Alfonso Maruccia

Google, nuove protezioni per le app Android

Mountain View è pronta a incrementare il livello di protezione del suo OS mobile, con la piattaforma che negli ultimi tempi ha dovuto fronteggiare un numero di minacce in crescita continua. La sicurezza aumenta per utenti e sviluppatori

Roma - Google ha progettato il rebranding di una delle funzionalità di sicurezza per l'OS Android, una tecnologia precedentemente nota come Verify Apps e che presto verrà rinominata Google Play Protect. Mountain View continua a promettere "tranquillità" agli utenti Android, e questa volta il sistema si incaricherà di evidenziare con maggiore chiarezza i controlli effettuati sui dispositivi.

La funzionalità di base di Google Play Protect è sempre la stessa, vale a dire effettuare una scansione delle app messe in vendita sullo store Play per verificare l'eventuale presenza di codice nocivo o malevolo; Play Protect si incaricherà di verificare periodicamente anche le app installate su gadget dell'utente, indipendentemente dal fatto che queste siano state prelevate dallo store ufficiale o da fonti di terze parti non direttamente controllate da Mountain View.


L'utente avrà la possibilità, tramite un apposito pulsante, di rieseguire la scansione delle app installate o anche di disabilitare Play Protect nelle impostazioni di Android, mentre per le app già scansionate presenti su Play dovrebbe presto comparire una sorta di sigillo di qualità (con tanto di messaggio "verificata da Google Play Protect") a garanzia della sicurezza del download.
Il numero di malware e minacce informatiche progettati per prendere di mira Android è in aumento costante, e oltre agli utenti Google deve pensare a incrementare il livello di sicurezza anche per gli sviluppatori di app mossi da obiettivi imprenditoriali piuttosto che da intenti malevoli.

Le ultime funzionalità di sicurezza dedicate agli sviluppatori prevedono dunque un nuovo processo di verifica delle app basate su tecnologie Web - così da semplificare la vita a chi vuole effettuare un beta testing del codice "dal vivo" - e l'estensione della stessa protezione alla piattaforma Apps Script.

Alfonso Maruccia

fonte immagine
Notizie collegate
8 Commenti alla Notizia Google, nuove protezioni per le app Android
Ordina
  • Parlare di "nuove protezioni" e di "..sicurezza aumenta" su un dispositivo che è un colabrodo totale, da cui prelevano dati tutti, ma proprio tutti quelli che hanno un qualsivoglia software installato (compreso il SO) è veramente grottesco, oltre che paradossale.

    Per aggiungere la ciliegina, Google ha fatto da sempre un casino pazzesco con le versioni, e in giuro ci sono una montagna di dispositivi non aggiornati e spesso non aggiornabili, oltre che (fatto unico nella storia degli SO) impossibili o difficili da usare come root.
    non+autenticato
  • Ti sei dimenticato i provider, ch pur non avendo software intercettano tutto il flusso dei dati...e già che ci sei metti anche tutte le NSA del mondo e le backdoor governative e non...

    Non si era mai vista una presa per il culo di questa portata, con la gente che ci discute pure sopra...
    non+autenticato
  • Alla gente piace discutere.
    E' proprio così che i governanti possono fare quello che vogliono.
    Finché si parla non si agisce....
    non+autenticato
  • usando un android obsoleto (per applicazioni legacy) e un firewall tipo afirewall, con startupmanager, senza playstore e altre schifezze, si può stare un po tranquilli?
    non+autenticato
  • Se serve come cosa ben venga.
    Il prob di Android (a parte chi lo usa che non legge i permessi delle app. ecc..) è che purtoppo, per colpa delle case produttrici, non viene più aggiornato nei cellulari oltre i 2 anni (mediamente) e chi come Me si tiene un S3 per molti, molti anni (e spera molti altri ancora) perchè alla fine funziona perfettamente, non riceve più aggiornamenti (vitali per la sicurezza) da una vita...


    Nota extra, se ti vuoi tenere un cell android per molti anni fai backup (con root e busybox) della cartella EFS, sammai che si rovina e non prende più ^_^
    non+autenticato
  • - Scritto da: Mao99
    > Se serve come cosa ben venga.
    > Il prob di Android (a parte chi lo usa che non
    > legge i permessi delle app. ecc..) è che
    > purtoppo, per colpa delle case produttrici, non
    > viene più aggiornato nei cellulari oltre i 2 anni
    > (mediamente) e chi come Me si tiene un S3 per
    > molti, molti anni (e spera molti altri ancora)
    > perchè alla fine funziona perfettamente, non
    > riceve più aggiornamenti (vitali per la
    > sicurezza) da una
    > vita...
    >
    >
    > Nota extra, se ti vuoi tenere un cell android per
    > molti anni fai backup (con root e busybox) della
    > cartella EFS, sammai che si rovina e non prende
    > più
    > ^_^


    ho un s2 con lineageos 7.x che mi propone in automatico gli aggiornamecti, sotre f-droid e fancaulo a google e samsung
    non+autenticato
  • > ho un s2 con lineageos 7.x che mi propone in
    > automatico gli aggiornamecti, sotre f-droid e
    > fancaulo a google e
    > samsung

    Buono a sapersi, segno. Ty
    non+autenticato
  • - Scritto da: Mao99
    > > ho un s2 con lineageos 7.x che mi propone in
    > > automatico gli aggiornamecti, sotre f-droid e
    > > fancaulo a google e
    > > samsung
    >
    > Buono a sapersi, segno. Ty
    aggiungo anche che Signal funzia ok senza il GCM(*) ... quindi doppio fangala alle gapps (anche in versione micro)
    PS: si ho anch'io un S2

    (*)Google Cloud Messaging
    non+autenticato