Mirko Zago

Darknet, AlphaBay chiude ed è il caos

In seguito ad un raid da parte delle forze dell'ordine il noto market place illegale sparisce dalla Darknet. Dei milioni depositati dagli utenti non se ne sa nulla e prima dell'estradizione di uno dei presunti fondatori viene diffusa la notizia del suo suicidio in un carcere tailandese

Roma - Dopo la messa offline forzata di Silk Road nel 2014 (e la conferma dell'ergastolo per il suo creatore) il futuro della Darknet, ovvero di quella parte di Internet nascosta, spesso illecita, sembrava segnato. Invece dalle ceneri digitali della creatura del giovane Ross Ulbricht è sorto Alphabay, un market place che come il predecessore garantiva pieno anonimato grazie ai pagamenti in Bitcoin e sul quale era possibile acquistare di tutto (armi, droga, pornografia ecc.). Dopo numerose indagini dell'FBI in Stati Uniti, Canada e Tailandia, il 5 luglio il sito è diventato irraggiungibile. Una fonte del Wall Street Journal avrebbe confermato poi che non si trattava di guasti tecnici come inizialmente diffuso su Reddit dagli stessi amministratori, ma l'effetto dell'intervento delle forze dell'ordine.

AlphaBay

Stando a quanto riportato dalla stampa di settore, Alexander Cazes, cittadino canadese di 26 anni sarebbe stato arrestato in un residence privato a Bangkok. La polizia avrebbe posto sotto sequestro quattro auto Lamborghini e tre case per un valore di 11,8 milioni di dollari. Prima dell'estradizione chiesta dagli Stati Uniti, il protagonista della vicenda, che ancora non si sa se sia un trafficante/venditore del sito piuttosto che uno dei fondatori si è suicidato strangolandosi in carcere il 12 luglio. A questo punto il caso è diventato ancora più fosco, in quanto mancano dichiarazioni ufficiali in merito e ricostruire la vicenda di Alphabay appare alquanto complicato.
Quel che si sa è che il market avrebbe contato su oltre 100.000 utenti con transazioni giornaliere dell'ordine di 800.000 dollari come riporta Bloomberg e che tra i suoi utilizzatori alcuni vi sarebbero migrati dopo la chiusura di un altro mercato della Darknet chiamato Evolution.

Proprio la chiusura di questo market place, avvenuta nel 2015, è altrettanto circondata da un alone di mistero. Il sito sarebbe infatti risultato offline ancora una volta per questioni tecniche, fatto salvo poi sparire definitivamente dalla Rete, inghiottendo con sé 12 milioni di Bitcoin di transazioni e depositi associati ai suoi numerosi utenti. Per molti si è trattato di un'autoesclusione dalla Rete voluta dagli amministratori del sito che, prima dell'intervento delle forze dell'ordine, avrebbero così fatto sparire le loro tracce intascandosi ingenti somme di denaro.
Anche Alphabay, oltre ad essere un marketplace agisce come se fosse una banca, per stessa ammissione dei suoi amministratori: "Potete vedere Alphabay come una banca: mentre permettiamo alle persone di depositare e ritirare a piacimento, i farmaci sono solo un prodotto per attirare il cliente. I soldi depositati nei portafogli non restano lì freddi: investiamo in svariate cose in forma anonima, guadagniamo con quegli investimenti, assicurandoci sempre il 100 per cento della riserva". È da qui che arrivano veramente tutti i soldi che vengono impiegati per l'acquisto di oggetti più svariati, come le Lamborghini e le case sequestrate dalle forze dell'ordine in Tailandia. Dopotutto anche Bitcoin permette, entro certi limiti, di gestire depositi di questo tipo (Fractional Reserve Banking). È facile a questo punto vedere delle analogie sulla nascita e morte di numerosi market, dietro ai quali vi sarebbe la volontà di intascare moneta elettronica prima che le forze dell'ordine facciano il loro lavoro.

La maglia del Darknet sembra molto più fitta del previsto e con dei risvolti alquanto torbidi. Chiuso Alphabay, le forze dell'ordine possono dichiarare vittoria? La risposta è evidentemente no. Secondo DeepDotWeb, esisterebbero ancora all'attivo decine di market illegali tra i quali il podio è detenuto da RAMP, Dream Market e Hansa Market. E non è detto che la chiusura rappresenti una vincita, visto che la sparizione dalla Rete potrebbe rientrare in una strategia tanto banale quanto efficace: mettere tutto a tacere scappando con i soldi degli ignari (?) utenti. E se Alphabay avesse fatto la stessa fine e la sparizione dalla Rete a seguito all'intervento dell'FBI fosse solo una copertura?

Mirko Zago

fonte immagine
Notizie collegate
  • AttualitàSilk Road, crolla l'impero del deep webI federali statunitensi sequestrano la popolare piattaforma Tor per la compravendita di droghe e beni illegali. Arrestato il giovane gestore Ross Ulbricht, accusato anche di aver commissionato un omicidio
  • AttualitàConfermato l'ergastolo per il padre di Silk RoadDread Pirate Roberts, al secolo Ross Ulbricht, dovrà scontare un doppio ergastolo per aver creato Silk Road, il noto marketplace "della droga" (e non solo) operante nella darknet. Due anni di attività fraudolenta dietro la rete Tor, il resto della vita in carcere
  • SicurezzaDarknet, il lato oscuro della ReteIsolato dall'Internet convenzionale, esiste un mondo "oscuro" del Web dove faccendieri e truffatori vendono di tutto e di più. Entrare non è illegale, ma un clic di troppo potrebbe costare caro e amaro
10 Commenti alla Notizia Darknet, AlphaBay chiude ed è il caos
Ordina
  • Signori di PI, potete intervenire sulle pubblicità dove cliccando sulla "X" invece di chiudere la finestra, si va al sito pubblicizzato? E' vergognoso, voi siete un sito serio, non un Alphabay...
    non+autenticato
  • mi riferisco per esempio a questo
    http://www.costacrociere.it/B2C/I/Info/Pages/croci...
    dove si viene "buttati" cliccando sulla X per chiudere la pubblicità Wind
    Ecchecavolo, ma sempre peggio!!!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Osvy
    > mi riferisco per esempio a questo
    > http://www.costacrociere.it/B2C/I/Info/Pages/croci

    costacrocere? quella del disastro del Giglio? decine di morti? un comandante condannato a 16 anni? una figura di merda internazionale?

    beh che dire... ma non diciamo niente, vah.

    > dove si viene "buttati" cliccando sulla X per
    > chiudere la pubblicità
    > Wind
    > Ecchecavolo, ma sempre peggio!!!

    no, quello deve ancora venire.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Osvy
    > Signori di PI, potete intervenire sulle
    > pubblicità dove cliccando sulla "X" invece di
    > chiudere la finestra, si va al sito
    > pubblicizzato? E' vergognoso, voi siete un sito
    > serio, non un
    > Alphabay...

    Usa un borwser che abbia estensioni come adblock, ublock o roba simile e dici addio per sempre a queste fastidiosissime pubblicità.
    mura
    1756
  • Grazie, ma resta il fatto della "furbata": quando clicco sulla "X", deve chiudere... credo che questa cosa possa interessare all'AGCOM ed anche al Giurì della Pubblicità...
    e potrebbe interessare anche a PI, visto che ormai con tutta sta roba (ed i commenti, altro dente dolente: troll ed imbecilli a gogò) vengo qui sempre di meno...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Osvy
    > e potrebbe interessare anche a PI, visto che
    > ormai con tutta sta roba (ed i commenti, altro
    > dente dolente: troll ed imbecilli a gogò) vengo
    > qui sempre di meno...
    Se gli utenti sono come te loro guadagnano, gli altri non hanno pubblicità e scrivono continuamente baggiante (in realtà sono 6/7 con pacchi di alias)
    non+autenticato
  • - Scritto da: Il Fuddaro
    > - Scritto da: Osvy
    > > e potrebbe interessare anche a PI, visto che
    > > ormai con tutta sta roba (ed i commenti,
    > altro
    > > dente dolente: troll ed imbecilli a gogò)
    > vengo
    > > qui sempre di meno...
    > Se gli utenti sono come te loro guadagnano, gli
    > altri non hanno pubblicità e scrivono
    > continuamente baggiante (in realtà sono 6/7 con
    > pacchi di
    > alias)

    Fra cui lui stesso che posta con nick altrui, ma questo gli utenti più sgamati lo avevano capito.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Jacula
    > - Scritto da: Il Fuddaro
    > > - Scritto da: Osvy
    > > > e potrebbe interessare anche a PI, visto
    > che
    > > > ormai con tutta sta roba (ed i commenti,
    > > altro
    > > > dente dolente: troll ed imbecilli a gogò)
    > > vengo
    > > > qui sempre di meno...
    > > Se gli utenti sono come te loro guadagnano, gli
    > > altri non hanno pubblicità e scrivono
    > > continuamente baggiante (in realtà sono 6/7 con
    > > pacchi di
    > > alias)
    >
    > Fra cui lui stesso che posta con nick altrui, ma
    > questo gli utenti più sgamati lo avevano
    > capito.

    Tu invece chi sei? Vecchiaccio, Chicken o Giaguarissimevolmente?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Il Fuddaro
    > - Scritto da: Osvy
    > > e potrebbe interessare anche a PI, visto che
    > > ormai con tutta sta roba (ed i commenti,
    > altro
    > > dente dolente: troll ed imbecilli a gogò)
    > vengo
    > > qui sempre di meno...
    > Se gli utenti sono come te loro guadagnano, gli
    > altri non hanno pubblicità e scrivono
    > continuamente baggiante (in realtà sono 6/7 con
    > pacchi di alias)

    a loro (PI) interessano anche i navigatori con adblock, perche gli ingrossano i numeri sul traffico giornaliero. la prova? non hanno mai reso obligatoria la registrazione per postare. la scusa e' "garantire la liberta di parola" (ahahahh col t-100 in giro, ahahaha) ma lo sappiamo tutti che se la imponenssero avrebbere molti meno post cioe0 meno gente che viene sul sito. gia vivacchiano cosi' come sono adesso, io per esempio se ci fosse l'obbligo di registrazione col cazzo che sarei qui adesso.
    non+autenticato
  • Ciao Osvy, grazie della segnalazione.
    Abbiamo allertato gli sviluppatori e l'advertising. Il problema è stato risolto. Se dovessi riscontrare altre anomalie non esitare a segnalarcele.

    Cordialmente T-1000 XDA bocca aperta

    P.S. Approfitto dell'occasione per invitare tutti gli affezionati lettori a segnalare i messaggi che necessitano di moderazione. La libertà al giorno d'oggi è cosa sempre più rara ed è un peccato vedere che alcuni preferiscono gettarla alle ortiche. Anche il trolling va fatto "cum grano salis".