Alfonso Maruccia

Trump, Putin e la cyber-sicurezza impenetrabile

L'ultima uscita di Mr. President evoca la creazione di uno sforzo anti-hacker congiunto tra USA e Russia, un'idea accolta malamente dalla politica e poi parzialmente ritrattata dallo stesso Trump

Trump, Putin e la cyber-sicurezza impenetrabileRoma - Se l'ultimo summit dei G20 di Amburgo non verrà ricordato per chissà quali decisioni fondamentali prese a favore del futuro del mondo, di certo l'incontro tra i leader mondiali ha fornito ulteriore materiale di discussione sulla presidenza americana di Donald Trump. Un personaggio, il nuovo inquilino della Casa Bianca, capace di parlare a briglia sciolta di "cyber-sicurezza" anche in presenza di quello che fino a poco tempo fa era l'arcinemico giurato delle infrastrutture telematiche a stelle e strisce.

Trump ha infatti colto l'occasione del Summit tedesco per incontrare Vladimir Putin, un vertice a due in occasione del quale si è parlato - tra le altre cose - dei problemi alla cyber-sicurezza posti da criminali, hacker black hat e altra fauna telematica assortita. Il presidente ha scelto come al solito Twitter per comunicare al mondo l'importante novità, vale a dire la possibile formazione di una "unità di cyber-sicurezza impenetrabile" capace di tenere a bada l'hacking elettorale e le "altre cose negative" sperimentate negli ultimi anni.



La posizione di Trump, un tipo notoriamente poco avvezzo - per sua stessa ammissione - a trafficare con computer e altri dispositivi "cyber" troppo avanzati, ha immediatamente scatenato una serie di pesanti polemiche politiche - soprattutto a opera degli esponenti del partito del presidente: il senatore repubblicano Lindsey Graham ha parlato di qualcosa molto vicino alla "idea più stupida che abbia mai sentito", mentre il senatore Marco Rubio ha accostato la collaborazione con Putin sulla cyber-sicurezza a un'ipotesi di partnership con Assad su una "unità per le armi chimiche."


I rapporti USA-Russia in ambito cyber-sicurezza sono notoriamente pessimi, e lo stesso Trump è sotto indagine a causa dei suoi presunti rapporti con il Cremlino in relazione all'interferenza degli hacker russi nelle elezioni presidenziali contro Hillary Clinton. Lo stesso Trump si è in seguito accorto di averla sparata troppo grossa, liquidando l'idea precedentemente espressa dell'unità impenetrabile con una mera discussione ipotetica poco praticabile nella realtà.



D'altronde Trump è uno capace di chiedere a Putin di giustificare l'intervento degli hacker russi nelle elezioni americane, e di prendere per buona la "veemente smentita" di facciata dello zar moscovita come se fosse la cosa più seria del mondo. Il rapporto causa-effetto non spaventa Trump, il ridicolo non lo imbarazza e anche a voler prendere sul serio la proposta di formazione di una cyber-unità Russia-USA le questioni da affrontare sono parecchie e tutte di non facile soluzione.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
16 Commenti alla Notizia Trump, Putin e la cyber-sicurezza impenetrabile
Ordina
  • Ma la cyber-sicurezza impenetrabile non era impenetrabile? Rotola dal ridere
    non+autenticato
  • Trump è come Arnold una ne pensa e cento ne fa
    non+autenticato
  • - Scritto da: Willy
    > Trump è come Arnold una ne pensa e cento ne fa
    Togli quell'una e concordo al 100%, perché i pensieri non entrano in quella zucca
    non+autenticato
  • "D'altronde Trump è uno capace di chiedere a Putin di giustificare l'intervento degli hacker russi nelle elezioni americane, e di prendere per buona la "veemente smentita" di facciata dello zar moscovita come se fosse la cosa più seria del mondo."

    Ancora ? Non c'è alcuna prova che Putin abbia influenzato in qualche modo le elezioni americane con un attacco hacker da parte dei russi, niente di niente.

    Incomincia a stancare questa balla, che poi gli stessi USA non ci fanno una bella figura a dire che qualcuno ha manomesso i loro sistemi e fatto vincere un altro candidato. Ma come ,la supertecnologica America ? O_O

    Questi summit non servono proprio a nulla ,solo tante chiacchiere al vento per apparire in TV, non riescono mai a mettersi d'accordo su nulla, ognuno vuol fare come gli pare, quindi che si organizzano a fare ?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Ftype
    > Questi summit non servono proprio a nulla ,solo
    > tante chiacchiere al vento per apparire in TV,

    Apparire in TV ?? Secondo te Putin , Trump ecc vanno al summit PER APPARIRE IN TV ?

    Ma tu non puoi neanche averne 12 di anni , sei troppo cretino.

    > non riescono mai a mettersi d'accordo su nulla,

    Immagino tu riceva copia dei colloqui, vero ? Annoiato

    > ognuno vuol fare come gli pare, quindi che si
    > organizzano a fare
    > ?

    TU NON HAI VERAMENTE CAPITO UN CAZZO.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...

    > Apparire in TV ?? Secondo te Putin , Trump ecc
    > vanno al summit PER APPARIRE IN TV
    > ?

    Visto che non arrivano mai a nulla e ognuno fa come gli pare che senso ha riunirsi ?

    > Ma tu non puoi neanche averne 12 di anni , sei
    > troppo
    > cretino.

    Disso colui che ha fatto il commento da 12enneA bocca aperta

    > Immagino tu riceva copia dei colloqui, vero ? Annoiato

    Tu si ?A bocca aperta

    > TU NON HAI VERAMENTE CAPITO UN CAZZO.

    disse l'idiota applefan che non ha mai capito una fava in vita sua Rotola dal ridere
    non+autenticato
  • - Scritto da: Ftype
    > Disso colui che ha fatto il commento da 12enneA bocca aperta
    Mi sa che tu non hai ancora finito l'asilo ... fosse altro per come scrivi
    non+autenticato
  • >
    > Apparire in TV ?? Secondo te Putin , Trump ecc
    > vanno al summit PER APPARIRE IN TV ?
    >
    https://en.wikipedia.org/wiki/Photo_op


    > Ma tu non puoi neanche averne 12 di anni , sei
    > troppo cretino.
    >
    >
    > TU NON HAI VERAMENTE CAPITO UN CAZZO.

    Senti chi parla
    non+autenticato
  • - Scritto da: Ftype

    > Ancora ? Non c'è alcuna prova che Putin abbia
    > influenzato in qualche modo le elezioni americane
    > con un attacco hacker da parte dei russi, niente
    > di
    > niente.

    dopo il collasso della CNN, Killary punta su Maruccia per ritornare in sella

    certo che non credevo che Maruccia fosse un giornalista di quelli che non fanno ricercare e si bevono le cazzate della propaganda liberal chic

    e il bello e' che i primi a rigettare in toto le balle di CNN, NYT, WaPo sono i giornalisti dissidenti anti-Putin, tipo quelli che lavorano per Meduza

    chi conosce il loro lavoro sa che non sono certi a libro paga del Cremlino
    non+autenticato
  • - Scritto da: collione
    > - Scritto da: Ftype
    >
    > > Ancora ? Non c'è alcuna prova che Putin abbia
    > > influenzato in qualche modo le elezioni
    > americane
    > > con un attacco hacker da parte dei russi,
    > niente
    > > di
    > > niente.
    >
    > dopo il collasso della CNN, Killary punta su
    > Maruccia per ritornare in sella
    >
    >
    > certo che non credevo che Maruccia fosse un
    > giornalista di quelli che non fanno ricercare e
    > si bevono le cazzate della propaganda liberal
    > chic
    >
    > e il bello e' che i primi a rigettare in toto le
    > balle di CNN, NYT, WaPo sono i giornalisti
    > dissidenti anti-Putin, tipo quelli che lavorano
    > per
    > Meduza
    >
    > chi conosce il loro lavoro sa che non sono certi
    > a libro paga del
    > Cremlino
    gli amici di http://agentura.ru/english/ non pare la pensino proprio come questi soggetti di meduzaCon la lingua fuori
    non+autenticato
  • - Scritto da: bubba

    > gli amici di http://agentura.ru/english/ non pare
    > la pensino proprio come questi soggetti di meduza
    >Con la lingua fuori

    bisognerebbe avere la possibilita' di seguire la scia dei soldi

    comunque in questa faccenda i punti oscuri sono i seguenti:

    1. Mosca e Trump chiedono prove serie ed inconfutabili...nessuno le ha ancora mostrate

    2. si parla di interferenze nel voto e vi si mischia la parola hacking...ma loro stessi ammettono che Mosca non ha hackerato i sistemi elettronici di conteggio

    3. quello che e' uscito sulla Clinton e' reale, c'e' stato ostruzionismo alle indagini da parte di Loretta Lynch, il DNC non ha permesso a FBI e CIA di mettere le mani sui server incriminati

    4. Clinton ha violato svariate leggi federali in materia di sicurezza nazionale

    5. Seth Rich e altri sono stati assassinati per i leak

    6. alcuni fonti indicano che i leak non provengono da hacking bensi' da copie in locale fatte da gente che aveva accesso ai server

    7. Anonymous ha rilasciato ieri un nuovo batch di email della Clinton, che espongono legami con sauditi, qatarioti ( i finanziatori e amici dell'ISIS per capirci ) e le malversazioni della Clinton Foundation ( in primis ad Haiti )

    insomma, il classico caso in cui si guarda al dito invece che alla luna o alla proverbiale pagliuzza invece che alla trave

    citavo Meduza perche' e' un gruppo editoriale basato in Estonia, fondato da russi che si sono mostrati, negli anni, tutt'altro che morbidi col Cremlino

    ma comunque restano le questioni che ho elencato, ovvero hanno sollevato un polverone senza nemmeno definire i termini, ovvero cosa intendono per interferenze russe...lasciano l'interpretazione al lettore, giusto perche' non hanno prove e ogni ulteriore specificazione mostrerebbe che la loro e' pura propaganda

    a margine c'e' anche da far notare che gli USA non possono dare lezioni a nessuno in merito, visto che hanno interferito nelle elezioni di mezzo mondo, anche con metodi terroristici

    l'ultimo caso e' stato quando l'ambasciatore USA in Italia ha "consigliato" agli italiani di votare si al referendum voluto da Renzi...che altro aggiungere?
    non+autenticato
  • - Scritto da: collione

    > ma comunque restano le questioni che ho elencato,
    > ovvero hanno sollevato un polverone senza nemmeno
    > definire i termini, ovvero cosa intendono per
    > interferenze russe...lasciano l'interpretazione
    > al lettore, giusto perche' non hanno prove e ogni
    > ulteriore specificazione mostrerebbe che la loro
    > e' pura
    > propaganda

    Concordo, inoltre per un'accusa così grave le prove dovrebbero essere al di fuori di ogni dubbio e ben documentate, poi le prove raccolte da FBI e soci ? Ovviamente mica sono di parte.... come dici tu si resta sul vago, molti giornali e TV parlano di prove certe senza far riferimento a nulla fidandosi unicamente di quello che viene detto dagli USA, in poche parole ci si fida sulla parola,cieca fiducia.

    > a margine c'e' anche da far notare che gli USA
    > non possono dare lezioni a nessuno in merito,
    > visto che hanno interferito nelle elezioni di
    > mezzo mondo, anche con metodi
    > terroristici

    Eh ma scusa,se lo fanno loro va bene, loro sono i giusti che dovevano esportare democrazia e combattere il terrorismo in ogni angolo del globo (parole di BushA bocca aperta ) ,se succede a loro apriti cielo.
    Ma poi non è anche imbarazzante che loro, la superpotenza del mondo ipertecnologica, vengono gabbati da un attacco esterno per un evento così importante ? Che diamine di sicurezza hanno ?

    > l'ultimo caso e' stato quando l'ambasciatore USA
    > in Italia ha "consigliato" agli italiani di
    > votare si al referendum voluto da Renzi...che
    > altro
    > aggiungere?

    Questo caso specifico racconta una cosa, ci sono forti pressioni da parte degli USA affinchè in uno stato le cose vadano in una certa direzione, in genere questo tipo di discorsi non vengono detti alla luce del sole proprio per non attirare attenzioni. Per dirlo così apertamente significa che in appoggio con altre linee di pensiero il risultato era quasi scontato o credevano d'influenzare parecchio l'opinione pubblica.
    In genere per quanto riguarda le vicende di un altro stato si è molto più diplomatici,ovviamente la cosa è passata in sordina e neanche si è andato a fondo per capire come un ambasciatore USA consigliava in un altro stato di votare in un certo modo.

    Poi gli USA dopo Snowden non dovrebbero neanche parlare.
    non+autenticato
  • La propaganda liberal chic non esiste.
    C'è un solo sistema di propaganda dove gli attori fingono di scannarsi per fare confusione. Informazione è potere e tutti i mezzi di comunicazione americani sono stati messi sotto controllo da un solo sistema controllato dalle corporations tanti anni fa.
    In grande in pratica ripete la situazione italiana dove tutti i mezzi di comunicazione locali sono controllati dalle famiglie "industriali".
    non+autenticato
  • La maggior parte degli attacchi attribuiti agli "hacker russi" erano attacchi di phishing. A che serve una "unità di cyber-sicurezza impenetrabile" contro un tipo di attacco basato sulla social engineering?
    non+autenticato
  • - Scritto da: re giorgio
    > o colluso, una delle due.

    o ambedue.