Elia Tufarolo

Android O, novità per utenti e sviluppatori

Google rilascia la seconda developer preview e apre il programma Beta. La nuova versione di Android promette l'introduzione di diverse migliorie, con tempi di attesa molto brevi

Android O, novità per utenti e sviluppatoriRoma - Come promesso dall'annuncio avvenuto durante il Keynote del Google I/O 2017, nella giornata di mercoledì 17 maggio Google ha rilasciato la seconda developer preview di Android O, dichiarando l'apertura della open beta. Tutti i possessori di smartphone Google Nexus (5X, 6P, Player) e Pixel potranno sottoscrivere il proprio dispositivo e provare in anteprima la nuova versione di Android. Gli utenti potranno comunicare a Google i propri feedback o eventuali problemi riscontrati attraverso l'apposita opzione del menu Impostazioni del dispositivo, o sulla community Android Beta Program di Google+.

Android O: Google rilascia la seconda developer preview e apre il programma Beta

Nei giorni scorsi, a seguito di un'incompatibilità dell'app Android Pay con la nuova build, Google ha rilasciato due aggiornamenti in successione, entrambi identificati con il numero di versione OPP2.170420.019. È stato riportato da diversi utenti come il primo aggiornamento (grande circa 45 MB) abbia risolto il problema sugli smartphone Pixel, mentre nel caso dei Nexus era necessario effettuare un factory reset, poiché l'installazione in modalità Over-The-Air falliva sulla maggior parte di questi dispositivi.
Il secondo aggiornamento, più corposo (oltre 1 GB), è installabile in modalità OTA e abilita Android Pay anche sui Nexus, senza quindi il bisogno di ripristinare lo smartphone.

aggiornamento Android O

Gli obiettivi della open beta di Google sono ben rappresentati nella seguente timeline: prima della release ufficiale, prevista per la metà del terzo trimestre (i primi di agosto), saranno disponibili due ulteriori versioni beta; già a partire dalla prossima major release sarà disponibile per gli sviluppatori la versione finale delle API e del SDK del sistema operativo.
timeline Android O

Le novità introdotte da Android O sono molteplici e vanno ad impattare principalmente sull'usabilità dei dispositivi Android, ma alcuni miglioramenti sono stati concepiti anche per garantire una migliore autonomia e una migliore esperienza utente.
Dettagliamo di seguito gli aspetti più significativi di Android O.

Limitazioni alle app in background
I processi in background potranno creare e usare servizi solo all'interno di una finestra temporale di diversi minuti, al termine della quale entreranno in modalità Idle. Questi processi potranno tornare in background solo se sollecitati da una notifica push accettata dall'utente, da una notifica Firebase ad alta priorità, oppure dalla ricezione di un messaggio broadcast, come un SMS. Informazioni relative alla localizzazione dell'utente, attraverso tutte le API a disposizione (Geofencing, Fused Location Provider, GNSS, Wi-Fi), saranno ricevute dai processi in background con frequenza minore. È evidente come questi cambiamenti abbiano la finalità di migliorare l'efficienza energetica del sistema operativo e quindi l'autonomia complessiva dello smartphone.

Categorie e badge di notifica
L'utente potrà organizzare le notifiche in categorie personalizzando, per ognuna, il tipo di suoneria, il pattern di vibrazione e la priorità; una notifica avente bassa priorità sarà visibile ma non produrrà rumore né vibrazione, una a priorità massima sarà accompagnata da suono, vibrazione o da un avviso a schermo intero.
Il badge di notifica, invece, è un "pallino" visualizzato in alto a destra sull'icona dell'applicazione; tenendo premuta l'icona sarà possibile accedere ad un menu contenente tutte le notifiche relative all'applicazione che non sono state in precedenza gestite dall'utente: l'utente potrà quindi decidere se processare o scartare le notifiche.

Scorciatoie nel launcher
In aggiunta alle scorciatoie nelle app introdotte con l'aggiornamento 7.1.1, sarà ora possibile aggiungere scorciatoie nel launcher; una funzionalità utile per azioni quotidiane, ad esempio programmare il tragitto casa-lavoro su Google Maps o aprire una scheda di navigazione in incognito su Google Chrome.

Modalità Picture-in-Picture
Questa è una delle novità più attese dalla comunità: la possibilità di effettuare qualsiasi azione e nel mentre visualizzare contenuti audio/video, oppure effettuare una videochiamata.

modalità picture-in-picture

Nuovo framework di autocompletamento
Le funzionalità di autocompletamento, che finora erano appannaggio di ogni singola app, sono ora centralizzate grazie all'introduzione di un apposito servizio. La centralizzazione di questa funzionalità comporta una migliore esperienza utente, in quanto quest'ultimo si ritroverà a dover salvare una sola volta le informazioni necessarie, delle quali sarà presumibilmente possibile effettuare facilmente backup e ripristino, in caso di reset o sostituzione dello smartphone.

API Wi-Fi Aware
Queste API, nota anche come Neighbor Awareness Networking o NAN, consentono il rilevamento e l'instaurazione di connessioni peer-to-peer, quindi bi-direzionali, tra dispositivi compatibili. Le API Wi-Fi Aware sono in grado di garantire performance maggiori rispetto alle precedenti Wi-Fi Peer to Peer introdotte con Android 4.0. Questo tipo di comunicazione risulta utile fondamentalmente per la condivisione rapida di informazioni tra due dispositivi.

Miglioramenti alla classe MediaPlayer
La classe MediaPlayer, utilizzabile dagli sviluppatori di applicazioni per la riproduzione di contenuti multimediali, possiede ora controlli più precisi: nuove funzioni di seek permetteranno di agganciarci a K-frame specifici di un determinato flusso audio o video; inoltre, sarà consentita la riproduzione di contenuti protetti da DRM.

Launcher per Android TV
Android TV, la versione del sistema operativo dedicata esclusivamente alle smart TV, avrà ora una nuova UI, chiamata semplicemente Launcher, che mostrerà all'utente una serie di canali consigliati, a loro volta suddivisi in programmi; alle app installate sulla TV sarà data la possibilità di interagire con il launcher, aggiungendo, modificando o cancellando canali e programmi.

Altre novità e miglioramenti
Ulteriori miglioramenti riguardano l'esperienza utente e l'affidabilità: icone adattative composte di due livelli e una maschera, in grado di effettuare semplici animazioni sotto il controllo dell'utente; la possibilità per gli sviluppatori di scaricare file di caratteri da una classe FontProvider, in modo da alleggerire la dimensione dei file di installazione APK; la possibilità di includere file di caratteri come file di risorsa, utilizzando il formato XML come descrittore; nuove emoji di forma circolare. Infine, la possibilità per i produttori di dispositivi Bluetooth, BLE (Bluetooth Low Energy) o Wi-Fi di personalizzare il messaggio che compare sullo smartphone durante la fase di pairing.

Come iscriversi alla fase beta di Android O?
Gli utenti interessati ad iscriversi alla beta di Android O possono seguire la procedura guidata disponibile al seguente link. È importante tenere in considerazione che, trattandosi appunto di una beta, i malfunzionamenti e l'instabilità potrebbero rendere problematico, se non impossibile, l'utilizzo dello smartphone nel quotidiano. È comunque possibile cancellare l'iscrizione dalla beta: in questo caso però, tutti i dati utente presenti sul dispositivo su cui è installata la beta verranno cancellati.

E per quanto riguarda la sicurezza?
In seguito all'ennesima epidemia ransomware avvenuta negli ultimi giorni, di gravità e portata superiore alle precedenti, è più che legittimo chiedersi se tramite un attacco di questo tipo sia possibile compromettere i dati personali contenuti negli smartphone, o bloccarne il funzionamento a meno del pagamento di un riscatto.
Il fenomeno dei ransomware ha già riguardato il mondo Android in passato, l'ultimo avvenimento di questo tipo risale allo scorso Gennaio.

Nonostante Google rilasci bollettini di sicurezza per Android su base mensile, il ruolo degli operatori mobile e dei produttori, congiuntamente all'obsolescenza programmata dei dispositivi, rallenta fortemente l'erogazione degli aggiornamenti. Proprio per questo motivo, tramite il Project Treble, la modalità di erogazione degli aggiornamenti da parte di Google sta convergendo verso un approccio modulare.

Il livello di rischio è quindi alto; sebbene per il settore desktop le organizzazioni criminali cerchino vittime in grado di pagare riscatti anche ingenti, non è esclusa la possibilità di infezioni su larga scala anche in ambito mobile, ad esempio attraverso la richiesta di micro-pagamenti, che garantendo un buon grado di accettabilità per gli utenti, potrebbero costituire ingenti entrate per il settore del cybercrime.

Elia Tufarolo

fonte immagini: 1 2 3 4
Notizie collegate
29 Commenti alla Notizia Android O, novità per utenti e sviluppatori
Ordina
  • Ma a rinominare le icone sul desktop androind non ci siamo ancora arrivati? Echettazzo!
    non+autenticato
  • Ecco la novità

    Ci sono 23k nuove infezioni sul vostro telefono e non verrà aggiornato un bel cavolo, ma chissenefrega nel cestone del super ne trovate altri

    giù il gettone si parte, ma stati attenti a non riempire troppo la discarica eh

    Ma l'androcesso è pezzuntux si o no?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Giostraio
    > Ecco la novità
    >
    > Ci sono 23k nuove infezioni sul vostro telefono e
    > non verrà aggiornato un bel cavolo, ma
    > chissenefrega nel cestone del super ne trovate
    > altri
    >
    > giù il gettone si parte, ma stati attenti a non
    > riempire troppo la discarica
    > eh
    >
    > Ma l'androcesso è pezzuntux si o no?

    Chiediglielo a soratà!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Il Fuddaro
    > Chiediglielo a soratà!
    Perché importunare tua madre?
    Chiedilo a pandolo, lui ha tutte le risposte (dipende solo dal momento per sapere quli sparerà)
    non+autenticato
  • Ah vedi allora che la mamma è la stessa!
    La tua intendo e quella dei cloni!

    Siete tutti fratelli! Probabilmente per coordinarvi così bene lavorate da casa (della mamma).
  • - Scritto da: Garson Pollo
    > Ah vedi allora che la mamma è la stessa!
    > La tua intendo e quella dei cloni!
    >
    > Siete tutti fratelli! Probabilmente per
    > coordinarvi così bene lavorate da casa (della
    > mamma).

    Mia madre purtroppo sono secoli che non c'è più ormai, ma la loro(il multi nick intendo) sono sicuro che pratica dalle parti del vomero a Napoli.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Giostraio
    >
    > Ci sono 23k nuove infezioni sul vostro telefono e
    > non verrà aggiornato un bel cavolo, ma
    > chissenefrega nel cestone del super ne trovate
    > altri

    Ve lo spiegano da anni in mille modi ma non riuscite proprio a capire; si tratta di infezioni potenziali, non di 23000 virus che colpiscono ogni smartphone Android.
    Devi essere sufficientemente idiota da andartele a prendere queste infezioni, più o meno come il virus albanese.

    Io da anni sto usando una cagata di smartphone con Android 2.3 (mai aggiornato) e non mi sono beccato un bel niente.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Alvaro Vitali
    > - Scritto da: Giostraio
    > >
    > > Ci sono 23k nuove infezioni sul vostro
    > telefono
    > e
    > > non verrà aggiornato un bel cavolo, ma
    > > chissenefrega nel cestone del super ne
    > trovate
    > > altri
    >
    > Ve lo spiegano da anni in mille modi ma non
    > riuscite proprio a capire; si tratta di infezioni
    > potenziali, non di 23000 virus che colpiscono
    > ogni smartphone
    > Android.
    > Devi essere sufficientemente idiota da andartele
    > a prendere queste infezioni, più o meno come il
    > virus
    > albanese.
    >
    > Io da anni sto usando una cagata di smartphone
    > con Android 2.3 (mai aggiornato) e non mi sono
    > beccato un bel
    > niente.

    La prossima volta che si parlerà di Windows, vedremo se tu e i tuoi colleghi sarete così intelligenti da applicare lo stesso ragionamento.
    non+autenticato
  • Tipo wannacry?
  • Esatto, 200.000 infezioni a fronte di 1.3 miliardi di dispositivi.

    Dopo che la vulnerabilità era stata resa nota.
    Dopo che era stata pubblicata la patch.
    Dopo che hai lasciato aperto al mondo le porte.

    - Scritto da: nr: gelataro
    > Devi essere sufficientemente idiota da andartele
    > a prendere queste infezioni, più o meno come il
    > virus
    > albanese.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Garson Pollo
    > Tipo wannacry?

    Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere

    Dopo che quell'utente ha scritto:

    - Scritto da: gelataro
    > La prossima volta che si parlerà di Windows,
    > vedremo se tu e i tuoi colleghi sarete così
    > intelligenti da applicare lo stesso
    > ragionamento.


    ecco che spunta l'intelligente di turno
    Tu proprio non ti smentisci mai eh ? Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    non+autenticato
  • hai capito cosa ho scritto?
    Erano tre parole.

    Ritenta.
  • O' mascoloide!
    Però 'fare il rooting', che altrove è una cosa normale, è ancora considerato quasi un reato.
    Buffoni
    non+autenticato