Pierluigi Sandonnini

ZTE, sanzioni per esportazioni proibite

L'azienda cinese pagherà al governo americano una sanzione da 892 milioni di dollari per avere ripetutamente contravvenuto al divieto di fornire tecnologia americana all'Iran e alla Corea del Nord

Roma - ZTE Corporation, la società con base a Shenzen, Cina, ha patteggiato una sanzione per complessivi 1,2 miliardi di dollari al governo americano per avere violato le leggi che restringono la vendita di tecnologia proveniente dagli USA all'Iran e alla Corea del Nord. L'accordo prevede che la società paghi 892 milioni di dollari in sanzioni e sia soggetta a un'addizionale di 300 milioni di dollari di penale se violerà i termini dell'accordo entro sette anni. Si tratta del maggiore caso di violazione delle sanzioni finora trattato dal Dipartimento di Giustizia nel controllo delle esportazioni.

Nel marzo 2016 il Dipartimento del Commercio aveva già bloccato le esportazioni delle aziende americane a ZTE per il sospetto che la società rivendesse beni all'Iran. ZTE è il secondo produttore di equipaggiamenti cinese dopo Huawei Technologies: produce e vende smartphone e accessori per il networking in Europa e Asia e acquista componenti da società americane come Qualcomm e Micron Technology.

"ZTE Corp non ha solo violato i controlli sull'export che cercano di mantenere la tecnologia sensibile americana lontana dalle mani di regimi ostili come l'Iran; ha mentito agli investigatori federali e negato le investigazioni interne sui loro atti illegali", ha dichiarato il procuratore generale Jeff Sessions in un comunicato. "Questo patteggiamento li richiama alla responsabilità, e rende chiaro che il nostro governo userà ogni mezzo per punire le società che violeranno le nostre leggi".
Secondo i termini dell'accordo, la società è ritenuta colpevole di tre capi di accusa: violazioni delle leggi sulle esportazioni, produzione di materiale falso e ostacolo alla giustizia. L'accordo è soggetto all'approvazione della corte.

ZTE ha sostituito l'intero management lo scorso anno. Shi Lirong, presidente negli ultimi sei anni, ha ceduto lo scettro a Zhao Xianming. Mentre gli altri cambiamenti fanno parte di un normale avvicendamento nella leadership, questa sostituzione è dovuta al fatto che il dirigente fosse nominato nei documenti rilasciati dagli Stati Uniti che dimostrano come ZTE abbia aggirato le restrizioni.
"Zte riconosce gli errori fatti, se ne assume la responsabilità e si impegna per il positivo cambiamento nella società", ha dichiarato il nuovo presidente e CEO di ZTE, Zhao Xianming.

Secondo i documenti in possesso della giustizia statunitense, ZTE ha fornito circa 32 milioni di prodotti USA all'Iran fra il 2010 e il 2016, senza avere la licenza di esportazione, direttamente o indirettamente tramite compagnie terze. All'inizio del 2010, la società ha partecipato a due progetti iraniani riguardanti l'installazione di infrastrutture di rete cellulare e fissa. Inoltre, ha effettuato 283 forniture di prodotti "controllati" alla Corea del Nord.

"ZTE è coinvolta in uno schema elaborato per acquisire prodotti che hanno origine negli USA, inviarli in Iran e mascherare il proprio coinvolgimento in queste esportazioni", ha dichiarato l'assistente procuratore generale Mary McCord.
ZTE ha già avuto noie con il governo americano in passato, comprese accuse di aver supportato lo spionaggio: la società ha sempre negato. L'infiammarsi della crisi ha provocato la riposta del governo cinese, lo scorso anno, che ha esortato gli USA a rimuovere ZTE dalla blacklist per evitare danni alle relazioni economiche e commerciali.

"Il Dipartimento del Commercio è impegnato a far rispettare le nostre leggi sul commercio alle società americane e straniere, indipendentemente delle dimensioni e dalla localizzazione", ha dichiarato il segretario al commercio Wilbur Ross. "Queste sanzioni sono solo il primo esempio dello straordinario potere che il Dipartimento del Commercio può usare".
Zte è il quinto fornitore di smartphone in Europa e il settimo nel mondo. È presente anche in Italia con uffici a Roma, Milano e Torino e commercializza gli smartphone della linea Axon e Blade.

Pierluigi Sandonnini
Notizie collegate
  • BusinessUSA e ZTE, restrizioni per restrizioni violateLe autorità statunitensi sarebbero pronte a isolare l'azienda cinese a causa della violazione dei limiti alle esportazioni verso l'Iran, una vecchia storia che potrebbe pesare parecchio sul business della corporation
  • BusinessUE, vento di guerra sull'IT cineseLe autorità del Vecchio Continente stringono i tempi per una indagine anti-dumping sui presunti finanziamenti statali alle aziende cinesi Huawei e ZTE. Quest'ultima annuncia l'interruzione dei legami commerciali con l'Iran
  • BusinessCisco: porte chiuse all'IT cinese Il gigante del networking statunitense comunica di aver interrotto i rapporti commerciali con il partner asiatico ZTE. Sulla decisione inciderebbero fortemente i sospetti di Washington sulle telco cinesi
6 Commenti alla Notizia ZTE, sanzioni per esportazioni proibite
Ordina