Claudio Tamburrino

USA, password al confine

Il Dipartimento della Sicurezza degli Stati Uniti torna all'attacco: se i viaggiatori dai sette Paesi del Muslim ban non possono essere bloccati, che siano obbligati a cedere l'accesso ai propri social network

Roma - I viaggiatori provenienti dai 7 Paesi individuati dal Muslim Ban come possibili luoghi d'origine dei terroristi potrebbero essere costretti a cedere le password di accesso ai propri account sui social network, in cambio della possibilità di ingresso negli Stati Uniti.

A parlare di tale ipotesi è stato il nuovo segretario dal Dipartimento dell'Homeland Security (DHS) degli Stati Uniti John Kelly, che ha informato il Congresso di star vagliando tale possibilità per incrementare il controllo sui richiedenti visa e sui permessi come rifugiati provenienti da Siria, Iraq, Iran, Somalia, Sudan, Libia e Yemen.
Ricordiamo che a differenza del visto, documento che autorizza uno straniero ad entrare nella nazione (da non confondersi con il permesso di soggiorno richiedibile per motivi di lavoro, studio o turismo), il visa è un'attestazione che garantisce l'adeguatezza del visitatore alla permanenza in territorio nazionale.

Rivolgendosi idealmente a tali viaggiatori stranieri, Kelly ha detto: "Vogliamo accedere ai loro social media con la loro password: cosa fate, cosa dite? Se non vuoi collaborare, non entri".
La politica del neo presidente Donald Trump passa inequivocabilmente per il controllo dei confini degli Stati Uniti: se la costruzione del muro al confine con il Messico prosegue in attesa della definizione dei dettagli, la decisione esecutiva di bloccare tutti i viaggiatori da sette stati musulmani è stata bloccata da un giudice federale ed è dunque al momento destinata a diventare campo di battaglia legale. Per questo l'amministrazione Trump pensa, oltre che a prepararsi a difendere la propria decisione esecutiva ricorrendo in appello contro la decisione di primo grado, ad eventuali alternative.

La nuova richiesta ricalca l'idea (poi ritirata) già avanzata dall'amministrazione Obama che si è provata a concentrare su un progetto di legge con cui chiedere agli stranieri di indicare solo la propria presenza online: tale proposta ha preso la forma di un nuovo campo opzionale sul modulo di richiesta di ingresso degli Stati Uniti Electronic System for Travel Authorization (ESTA) (sistema alternativo alla visa per chi intende entrare negli USA per meno di 90 giorni).

Oltre all'obbligo di cedere le proprie password, peraltro, sembra, secondo la denuncia dell'EFF, che gli agenti addetti ai controlli alle frontiere negli aeroporti stiano già controllando i dispositivi elettronici dei passeggeri provenienti da diversi paesi del Medio Oriente, anche di quelli con permessi di residenza negli Stati Uniti, ovvero i detentori della cosiddetta green card.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
31 Commenti alla Notizia USA, password al confine
Ordina
  • quindi ora i viaggi per affari saranno da fare senza materiale importante a corredo?
    Mandare tutto ciò che serve a memoria oppure essere spiati nei piani aziendali da una nazione straniera?

    E pensano di continuare a fare affari con l'estero?
    Vengano loro qui a firmare a questo punto: gli riserveremo lo stesso trattamento.
    non+autenticato
  • "Muslim ban" non "Muslin ban". Ci va la M, non la N.
    non+autenticato
  • Ma da un paese che per avere il visto ti chiede se hai partecipato alle sedizioni naziste degli ebrei, pur essendo nato ben dopo la fine della guerra che vi aspettate?

    Da un paese che chiede se hai intenzione di commettere crimini sul suo territorio che vi aspettate?

    A parte questo grazie a Trump e alla, spero, Brexit il resto del mondo un pelo magari si stacca dagli USA con gran beneficio per noi (e danno per loro). Quindi benvengano questi provvedimenti. Magari mettessero forti dazi su tutto. Magari restringessero l'accesso ai loro paesi chessò ai soli individui alti da-a tot cm e roba assurda del genere, per noi è grasso che cola visto che in maggioranza viviamo in paesi non in grado di staccarsi autonomamente dal vassallaggio.
    non+autenticato
  • Ma infatti, è arrivato il momento buono per leverceli dai marun senza fare sforzo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...
    > Ma infatti, è arrivato il momento buono per
    > leverceli dai marun senza fare
    > sforzo.
    Per una volta +1 Sorride

    Magari un piccolo sforzo dovremo farlo, ma di sicuro avremo un grande vantaggio dopo
    non+autenticato
  • ... quando sarà agli americani che verrà chiesto di consegnare le password per accedere agli altri paesi.
    Hanno dimenticato che (almeno sulla carta) ogni nazione è sovrana e può restituirti il favore? Tu tratti male me e io tratto ancora peggio te.
    non+autenticato
  • - Scritto da: M.R.
    > ... quando sarà agli americani che verrà chiesto
    > di consegnare le password per accedere agli altri
    > paesi.
    > Hanno dimenticato che (almeno sulla carta) ogni
    > nazione è sovrana e può restituirti il favore? Tu
    > tratti male me e io tratto ancora peggio
    > te.
    E quella grossa portaerei fuori dalla finestra cosa racconti?A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: Hopf

    > E quella grossa portaerei fuori dalla finestra
    > cosa racconti?
    >A bocca aperta

    Che fare minacce irrealizzabili a paesi amici è un'idea che può aver escogitato solo un commentatore ritardato?
    non+autenticato
  • - Scritto da: hop cavallo
    > - Scritto da: Hopf
    >
    > > E quella grossa portaerei fuori dalla
    > finestra
    > > cosa racconti?
    > >A bocca aperta
    >
    > Che fare minacce irrealizzabili a paesi amici è
    > un'idea che può aver escogitato solo un
    > commentatore
    > ritardato?
    Quali paesi amici: l'itaGlia?A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: Hopf

    > Quali paesi amici: l'itaGlia?A bocca aperta

    Ciccio, solo un deficitario di neuroni può pensare al rischio di attacco militare nel caso usassimo le stesse regole di confine che loro usano.

    L'hai capito o ti serve un disegnino?

    p.s.
    non leggerò la tua risposta: tanto oltre a frasi senza senso e faccine non mi aspetto di trovare null'altro.
    non+autenticato
  • - Scritto da: hop cavallo
    > - Scritto da: Hopf
    >
    > > Quali paesi amici: l'itaGlia?A bocca aperta
    >
    > Ciccio, solo un deficitario di neuroni può
    > pensare al rischio di attacco militare nel caso
    > usassimo le stesse regole di confine che loro
    > usano.
    >
    Ciccione hai presente quante basi americane abbiamo in casa?
    Non serve la portaerei, siamo già invasi!
    non+autenticato
  • Mi chiedo il perché di una farsa del genere dato che gli USA hanno già accesso a tutto quanto memorizzano le aziende con sede in quel paese.

    Ah già vero per salvare l'apparenza.
    Cioè far credere che non è vero che hanno già accesso a tutto.
    iRoby
    8340
  • - Scritto da: iRoby
    > Mi chiedo il perché di una farsa del genere dato
    > che gli USA hanno già accesso a tutto quanto
    > memorizzano le aziende con sede in quel
    > paese.
    >
    > Ah già vero per salvare l'apparenza.
    > Cioè far credere che non è vero che hanno già
    > accesso a
    > tutto.

    Quindi , sanno giá che la persona che hanno di fronte é uno "sponsorizzatore" dell'ISIS ma , per salvare la faccia , alla richiesta della password di FB e alla conseguente risposta negativa le autorità americane lo farebbero rimpatriare ?

    Mi sembra molto poco credibile.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 10 febbraio 2017 16.33
    -----------------------------------------------------------
  • Chiedilo a Edward Snowden...
    iRoby
    8340
  • > Quindi , sanno giá che la persona che hanno
    > di fronte é uno "sponsorizzatore" dell'ISIS ma ,

    Lo "sponsorizzatore" dell'ISIS sta dall'altro lato della scrivania.
    non+autenticato
  • - Scritto da: aphex_twin

    > Quindi , sanno giá che la persona che hanno
    > di fronte é uno "sponsorizzatore" dell'ISIS ma ,
    > per salvare la faccia , alla richiesta della
    > password di FB e alla conseguente risposta
    > negativa le autorità americane lo farebbero
    > rimpatriare?

    Quale risposta negativa? E' sufficiente dire di non avere FB. Né twitter, né altro. Nessun servizio, nessuna password da dichiarare.
    non+autenticato
  • - Scritto da: iRoby
    > Mi chiedo il perché di una farsa del genere dato
    > che gli USA hanno già accesso a tutto quanto
    > memorizzano le aziende con sede in quel
    > paese.
    >
    > Ah già vero per salvare l'apparenza.
    > Cioè far credere che non è vero che hanno già
    > accesso a tutto.

    Omonimi, pseudonimi, a volte l'associazione di un account alla persona non è sicura al 100%. Una informazione aggiuntiva non guasta, inoltre se uno dichiara qual'è il suo account diventa più facile identificare gli altri omonimi.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 9 discussioni)