Mirko Zago

IBM e il primo transistor a 5 nanometri

A pochi mesi dai primi chip di Samsung e Qualcomm da 10 nanometri, IBM svela il suo asso nella manica: un transistor con processo produttivo da 5 nanometri che promette migliori performance di calcolo e risparmio energetico

Roma - IBM si appresta a posare un'altra pietra miliare nella storia dei chip, presentando in occasione del Symposia 2017 di Kyoto un nuovo transistor con tecnologia a 5 nanometri basato su una nuova architettura nanosheet che supera lo standard FinFET (Fin Field Effect Transistor).

Gli sforzi degli ingegneri informatici all'opera da un paio di anni sul progetto, permetteranno di dare un forte impulso all'AI e al cognitive computing: "i semiconduttori alimentano dispositivi elettronici, dagli smartphone ai portatili fino alle apparecchiature mediche. La tecnologia dei semiconduttori avanza e i dispositivi elettronici diventano più piccoli, più veloci e affidabili. Insieme ai partner industriali, IBM Research è fortemente impegnata a spingere i limiti della tecnologia dei chip per migliorare le applicazioni come il cloud computing e l'intelligenza artificiale" - si legge sul sito dedicato.


I vantaggi pratici sono in realtà numerosi. Si va da un'accelerazione del cognitive computing e dell'IoT a un miglioramento delle performance di molte altre applicazioni veicolate sul cloud e caratterizzate da un utilizzo intenso di dati. Ma i nuovi chip sono anche accompagnati da un minore consumo energetico, che si traduce in una durata doppia o persino tripla delle batterie che alimentano i dispositivi. "Rispetto alla tecnologia di 10 nanomentri disponibile sul mercato, una tecnologia a 5 nanometri può offrire un miglioramento delle prestazioni del 40 per cento in termini di potenza fisso o risparmio energetico pari al 75 per cento in termini di prestazioni. Questo miglioramento consente una notevole spinta a soddisfare le esigenze future di sistemi di intelligenza artificiale (AI), realtà virtuale e dispositivi mobili" - sottolinea il team di sviluppo.
A pochi mesi dalla commercializzazione dei primi chip a 10 nanometri (Samsung con Exynos 8895 e Qualcomm con Snapdragon 835), IBM ha dimostrato di saper anticipare i tempi e di avere intuizioni vincenti sui competitor (lo aveva già fatto in precedenza credendo sul grafene in sostituzione al silicio). La nuova tecnologia oltre a ridurre le dimensioni e l'ingombro offre anche un miglioramento netto delle perfomance, cosa che invece non è possibile con l'architettura adottata dai concorrenti. "Se riusciamo a fare i transistor più piccoli, possiamo metterne di più nello stesso spazio, aumentando così la potenza di calcolo" - ha affermato Dan Hutcheson, CEO di VLSI Research.

Non si sa ancora quando vedranno la luce i primi chip basati su transistor da 5 nanometri. Si attende infatti per il 2018 la commercializzazione di quelli a 7 nanometri, un traguardo coronato qualche mese fa sempre da IBM dopo una lunga gestazione iniziata nel 2015.

Mirko Zago
Notizie collegate
16 Commenti alla Notizia IBM e il primo transistor a 5 nanometri
Ordina
  • Poverini i nanometri, sempre in balia dei gigantometri prepotenti....
    non+autenticato
  • Pensavo chew aiutassero Biancanevemetro.
  • "svela il suo asso nella manica; pensavo che si parlasse di chip ottici, invece ce la menano ancora con il morituro silicio.
    non+autenticato
  • A cosa tende la serie 28 14 10 7 5 ?
    non+autenticato
  • - Scritto da: 6b2a989c454
    > A cosa tende la serie 28 14 10 7 5 ?

    magari prova a giocarli al lotto!
    Chissà.....
    Occhiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: 6b2a989c454
    > A cosa tende la serie 28 14 10 7 5 ?

    Al numero di neuroni nella tua testa.
    non+autenticato
  • - Scritto da: matematico
    > - Scritto da: 6b2a989c454
    > > A cosa tende la serie 28 14 10 7 5 ?
    >
    > Al numero di neuroni nella tua testa.

    La mia testa la cambio ogni due anni.
    Cosi' la psicologa non mi manda in obsolescenza.
    non+autenticato
  • - Scritto da: iRoby
    > - Scritto da: matematico
    > > - Scritto da: 6b2a989c454
    > > > A cosa tende la serie 28 14 10 7 5 ?
    > >
    > > Al numero di neuroni nella tua testa.
    >
    > La mia testa la cambio ogni due anni.
    > Cosi' la psicologa non mi manda in obsolescenza.

    Io invece non ce l'ho proprio la testa.
    Figuriamoci la psicologa.A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: eType
    > - Scritto da: iRoby
    > > - Scritto da: matematico
    > > > - Scritto da: 6b2a989c454
    > > > > A cosa tende la serie 28 14 10 7 5
    > ?
    > > >
    > > > Al numero di neuroni nella tua testa.
    > >
    > > La mia testa la cambio ogni due anni.
    > > Cosi' la psicologa non mi manda in
    > obsolescenza.
    >
    > Io invece non ce l'ho proprio la testa.
    > Figuriamoci la psicologa.A bocca aperta

    Io invece la testa l'ho messa in sharing su bugmenot.
    Cosi' faccio molto prima. Pirata
    non+autenticato
  • Io ce l'ho invece. Bella grande!
  • - Scritto da: 6b2a989c454
    > A cosa tende la serie 28 14 10 7 5 ?

    la serie non segue una legge costante. Il primo termine riportato anzichè 28 avrebbe dovuto essere 19, seguendo la legge che ogni termine si differenzia dal successivo di un valore che diminuisce ogni volta di una unità.
    Sequendo questa regola qualcuno di voi è in grado di continuare la serie (anche dopo l'inversione di andamento)?
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 08 giugno 2017 03.11
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: rockroll
    > - Scritto da: 6b2a989c454
    > > A cosa tende la serie 28 14 10 7 5 ?
    >
    > la serie non segue una legge costante. Il primo
    > termine riportato anzichè 28 avrebbe dovuto
    > essere 19, seguendo la legge che ogni termine si
    > differenzia dal successivo di un valore che
    > diminuisce ogni volta di una unità.
    >
    > Sequendo questa regola qualcuno di voi è in grado
    > di continuare la serie (anche dopo l'inversione
    > di
    > andamento)?
    > --------------------------------------------------
    > Modificato dall' autore il 08 giugno 2017 03.11
    > --------------------------------------------------

    Vedo che non ci hai dormito la notte. Prova a riavviare il tuo Windows 10. L'aggiornamento impiegherà solo mezza giornata.
    non+autenticato
  • - Scritto da: rockroll
    > - Scritto da: 6b2a989c454
    > > A cosa tende la serie 28 14 10 7 5 ?
    >
    > la serie non segue una legge costante. Il primo
    > termine riportato anzichè 28 avrebbe dovuto
    > essere 19, seguendo la legge che ogni termine si
    > differenzia dal successivo di un valore che
    > diminuisce ogni volta di una unità.
    >
    > Sequendo questa regola qualcuno di voi è in grado
    > di continuare la serie (anche dopo l'inversione
    > di
    > andamento)?

    Excel mi dice:
    19 14 10 7 5 4 4 5 7 10 14 19 25 32 ...
    non+autenticato
  • - Scritto da: 6b2a989c454
    > A cosa tende la serie 28 14 10 7 5 ?

    Tende alla cazzata. La serie corretta è 800 600 350 250 180 130 90 65 45 32 22 14 10 7 5

    Adesso però è ora di formattare il tuo Windows 10: sono passati ben due minuti dall'ultima volta!
    non+autenticato