Alfonso Maruccia

Intel abbandona i gadget indossabili

Indiscrezioni parlano di una Santa Clara impegnata a disfarsi della zavorra, e ad avere la peggio sono le divisioni che non hanno dato i frutti inizialmente sperati. Anche per Intel, il wearable non è più il futuro del computing

Roma - Stando a non meglio precisate fonti interne all'azienda, in queste settimane Intel Corporation ha deciso di ridurre in maniera massiccia il suo impegno nel settore del wearable computing. Dopo un investimento iniziale significativo, il colosso dei microprocessori avrebbe ora riconsiderato un impegno che non ha dato i frutti sperati.

Le fonti anonime evidenziano come già lo scorso novembre Intel avrebbe licenziato l'80 per cento dei dipendenti acquisiti assieme a Basis, azienda di smartwatch divenuta poi parte del segmento wearable interno alla corporation. Due settimane fa, dicono ancora le fonti, Intel ha infine deciso di chiudere in via definitiva il gruppo.

La dismissione delle ambizioni nel wearable computing è il secondo, grande abbandono di Chipzilla nei settori emergenti dopo la Internet delle Cose (IoT) e relativi micro-componenti computazionali (Galileo, Joule, Edson) pensionati il mese scorso, un passaggio che segna sia l'insuccesso della corporation nella penetrazione di business diversi da quello delle CPU per computer x86 (su desktop e soprattutto server) ma anche la scarsa capacità espansiva di una tecnologia che doveva essere rivoluzionaria e invece colleziona chiusure e fallimenti a catena.
Intel aveva pensato in grande il suo debutto nel wearable partendo da un approccio modaiolo e improntato al lusso, ma la necessità di abbracciare le ultime novità di un mercato hi-tech che non si ferma mai hanno ridotto anche un colosso economicamente stabile come la corporation di Santa Clara a più miti consigli.

Archiviati (forse in via definitiva) i capitoli IoT e wearable computing, dicono sempre le fonti, Intel sarebbe ora intenzionata a investire fondi nel nuovo trend della realtà aumentata. In attesa del prossimo fallimento e della prossima moda da inseguire.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • TecnologiaMica, il wearable Intel di lussoSanta Clara debutta nel mercato dei gadget indossabili con un braccialetto con funzionalità connesse che non necessita di uno smartphone. Un approccio tutto improntato alla moda
  • BusinessIDC: i wearable continuano a crescereIDC propone i dati di vendita dei dispositivi indossabili riguardanti l'ultimo trimestre del 2016. FitBit si aggiudica ancora una volta il gradino più alto del podio, seguito a ruota da una promettente Xiaomi
  • AttualitàJawbone chiude, addio al business degli indossabiliMentre il marchio del wearable viene messo in liquidazione, il management pensa ad una nuova iniziativa in un settore diverso. Segno evidente delle difficoltà del business dei gadget indossabili, una volta accolto come rivoluzionario
19 Commenti alla Notizia Intel abbandona i gadget indossabili
Ordina
  • Il bracciale MICA proposto da Intel era davvero ben fatto e non aveva bisogno del cellulare per funzionare diventa quasi un suo sostituto, molto meglio dell'orologio partorito da Apple un quadratone inguardabile

    Cambiare forma agli oggetti non e' un reato

    Intel propone idee ad i suoi clienti ma non puo' certo pestargli i piedi

    Su questi oggetti si sono dati la zappa sui piedi un'po' tutti, anziche' rendere il dispositivo indipendente lo hanno legato mani e piedi al cellulare di fatto rendendolo un accessorio inutile lo stesso giorno che lo mettevano sul mercato

    Troppo avidi?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Mago
    > Troppo avidi?

    No, è che oggi vige il concetto di ecosystem sales marketing. Dove l'obiettivo è appunto quello di creare un ecosistema di dispositivi non-indipendenti, ma anzi il più inter-dipendenti possibile. Così da spingere il consumatore a comprare non uno, bensì una miriade di dispositivi che hanno bisogno del supporto uno dell'altro per fare quello che da soli non possono fare. Una miniera d'oro, insomma.
    non+autenticato
  • - Scritto da: 3.141592 puntini
    > - Scritto da: Mago
    > > Troppo avidi?
    >
    > No, è che oggi vige il concetto di ecosystem
    > sales marketing.



    allora e' si perche' hai detto no?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Mago
    > allora e' si perche' hai detto no?

    Perché ormai è una strategia di marketing che si applica più per semplice prassi consolidata che per avidità o altro.
    Tu daresti dell'avido a quel ristoratore che, per prassi routinaria, ti vieta l'accesso alla toilette a meno di non effettuare una consumazione?
    non+autenticato
  • Se fosse in Francia (e penso anche altrove) lo riterrei fuorilegge poiché tale pratica è vietata e in base al luogo è richiesto che i bagni siano accessibili *fuori*/*senza entrare* nell'area "vendita"...
    non+autenticato
  • Se vivessimo in mondo utopico dove tutti sono civili e rispettosi delle cose altrui, sarebbe certamente una pratica incaccettabile.
    Ma la realtà di quello che erano i bagni pubblici in italia anni fa insegna che, almeno qui da noi, non è una buona idea lasciare che chiunque possa accedervi.
    non+autenticato
  • Utopico un paio di balle

    Se tu vai sul lago di garda ci sono paesini ampiamente frequentati da tedeschi tipicamente bavaresi con bagni pubblici esterni perfettamente funzionanti e puliti
    non+autenticato
  • Non a caso sono emigrato, ma non mi pare che buona parte dell'Europa civile, Francia inclusa ma non certo sola, sia così utopica non trovi?
    non+autenticato
  • - Scritto da: 3.141592 puntini
    > - Scritto da: Mago
    > > allora e' si perche' hai detto no?
    >
    > Perché ormai è una strategia di marketing che si
    > applica più per semplice prassi consolidata che
    > per avidità o
    > altro.

    non e' una prassi e' approfittarsene dell'ignoranza degli altri, sono i famosi 10 lustri di Fontamara applicati agli ignoranti informatici

    > Tu daresti dell'avido a quel ristoratore che, per
    > prassi routinaria, ti vieta l'accesso alla
    > toilette a meno di non effettuare una
    > consumazione?

    I ristoranti non sono bagni pubblici
    non+autenticato
  • Per la legge francese ogni locale con accesso pubblico (dal ristorante all'ufficio postale) devono avere un bagno per il pubblico e questo dev'essere gratuito.

    Inoltre, nel caso dei ristoranti, aggiungo che qui "il coperto" non esiste come concetto, non vi è un costo "del coperto" e l'acqua (della caraffa) è anch'essa disponibile e gratuita per legge.

    Sono scelte, civili, e ci sono soggetti civili ed altri meno.
    non+autenticato
  • queste cose "cool weareable" le deve fare apple, e' lei quella specializzata in intilita' per LBGT. intel continui a fare quello che sa fare e non si avventuri in ambiebnti che che non sono il loro campo storico.
    non+autenticato
  • Spiega che ti hanno fatto i ragazzi dell'LBGT
    Perché a me sembra che a rompere i ... siete voi cosiddetti normali.

    Non ho mai visto un omo prendere in giro un etero, mentre ho visto spesso il contrario.

    Se hai ancora un neurone che lavora in autonomia e non insieme al "fascio", spiegami il perché del tuo comportamento.

    p.s. Gli applisti con l'aifone che ffa ffigo, "anno" tutti la Mini con la mela attaccata sul kulo. Xke i selfi vengono belli di brutto!!1!1!! Con la topa minigonnata da sballlo!!!111 e le labbra a canotto (o a kulo di gallina, dipende...)
    non+autenticato
  • lasciando stare il wearable per fighette, l'hw iot non era neanche male... e' che intel non pare tagliata per "questo lavoro"...

    Pigliamo Edison ... bell'affarino, non particolarmente economico (50eu?) e che andava in competizione con la vagonata di SoC wifi+bt .. e con le raspe (che hanno anche il video ecc)... cazzo, praticamente mi obblighi a comprare anche quei cosi stackable, perche' hai messo un connettore 70pin molto denso introvabile e poco documentato... se invece della tua scheda mi vojo attaccare semplicemente un usb volante? pensaci a ste cose ......

    E Joule? praticamente la potenza di un notebook in tasca... ma aveva anche lo stesso prezzo... se vuoi piazzarlo devi aver pazienza e buttare fuori supporto, codice ecc. Invece dopo UN ANNO hai gia' abbandonato tutto.

    Con edison e' andata un poco mejo (2 anni?) che cmq e' POCO in termini di development industriale ecc..
    non+autenticato
  • Ho hai un marketing d'assalto imbonitore che si intorta alla grande i propri clienti (come apple) o quei dispositivi restano quello che sono: una cagata indecorosa.
    non+autenticato
  • - Scritto da: prova123
    > Ho hai

    Ho hai? Ho hai???! Ma baffanculo testa di catzo Rotola dal ridere.

    > un marketing d'assalto imbonitore che si
    > intorta alla grande i propri clienti (come apple)
    > o quei dispositivi restano quello che sono: una
    > cagata
    > indecorosa.
    non+autenticato
  • - Scritto da: provolone12 3
    > Ho hai? Ho hai???! Ma baffanculo testa di catzo
    > Rotola dal ridere.

    Ma baffanculo a te, clone fallito di leguleio del catzo.
    non+autenticato
  • l'insuccesso della corporation nella penetrazione di business diversi da quello delle CPU ... x86 ... ma anche la scarsa capacità espansiva di una tecnologia che doveva essere rivoluzionaria


    In realtà il problema è che non sono riusciti a trasformare il wearable in una serie di status symbol con ruffiani che vanno in giro sfoggiando gadget come se fossero lustrini. Quel poco di wearable che gira sopravvive più per le poche funzioni che offre che per il lusso. E questo non piace tanto a Intel che ancora cerca di tenersi fuori dai segmenti a bassi margini.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)