Alfonso Maruccia

Computex 2017/ Intel e le nuove CPU multi-core

Santa Clara risponde lesta alle sollecitazioni di AMD con una nuova serie di CPU Core, veri e propri "mostri" di potenza che sposano la stessa moltiplicazione senza precedenti di unità computazionali su cui punta la concorrente

Roma - Dopo le indiscrezioni dei giorni scorsi, Intel ha ora ufficializzato il prossimo arrivo della "Serie-X" di CPU Core durante il Computex di Taipei. Santa Clara risponde quindi alla sfida di AMD Ryzen con una configurazione multi-core "estrema", a dimostrazione del fatto che vuole ancora giocare la carta della superiorità tecnologica e intende fare affari d'oro con prodotti dal costo decisamente esoso rispetto alla concorrenza.

La Serie-X include prima di tutto i nuovi modelli Core-i9 Skylake-X, con la CPU Core i9-7980XE a rappresentare la vetta prestazionale grazie ai suoi 18 core fisici e 36 thread eseguibili in contemporanea. Si tratta del primo processore per PC desktop di classe Teraflop, dice Intel, il costo è naturalmente proporzionato (1999 dollari per CPU) e l'obiettivo dichiarato è la CPU Threadripper da 16-core recentemente svelata da AMD.


Decisamente più abbordabili sono invece gli altri processori Core i9, con configurazioni che prevedono la presenza di 16, 14, 12 o 10 core e costi che vanno da un minimo di 999 dollari (Core i9-7900X) a un massimo di 1699 dollari. Intel paragona i nuovi chip ai "vecchi" Broadwell-E, parlando di incrementi prestazionali del 15 per cento nelle operazioni a singolo thread e del 10 per cento in scenari multi-thread.

Parlando di caratteristiche tecniche spicciole, per ora Santa Clara ha reso nota la frequenza di clock base dei modelli meno performanti dove spiccano i 3,3GHz del succitato Core i9-7900X, mentre una versione ottimizzata della tecnologia Turbo Boost (3.0) dovrebbe individuare e "spingere" i due core più veloci fino a una frequenza di 4,5GHz.


Il clock di base risulta essere superiore nelle nuove CPU a 4-core basate su architettura Kaby Lake-X (4,3GHz/4,5GHz in boost per Core i7-7740X), mentre per tutti i processori della serie X è previsto il debutto di un nuovo chipset (X299) con tanto di socket rinnovato (2066), otto porte SATA 3.0, fino a 10 porte USB 3.0 e 44 piste PCI Express 3.0 nel caso delle CPU a 10 e più core.

A dimostrazione del fatto che Intel ha deciso di spingere sull'acceleratore delle prestazioni pure, infine, accanto alle nuove CPU è prevista la vendita di un'unità per il raffreddamento a liquido pensata per calmare i bollori di processori dotati di TDP compresi fra 165W e 140W.
Il debutto commerciale delle nuove CPU è previsto per le prossime settimane.

Alfonso Maruccia

fonte immagini: 1, 2
Notizie collegate
  • AttualitàIntel, AMD e i processori del futuroSanta Clara sarebbe pronta a sfornare CPU con caratteristiche mai viste prima, e Sunnyvale dovrebbe a sua volta rispondere con nuovi chip Ryzen evoluti. La battaglia per il futuro delle macchine x86 si combatte a suon di indiscrezioni
  • AttualitàIl futuro di AMD, versione ufficialeSunnyvale svela i piani tecnologici per i prossimi mesi e anni, conferma i rumor in circolazione in questi giorni e lancia un avvertimento a Intel: il tempo del monopolio quasi assoluto sui chip x86 è finito
13 Commenti alla Notizia Computex 2017/ Intel e le nuove CPU multi-core
Ordina