Alfonso Maruccia

Webroot manda Windows in malora

Un noto software antivirale ha provocato grattacapi tra utenti e aziende, improvvisamente costretti a fare i conti con alcuni falsi positivi capaci di rendere instabile Windows. Il fix è già disponibile

Roma - È stato un inizio di settimana a dir poco insolito (e problematico) per gli utenti di Webroot, security enterprise statunitense che ha dovuto gestire il fallout di una erronea classificazione di alcuni componenti di Windows come file malevoli. Risultato: un numero non meglio specificato di aziende e utenti domestici hanno sperimentato un sistema operativo instabile.

Si è trattato, insomma, dell'ennesimo caso di falsi positivi "di sistema" che in questi mesi e anni ha più volte interessato le aziende di settore; Webroot è poi recidiva, considerando che solo recentemente il software antivirale è andato in conflitto con gli OS Microsoft e ha classificato siti Web del tutto legittimi (Facebook, Bloomberg) come malevoli.

Nel caso in oggetto, l'antivirus di Webroot ha preso a identificare i file di Windows come trojan generici (W32.Trojan.Gen) e li ha messi in quarantena, con i file firmati digitalmente da Microsoft considerati come pericolosi; la "carneficina" della quarantena forzata si sarebbe interrotta grazie a un "kill switch" automatico del software, scattato per impedire la comparsa di ulteriori danni.
La società americana ha subito ammesso l'esistenza del problema e si è attivata per fornire assistenza agli utenti domestici e aziendali, dispensando prima consigli sul modo migliore di comportarsi (niente disinstallazione, ripristino dei file in quarantena) e poi distribuendo gli aggiornamenti necessari a ripristinare la "legittimità" dei file di Windows.



Webroot si è cosparsa il capo di cenere chiedendo scusa ai suoi clienti e in particolare a quelli business, con gli amministratori di sistema comprensibilmente imbufaliti per la trasformazione di un software di sicurezza in una sorta di ransomware con pagamento anticipato. La società vanta una base di 30 milioni di clienti.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
17 Commenti alla Notizia Webroot manda Windows in malora
Ordina
  • Non serve webroot ci stanno andando da soli con win10
    non+autenticato
  • vedo che come al solito la competenza del 90% dei commenti è a livelli da circo equestre...
    un buon motivo per continuare ad ignorarli
    non+autenticato
  • - Scritto da: jack
    > vedo che come al solito la competenza del 90% dei
    > commenti è a livelli da circo
    > equestre...

    Ma magari! Sarebbe un salto di qualità enorme! No no, qui siamo ben al di sotto del circo equestre (senza offesa per il circo equestre)...Occhiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: Max
    > - Scritto da: jack
    > > vedo che come al solito la competenza del
    > 90%
    > dei
    > > commenti è a livelli da circo
    > > equestre...

    Lo facciamo apposta per fare sentire a casa propria i pagliacci come te.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Max
    > - Scritto da: jack
    > > vedo che come al solito la competenza del
    > 90%
    > dei
    > > commenti è a livelli da circo
    > > equestre...
    >
    > Ma magari! Sarebbe un salto di qualità enorme! No
    > no, qui siamo ben al di sotto del circo equestre
    > (senza offesa per il circo equestre)...
    >Occhiolino

    Ohhh come ai ragione..... infatti questo forum e fatto anche di te!! Persona facente parte e pienamente integrata nel mondo circense!! Rotola dal ridere
    non+autenticato
  • Vedo che come al solito le tue competenze fanno cagare del 100%
    non+autenticato
  • Ma chi lo ha detto che questo antivirus ha sbagliato?

    A me e' sembrato un comportamento piu' che corretto.
    L'antivirus ha individuato alcune componenti malevole presenti nel sistema operativo e ha correttamente segnalato la cosa.
  • Visto che il mondo Windows ti é alieno , é stupido che commenti argomenti che non conosci quando hai quest'altra news che ti aspetta http://punto-informatico.it/4383644/PI/News/falseg...
    non+autenticato
  • ma vai a cagare non vuoi ammettere che windows fa schifo e invece di rispondere correttamente posti link che parlano di android. COsa pensi che lo stesso non è successo e succeda con quella schifezza ddell'iphogn?
    non+autenticato
  • - Scritto da: ....
    > link che parlano di android. COsa pensi che lo
    > stesso non è successo e succeda con quella
    > schifezza ddell'iphogn?
    Certo che invece la tua risposta è molto pertinente Rotola dal ridere
    Cmq non esiste sistema sicuro, linuxiani winari o applefan esposti sono.
    non+autenticato
  • non che la tua sia pertinente.
    non+autenticato
  • > L'antivirus ha individuato alcune componenti
    > malevole presenti nel sistema operativo e ha
    > correttamente segnalato la
    > cosa.

    Il fatto è che tutto il SO è sempre più malevolo da una versione all'altra, perciò non andavano messe delle componenti in quarantena, bensì indicata una distro linux decente in sostituzione del colapasta che ti spia a pagamento.
    non+autenticato
  • - Scritto da: xx tt
    > Il fatto è che tutto il SO è sempre più malevolo
    > da una versione all'altra, perciò non andavano
    > messe delle componenti in quarantena, bensì
    > indicata una distro linux decente in sostituzione
    Linux decente è già un'assurdità, ma se a me serve obbligatoriamente windows cosa faccio? Oltre a leggere cavolate qui, soluzioni reali nessuno ne ha MAI postate
    non+autenticato
  • postale tu
    non+autenticato
  • > se a me serve obbligatoriamente windows cosa faccio?
    > Oltre a leggere cavolate qui, soluzioni reali
    > nessuno ne ha MAI
    > postate

    La soluzione è quella solita: la gabbietta.

    Ovvero distro Linux di base e winzozz in virtualbox o similari. Che è quello che si fa già per i vari winXP in giro per il mondo che vengono tenuti per compatibilità con software vecchi.

    E se vuoi una gabbietta ancora più solida perché i nuovi winzozz sono oltre che buggati anche spioni, eccotela:
    https://www.qubes-os.org/doc/windows-appvms/

    Se fai le cose in modo decente puoi anche permetterti di NON avere antivirus e scaricare ed aprire una raccolta di malware, tipo il peggiore dei .doc/pdf/.exe/.vir/quelloche vuoi.

    Lo apri, malware e tutto. Modifichi il documento con il malware che fa quello che vuole, o meglio quello che può, cioé nulla.
    Le modifiche al documento vengono riportate in modo sicuro nel documento originale.
    Tutto il resto della macchina virtuale, malware compreso, sparisce nel nulla.
    https://www.qubes-os.org/doc/dispvm/

    Come si può notare non serve antivirus (e stiamo parlando di ambiente winzozz con segretaria che ha appena aperto un file pieno di malware)
    non+autenticato
  • - Scritto da: xx tt
    > > se a me serve obbligatoriamente windows cosa
    > faccio?
    > > Oltre a leggere cavolate qui, soluzioni reali
    > > nessuno ne ha MAI
    > > postate
    >
    > La soluzione è quella solita: la gabbietta.
    >
    > Ovvero distro Linux di base e winzozz in
    > virtualbox o similari. Che è quello che si fa già
    > per i vari winXP in giro per il mondo che vengono
    > tenuti per compatibilità con software
    > vecchi.
    >
    > E se vuoi una gabbietta ancora più solida perché
    > i nuovi winzozz sono oltre che buggati anche
    > spioni,
    > eccotela:
    > https://www.qubes-os.org/doc/windows-appvms/
    >
    > Se fai le cose in modo decente puoi anche
    > permetterti di NON avere antivirus e scaricare ed
    > aprire una raccolta di malware, tipo il peggiore
    > dei .doc/pdf/.exe/.vir/quelloche
    > vuoi.
    >
    > Lo apri, malware e tutto. Modifichi il documento
    > con il malware che fa quello che vuole, o meglio
    > quello che può, cioé nulla.
    >
    > Le modifiche al documento vengono riportate in
    > modo sicuro nel documento originale.
    >
    > Tutto il resto della macchina virtuale, malware
    > compreso, sparisce nel
    > nulla.
    > https://www.qubes-os.org/doc/dispvm/
    >
    > Come si può notare non serve antivirus (e stiamo
    > parlando di ambiente winzozz con segretaria che
    > ha appena aperto un file pieno di
    > malware)

    Si ma poi i macachi o quanti disprezzano "l' open" minimizzeranno col fatto che la sviluppatrice sia trans...* e pure cantinara.

    [*] e fatto vero e già accaduto. Poi sicuro della sua femminilità io non ci penserei due volte a saltargli in groppa!Indiavolato
    non+autenticato
  • Con loro ci sono vari argomenti da poter mettere in campo:
    -essere trans è di moda come fare la fila per l'iPhogn
    -gli iPhogn sono parenti di Linux, per quanto lontani
    -magari oltre alla Fedora, alla Debian e a Winzozz, magari chi lo sa? Potrebbero aggiungere pure osx
    -per far girare QubeOS bene serve un PC decente. Quindi si può aspettare i saldi per ottenere la coda e poi mettersi ad aspettare sventolando il contante, perché il PC nuovo costa. Non sarà lo stesso che all'arrivo dell'ultimo iPhogn, ma ci andiamo vicino!
    -senza i ransomware tra le palle, rimangono più soldi per comprare gli iRrinunciabili prodotti con la i davanti!
    non+autenticato