Mirko Zago

Agcom: stop a rimodulazioni selvagge e a penali per recessi

Il garante dichiara fuori legge le penali per recesso dal contratto. In caso di rimodulazione l'utente deve poter essere libero di cambiare senza vincoli o costrizioni economiche

Roma - L'Autorità per la garanzia nelle comunicazioni prosegue la sua opera di regolamentazione (e sanzione) contro un mercato della telefonia un po' troppo selvaggio. Dopo la recente delibera 121/17/CONS che ha previsto che gli abbonamenti per la telefonia fissa prevedano periodi di fatturazione di 30 giorni anziché 28, come da recente tendenza (preceduta da sanzioni a Vodafone, Wind e Tim per pratiche aggressive), l'Agcom si sta concentrando sulla scorretta pratica di applicazione di penali per abbandono.

agcom

Il tema delle rimodulazioni tariffarie è da anni all'attenzione delle associazioni dei consumatori e della stessa Autorità. Proprio in questi giorni è stato esplicitato che gli utenti interessati da cambi di tariffa o durata, oltre a dover ricevere un'adeguata informazione non dovranno pagare alcun tipo di penale per recessodal contratto (accompagnato o meno da un cambio operatore).

Antonio Nicita, commissario dell'Agcom conferma che si tratta di "un nuovo principio che abbiamo introdotto, a tutela degli utenti, prima all'interno di una recente diffida a Tim (che dal primo di aprile tariffa a 28 giorni su rete fissa) e ora, a fine aprile, con una analoga che abbiamo fatto a Fastweb (che dal primo di maggio adotta la nuova tariffazione)". Precisa Nicita: "Il nuovo principio vale per tutti i cambi unilaterali di contratto di qualunque gestore".
Agcom ha vietato inoltre la richiesta di rimborso dei costi promozionali ovvero di quella differenza tra costo di listino e costo al netto dello sconto promozionale riconosciuto al momento dell'attivazione. Questo meccanismo è stato fino ad oggi utilizzato con il tentativo di dissuadere i clienti dal recedere dal contratto ponendoli di fronte a un esborso economico molto elevato.

Nonostante la nuova disciplina, proprio in questo periodo continua la scia di rimodulazioni. Sono coinvolti i clienti Tre con aumenti che sfiorano in alcuni casi i 3 euro (unico vantaggio la tariffazione per il traffico Internet a 28 giorni anziché settimanale). Anche Vodafone aumenterà alcune sue tariffe di 1,99 euro "scusandosi" offrendo ai clienti la possibilità di parlare gratis e navigare fino a 2 GB la domenica. Secondo l'Autorità gli operatori telefonici stanno tentando di aggirare almeno in parte i diritti degli utenti colpiti dai cambi.

Il ricorso presentato al Tar del Lazio contro la delibera "anti 28 giorni" è la riprova che le tlc non sono disposte a desistere (seppur i ricorsi siano destinati ad essere persi). Da questa complessa situazione, i nuovi operatori virtuali come ad esempio la neonata Kena Mobile potrebbero trarre qualche vantaggio.

Mirko Zago

fonte immagine
Notizie collegate
  • BusinessAGCM, Wind e Tim multate per le tariffe a 28 giorniL'Antitrust accoglie le proteste dei consumatori e sanziona Tim per 410mila euro e Wind per 455mila euro. L'indice è puntato contro i rinnovi tariffari che scattano ogni 4 settimane anziché ogni mese
  • BusinessVodafone, 1 milione per il mese più cortoL'AGCM ha decretato che l'operatore ha messo in atto pratiche aggressive nei confronti degli utenti dei servizi di telefonia fissa e mobile, inducendolo ad accettare la rimodulazione, pena il pagamento in blocco di rate residue e corrispettivi per il recesso anticipato
  • BusinessAgcom: un mese non dura 28 giorniL'authority ha deliberato nuove regole volte ad evitare la tariffazione inferiore al mese imposta dagli operatori e concede tre mesi di tempo agli ISP per adeguarsi. Asstel protesta: non è una decisione che spetta all'Agcom
7 Commenti alla Notizia Agcom: stop a rimodulazioni selvagge e a penali per recessi
Ordina
  • Nel mese di dicembre sono passato dal pagamento, da me congeniale, da bollettino a RID Bancario, per un offerta sul mobile, dopodiché, ho scoperto parlando con un operatore, che stavo facendo una stupidata, quindi, con una lettera di colpa del negozio, sono tornato alla vecchia offerta, senza poter passare di nuovo al vecchio modo di pagamento.
    Tutto questo, mi ha causato un danno, perché non ricevo più tramite posta la fattura e nella stessa pago comunque 2,00€ per la spesa di spedizione, ne tanto meno la ricevo tramite mail.
    Per 2 volte conscutive mi hanno staccato internet e linea telefonica perché non effettuato il pagamento dalla mia banca e mi sono trovato nell'ultima fattura 10,00€ di addebito bancario, per colpe non mie, i soldi sul conto ci sono. pagando invece di 69,00€, la bellezza di 85,62€. posso cambiare senza penale?
    Grazie per la risposrta.
    non+autenticato
  • è arrivata la comunicazione di Fastweb che sarebbero passati alla tariffazione ogni 28 giorni.
    Mandato subito disdetta.
    Ora aspetto che mi chiamino per sentire cosa hanno da offrire.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Federico
    > è arrivata la comunicazione di Fastweb che
    > sarebbero passati alla tariffazione ogni 28
    > giorni.
    > Mandato subito disdetta.
    > Ora aspetto che mi chiamino per sentire cosa
    > hanno da
    > offrire.

    Tutte le offerte delle Telecom varie su fisso sono fatte su 28gg....
    Non capisco se strafottono dell'ACOM? O in attesa dei ricorsi si può fare come prima?...A parte che le mute comminate sono ridicole considerato che in 1 anno vengono pagare 13 mensilità...E visto il numero di clienti........sai che paura!!!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Federico

    > Mandato subito disdetta.

    Bravo pollo che hai disdetto.
    La prossima volta fatti furbo e salta il pagamento della tredicesima mensilità.
    non+autenticato
  • davvero succede anche questa volta ?
    user_
    1020
  • Esistono già le leggi per punire chi fa cartello; basta applicarle.
    Servirebbe una denuncia dei consumatori presso la magistratura, per andare al di là delle finte sanzioni dell'agcom.
    non+autenticato
  • Denuncia dei consumatori?
    L'italia è messa male perché non esistono gli italiani, e i consumatori (organizzati) sono cittadini che si sentono parte di un gruppo esteso, appunto l'italia.
    Dato che non ci sono gli italiani, ci sono solo persone separate le une dalle altre; non ci sono quindi consumatori organizzati.
    Senza organizzazioni (le associazioni sono li per fare il minimo indispensabile a scippare altri soldi dalle tasche delle persone), ci sono solamente scelte unilaterali.
    Guarda caso proprio la situazione in cui ci troviamo.
    non+autenticato