Pierluigi Sandonnini

IDC, vendite tablet ancora in calo

Nonostante il declino che dura da tredici trimestri, Apple è ancora leader del mercato. Balza in avanti Huawei, che guadagna il 31,7 per cento posizionandosi al terzo posto dopo Samsung

Roma - Ancora una contrazione per il mercato mondiale dei tablet. Secondo i dati forniti da IDC (International Data Corporation), nel primo trimestre di quest'anno il totale delle vendite ha raggiunto i 36,2 milioni di pezzi, con un calo anno su anno dell'8,5 per cento. Si tratta del decimo trimestre consecutivo in cui questi dispositivi fanno registrare una diminuzione nelle vendite. Il mercato dei tablet si compone di due differenti categorie di prodotti: i dispositivi muniti di tastiera staccabile, che continuano a crescere, mentre gli altri sono in declino dopo avere toccato l'apice nel 2014.


"Il tasso al quale è cresciuto il mercato dei tablet dal 2010 al 2013 è a differenza di molti altri prodotti customer oriented, mai visto prima. Comunque, sembra che per molte ragioni i consumatori siano diventati meno ansiosi di rinnovare i propri dispositivi, o in alcuni casi di acquistarli del tutto".
A questa affermazione, IDC aggiunge la previsione che i tablet detachable continueranno a dominare sui convertibili nelle vendite, ma il pendolo del mercato sembra oscillare in favore di questi ultimi. Inoltre, il mercato dei detachable ha visto un maggior numero di lanci di prodotti nel 2017 e Microsoft e Apple devono ancora muoversi.

Descrizione immagine

Entrando nel dettaglio marchio per marchio, fra i top five Apple fa peggio della media, facendo registrare il tredicesimo trimestre consecutivo in calo, nonostante sia leader di mercato e secondo le previsioni di IDC sia destinata a rimanerlo. Samsung resta saldamente al secondo posto, anche se accusa un calo nelle vendite dell'1,1 per cento anno su anno nel primo trimestre 2017. La società ha lanciato tre nuovi prodotti, quest'anno, in occasione del Mobile World Congress di Barcellona.
Huawei è l'unico produttore, tra i primi cinque, a veder crescere le vendite dei propri tablet nel primo trimestre di quest'anno. Vendite in aumento del 31,7 per cento, da 2 milioni di unità del 2016 a 2,7 milioni. Amazon.com prosegue sull'ottovolante, continuando ad andare su e giù nelle vendite. Nel primo trimestre la società ha venduto 2,2 milioni di unità. Lenovo è entrata nei primi cinque produttori di tablet con 2,1 milioni di pezzi venduti nel primo trimestre 2017; delle top five è la meglio posizionata in termini di strategia di crescita nel business dei tablet: nel primo trimestre 2017 ha conquistato una fetta del 5,7 per cento del mercato, lo scorso anno la sua quota era del 5,5.

I dati forniti da IDC per il primo trimestre 2017 a livello globale per i tablet seguono di alcune settimane quelli relativi ai PC, che hanno invece mostrato una ripresa dopo cinque anni di segno meno.

Pierluigi Sandonnini
Notizie collegate
8 Commenti alla Notizia IDC, vendite tablet ancora in calo
Ordina
  • pacchiani tentativi di vender spazzatura spacciandola per novità. Come concetto sarebbero molto interessanti, solo non fossero scatole chiuse con sistemi operativi giocattolo.

    Purtroppo sviluppare, non un OS ma solo un'interfaccia touch ad un OS, nel mondo manageriale attuale dove comanda il "short time to market", dove nessun progetto con break even a più di sei mesi è accettato ecc non si riesce a fare. Mai a qualcuno dei geni economisti attuali venga il grillo che forse l'incompetenza dell'operaio modello Ford può funzionare solo se quest'ultimo è solo l'ultima ruota del carro, ad ogni livello si crolla.
    non+autenticato
  • Eppure Lenovo-Motorola ci si sta buttando con nuovi prodotti indirizzati alle aziende.
    A quanto pare vogliono metterci tool specifici per la produttività aziendale.

    https://www.tomshw.it/motorola-clamoroso-ritorno-s...
    iRoby
    9655
  • - Scritto da: iRoby
    > Eppure Lenovo-Motorola ci si sta buttando con
    > nuovi prodotti indirizzati alle
    > aziende.
    > A quanto pare vogliono metterci tool specifici
    > per la produttività
    > aziendale.
    >
    > https://www.tomshw.it/motorola-clamoroso-ritorno-s

    deve essere fornito con uno scopo preciso insieme all'applicazione non puo' essere generalista, il touchscreen in molte situazioni e' solo scomodo rispetto alla tradizionale tastiera (guanti,ambiente,robustezza ecc ecc)
    non+autenticato
  • - Scritto da: Mago
    > - Scritto da: iRoby
    > > Eppure Lenovo-Motorola ci si sta buttando con
    > > nuovi prodotti indirizzati alle
    > > aziende.
    > > A quanto pare vogliono metterci tool specifici
    > > per la produttività
    > > aziendale.
    > >
    > >
    > https://www.tomshw.it/motorola-clamoroso-ritorno-s
    >
    > deve essere fornito con uno scopo preciso insieme
    > all'applicazione non puo' essere generalista, il
    > touchscreen in molte situazioni e' solo scomodo
    > rispetto alla tradizionale tastiera
    > (guanti,ambiente,robustezza ecc
    > ecc)

    Deve essere fornito con specifiche open e con tool di sviluppo.
    L'applicazione che ti serve poi te la fai da te.
  • Beh si è facile fare una web app che sia fruibile su tablet.

    Poi i produttori possono fornire tool che aiutano a gestire il parco tablet. Aggiornamenti, software aziendali. ecc.
    iRoby
    9655
  • >
    > Deve essere fornito con specifiche open e con
    > tool di
    > sviluppo.
    > L'applicazione che ti serve poi te la fai da te.

    per applicazione non intendo il programma informatico ma tutto il sistema, macchinario od impianto che sia, so di interi sistemi touchscreen sostituiti su richiesta del cliente perche' troppo scomodi o fragili
    non+autenticato
  • Finalmente qualcuno che scrive cose sensate, concordo in pieno, con il fatto di vendere spazzatura con poche performances a tanto e come novita' che tanto novita' non e'. Scatole vuote a prezzi ingiustificati ai tempi e all'hardware proposto, non aggiornabile ne customizzabile per farci cosa? Per essere meno produttivi ma leggeri, ivi incluso leggeri anche nel portafoglio.
    E poi anche il progetto del software sviluppato in fretta, quindi con diversi bug che l'utente deve poi risolversi, forse.... Lascia molto a desiderare sia come efficacia che efficientamento delle risorse hardware.
    Troppi punti interrogativi che il management credo autogiustifichi con la crisi, visto che roba diversa non la propongono, crisi che c'e' ma si incrementa da se quando la roba non vale quel che racconta.
    non+autenticato
  • i clienti hanno optato per altro al momento di cambiarlo e al massimo hanno tenuto quello vecchio con batterie esauste e sw non aggiornato alla ultima versione: "tanto per quel che deve fare va bene cosi'"
    non+autenticato