PI Guide/ Database, ecco come risparmiare

È possibile migliorare servizi e produttività della nostra azienda risparmiando sui costi? Sì, se si usano gli strumenti giusti come nel caso di MySQL per la gestione dei database

In una società estremamente informatizzata, in cui i dati giocano un ruolo chiave, i database hanno acquisito una centralità tale che ne ha fatto uno strumento di lavoro indispensabile. Qualsiasi cosa è rapportata ad un database. Vogliamo un sito per la nostra azienda? Ce ne serve uno. Dobbiamo gestire la contabilità della società o un basket di potenziali clienti? Ci serve un database. Finora la soluzione più semplice, soprattutto per le piccole e medio imprese, quindi quelle con un flusso di dati non enorme e con disponibilità economiche limitate, è stata quella di ricorrere a Microsoft Access, che si basa sulla logica di memorizzare tutte le informazioni in un unico file all'interno di un singolo computer. È un metodo che comporta non poche difficoltà. Innanzitutto ha un costo, che, seppur abbordabile e non paragonabile ad altri DBMS, rimane sempre tale. Poi, se vogliamo leggere un database su un determinato computer è necessario installare su di esso il programma, acquistando la licenza. Inoltre, una sola persona per volta può accedere al database ed è necessario avere sempre il file dietro, e un PC con il programma installato, per potervi accedere. Fermo restando che sono difficoltà non insormontabili e che resta comunque una strada valida, riteniamo che la soluzione migliore sia quella dei database server, che altro non sono che cloud server sui quali è già installato un sistema di gestione di database. In tal caso il riferimento assoluto è MySQL, con la piattaforma web PHPMyAdmin.

I motivi sono tanti, a partire dal fatto che sono open source e gratuiti. Con MySQL possiamo installare un programma su un unico computer al solo scopo di registrare il database, che sarà poi totalmente gestibile da una comoda e completa interfaccia web: possiamo leggere e modificare i dati utilizzando un semplice browser, senza installare altri programmi. Con la notevole conseguenza che è possibile lavorare sul database da qualsiasi dispositivo, anche uno smartphone per esempio. Inoltre, un numero potenzialmente infinito di persone può accedere in lettura o scrittura alle informazioni contenute. Chiaramente ciò non comporta che vi sia un accesso indiscriminato ai dati: si possono creare diversi utenti, ciascuno protetto da password e con i propri privilegi. In tal modo possiamo decidere chi può accedere per modificare, chi può accedere solo in lettura e a chi inibire totalmente l'accesso.

Soluzioni alternative
Nal caso in cui, per vari motivi e valutate tutte le implicazioni, si voglia comunque mantenere il database su un unico file, possiamo considerare delle alternative ad Access che consentono in ogni caso di risparmiare in quanto open source. È il caso di LibreOffice Base, un programma molto simile a quello di Microsoft nell'aspetto, e tramite il quale è possibile accedere a qualsiasi tipo di database senza dover pagare le licenze per tutti i computer degli impiegati. Inoltre è un software molto utile anche per convertire diversi formati di database nella "lingua franca": CSV. In tal modo riusciamo a recuperare anche i vecchi database che ormai risultano inutilizzabili perché i programmi per la loro gestione non si trovano più in commercio, oppure di trasformare un database in un foglio di calcolo. Tutto questo in modo gratuito, perché possiamo davvero risparmiare tanto aprendoci al mondo degli strumenti a costo zero.
CSV: cos'è il Comma Separated Value
Esistono differenti tipi di formati di database, e spesso passare da uno all'altro può essere fonte di problemi. Ma in fondo ogni database è una collezione di tabelle, motivo per cui può essere tradotto nel formato decisamente più diffuso, il CSV (Comma-Separated Values). Si tratta di un formato di file utilizzato per l'importazione ed esportazione di una tabella di dati in fogli elettronici o database. Sostanzialmente è un semplice file di testo. In questo formato, ogni riga della tabella (o record della base dati) è rappresentata da una linea di testo, che a sua volta è divisa in campi (le singole colonne) attraverso un apposito carattere separatore. Il formato CSV non specifica una codifica di caratteri, né la convenzione per indicare il fine linea, né il carattere da usare come separatore tra campi (normalmente è una virgola nel mondo anglosassone, punto e virgola in Italia a causa dell'uso della virgola nei numeri decimali) e nemmeno convenzioni per rappresentare date o numeri (tutti i valori sono considerati come semplici stringhe di testo). Questi dettagli possono dover essere specificati dall'utente tutte le volte che si importano o esportano dati in formato CSV in un programma come ad esempio un foglio elettronico.

Come funziona PHPMyAdmin
L'applicazione web phpMyAdmin è un sistema che consente di gestire un database MySQL attraverso un qualsiasi browser. Consente la creazione di un database da zero, la creazione di nuove tabelle e le operazioni che permettono di ottimizzarle. È possibile quindi inserire nuovi utenti, creare e modificare password e gestire gli eventuali permessi che l'utente ha sul singolo database. In sostanza si tratta di un insieme di pagine PHP che non necessitano di installazione. È sufficiente scaricare il software e decomprimerlo all'interno di una cartella situata nel sito web. Nei server Linux generalmente è disponibile un sistema di gestione di file compressi (.zip oppure .tar.gz) che rende particolarmente semplice l'installazione dell'applicazione. Anche in altri sistemi operativi, come Microsoft Windows, in caso di installazione in locale l'operazione non risulta complessa. Considerando che la parte di solito più difficile è quella di installare e configurare il server web, in alternativa sono disponibili anche software preconfezionati come XAMPP che consentono di ottenere lo stesso risultato perché comprendono un intero ambiente di sviluppo e quindi anche phpMyAdmin.

Ambiente di sviluppo PHP tutto incluso
XAMPP è un acronimo, dove ogni lettera ha un significato preciso: X - Cross-Platform, A - Apache, M - MySQL, P - PHP, P - Perl. È una semplice e leggera distribuzione Apache che rende estremamente semplice a sviluppatori e neofiti creare web server. Tutto ciò di cui si ha bisogno è incluso in un unico, comodo pacchetto concepito per un'installazione e un utilizzo intuitivi. XAMPP è anche multipiattaforma (cross-platform). Ciò significa che funziona su Linux, Mac e Windows. Sul sito ApacheFriends.org si trovano tutti i rispettivi pacchetti. Inutile sottolineare che XAMPP è open source. È una raccolta di software gratuiti (paragonabile a una distribuzione Linux), quindi totalmente gratuita e la cui riproduzione è libera. Dato che molti ambienti server usano gli stessi componenti, XAMPP è utile in quanto rende semplice il passaggio da un sistema locale di test a un server web vero e proprio. I principali componenti sono innanzitutto Apache, che è il web server application che elabora e risponde alle richieste restituendo i contenuti verso il computer richiedente (client). Poi MySQL di cui abbiamo già discusso. Quindi PHP, acronimo per Hypertext Preprocessor. É un linguaggio di script lato server che è utilizzato in tutto il mondo per realizzare siti di ogni genere. PHP è il linguaggio con il quale sono scritti Joomla, Drupal e WordPress. Relativamente semplice da imparare, lavora perfettamente con MySQL; per questo rappresenta una scelta fatta da migliaia di sviluppatori. Infine Perl, che è un linguaggio di programmazione molto potente, ricco di funzionalità, con oltre 27 anni di sviluppo.

Nelle pagine che seguono vedremo gli aspetti pratici di quanto illustrato. Dall'importazione di un DB Microsoft in LibreOffice, all'esportazione in CSV, fino ad arrivare alla creazione di un server con XAMPP.

Notizie collegate
16 Commenti alla Notizia PI Guide/ Database, ecco come risparmiare
Ordina
  • L'alternativa ad ACCESS (che è usatissimo e unica cosa che non fa cambiare molte aziende da MS office a Libreoffice) dovrebbe essere libreoffice BASE.

    Peccato che dalla fondazione libreoffice sia completamente trascurato. E' da molte release che non vengono aggiunte funzionalità/ottimizzazioni.

    L'unica cosa che (se non sbaglio) nell'ultima versione dei Libreoffice la 5.3.x sono passati come database embedded (quello con unico file locale) al motore DB di Firebird 3!
    non+autenticato
  • In Italia non mi sembra sia molto usato.
    All'estero sta prendendo piede anche per situazioni mission critical.

    Qualcuno lo utilizza? E per cosa?
    non+autenticato
  • E' ottimo, lo abbiamo usato per molte applicazioni business.
    non+autenticato
  • invece di mssql e' si puo' usare con successo SQLITE ,
    mentre come db sarebbe ottimo migrare a MariaDB ( fork di mysql completamente libero )
    non+autenticato
  • - Scritto da: lorenzo
    > invece di mssql e' si puo' usare con successo
    > SQLITE ,
    >
    > mentre come db sarebbe ottimo migrare a MariaDB (
    > fork di mysql completamente libero
    > )

    http://alternativeto.net/software/mysql-community-...
    non+autenticato
  • - Scritto da: lorenzo
    > invece di mssql e' si puo' usare con successo
    > SQLITE ,

    direi di no. sono prodotti estremamente differenti e pensati per scopi molto diversi. Basti pensare che un query di update in sqllite crea un lock su tutto il db.

    >
    > mentre come db sarebbe ottimo migrare a MariaDB (
    > fork di mysql completamente libero
    > )

    molto meglio postgresql a sto punto, no?
    non+autenticato
  • io penso a mssql che per un programmino che usa 2 tabelle 2 ha reso un pc lento come un bradipo ...Sorride

    Per quanto riguarda postgree ... be' direi di valutare i pro ed i contro nel caso specifico .
    non+autenticato
  • - Scritto da: lorenzo
    > io penso a mssql che per un programmino che usa 2
    > tabelle 2 ha reso un pc lento come un bradipo ...
    >Sorride

    Indicizza ste due tabelle, animale!
    non+autenticato
  • Il programma non l'ho fatto io ed il pc va come un bradipo anche col programma chiuso ... e' la semplice presenza attiva di mssql a renderlo un bradipo .
    non+autenticato
  • sono con voi su mysql e php!
    ma, come informazione, ms sta rilanciando col suo server sql in versione lite (fino a 10giga mi pare) gratuito (ma scalabile a quello a pagamento) che e' molto ben integrato col suo ambiente di sviluppo visual, su windows ovviamente..
    non+autenticato
  • - Scritto da: rudy
    > sono con voi su mysql e php!
    > ma, come informazione, ms sta rilanciando col suo
    > server sql in versione lite (fino a 10giga mi
    > pare) gratuito (ma scalabile a quello a
    > pagamento) che e' molto ben integrato col suo
    > ambiente di sviluppo visual, su windows
    > ovviamente..

    Quindi meglio la peste bubbonica di un database che gira obbligatoriamente sotto winsozz.
  • - Scritto da: rudy
    > sono con voi su mysql e php!
    > ma, come informazione, ms sta rilanciando col suo
    > server sql in versione lite (fino a 10giga mi
    > pare) gratuito

    Con MariaDB, PostgreSQL, MySQL etc. se dopo un po' di tempo vuoi passare ad una altro DB (anche uno proprietario come Oracle o DB2) il lavoro da fare non è tanto.
    Se però parti da SQL Server con tutte le queries in Transact-SQL hai un sacco di lavoro da fare. Sarà gratuito, ma è il classico Vendor lock-in https://en.wikipedia.org/wiki/Vendor_lock-in

    > che e' molto ben integrato col suo
    > ambiente di sviluppo visual, su windows
    > ovviamente..

    Fa parte del Vendor lock-in
    non+autenticato
  • - Scritto da: 6b2a989c454
    > - Scritto da: rudy
    > > sono con voi su mysql e php!
    > > ma, come informazione, ms sta rilanciando col
    > suo
    > > server sql in versione lite (fino a 10giga mi
    > > pare) gratuito
    >
    > Con MariaDB, PostgreSQL, MySQL etc. se dopo un
    > po' di tempo vuoi passare ad una altro DB (anche
    > uno proprietario come Oracle o DB2) il lavoro da
    > fare non è tanto.
    >
    > Se però parti da SQL Server con tutte le queries
    > in Transact-SQL hai un sacco di lavoro da fare.
    > Sarà gratuito, ma è il classico Vendor lock-in
    > https://en.wikipedia.org/wiki/Vendor_lock-in
    >
    bravo. di rado viene messo nei costi che m$ genera, ma e' proprio cosi'Con la lingua fuori
    non+autenticato
  • - Scritto da: rudy
    > su windows ovviamente..
    Clicca per vedere le dimensioni originali
    non+autenticato
  • un pezzo a caso dall'articolo:

    """
    È una semplice e leggera distribuzione Apache che rende estremamente semplice a sviluppatori e neofiti creare web server. Tutto ciò di cui si ha bisogno è incluso in un unico, comodo pacchetto concepito per un'installazione e un utilizzo intuitivi. XAMPP è anche multipiattaforma (cross-platform). Ciò significa che funziona su Linux, Mac e Windows.
    """

    da: http://www.dafduf.com/cose-xampp/

    """
    XAMPP è un programma open source (cioè è totalmente gratuito e la riproduzione è libera). Xampp è multi piattaforma, ciò significa che funziona su ambienti Linux, Mac e Windows.xampp

    E’ una semplice e leggera distribuzione Apache che rende estremamente semplice a sviluppatori e neofiti creare web server per scopi di test. Tutto ciò di cui si ha bisogno: Un server web application (Apache), un DBMS (MySQL), e un linguaggio di script (PHP) – sono inclusi in un unico, comodo pacchetto che è stato concepito per un’installazione e un utilizzo intuitivi.
    """

    sarebbe carino trovare anche gli altri "tasselli" del puzzle...
    non+autenticato
  • - Scritto da: mementomori
    > un pezzo a caso dall'articolo:
    >
    > """
    > È una semplice e leggera distribuzione Apache che
    > rende estremamente semplice a sviluppatori e
    > neofiti creare web server. Tutto ciò di cui si ha
    > bisogno è incluso in un unico, comodo pacchetto
    > concepito per un'installazione e un utilizzo
    > intuitivi. XAMPP è anche multipiattaforma
    > (cross-platform). Ciò significa che funziona su
    > Linux, Mac e
    > Windows.
    > """
    >
    > da: http://www.dafduf.com/cose-xampp/
    >
    > """
    > XAMPP è un programma open source (cioè è
    > totalmente gratuito e la riproduzione è libera).
    > Xampp è multi piattaforma, ciò significa che
    > funziona su ambienti Linux, Mac e
    > Windows.xampp
    >
    > E’ una semplice e leggera distribuzione Apache
    > che rende estremamente semplice a sviluppatori e
    > neofiti creare web server per scopi di test.
    > Tutto ciò di cui si ha bisogno: Un server web
    > application (Apache), un DBMS (MySQL), e un
    > linguaggio di script (PHP) – sono inclusi in un
    > unico, comodo pacchetto che è stato concepito per
    > un’installazione e un utilizzo
    > intuitivi.
    > """
    >
    > sarebbe carino trovare anche gli altri "tasselli"
    > del puzzle...

    quand c'e' da fre figure di merda, in redazione sgomitno per essere i primi della fila.
    non+autenticato