Mirko Zago

Facebook blocca sul nascere il terrorismo con l'AI

Dal riconoscimento dei volti all'interpretazione del linguaggio, l'intelligenza artificiale è alla base di numerosi sistemi utilizzati da Facebook per contrastare i terroristi. Ma l'uomo continua ad essere fondamentale

Facebook blocca sul nascere il terrorismo con l'AIRoma - La lotta al terrorismo si combatte sempre più su Internet e in particolare sui social network. Facebook ha dichiarato di voler rafforzare i controlli al fine di espugnare qualsiasi roccaforte di gruppi terroristici celati dietro pagine insospettabili o account personali. "Non c'è spazio su Facebook per il terrorismo. Rimuoveremo i terroristi e i post che supportino il terrorismo non appena ce ne accorgiamo" - ha reso noto Facebook con una nota stampa.

Facebook

Una delle criticità su cui da sempre Facebook lavora è il mantenimento della piattaforma sicura per i suoi utenti. Lo ha ribadito più volte, e il lavoro di "pulizia" è diventato nel tempo un tema sempre più caldo che ha richiesto il rafforzamento di filtri tecnologici e umani, il ripensamento del meccanismo per la discriminazione tra notizie vere e fasulle e non ultimo l'aggiornamento delle regole d'utilizzo divenute più stringenti. Ora è giunto il momento di uscire dalla fase di preservazione e passare all'attacco, cogliendo le richieste provenienti dalla comunità e dalla politica. L'ultimo monito di combattere il terrorismo concentrando l'attenzione online è arrivato tanto da Theresa May quanto da Emmanuel Macron, entrambi primi ministri di due Paesi duramente colpiti da attacchi terroristici, Regno Unito e Francia.

Il processo che Facebook adotta come prevenzione, come raccontato da Monika Bickert, Director of Global Policy Management, e Brian Fishman, Counterterrorism Policy Manager, non si limita alla mera intercettazione di parole chiave sospette all'interno di post ed eventuale segnalazione alle autorità in casi particolarmente urgenti e gravi. Il meccanismo è farcito di avanzati sistemi di intelligenza artificiale in grado di riconoscere foto o video contenenti sospettati ("image matching") e bloccarne il caricamento, ma anche di interpretare il linguaggio ("language understanding") prevenendo così la pubblicazione di articoli inneggianti al terrorismo. L'AI di Facebook è inoltre in grado di punire i recidivi, quegli utenti che in maniera sempre più sofisticata cercano di bypassare i controlli creando falsi account, così come di smantellare cellule terroristiche. In questo caso la ricerca e la definizione del rischio avvengono sulla base del tentativo di condivisione di materiale vietato o la presenza di un numero elevato di like e amicizie a pagine o account rimosse precedentemente per violazioni. L'opera di controllo è per di più multipiattaforma analizzando e incrociando dati non solo di Facebook, ma anche di WhatsApp e Instagram.
Facebook sa bene che l'intelligenza artificiale è un supporto irrinunciabile, ma sa altrettanto bene che è necessario l'intervento umano per meglio comprendere alcuni contesti su cui gli algoritmi possono essere tratti in inganno. Le "sfumature" sono affidate quindi ai controlli ferrei compiuti da un numero cospicuo di specialisti che lavorano 24 ore al giorno. Solo nell'ultimo anno Facebook ha incrementato il numero di addetti di 3mila unità arrivando a 7.500 persone attive nei processi di controllo, come lo stesso Zuckerberg ha reso noto, di cui 150 specializzate nella prevenzione del terrorismo in stretto contatto con le forze dell'ordine in ottica collaborativa.

La stessa collaborazione emerge anche dalle numerose partnership nate con istituzioni e altre aziende. Si va dalla condivisione e alimentazione di un unico database di dati identificativi di criminali e terroristi assieme a Microsoft, Twitter e YouTube; con i governi e organizzazioni intergovernative sono stati aperti tavoli di lavoro per la condivisione di informazioni (in particolare con l'EU Internet Forum, la Global Coalition Against Daesh e il UK Home Office). In collaborazione con alcune ONG sono stati anche attivati progetti che mirano a coinvolgere esperti influenzatori in grado di fornire repliche e messaggi volti a dissuadere eventuali comportamenti a rischio. Naturalmente l'aspetto culturale è fondamentale, e a tal proposito sono state attivate numerose iniziative di sensibilizzazione della cittadinanza con il supporto di associazioni e istituti come l'Institute for Strategic Dialogue ma anche studenti in tutto il mondo che hanno partecipato a realizzare e diffondere oltre 500 campagne anti-odio e contro l'estremismo.

In questo caso la tecnologia oltre ad essere funzionale all'obiettivo sembra riuscire a rispettare anche la privacy, un tema che spesso viene tirato in ballo quando si parla di controllo sulle persone (è questo uno dei motivi per cui è stata bocciata la proposta di legge anti-terrorismo italiana ad esempio). Rimane inteso infatti che i messaggi protetti con end-to-end encryption non vengono violati, seppur sia garantita ovviamente la piena collaborazione con le autorità nell'opera di contrasto.

Gli sforzi compiuti fin qui sono elevati e dimostrano un reale impegno verso l'obiettivo. Stesso impegno condiviso anche da molte altre piattaforme seppur con qualche difficoltà. Twitter ad esempio è stata costretta a subire accuse di "favoreggiamento" al terrorismo per non aver saputo bloccare sul nascere alcune minacce riuscendo a cavarsela appellandosi alla Communications Decency Act (CDA) che definisce non perseguibili gli intermediari online per eventuali contenuti dannosi creati da terzi, ma soprattutto adottando essa stessa regole più ferree.

Mirko Zago

fonte immagine
Notizie collegate
19 Commenti alla Notizia Facebook blocca sul nascere il terrorismo con l'AI
Ordina
  • Strage di Manchester: colpa nostra!


    E recitiamolo, questo Mea Culpa! E battiamocelo, questo petto, fino a sfondarlo! Facciamocela scaricare, una camionata di cenere, sul capo stupido come il tufo, se vogliamo riacquistare CREDIBILITA’!

    Perché siamo noi i peggiori corresponsabili di queste maledette stragi – l’ultima orrenda e schifosa quanto la prima, ed entrambe quanto tutte quelle comprese fra la prima e questo fiume di sangue di Manchester – noi, col nostro buonismo del cazzo; con questo gioco del politicamente corretto; con questa cruentissima politica della improponibile fratellanza universale. Noi, gli occidentali grassi di finto benessere, ma completamente svuotati di veri ideali. Noi, figli di una generazione postbellica, pacifista per codardia o per egoismo. Siamo noi quelli che hanno aperto le porte, le braccia e le cosce a questa infinita flottiglia di saraceni 2.0, spietati quanto quei mori che fino alle porte del XIX secolo hanno continuato a tentare di decapitare Cristo e la Sua Promessa. Il Suo popolo. L’Occidente progredito e progressista.

    Noi, figli di Roma, Grecia e Betlemme, ci stiamo prostrando davanti ai predoni del deserto. Ne stiamo subendo la spietatezza, l’ignoranza, l’arretratezza, l’ottusità. A loro stiamo regalando troni e scettri, templi e incensi, città e contadi. Oggi più di ieri. Proni e disgraziati, temiamo il giudizio di altrettanti proni e disgraziati, che stanno pagando col sangue dei propri figli la propria superficialità e la colpevole indolenza.

    Politici, imprenditori, pretastri senza fede, grigi funzionari di un’europa falsamente unita, ci stanno consegnando, inermi e arresi, agli invasori travestiti da poveracci schizzati d’acqua di mare.

    Sbarcano con occhi artatamente spaventati, i clandestini con in tasca la mappa catastale di casa nostra. Si asciugano gli ultimi spruzzi d’acqua salata e sono già pronti a far saltare leggi, regole, istituzioni e povera gente. Portatori di odio razziale, loro sì!, ci detestano, ci vogliono vedere morti e sognano di annientarci per prendersi le nostre case, le nostre cose, le nostre carni.

    O decidiamo di rispondere con determinazione e fermezza, oppure i nostri figli non conosceranno Libertà e Gioia.

    A Manchester, tutti ragazzini e bambini. Hanno volutamente ucciso il nostro futuro. E non si fermeranno, se non li fermiamo noi.


    Io, per ora, mi fermo qui, consegnandoVi virtualmente la penna e il foglio…
    non+autenticato
  • Ecco, visto che sei tanto convinto che ci voglia fermezza e pugno duro inizia a impugnare le armi e andare a combattere il terrorismo tu stesso. Coi copia e incolla su un forum i terroristi ci si puliscono il culo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...
    > Ecco, visto che sei tanto convinto che ci voglia
    > fermezza e pugno duro inizia a impugnare le armi
    > e andare a combattere il terrorismo tu stesso.
    > Coi copia e incolla su un forum i terroristi ci
    > si puliscono il culo.
    Questo è il massimo sforzo che possono fare personeggetti di simil livello. Fomentano e poi si nascondo. Suggerire una soluzione reale e applicabile no, poi si rischia di perdere voti alla prossime elezione e mettere in pericolo la pensioncina acquistata senza aver mai lavorato un giorno
    non+autenticato
  • - Scritto da: insegnante di link
    > non serve il copia ed incolla basta il link eh
    E' talmente idiota che sperava passasse per farina del suo sacco. Alla stesso livello di chi ha scritto l'articolo. Ma tant'è
    non+autenticato
  • - Scritto da: .....
    > Strage di Manchester: colpa nostra!
    >
    >
    > E recitiamolo, questo Mea Culpa! E battiamocelo,
    > questo petto, fino a sfondarlo! Facciamocela
    > scaricare, una camionata di cenere, sul capo
    > stupido come il tufo, se vogliamo riacquistare
    > CREDIBILITA’!
    >
    > Perché siamo noi i peggiori corresponsabili di
    > queste maledette stragi – l’ultima orrenda e
    > schifosa quanto la prima, ed entrambe quanto
    > tutte quelle comprese fra la prima e questo fiume
    > di sangue di Manchester – noi, col nostro
    > buonismo del cazzo; con questo gioco del
    > politicamente corretto; con questa cruentissima
    > politica della improponibile fratellanza
    > universale. Noi, gli occidentali grassi di finto
    > benessere, ma completamente svuotati di veri
    > ideali. Noi, figli di una generazione
    > postbellica, pacifista per codardia o per
    > egoismo. Siamo noi quelli che hanno aperto le
    > porte, le braccia e le cosce a questa infinita
    > flottiglia di saraceni 2.0, spietati quanto quei
    > mori che fino alle porte del XIX secolo hanno
    > continuato a tentare di decapitare Cristo e la
    > Sua Promessa. Il Suo popolo. L’Occidente
    > progredito e
    > progressista.
    >
    > Noi, figli di Roma, Grecia e Betlemme, ci stiamo
    > prostrando davanti ai predoni del deserto. Ne
    > stiamo subendo la spietatezza, l’ignoranza,
    > l’arretratezza, l’ottusità. A loro stiamo
    > regalando troni e scettri, templi e incensi,
    > città e contadi. Oggi più di ieri. Proni e
    > disgraziati, temiamo il giudizio di altrettanti
    > proni e disgraziati, che stanno pagando col
    > sangue dei propri figli la propria superficialità
    > e la colpevole
    > indolenza.
    >
    > Politici, imprenditori, pretastri senza fede,
    > grigi funzionari di un’europa falsamente unita,
    > ci stanno consegnando, inermi e arresi, agli
    > invasori travestiti da poveracci schizzati
    > d’acqua di
    > mare.
    >
    > Sbarcano con occhi artatamente spaventati, i
    > clandestini con in tasca la mappa catastale di
    > casa nostra. Si asciugano gli ultimi spruzzi
    > d’acqua salata e sono già pronti a far saltare
    > leggi, regole, istituzioni e povera gente.
    > Portatori di odio razziale, loro sì!, ci
    > detestano, ci vogliono vedere morti e sognano di
    > annientarci per prendersi le nostre case, le
    > nostre cose, le nostre
    > carni.
    >
    > O decidiamo di rispondere con determinazione e
    > fermezza, oppure i nostri figli non conosceranno
    > Libertà e
    > Gioia.
    >
    > A Manchester, tutti ragazzini e bambini. Hanno
    > volutamente ucciso il nostro futuro. E non si
    > fermeranno, se non li fermiamo
    > noi.
    >
    >
    > Io, per ora, mi fermo qui, consegnandoVi
    > virtualmente la penna e il
    > foglio…


    Aggiusta il tiro e vallo a dire a quelli che stanno in Parlamento.
    non+autenticato
  • aggiusti il tiro e si faccia ricoverare
    non+autenticato
  • Ottimo questo Facebook, dirò ai miei figli di usarlo sempre così contribuiremo a sconfiggere il terrorismo! Sorride
    non+autenticato
  • - Scritto da: Una mamma tranquilla
    > Ottimo questo Facebook, dirò ai miei figli di
    > usarlo sempre così contribuiremo a sconfiggere il
    > terrorismo!
    >Sorride

    I tuoi figli gli ai concepiti tutti con lo stesso idiota?

    Se così fosse ho già capito!
    non+autenticato
  • - Scritto da: quotino
    > - Scritto da: Una mamma tranquilla
    > > Ottimo questo Facebook, dirò ai miei figli di
    > > usarlo sempre così contribuiremo a sconfiggere
    > il
    > > terrorismo!
    > >Sorride
    >
    > I tuoi figli gli ai concepiti tutti con lo stesso
    > idiota?
    >
    > Se così fosse ho già capito !

    Hai capito di essere tu il padre ? Sorride
    non+autenticato
  • Siamo solo a metà giugno:
    -Terrorismo sconfitto
    -Pirateria sconfitta

    per fine anno non ci sarà più nulla da fare ...
    non+autenticato
  • - Scritto da: prova123
    > Siamo solo a metà giugno:
    > -Terrorismo sconfitto
    > -Pirateria sconfitta
    >
    > per fine anno non ci sarà più nulla da fare ...
    enno'. mancano le fake news.
    ne hai appena indicate 2Occhiolino
    non+autenticato
  • Facebook risolverà il problema prima di ferragosto ... parola del zucchinoOcchiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: prova123
    > Facebook risolverà il problema prima di
    > ferragosto ... parola del zucchino
    >Occhiolino
    ehhhhhhhhh... qui l'unico modo per risolvere il problema e' il "metodo Ra's al Ghul[*]"......
    qualcosa tipo < Tu stesso hai combattuto la decadenza di Facebook per anni. Con tutte le tue forze, con tutte le tue risorse, tutta la tua autorità morale. E la tua unica vittoria è stata una bugia. Adesso puoi capirlo, Facebook non si può più salvare, bisogna aiutarla a morire...>


    [*]versione cinematografica
    non+autenticato
  • hahahaha bellissima questa

    intanto fessbuc, nella foga di "colpire" i terroristi, ha rivelato l'identità di 1000 moderatori

    vedremo teste di moderatori mozzate? chissà...
    non+autenticato
  • - Scritto da: prova123
    > Siamo solo a metà giugno:
    > -Terrorismo sconfitto
    > -Pirateria sconfitta
    >
    > per fine anno non ci sarà più nulla da fare ...

    Anticipa quello venturo allora!

    Così facendo ti porti avanti con quello che devi fare.
    non+autenticato
  • > Ma l'uomo continua ad essere fondamentale
    Ovvio, se no poi cosa stermino? Cylon

    Facebook finora era troppo impegnato a "mantenere la piattaforma sicura", cancellando donne che allattano, quadri, gomiti... per accorgersi che c'erano video di donne che venivano decapitate dai narcos (anzi quello dicevano che andava bene, si vede che per loro la donna continua a non essere fondamentale), terroristi, notizie false e tutto il resto.
    Tanto danno sempre la colpa all'algoritmo. Ma un giorno... i miei terminator vi bucheranno le gomme, senza pietà, tremenda vendetta Cylon
    non+autenticato