronici in condizioni di basso voltaggio", si legge sulla nota.

Apple per migliorare il procedimento di restituzione e riparazione ha di recente introdotto un sistema online per verificare se il seriale del telefono posseduto può essere affetto dal problema o meno. Fino a poche settimane fa invece era necessario recarsi in un negozio Apple per effettuare la verifica (ricordiamo che per rintracciare il seriale è sufficiente andare su Settings - General - About).
Ciò non è stato sufficiente per ammorbidire le reazioni dell'associazione dei consumatori cinese, che ha espresso profondo rammarico per la scarsa attenzione posta al problema. "Dopo la pubblicazione del programma dedicato agli iPhone 6 inerente i problemi di spegnimento, molti clienti hanno continuato a inviare aggiornamenti all'Associazione. Dopo aver collezionato questi report, abbiamo scoperto che i malfunzionamenti affliggono anche iPhone 6, iPhone 6 Plus, iPhone 6s Plus, oltre che i dispositivi prodotti tra settembre e ottobre 2015". Apple avrebbe quindi circoscritto in maniera eccessivamente ottimistica il problema, escludendo (al momento) alcuni utenti dal programma di sostituzione.

Ricordiamo che sul caso delle batterie difettose Apple ha temporeggiato a lungo prima di offrire una risposta: sono mesi che clienti in tutto il mondo segnalano casi di malfunzionamento e il programma di sostituzione è stato avviato solo di recente dopo lamentele ripetute di clienti e perfino class action, costretti a pagare di tasca propria la riparazione con spese anche superiori ai 150 dollari.

Mirko Zago

fonte immagine
Notizie collegate
119 Commenti alla Notizia Batterie difettose, nuovi grattacapi per Apple
Ordina
  • La strategia Apple nasce dagli informatici?
    E le batterie saldate sono una questione informatica?
    Dagli informatici nascono le apparecchiature, mentre le strategie nascono da sociologi, psicologi e psiconeurologi consulenti dei markettari.
    In altre parole, la gente è convinta a comprare non dalla bontà o meno degli apparecchi in sé, ma dalle sollecitazioni emotive sapientemente innescate da chi si intende di umani meglio degli umani stessi, per citare Noam Chomsky.
    Ecco perché Apple ha stravenduto e continua a vendere.
    I discorsi di macachi, winari e cantinari, sono uno dei prodotti voluti di queste strategie, tese non solo a conquistare ma anche a fidelizzare l'utente.
    E niente di meglio che infantilizzarlo con la squadra del cuore, per citare altri utenti di questo forum.
    non+autenticato
  • - Scritto da: bumbidi
    > La strategia Apple nasce dagli informatici?
    > E le batterie saldate sono una questione
    > informatica?
    > Dagli informatici nascono le apparecchiature,
    > mentre le strategie nascono da sociologi,
    > psicologi e psiconeurologi consulenti dei
    > markettari.
    > In altre parole, la gente è convinta a comprare
    > non dalla bontà o meno degli apparecchi in sé, ma
    > dalle sollecitazioni emotive sapientemente
    > innescate da chi si intende di umani meglio degli
    > umani stessi, per citare Noam
    > Chomsky.
    > Ecco perché Apple ha stravenduto e continua a
    > vendere.
    > I discorsi di macachi, winari e cantinari, sono
    > uno dei prodotti voluti di queste strategie, tese
    > non solo a conquistare ma anche a fidelizzare
    > l'utente.
    > E niente di meglio che infantilizzarlo con la
    > squadra del cuore, per citare altri utenti di
    > questo
    > forum.

    Sarà...
    Ma se andiamo a vedere anche la sostanza (sempre che se ne abbia voglia!!!) tipo... programmi... come funzionano e come si "fanno usare", la faccenda potrebbe cambiare.
    non+autenticato
  • Sì, in effetti OSX e iOS sono una merda in questo senso.

    "Your heaven, my Hell"
  • - Scritto da: vecchiaccio
    > Sì, in effetti OSX e iOS sono una merda in questo
    > senso.
    >
    > "Your heaven, my Hell"

    Lo so, brucia. A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: 10713

    > Lo so, brucia. A bocca aperta
    Lo avevamo già stabilito..
    Sopratutto brucia il culo dei ciclisti!
    Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    non+autenticato
  • - Scritto da: 10713

    > Ma se andiamo a vedere anche la sostanza (sempre
    > che se ne abbia voglia!!!) tipo... programmi...
    > come funzionano e come si "fanno usare", la
    > faccenda potrebbe
    > cambiare.
    Eh si ci sono i soundfont con la "velocity"
    Rotola dal ridereRotola dal ridere
    Mica ce la metti tu quando suoni o programmila veocity se la "inventa" a pera il "soundfont"
    Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    Ma per favore!
    Taci
    non+autenticato
  • - Scritto da: giaguarevol issimevolm ente
    > - Scritto da: 10713
    >
    > > Ma se andiamo a vedere anche la sostanza
    > (sempre
    > > che se ne abbia voglia!!!) tipo...
    > programmi...
    > > come funzionano e come si "fanno usare", la
    > > faccenda potrebbe
    > > cambiare.
    > Eh si ci sono i soundfont con la "velocity"

    Tutti i suoni hanno una velocity (o volume).

    > Mica ce la metti tu quando suoni o programmila
    > veocity se la "inventa" a pera il

    Certo, quelle che ti fai.
    non+autenticato
  • - Scritto da: 10713
    > - Scritto da: giaguarevol issimevolm ente
    > > - Scritto da: 10713
    > >
    > > > Ma se andiamo a vedere anche la sostanza
    > > (sempre
    > > > che se ne abbia voglia!!!) tipo...
    > > programmi...
    > > > come funzionano e come si "fanno
    > usare",
    > la
    > > > faccenda potrebbe
    > > > cambiare.
    > > Eh si ci sono i soundfont con la "velocity"
    >
    > Tutti i suoni hanno una velocity (o volume).
    No un soundfont non è "un suono" ma la sequenza digitale ottenuta dal suo campionamento.
    Il "volume" glielo da il "player" (a suo piacimento) e va da 0 a 127 in midi.
    Punto e a capo!
    Il "sounfont" non ha alcun "volume" sono bit a zero o a 1 .
    Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    Un soundfont non si "suona" si suona lo strumento che non fa altro che convertire gli 0 e gli 1 in una onda (trasformata di fourier) a cui POI (non prima) da il volume che tu gli richiedi (se lo sa fare) in caso contrario può al massimo assegnare un volume costante (ma lo fa sempre il player non il font).
    Fine della festa!
    non+autenticato
  • Ma in compenso....
    non+autenticato
  • Papple è ai ferri corti con i clienti, è arrivato per lei il momento di raccogliere il vento seminato.



    non+autenticato
  • - Scritto da: ...
    > Papple è ai ferri corti con i clienti, è arrivato
    > per lei il momento di raccogliere il vento
    > seminato.
    >
    >
    >
    >


    Ma perché questo cattivone ROMPE i giochini dei bambini bimbiminkia?

    Ma è proprio un cattivone!

    Però mi chiedo.... ma i genius non potevano intervenire con una genialata?

    Che sia un macaco che rinsavito per qualche oscura tempesta astrale ha capito veramente cosa interferisce con i neuroni della maggior parte delle genti oopsss, scimmie!?!?
    non+autenticato
  • Quindi hanno comprato un telefono che ha problemi con il touchscreen con circuiti integrati che si dissaldano, con le batterie chimicamente instabili e che si spengono da sole, con il cellulare che se va bene si scarica nel pomeriggio

    La batteria e' il minore dei mali quando non bisogna smontare mezzo cellulare per sostituirla invalidando la garanzia, da che mondo e mondo la sostituzione delle batterie non ha mai invalidato nessuna garanzia
    non+autenticato
  • Certo, questa faccenda delle batterie è diventata uno spauracchio globale.
    Chissà come hanno risolto il problema delle tesla, che se ricordo bene ha causato un paio di morti, qualche scampato per miracolo e qualche ferito, oltre alla distruzione delle auto, e di cui non parla più nessuno.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 11 discussioni)