Alfonso Maruccia

Fuchsia, la faccia del nuovo OS di Google

Emergono in rete le prime immagini dell'interfaccia grafica del misterioso sistema operativo non Linux a cui sta lavorando Google, un progetto che non lesina sulle ambizioni

« Indietro
Foto 1 di 5

Roma - La notizia dell'esistenza di Fuchsia circola dall'anno scorso, e ora nuove indiscrezioni svelano quello che al momento rappresenta il "volto" del nuovo sistema operativo in via di sviluppo presso i laboratori di Mountain View. Fuchsia ha le potenzialità per sostituire Android e Chrome OS, su Chromebook, smartphone e anche altrove.

Fuchsia è un OS completamente "fatto in casa" che Google ha deciso di basare su un kernel inedito chiamato Magenta, una novità assoluta per una corporation che ha fin qui fatto affidamento su Linux. L'interfaccia grafica del sistema, invece, è un progetto noto con il nome in codice di Armadillo.
Armadillo è la GUI di default di Fuchsia, dicono le indiscrezioni, ed è sviluppata con l'SDK Flutter che permette di realizzazione codice cross-platform in grado di girare su Android, iOS o anche il nuovo OS in oggetto. In teoria, Armadillo potrebbe essere usata anche come UI su uno smartphone androide oggi in commercio.

La nuova interfaccia è pensata per accomodare le necessità di computing orientate al touch sia su smartphone che su tablet, un sistema basato su schede capace di "reggere" il multitasking con quattro app aperte in contemporanea. Sono ovviamente presenti anche elementi di Android, mentre la licenza di distribuzione abbandona le regole della GPL - un'altra "prima volta" significativa per Mountain View - in favore di un mix di BSD 3, MIT e Apache 2.0.
Magenta e la nuova venuta Fuchsia rappresentano chiaramente un progetto importante per il futuro di Google, che nella documentazione dichiara l'intenzione di far girare il nuovo OS su "telefoni e personal computer moderni con processori veloci, quantitativi di RAM non ordinari" e un numero di periferiche non specificato capaci di scenari di computing "open ended."

Magenta dovrebbe insomma poter andare molto oltre Android e Chrome OS, anche se il progetto è in piena fase di sviluppo e la reale portata delle sue innovazioni è ancora oggetto di libera speculazione. Nuove notizie - questa volta ufficiali - potrebbero arrivare dalla prossima conferenza I/O di Google dedicata agli sviluppatori.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
341 Commenti alla Notizia Fuchsia, la faccia del nuovo OS di Google
Ordina
  • Si può provare in anteprima, logicamente con tutte le limitazioni del caso.
    lo spiegano in questo post
    https://www.chiccheinformatiche.com/come-provare-g.../
    non+autenticato
  • A me sinceramente l'idea base del nuovo sistema operativo sembra molto simile a quella sviluppata da un gruppo di italiani con Itsme OS

    http://www.geekissimo.com/2010/08/05/itsme-rivoluz.../

    non+autenticato
  • Di seguito il un video che ho trovato

    [yt]https://www.youtube.com/watch?v=ebPuFjSwCco[/yt]

    ditemi che l'idea non è quasi la stessa
    non+autenticato
  • - Scritto da: Luca2
    > A me sinceramente l'idea base del nuovo sistema
    > operativo sembra molto simile a quella sviluppata
    > da un gruppo di italiani con Itsme
    > OS
    >
    > http://www.geekissimo.com/2010/08/05/itsme-rivoluz
    >
    > https://www.youtube.com/watch?v=ebPuFjSwCco

    Somiglia molto vero e credo che fallirà proprio come Itsme Sorride
    L'idea non è male, ma troppo 'complicata' per l'utente medio
    non+autenticato
  • Sarà un pasticcio come il maschiloid, ma closed-source.
    Un pasticcio di cui non c'è alcun bisogno.
    Ma lo venderanno lo stesso, potenza del portafogli, gonfiato da noi.
    Venditori di fumo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: agicomme
    > Sarà un pasticcio come il maschiloid, ma
    > closed-source.
    E quindi?
    > Un pasticcio di cui non c'è alcun bisogno.
    Questo lo dici tu e lo deciderà il mercato
    > Ma lo venderanno lo stesso, potenza del
    > portafogli, gonfiato da noi.
    Scusa, ma chi ti obbliga a comperarlo?
    > Venditori di fumo.
    Magari, almeno farebberio qualche cosa di illegale ma gradevole
    non+autenticato
  • ... hanno forkato Linux!

    Non è la prima volta che accade; numerosi kernel "alternativi" si sono rivelati essere dei fork di Linux.
    Inoltre, Google stessa ammette che resteranno parti di Android e la licenza di distribuzione sarà un mix di BSD 3, MIT e Apache 2.0; quindi, i legami con Linux/UNIX restano ben evidenti.

    Poi, a chi ha le idee un po' confuse, vorrei ricordare che Google non ha nulla a che vedere con l'open source; tutti i loro progetti più importanti sono rigorosamente closed.
    Linus Torvalds e molti sviluppatori del kernel non hanno mai perso l'occasione per coprire Google di insulti, soprattutto per come viene gestito Android e per l'aspetto, totalmente inesistente, relativo alla sicurezza.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Alvaro Vitali
    > ... hanno forkato Linux!
    >
    > Non è la prima volta che accade; numerosi kernel
    > "alternativi" si sono rivelati essere dei fork di
    > Linux.
    > Inoltre, Google stessa ammette che resteranno
    > parti di Android e la licenza di distribuzione
    > sarà un mix di BSD 3, MIT e Apache 2.0; quindi, i
    > legami con Linux/UNIX restano ben
    > evidenti.
    >
    > Poi, a chi ha le idee un po' confuse, vorrei
    > ricordare che Google non ha nulla a che vedere
    > con l'open source; tutti i loro progetti più
    > importanti sono rigorosamente
    > closed.
    > Linus Torvalds e molti sviluppatori del kernel
    > non hanno mai perso l'occasione per coprire
    > Google di insulti, soprattutto per come viene
    > gestito Android e per l'aspetto, totalmente
    > inesistente, relativo alla
    > sicurezza.
    più facile che sia un fork di BSD dà meno rogne a livello legale a mantenerlo closed. (vedi Apple)
    non+autenticato
  • Una veloce lettura dei sorgenti, mi porta a notare come il copyright originale sia di un certo Travis Geiselbrecht. Una veloce ricerca su Google porta a lk, un kernel minimale usato anche come bootloader di Android (!!).
    Quindi no, non è né linux né BSD.
    non+autenticato
  • $1,3 miliardi costa riscriversi da zero un intero sistema operativo. Loro i soldi li hanno, ma decidere di spenderli in questo progetto, devono veramente aver fatto analisi importanti se ne valga la pena o meno.
    iRoby
    9521
  • - Scritto da: iRoby
    > $1,3 miliardi costa riscriversi da zero un intero
    > sistema operativo. Loro i soldi li hanno, ma
    > decidere di spenderli in questo progetto, devono
    > veramente aver fatto analisi importanti se ne
    > valga la pena o
    > meno.

    Evidentemente abbandonare il kernel linux vale parecchio la pena , almeno per quanto riguarda il mobile. Ricordati che Google sta facendo lo stesso anche per i desktop e la dice moooolto lunga.
    non+autenticato
  • Su cosa? Sul fatto che lo sviluppo del free software è un bazaar anarchico, e che Google vorrebbe i suoi investimenti indirizzati verso dove serve a lei?

    E IBM non li vorrebbe indirizzati verso dove interessa a lei?

    E RedHat? E Siemens? E Cisco? E tutti gli altri?

    Beh allora se ognuno che contribuisce vuole che lo sviluppo segua le sue necessità, si faccia il suo sistema nuovo, da zero.
    iRoby
    9521
  • - Scritto da: iRoby
    > Su cosa? Sul fatto che lo sviluppo del free
    > software è un bazaar anarchico, e che Google
    > vorrebbe i suoi investimenti indirizzati verso
    > dove serve a
    > lei?
    >
    > E IBM non li vorrebbe indirizzati verso dove
    > interessa a
    > lei?
    >
    > E RedHat? E Siemens? E Cisco? E tutti gli altri?
    >
    > Beh allora se ognuno che contribuisce vuole che
    > lo sviluppo segua le sue necessità, si faccia il
    > suo sistema nuovo, da
    > zero.

    infatti e' proprio quello che stanno facendo in barba a voi linuxari.
    a proposito di comunita' bazaar anarchica , mi fai vedere un buon linux che posso montare sul mio smartphone ?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Kurt Russel
    > Una veloce lettura dei sorgenti, mi porta a
    > notare come il copyright originale sia di un
    > certo Travis Geiselbrecht. Una veloce ricerca su
    > Google porta a lk, un kernel minimale usato anche
    > come bootloader di Android
    > (!!).
    > Quindi no, non è né linux né BSD.
    quindi sta seguendo la strada di Apple con iOS
    non+autenticato
  • iOS ha i sorgenti aperti?
  • Non trovo il nesso. Il kernel di iOS è XNU di Darwin. Non trovo nulla in comune.
    non+autenticato
  • L'analogia è procedurale, hanno deciso di scrivere un OS da zero come per iOS , evidentemente dietro ci sono le stese motivazioni
    non+autenticato
  • non mi sembra tanto un'interfaccia da smartphone quanto un'interfaccia desktop, più che sostituire Android (che è già loro) sembra vogliano sostituire windows
    non+autenticato
  • ma il punto e' che un kernel vuol dire tutto e niente

    quello che molti qui non capiscono, e' che e' facile creare un kernel che boota, visualizza il cubo rotante, ecc... ma poi occorrono miliardi per sviluppare tutti i componenti accessori e soprattutto i driver

    e forse e' questa la ragione del perche' Google ha avviato questo nuovo progetto come opensource

    se lo scopo era tagliare semplicemente fuori Linux e avere il controllo totale del progetto, potevano benissimo fare una cosa closed-source
    non+autenticato
  • - Scritto da: collione
    > ma il punto e' che un kernel vuol dire tutto e
    > niente
    >
    Meh, intanto dovresti cospargerti il capo di cenere.
    E sai perchè.
    Detto questo.

    > quello che molti qui non capiscono, e' che e'
    > facile creare un kernel che boota, visualizza il
    > cubo rotante, ecc...

    Però....
    Dimmi Linus 2 la vendetta mica hai bisogno di quei 43000 Mac?
    Chiedo eh.

    >ma poi occorrono miliardi
    > per sviluppare tutti i componenti accessori e
    > soprattutto i
    > driver

    Mica detto. Standardizzi l'hardware e vivi felice.
    Mi sembra che con i Nexus sia andata proprio così, giusto?

    >
    > e forse e' questa la ragione del perche' Google
    > ha avviato questo nuovo progetto come
    > opensource
    >
    > se lo scopo era tagliare semplicemente fuori
    > Linux e avere il controllo totale del progetto,
    > potevano benissimo fare una cosa
    > closed-source

    E per quale motivo?
    Il controllo totale ce l'hanno sia che sia open sia che sia closed, quando appunto come dici tu, hanno in mano i driver del layer hardware standardizzato.
    L'esigenza è smarcarsi da mastro torvaldo e i suoi adepti, sia quelli che lo pagano (Linux foundation) sia quelli che disfano invece di fare prendendo il totale controllo dello sviluppo (cantinari fuori controllo che imperversano su kernel.org)

    Io, da esterno, la vedo una ottima idea.

    Se poi questo decreterà la morte di quella schifezza di surrogato di Linux che si chiama Android ancora meglio. E se questo confinerà linux solo al mondo server sarà ottimo. E se tutte quelle schifezze di distro e surrogati Linux fatte da incompetenti senza patente che imperversano su IoT moriranno sarà fantastico.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 10 maggio 2017 21.50
    -----------------------------------------------------------
    maxsix
    10384
  • E poi ti sei svegliato tutto sudato?
    iRoby
    9521
  • - Scritto da: iRoby
    > E poi ti sei svegliato tutto sudato?

    No anzi. Compiaciuto nel sapere che il vostro idolo si è stufato di voi e delle vostre cazzate, e si sta preparando a sfancularvi tutti.
    maxsix
    10384
  • Io non ho idoli, quelli servono a persone come te che hanno bisogno di credere in qualcosa, per paura del vuoto esistenziale.

    Se Google abbandona il kernel di Linux il suo sviluppo continua anche col contributo di Google che lo uso per moltissimi altri scopi, per esempio sui server...

    Linux cresce e procede per conto suo, e le sue funzionalità non fanno che crescere e migliorare. E questo da 25 anni.
    iRoby
    9521
  • - Scritto da: iRoby
    > Io non ho idoli,

    Esatto , tu sei buono solo a denigrare il prossimo. Che sfigato che sei.
    non+autenticato
  • Che è quello che fai tu. La tua vita è vuota, sei ignorante, e quindi invece che discutere animatamente di tecnologia, attacchi chi è diventato per te un'ossessione.

    Sei vuoto, non hai dentro niente.
    iRoby
    9521
  • - Scritto da: iRoby
    > Che è quello che fai tu.

    Te lo faró rileggere alla prossima news dove tu inizierai immancabilmente ad insultare.

    > La tua vita è vuota, sei
    > ignorante,

    Poi sono io che insulto ...

    > e quindi invece che discutere
    > animatamente di tecnologia, attacchi chi è
    > diventato per te
    > un'ossessione.
    >

    Ti ho fatto una domanda senza insultare. Non hai risposto ed hai iniziato ad insultare. Fai tu!

    > Sei vuoto, non hai dentro niente.

    ... niente di che ... ossa e tessuti molli. Sorride
    non+autenticato
  • No no, non stare a fare la vittima.
    Dato che con altri nick anonimi hai fatto un periodo a scrivere iRoby coglione, dopo che con le varie segnalazioni per ingiurie sono stati eliminati.

    Quindi lo ribadisco, sei una persona gravemente disturbata.
    iRoby
    9521
  • - Scritto da: iRoby
    > No no, non stare a fare la vittima.

    Non faccio la vittima , dico le cose come stanno. E stanno che tu , dal tuo piedistallo fatto di merda , vieni qui a fare la morale agli altri , ad insultare per il solo fatto che non la pensano come te.

    > Dato che con altri nick anonimi hai fatto un
    > periodo a scrivere iRoby coglione,

    Che sei un coglione é un dato di fatto e non solo il solo a dirtelo.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 17 discussioni)