Mirko Zago

Uber, tre mesi di congedo per il suo CEO

Il consiglio di amministrazione di Uber avrebbe votato per un allontanamento di Travis Kalanick, amministratore delegato della societÓ. Tra le tante motivazioni le molestie sessuali giocano un ruolo chiave

Roma - Uber, il noto servizio di trasporto urbano con conducente, evidenzia da un po' di tempo una condotta altalenante: dalle efferate contestazioni da parte dei tassisti di mezzo mondo alle altisonanti battaglie legali su cui potrebbero pesare alleati sempre più insospettabili (l'ultimo l'AGCM); dai continui rimbalzi legislativi alle spy story degne di Hollywood. Ma quando gli onori delle cronache vengono riservate ai vertici di un'azienda ci si interroga inevitabilmente sulla bontà dei valori che permeano l'intera cultura aziendale. Al centro della notizia è questa volta l'amministratore delegato Travis Kalanick. Seguendo le raccomandazioni del procuratore generale Eric H. Holder Jr che ha svolto alcune indagini nella startup, il CEO di Uber sarebbe stato invitato a lasciare l'azienda. E il consiglio di amministrazione sembrerebbe intenzionato a seguirle.

uber

Gli ultimi titoli scandalistici vedevano Kalanick al centro di alcune comunicazioni piccanti (risalenti al 2013) indirizzate ai suoi collaboratori. In occasione di una trasferta di lavoro a Miami, Kalanick avrebbe elargito consigli "a senso unico". La ribattezzata Miami Letter sembrerebbe una sorta di vademecum su come richiedere prestazioni sessuali tra pari livello. "Non dovete fare sesso con un altro dipendente a meno che non abbiate chiesto alla persona di avere questo privilegio e abbiate ricevuto in risposta un enfatico 'Si, facciamo sesso'. E a meno che non siate allo stesso livello, nella stessa catena di comando" - sarebbe scritto nelle mail. Un messaggio da CEO dai toni discutibili, anche se fatto con spirito goliardico, che aggiunto ad una serie di fosche vicende stanno appesantendo l'aria in casa Uber.

Di recente Kalanick ha dovuto affrontare una serie di problemi personali (il lutto della madre e la convalescenza del padre, entrambi vittime di un incidente in barca) e 20 licenziamenti per casi di molestie, discriminazioni e comportamenti scorretti in seno alla sua startup. Una situazione emersa da un articolo pubblicato in un blog dall'ingegnere di Uber Susan Fowler, vittima di uno spiacevole sessismo. Non ultimo è stato allontanato un dirigente che aveva ottenuto la cartella clinica di una donna violentata in India durante una corsa con Uber su cui erano state avviate delle indagini.
Tutte queste vicissitudini avrebbero spinto il consiglio di amministrazione a valutare dapprima un intervento degli inquirenti e in seconda battuta l'intervento di consulenti esterni chiamati a sanare la situazione e rivedere se necessario la struttura interna. La prima decisione sarebbe stata quella di firmare un congedo di 3 mesi a Kalanick. A. T. Kearney, responsabile di una società di gestione e di consulenza aziendale è convinto che per l'azienda sia già l'ora di ripartire partendo da un cambio dei vertici e rivedendo la "cultura" aziendale. ╚ ancora presto per dire se l'allontanamento di Kalanick sia da valutare come un'esigenza di identificare un capro espiatorio o la vera soluzione ai mali che affliggono la startup.

Mirko Zago

fonte immagine

Notizie collegate
  • BusinessAGCM, parere a favore di UberMentre la startup continua ad avere problemi di brevetti e sindacati, in Italia trova un alleato inaspettato in vista del dibattito sulla nuova riforma del settore promessa dalle autoritÓ ai tassisti
  • AttualitàItalia: ubi taxi, Uber cessatIl Tribunale di Roma ha ordinato il blocco del servizio, a cui Ŕ contestata la concorrenza sleale. Uber ha una manciata di giorni di tempo per lo stop - UPDATE
  • BusinessToyota, è tempo di UberIl produttore nipponico investe nella societÓ statunitense per entrare nel mercato dei servizi di mobilitÓ di nuova generazione. Anche Volkswagen investe, scegliendo l'israeliana Gett
8 Commenti alla Notizia Uber, tre mesi di congedo per il suo CEO
Ordina
  • C'è una cosa che non ho capito. Lo stanno criticando o hanno messo su tutta questa megastoria per fargli pubblicità?
    I giornali mettono nei loro articoli tante belle parole chiave puritane e accuse di sessismo, ma si è visto con Bill Clinto, con Trump e con Berlusconi che le acccuse di sessismo usate in una certa maniera non danneggiano il personaggio.
    Anche l'articolo linkato sulla lettera mette su il suo bel tono presuntuoso, ma nei fatti non ci va giù pesante.
    non+autenticato
  • - Scritto da: aaf93bb1d0c
    > C'è una cosa che non ho capito. Lo stanno
    > criticando o hanno messo su tutta questa
    > megastoria per fargli
    > pubblicità?
    > I giornali mettono nei loro articoli tante belle
    > parole chiave puritane e accuse di sessismo, ma
    > si è visto con Bill Clinto, con Trump e con
    > Berlusconi che le acccuse di sessismo usate in
    > una certa maniera non danneggiano il
    > personaggio

    Che cazzo c'entra, questo mica deve prendere voti dalla gente, a che cazzo servirebbe farli questo genere di pubblicità
    non+autenticato
  • Magari si da all'industria del porno o delle escort online...

    Da Uber a Uscort.
    iRoby
    9108
  • >
    > Che cazzo c'entra, questo mica deve prendere voti
    > dalla gente, a che cazzo servirebbe farli questo
    > genere di pubblicità

    Sveglia!!!

    Sono 40 anni che le tecniche e le infrastrutture dei pubblicitari commerciali si sono mescolate con quelle della propaganda politica.
    Ora lo stesso sistema funziona sia per portare voti ai politici associati che per portare avanti gli interessi delle corporations.
    non+autenticato
  • hai un po' rotto il cazzo eh, vai a spammare i tuoi complotti da bar sport da un'altra parte
    non+autenticato
  • Vedo che più uno è ritardato, più starnazza "sveglia", come se credesse che ciò lo facesse sembrare più intelligente. Sembri solo più fuori di testa, mi spiace.
    non+autenticato
  • - Scritto da: aaf93bb1d0c
    > C'è una cosa che non ho capito. Lo stanno
    > criticando o hanno messo su tutta questa
    > megastoria per fargli pubblicità?

    Inutile cercare complotti dove basta il femminismo strisciante a spiegare le cose. Una lettera goliardica che spieghi come si possa fare sesso con dei colleghi: solo in caso di consenso esplicito e pari livello, non mi sembra debba causare chissà che scandalo, eppure ci sono decine di casi simili. Basta che una donna dica: "Sono stata molestata" e vai che parte il carrozzone, senza nemmeno ascoltare l'altra parte. Probabilmente è successo lo stesso anche in questo caso.
    Izio01
    4347
  • > Inutile cercare complotti dove basta il
    > femminismo strisciante a spiegare le cose.

    Stai evitando il punto principale del discorso. Il tono giornalistico è una cosa. L'impatto che quel tono ha sul pubblico è una cosa diversa.

    > Una
    > lettera goliardica che spieghi come si possa fare
    > sesso con dei colleghi: solo in caso di consenso
    > esplicito e pari livello, non mi sembra debba
    > causare chissà che scandalo,

    A volte si grida allo scandalo solo per attirare l'attenzione.

    > eppure ci sono
    > decine di casi simili. Basta che una donna dica:
    > "Sono stata molestata" e vai che parte il
    > carrozzone, senza nemmeno ascoltare l'altra
    > parte. Probabilmente è successo lo stesso anche
    > in questo caso.

    Se il carrozzone ha ricevuto l'ordine di mettersi in moto ogni scusa è buona.
    non+autenticato