Mirko Zago

Mercato PC, segni di ripresa dopo cinque anni

Gli analisti di IDC vedono nell'ultimo trimestre un leggero incremento nella vendita di computer. Un'inversione di tendenza sulla quale non concordano i colleghi di Gartner

Roma - Il mercato dei personal computer mostra segni di crescita dopo un quinquennio di ripetuti segni meno (l'ultimo trimestre dell'anno 2016 aveva visto un calo del 3,7 per cento di vendite su anno precedente). Nel primo trimestre dell'anno sono stati venduti 60,3 milioni di pezzi con una crescita sull'anno precedente dello 0,6 per cento secondo quanto registrato da IDC.

La tiepida ripresa si sta facendo apprezzare nei mercati tradizionali piuttosto che in quelli emergenti che finora avevano dimostrato segnali promettenti. Ma secondo le analisi di Gartner invece il mercato avrebbe perso ancora il 2,4 per cento nell'ultimo trimestre.

"Il mercato dei PC tradizionali ha attraversato una fase difficile, con la concorrenza di tablet e smartphone, nonché cicli di vita più lunghi che hanno fatto cadere le spedizioni di PC di circa il 30 per cento con un picco negativo nel 2011" ha dichiarato Jay Chou, research manager di IDC PCD Tracker. "Tuttavia, gli utenti hanno in genere ritardato la sostituzione di PC piuttosto che rinunciarvi preferendo altri dispositivi. Il mercato commerciale sta iniziando un ciclo di sostituzione che dovrebbe guidare la crescita." Secondo gli analisti quindi si starebbe per avviare una fase ascendente per le vendite di PC. Parallelamente si attende una stabilizzazione delle vendite dei videogiochi, mercato giunto a una probabile saturazione così come per gli smartphone.

Ragionando per aree geografiche si nota una leggera flessione di vendite negli USA tanto per desktop quanto per notebook. Il primo trimestre dell'anno ha visto consegne di PC totali raggiungere i 13,3 milioni di unità, dove un forte influsso è riconducibile ai Chromebook.

L'area EMEA (Europa, Medio Oriente e Africa) vede anch'essa una stabilizzazione dei dati di vendita con un leggero incremento nel primo trimestre dell'anno grazie a nuovi acquisti da parte delle aziende. La necessità di contare sul fattore mobilità sta portando a prediligere l'acquisto o il rimpiazzo di computer (che continua a perdere appeal) con i notebook.

Debole si dimostra invece l'area Asia/Pacifico anche per colpa di un innalzamento dei prezzi finali. Questo problema ha afflitto soprattutto la Cina, dove a mitigare sono stati il gaming, i notebook ultrapiatti e le dotazioni per il settore pubblico. In Giappone si è registrata la prima crescita anno su anno dal secondo trimestre 2014. Ancora dubbiosa la situazione di mercato invece in India.

Secondo IDC tra i produttori cresce HP che arriva al 21,8 per cento di quota di mercato (era al 19,4 nel primo trimestre del 2016) con vendite innalzate da 11,6 milioni a 13,1 milioni di unità. Segue Lenovo con una quota di mercato del 20,4 per cento abbastanza stabile rispetto all'anno precedente (20,2), stabili anche le vendite che si attestano a 12,3 per cento con una crescita dell'1,7 per cento. Terzo per quota di mercato si posiziona Dell con il 15,9 per cento. Apple quarta con il 7 per cento (anch'essa in leggera crescita).

pc

Nel caso dell'analisi di Gartner Lenovo supererebbe invece HP con 12,4 milioni di pezzi venduti rispetto ai 12,2 milioni dell'anno precedente, con una quota che sfiorerebbe il 20 per cento.

pc

Le diverse interpretazioni dimostrano ancora una volta che ci si trova davanti ad una situazione in continua evoluzione. È recente la notizia che vede Toshiba a rischio di sopravvivenza. In questo caso i problemi sono ben più importanti rispetto alle previsioni discordanti degli analisti.

Mirko Zago

fonte immagini: 1, 2
Notizie collegate
232 Commenti alla Notizia Mercato PC, segni di ripresa dopo cinque anni
Ordina
  • Secondo me è solo il fatto che stanno aumentando le vendite dei mini PC, oppure i thin client con sistema operativo Windows in circolazione per le aziende.
    https://www.robadainformatici.it/recensioni/pc-des.../
    non+autenticato
  • Sono letteralmente sconvolto che ci sia gente che compra Acer.
    Sul serio.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Amen
    > Sono letteralmente sconvolto che ci sia gente che
    > compra
    > Acer.
    > Sul serio.

    È l'ulteriore dimostrazione che i PC da bancone funzionano. E le cantinarate no.
    maxsix
    9946
  • Ho un acer aspire 3820tg (13 pollici, core 5,ati radeon hd5470 con scheda video dedicata, 500 gb di HDD), con questo glorioso Portatile ho fatto tesi, lavorato, disegnato con cad (chiaramente con monitor esterno), ascoltato musica, lo uso senza batteria per 30-45 minuti, visto video youtube.

    Ora windows 10 si carica lentamente, ho installato mint ed ora scrivo dal divano (tastiera + mouse wifi + monitor su tv esterna).

    Penso il laptop abbia 7 anni.

    Saluti.
    non+autenticato
  • - Scritto da: lui che sa
    > Ho un acer aspire 3820tg (13 pollici, core 5,ati
    > radeon hd5470 con scheda video dedicata, 500 gb
    > di HDD), con questo glorioso Portatile ho fatto
    > tesi, lavorato, disegnato con cad (chiaramente
    > con monitor esterno), ascoltato musica, lo uso
    > senza batteria per 30-45 minuti, visto video
    > youtube.

    Se vuoi con un monopattino puoi fare la Milano-Torino , non per questo é il mezzo ideale.
    non+autenticato
  • Si ma se dobbiamo sempre controbattere con battute dementi che non c'entrano nulla con l'informatica allora meglio andare a fare altro.

    Dato che con Linux il PC è tornato attuale e lo può ancora utilizzare con profitto, evidentemente non ha un "monopattino".
    iRoby
    9108
  • - Scritto da: iRoby
    > Si ma se dobbiamo sempre controbattere con
    > battute dementi che non c'entrano nulla con
    > l'informatica allora meglio andare a fare
    > altro.

    Quindi ? A che ora inizi ad andare a fare altro ?
    non+autenticato
  • Non sei intelligente, e ti piace stare anonimo perché così ti confondi con la marmaglia degli inutili idioti.

    Per quelli come te è una forma mentis, uno stile di vita, ed anche un'aspirazione.
    iRoby
    9108
  • Cosa vorrebbe dire scusa ?

    Per le mie necessità attuali (internet, film, posta, qualche documento) il mio vecchio Acer Aspire va più che bene; è un ottimo portatile, datato ovviamente, ma a livello hardware non mi ha mai dato problemi e la batteria tiene botta dopo 7 anni. Perchè devo parlare male di acer e lamentarmi?
    non+autenticato
  • - Scritto da: lui che sa
    > la batteria tiene botta
    > dopo 7 anni.

    Certo certo .... dopo 7 anni la batteria di un Acer tiene botta .... meno male che é venerdí .... Ficoso

    PS : ti avrei risposto nella stessa maniera con qualsiasi altra marca.
    non+autenticato
  • a dire il vero nel settore del gaming è molto comune farsi l'assemblato (o farselo fare), risparmi rispetto alle soluzioni di marca almeno il 10% a parità di qualità (oltre a fartelo più adatto alle tue esigenze)
    Ora mi verrai a dire che il settore del gaming pc è in via di estinzione Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    non+autenticato
  • - Scritto da: gnammolo
    > a dire il vero nel settore del gaming è molto
    > comune farsi l'assemblato (o farselo fare),
    > risparmi rispetto alle soluzioni di marca almeno
    > il 10% a parità di qualità (oltre a fartelo più
    > adatto alle tue
    > esigenze)
    > Ora mi verrai a dire che il settore del gaming pc
    > è in via di estinzione
    > Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere

    No ho detto che acer vende, e vende parecchio, come sollevato dal commento iniziale di questo 3d. Quindi se acer vende nella grande distribuzione i suoi pc, erode lo spazio degli assemblati cantinari. Ergo la gente preferisce il pc pronto che il bandone da montare sottoscala. Gaming o non gaming che sia.
    maxsix
    9946
  • E soprattutto di rapporto qualità/prezzo in certi utilizzi:

    http://www.hwupgrade.it/news/sistemi/mac-pro-da-56...
    "Mac Pro da 5.660 dollari battuto da PC da 1.500 dollari su Photoshop"

    Spero non mi verrete a dire che i programmi grafici sono un utilizzo 'di nicchia' per i PC...
    non+autenticato
  • - Scritto da: xx tt
    > E soprattutto di rapporto qualità/prezzo in certi
    > utilizzi:
    >
    > http://www.hwupgrade.it/news/sistemi/mac-pro-da-56
    > "Mac Pro da 5.660 dollari battuto da PC da 1.500
    > dollari su
    > Photoshop"

    No dai, questa è una montagna in faccia all'applefan.
    T'immagini cosa succede se vuoi realizzare un PC con la stessa cifra del Mac pro ?A bocca aperta

    > Spero non mi verrete a dire che i programmi
    > grafici sono un utilizzo 'di nicchia' per i
    > PC...

    Figuriamoci allora gli altriA bocca aperta
    non+autenticato
  • > T'immagini cosa succede se vuoi realizzare un PC
    > con la stessa cifra del Mac pro ?
    >A bocca aperta

    Oltre ad un PC comunque migliore, ti viene pure un'iOperaia delle catene produttive in Cina, compresa nel prezzo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: xx tt
    > E soprattutto di rapporto qualità/prezzo in certi
    > utilizzi:
    >
    > http://www.hwupgrade.it/news/sistemi/mac-pro-da-56
    > "Mac Pro da 5.660 dollari battuto da PC da 1.500
    > dollari su
    > Photoshop"
    >
    > Spero non mi verrete a dire che i programmi
    > grafici sono un utilizzo 'di nicchia' per i
    > PC...

    C'è anche da dire che i macpro sono stati trascurati molto da apple negli ultimi anni, senza un reale aggiornamento HW, non mi stupisce che HW uscito nel 2017 se lo mangi.
  • > C'è anche da dire che i macpro sono stati
    > trascurati molto da apple negli ultimi anni,
    > senza un reale aggiornamento HW, non mi stupisce
    > che HW uscito nel 2017 se lo
    > mangi.

    Ma non mi pare che i prezzi fossero stati abbassati, in vista di questo abbandono. O sbaglio?

    Scusate la franchezza, ma quelli che smettono di aggiornare i prodotti ai tempi che corrono ma non ne variano il prezzo di conseguenza (spacciandoli qiundi per aggiornati) io li chiamo pataccari.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Sg@bbio
    > - Scritto da: xx tt
    > > E soprattutto di rapporto qualità/prezzo in
    > certi
    > > utilizzi:
    > >
    > >
    > http://www.hwupgrade.it/news/sistemi/mac-pro-da-56
    > > "Mac Pro da 5.660 dollari battuto da PC da 1.500
    > > dollari su
    > > Photoshop"
    > >
    > > Spero non mi verrete a dire che i programmi
    > > grafici sono un utilizzo 'di nicchia' per i
    > > PC...
    >
    > C'è anche da dire che i macpro sono stati
    > trascurati molto da apple negli ultimi anni,
    > senza un reale aggiornamento HW, non mi stupisce
    > che HW uscito nel 2017 se lo mangi.

    Diciamo che mi aspetterei nel 2017 di vederli battuti da un PC da 5.660€ o giù di lì, altrimenti vuol dire che è stato un investimento veramente pessimo.
    Shiba
    4041
  • Hosa hazzo c' hentrano i Mac coi PC lo sapete solo voi.
    non+autenticato
  • - Scritto da: toscan
    > Hosa hazzo c' hentrano i Mac coi PC lo sapete
    > solo
    > voi.

    spiegalo a google genio che bla bla bla 43000 mac bla bla Google bla bla etype bla bla 43000 mac bla bla bla etype ignorante bla bla
    non+autenticato
  • I Mac sono PC, nel senso di "personal computers", non nel senso storico dell'IBM... Server Apple in giro son più rari delle mosche bianche...
    non+autenticato
  • - Scritto da: xte
    > I Mac sono PC, nel senso di "personal computers"

    Si,dal punto di vista della classificazione generica e li ci fermiamo.
    non+autenticato
  • Bé la classifica riguarda il mercato PC inteso come il ferro con OS "desktop" venduto nella GDO/in stile GDO quindi non ci vedo nulla di strano.
    non+autenticato
  • - Scritto da: xte
    > Bé la classifica riguarda il mercato PC inteso
    > come il ferro con OS "desktop" venduto nella
    > GDO/in stile GDO quindi non ci vedo nulla di
    > strano.

    Di strano c'è che il Mac non ha niente a che fare con un PC, per come è pregettato, è li che incominciano i dolori per gli applefanA bocca aperta
    non+autenticato
  • Mh, se ti riferisci alla mania di usar la colla al posto delle viti, di farti perder un giorno intero per cambiare una tastiera, di spennellare bene i componenti di vernice nera per coprire le eventuali scritte, di usare supporti volutamente non standard per costringerti ai "ricambi originali" o integrare "intelligenza" per discriminare tra oggetti funzionalmente identici ma alcuni "approvati dalla casa" altri no... Bé a livelli inferiori lo stan facendo anche gli altri produttori: oggi aprire un laptop richiede funambolismi assortiti per non romper le clips di plastica, che le viti costan care, molti componenti in vendor, anche un tempo rinomati, iniziano ad esser incollati ecc...

    Oh, anche i desktop classici stan peggiorando, quelli assemblati dagli OEM più noti stan diventando capolavori di cervellottismo per renderti scomoda la vita e il numero di motherboard/case "*ATX standard" che standard non sono per un motivo o un'altro aumentano anche loro...

    Forse l'unica vera differenza è che i catilinari di certe marche, peraltro non soltanto Apple, non sono mentalmente in grado di notare queste cose o comunque non se ne interessano sino a quando non arriva il cetriolo e allora cercan disperatamente, magari con opportuni aiuti esterni, di dar la colpa a tutti fuoriché ai produttori di hw/sw di ****da o a loro stessi che se ne son sempre infischiati... Sai cosa non mi piace? Che dietro a loro anch'io ci perdo. Un tempo la selezione naturale accoppava i soggetti "meno adattabili", adesso quella artificiale inguaia tutti...
    non+autenticato
  • - Scritto da: xte
    > Mh, se ti riferisci alla mania di usar la colla
    > al posto delle viti, di farti perder un giorno
    > intero per cambiare una tastiera, di spennellare
    > bene i componenti di vernice nera per coprire le
    > eventuali scritte, di usare supporti volutamente
    > non standard per costringerti ai "ricambi
    > originali" o integrare "intelligenza" per
    > discriminare tra oggetti funzionalmente identici
    > ma alcuni "approvati dalla casa" altri no... Bé a
    > livelli inferiori lo stan facendo anche gli altri
    > produttori: oggi aprire un laptop richiede
    > funambolismi assortiti per non romper le clips di
    > plastica, che le viti costan care, molti
    > componenti in vendor, anche un tempo rinomati,
    > iniziano ad esser incollati
    > ecc...

    La differenza maggiore è la modularità e la facilità/velocità con cui puoi cambiare parti interne o apliarle se ti serve,anche con marche diverse,ingombri diversi. Anche se in maniera molto più restrittiva questo aspetto è presente anche con i notebook.
    Con il Mac queste cose te le scordi,al massimo ottieni una bella piovra sulla scivania.
    Per non parlare del fatto che apple predilige il design (che ha me non è mai piaciuto,molto anonimo e scontato) alla funzionalità/flessibilità/uilità.

    > Oh, anche i desktop classici stan peggiorando,
    > quelli assemblati dagli OEM più noti stan
    > diventando capolavori di cervellottismo per
    > renderti scomoda la vita e il numero di
    > motherboard/case "*ATX standard" che standard non
    > sono per un motivo o un'altro aumentano anche
    > loro...

    Perché prendere un OEM con vari lucchettini (vedi DELL o HP) quando comprandoti una delle N-mila motherboard ti puoi fare un computer su misura e molto più equipaggiato e potente ?

    > Forse l'unica vera differenza è che i catilinari
    > di certe marche, peraltro non soltanto Apple, non
    > sono mentalmente in grado di notare queste cose o
    > comunque non se ne interessano sino a quando non
    > arriva il cetriolo e allora cercan
    > disperatamente, magari con opportuni aiuti
    > esterni, di dar la colpa a tutti fuoriché ai
    > produttori di hw/sw di ****da o a loro stessi che
    > se ne son sempre infischiati... Sai cosa non mi
    > piace? Che dietro a loro anch'io ci perdo. Un
    > tempo la selezione naturale accoppava i soggetti
    > "meno adattabili", adesso quella artificiale
    > inguaia
    > tutti...

    E' tutto magico, poi sentivo una signora che aveva un Mac fare mille domande al commesso per vedere se un HDD esterno fosse compatibile con quello che aveva,quale cavetto doveva comprare,ecc Rotola dal ridere
    Fosse la prima volta poi, neanche le basi,ZERO.
    Invece tutti quelli che avevano un PC prendevano,compravano e andavano via, quando vuoi fare la voce fuori dal coroA bocca aperta
    non+autenticato
  • Per me medesimo, dopo anni di desktop-replacement (Dell precision dall'M65 sino alla 5000, ovviamente n-series) e prima di loro vere workstations, mi son convertito ai desktop assemblati schifato dal non trovare più un cavolo di laptop a cui puoi sfilar l'HD tirando un cassettino, cambiare ram svitando una vite su uno sportello posteriore, cambiar batteria al volo, aggiungere schede MiniPCIe&c con sportellini, smontare tutto, sia pur con qualche bestemmia con un solo cacciavite senza levette di sorta e clips di plastica, alla fine come laptop tengo solo uno zenbook (ultrabook) che pur semi-giocattolo almeno si smonta con delle viti...

    Il problema si presenta però per un'azienda non piccolissima: assemblarti e mantenerti n desktops, magari pure dei server&c non è molto praticabile...

    Purtroppo non c'è una vera pressione di mercato, l'espansione verso la massa ha messo all'angolo tutti noi...
    non+autenticato
  • da quando hanno un processore intel e ci puoi installare qualunque OS che gira sui PC compreso windows, sono dei PC a tutti gli effetti
    non+autenticato
  • hanno pensato bene di cancellare i post appena sopra,avresti capito che i mac con i pc non centrano una beata mazza
    non+autenticato
  • Ma della fornitura di 43K pc a google ne ha parlato qualcuno?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Forniture Pc
    > Ma della fornitura di 43K pc a google ne ha
    > parlato
    > qualcuno?

    bla bla bla 43000 mac bla bla Google bla bla etype bla bla 43000 mac bla bla bla etype ignorante bla bla
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 14 discussioni)