Mirko Zago

Internet, gli europei se la passano bene

Stando agli ultimi report, in Europa la velocità di internet è buona sia da rete fissa che mobile. Qualche Paese corre più di altri, ma in generale la situazione è ottimistica. Qualche neo c'è però sulla sicurezza

Roma - Qual è lo stato di Internet nel mondo al primo trimestre 2017? A dare una risposta ci pensa Akamai Technologies, azienda quotata alla borsa di New York e nota per la sua piattaforma cloud di content delivery riconosciuta come una delle più estese e affidabili al mondo. Il rapporto recentemente pubblicato, segue di pochi giorni il rapporto sulla sicurezza che ha puntato le luci sui sempre più frequenti nuovi casi di attacchi DDoS e web informando circa l'evoluzione degli stessi, degli strumenti utilizzati e della provenienza geografica. Il rapporto sullo stato di Internet Akamai ha posto l'accento su velocità di connessione, metriche di adozione della banda larga, rilevanti interruzioni di Internet, esaurimento degli indirizzi IPv4 e implementazione del protocollo IPv6.

broadband

Un interessante approfondimento è stato dedicato all'area Europa. Da un'analisi dei dati emerge che nel vecchio continente la velocità media di connessione è di 10 Mbps o superiore (ma con picchi medi di almeno 50 Mbps in 28 dei 31 Paesi analizzati. Norvegia, Svezia e Svizzera si posizionano in testa rispettivamente con velocità medie di 23,5 Mbps, 22,5 Mbps e 21,7 Mbps. I Paesi che stanno correndo di più sono Norvegia, Svizzera, Finlandia, Danimarca, Regno Unito, Spagna, Italia e Croazia. Ai due estremi si trovano la Grecia che incrementa la velocità anno dopo anno dello 0,5 per cento (7,9 Mbps) e la Danimarca con il 17 per cento (20,1 Mbps).

Il fattore velocità ovviamente va quasi di pari passo con la banda larga. In questo caso è la Svizzera, con un tasso di adozione del 75 per cento a occupare la prima posizione sull'adozione del broadband a 10 Mbps. Ottimi dati di adozione si registrano anche in Svezia (che ha raggiunto il 56 per cento nell'ultimo trimestre). In questo caso la Grecia sta galoppando parecchio, con incrementi del 22 per cento sul trimestre, più lente invece Polonia e Norvegia (0,1 per cento) anche se quest'ultima gode di una buona penetrazione della banda larga che giustifica quindi l'andatura "rilassata".
Considerando le performance più spinte, cinque Paesi europei si collocano tra i primi 10 al mondo per l'adozione della banda larga a 25 Mbps: Norvegia (2° posto), Svezia (3° posto), Svizzera (5° posto), Danimarca (6° posto) e Finlandia (9° posto).

Dando uno sguardo gli standard di connessione, il Belgio si è confermato leader globale nell'adozione dello standard IPv6,ormai sul mercato da 6 anni (alla piattaforma di Akamai il 38 per cento delle connessioni provenienti dal Paese sfruttano questa tecnologia), seguito da Grecia (2° posto), Svizzera (4° posto), Germania (6° posto), Estonia (8° posto) e Regno Unito (10° posto). Gli operatori che gestiscono volumi più grandi di connessioni simili sono Sky Broadband (Regno Unito), TELENET (Belgio) e Kabel Deutschland (Germania) con rispettivamente il 62 per cento, il 55 per cento e il 49 per cento. Svetta per velocità da mobile il Regno Unito, con una velocità media di ben 26 Mbps, poco lontana la Germania con 24,1 Mbps.

A conti fatti quindi la situazione in Europa è buona. Il rapporto Digital Economy and Society Index (DESI) 2017 della Commissione Europea, conferma che la banda larga fissa è ora disponibile per il 98 per cento degli europei. Sarebbe il 76 per cento delle famiglie ad avere accesso a velocità di almeno 30 Mbps.

A marzo i dati dell'Osservatorio sulle comunicazione di Agcom hanno confermato che nello stivale le reti broadband da almeno 10Mbit/s hanno superato nel quarto trimestre del 2016 il 50 per cento del totale raggiungendo quota 15,6 milioni di unità. E i cantieri aperti sono effettivamente tanti e molto ambiziosi. Possiamo quindi confermare nel nostro piccolo di aver recuperato un gap che per anni ci ha penalizzato.

Mirko Zago

fonte immagine
Notizie collegate
4 Commenti alla Notizia Internet, gli europei se la passano bene
Ordina
  • Mah, se prendiamo cosa offrono sulla carta, allora ce la passiamo bene.

    Su cosa invece c'è effettivamente sul doppino allora, meglio rivedere statistiche ed entusiasmi.

    Basta guardare i forum dei provider, e le loro pagine twitter e facebook.
    È pieno così di problemi. La gente ha iniziato ad insultare operatori e tecnici, ora è sempre più difficile avere interventi e risoluzioni in tempi brevi.

    A me con Fastweb Joy succedono cose strane come vedermi il SNR e attenuazione in upload fortemente modificati così casualmente ogni 3-4gg e ritrovarmi upload da 28 a 3 Mega.
    Bisogna riavviare il router.

    Router miei funzionano meglio di quello fornito, ma FW se ne accorge che non usi il loro e stranamente inizia a calare il download sostenuto di file.
    Se attacchi il loro tutto torna normale.

    Come sono gestite è misterioso ma anche fastidioso.
    Una volta avevi una ADSL. Router tuo, cazzi tuoi.

    Ora devi avere il loro blindato e bacato.
    Che belli che erano gli HAG, un connettore RJ45 ed un IP e poi dietro ti ci facevi la rete che volevi.
    iRoby
    9108
  • Ma se l'informatica europea (e non solo) è un colabrodo.
    Fa concorrenza al formaggio svizzero coi buchi.
    non+autenticato
  • Se guardi quella del resto del mondo scoprirai che è assai peggio:
    - USA, Canada e Giappone: Windows da tutte le parti, molto più che in UE e tecnologie stra obsolete ovunque, più che nell'UE, nel caso del Giappone addirittura si considera il fax un mezzo sicuro di comunicazione. Si, il fax, nel 2017.

    - Russia: sistemi obsoleti che i loro stessi amministratori si arrangian a tenere in piedi senza realmente conoscerli. È più o meno lo stesso in tutti e paesi ex URSS e affini

    - India, Cina e "Brics" in genere infrastrutture sul modello USA peggiorate ancora da una ignoranza media e corruzione media più elevate

    - ...
    non+autenticato
  • ...Da considerare: un paese piccolo con 4 gatti fa presto ad aggiornarsi, un paese grande con rete capillare impiega assai più tempo, specie se ha infrastrutture civili disastrose come l'Italia (che per inciso aveva un'ottima rete telefonica, purtroppo abbandonata da decenni). Altro aspetto è il livello di copertura: in Francia, in città, 1Gb/sec down|200mb/sec ed in campagna puoi anche essere sui 10Mb/sec down|3Mb/sec up. In Romania in alcune aree hai connessioni anche 1Gb/sec simmetrici full-duplex ma nel resto del paese sei a dir poco mal messo. In Italia, nelle grandi città, almeno nel Nord cominci ad avere il gigabit ma la maggior parte sono o 100 o 30 Mbit e fuori dai grandi centri tanto bene non sei messo.

    Questi sono dati che Akamai non può avere...
    non+autenticato