Luca Annunziata

Francia, Google forma alleanze contro le fake-news

Mano tesa agli elettori, che si avvicinano al voto per la presidenza. Big G collaborerà con First Draft per provare a debellare le bufale dalla Rete. Anche Facebook della partita

Milano - Dopo i primi esperimenti durante le elezioni americane, ora Google rilancia il suo programma per l'individuazione e l'ostracizzazione delle fake-news, le bufale, dai siti che si occupano delle presidenziali francesi: il programma CrossCheck, portato avanti con First Draft e con la collaborazione di Facebook, fornirà strumenti necessari per arginare il crescente fenomeno delle informazioni non verificate che vengono disseminate in Rete e si moltiplicano in modo quasi incontrollabile su social network e pure sui siti di informazione tradizionale.



CrossCheck lavora di concerto con gli algoritmi di Google News e di Facebook CrowdTangle: in questo modo le redazioni di alcune agenzie e giornali d'Oltralpe (Le Monde, AFP, France Television, ma ci sono anche siti come Buzzfeed) potranno giovarsi di un sistema di verifica delle notizie per decidere con maggiore consapevolezza cosa proprorre e riproporre ai propri lettori. La combinazione tra la catalogazione automatica di CrossCheck e l'esperienza degli esseri umani davanti allo schermo, i giornalisti delle redazioni, permetterà di effettuare un lavoro giornalistico più accurato.
La questione del fact-checking, ovvero della verifica dei fatti e delle fonti per le notizie diffuse in Rete, è un argomento molto di moda: Facebook si misura da tempo con la questione (ha avviato un'iniziativa simile in Germania), e tra pressioni dei Governi e mano tesa ai giornalisti sta mettendo in campo tanta tecnologia e tanta buona volontà per provare a sfruttare al meglio la tecnologia. Di fatto CrossCheck sarà uno strumento in più nell'arsenale dei reporter, utile per valutare la bontà di una foto o la cronologia di un evento.

I prossimi due mesi serviranno a mettere alla prova questo sistema automatizzato, le elezioni del 27 aprile decideranno il nuovo presidente francese, e nel frattempo ci si può iscrivere al servizio anche se si fa parte di una scolaresca che vuole fare pratica di giornalismo: Google ha deciso di impegnarsi in questo campo, e la questione non è soltanto legata all'etica. Le notizie false possono trasformarsi anche in un boomerang, come capitato col caso di un giovane siriano che si è scattato un selfie con il premier tedesco Angela Merkel: Anas Modamani si è ritrovato suo malgrado al centro di una bufala che lo addita come potenziale terrorista, e ora chiede conto a Facebook di quanto sta capitando avendo chiesto al tribunale di Wuerzburg un'ordinanza per bloccare la distribuzione dell'immagine.

Luca Annunziata
Notizie collegate
  • AttualitàFacebook, falso allarme per false notizieSafety Check invita gli amici del social network che si trovano a Bangkok a rassicurare i contatti della propria incolumità. Un procurato allarme scaturito da media locali che hanno rispolverato tragiche notizie vecchie di mesi
  • AttualitàFacebook, un piano contro le bufaleZuckerberg torna a parlare delle notizie false condivise sulla sua piattaforma: come dicono i numeri, saranno anche poche in percentuale ma trovano un'ampia cassa di risonanza. E per questo ha qualche idea per contrastarle
  • AttualitàTra USA e Russia non mettere FacebookLa piattaforma interrompe la diretta dell'ultima conferenza stampa di Obama trasmessa dal network russo RT. Menlo Park non ha ancora una spiegazione e la polemica infuria
  • AttualitàFacebook: i Conservatori, le bufale e le soluzioniSecondo indiscrezioni, il social network avrebbe bloccato un aggiornamento tecnico per agire sulle news false per paura di possibile critiche da parte dei Repubblicani. E così vince lo status quo, mentre le soluzioni alternative si moltiplicano, anche con l'aiuto di Google
  • AttualitàOrlando: Facebook responsabile dei contenutiIl Ministro non sembra avere dubbi. Il social deve essere chiamato a rispondere di quanto viene pubblicato dagli utenti. Quindi non è più un semplice intermediario?
6 Commenti alla Notizia Francia, Google forma alleanze contro le fake-news
Ordina
  • Questa del contrastare le fake news puzza tanto di censura preventiva a tutto ciò che è contro l'establishment.

    Mi ricorda il dr. Semmelweis che scoprì che molti pazienti morivano perché i medici zozzoni e ignoranti non si lavavano le mani dopo le autopsie e prima dei parti e di altre operazioni.

    E la comunità medica cosa fece? Invece che provare a vedere se avesse ragione, lo derisero.

    Se fosse venuto fuori nel 2000 un economista più sveglio a dirci che l'euro era una truffa ed una moneta di conquista da parte di oligarchie di potere truffaldine e neo-feudali, lo avremmo censurato come untore di bufale macro-economiche?

    Oggi invece sappiamo che è proprio così.

    Non mi interessa delle bufale, tanto per smascherarle e ignorarle, basta semplicemente l'intelligenza e un buon bagaglio culturale.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 07 febbraio 2017 18.29
    -----------------------------------------------------------
    iRoby
    9100
  • - Scritto da: iRoby
    > Questa del contrastare le fake news puzza tanto
    > di censura preventiva a tutto ciò che è contro
    > l'establishment.

    Mi auguro la vittoria della Le Pen. La stanno coprendo di merda quindi ci sono serie possibilità di vittoria per lei.

    >
    > Mi ricorda il dr. Semmelweis che scoprì che molti
    > pazienti morivano perché i medici zozzoni e
    > ignoranti non si lavavano le mani dopo le
    > autopsie e prima dei parti e di altre
    > operazioni.
    >
    > E la comunità medica cosa fece? Invece che
    > provare a vedere se avesse ragione, lo
    > derisero.

    Qui è peggio, il medico zozzone conosce benissimo la causa dei decessi.

    >
    > Se fosse venuto fuori nel 2000 un economista più
    > sveglio a dirci che l'euro era una truffa ed una
    > moneta di conquista da parte di oligarchie di
    > potere truffaldine e neo-feudali, lo avremmo
    > censurato come untore di bufale
    > macro-economiche?

    Lo si fa ancora oggi quando ormai è tutto chiaro.

    >
    > Oggi invece sappiamo che è proprio così.

    Infatti.

    >
    > Non mi interessa delle bufale, tanto per
    > smascherarle e ignorarle, basta semplicemente
    > l'intelligenza e un buon bagaglio
    > culturale.

    Al popolino è bastata un po' di algebra elementare, quando hanno visto i soldi sparire si sono incazzati.

    > --------------------------------------------------
    > Modificato dall' autore il 07 febbraio 2017 18.29
    > --------------------------------------------------
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...
    > - Scritto da: iRoby
    > > Questa del contrastare le fake news puzza tanto
    > > di censura preventiva a tutto ciò che è contro
    > > l'establishment.
    >
    > Mi auguro la vittoria della Le Pen. La stanno
    > coprendo di merda quindi ci sono serie
    > possibilità di vittoria per
    > lei.

    Avrebbe gia' vinto anche la volta scorsa se il PD francese non avesse platealmente inciuciato non presentandosi in alcuni collegi per far vincere FI francese.

    Un po' come da noi se per assurdo il PD pur di non far governare il M5S facesse un governo con Verdini e l'appoggio esterno di Berlusconi!
  • - Scritto da: iRoby
    > Questa del contrastare le fake news puzza tanto
    > di censura preventiva a tutto ciò che è contro
    > l'establishment.

    Fatti il tuo sito

    >
    > Non mi interessa delle bufale, tanto per
    > smascherarle e ignorarle, basta semplicemente
    > l'intelligenza e un buon bagaglio
    > culturale.

    Sei in una botte di ferroA bocca aperta
    non+autenticato
  • Secondo me, senza entrare troppo nello specifico evitandoti figure di mer*a epocali, lui solo con i titoli ti asfalta di brutto.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...
    > Secondo me, senza entrare troppo nello specifico
    > evitandoti figure di mer*a epocali, lui solo con
    > i titoli ti asfalta di
    > brutto.
    puzza?A bocca aperta
    non+autenticato